mercoledì 12 dicembre 2012

Cracovia: il Card. Dzwisz, già segretario di Giovanni Paolo II, ha assistito (lodandola) a Messa antica celebrata dalla F.S.S.P.

Un lettore, che ringraziamo, ci ha segnalato questa sorprendente notizia.


il Card. Dziwisz che assiste alla S. Messa in rito antico
celebrata dalla F.S.S.P. a Cracovia il 11.11.12

Il Card. Stanislaw Dziwisz ha assistito ad una S. Messa solenne celebrata da p. Wojciech Grygiel, superiore della Fraternità Sacerdotale di San Pietro nella forma extraordinaria del Rito Romano lo scorso 11 novembre 2012 alle ore 19:15 nella chiesa di S. Croce a Cracovia (di cui egli è Arcivescovo).
L'occasione era stata il decimo anniversario dell'inizio della celebrazione in rito antico nella città ad opera della Fraternità Sacerdotale di San Pietro.
Dopo aver assistito in coro alla S. Messa, l'ex segretario del beato Giovanni Paolo II ha espresso la sua emozione: "Questo rito è molto vicino a me. Ho rivissuto ricordi della mia giovinezza e l'inizio del mio sacerdozio. Che emozione partecipare a questa Messa celebrata nella forma straordinaria del Rito Romano ".
Al Divino Sacrificio Eucaristico erano presenti anche il Vice Superiore Generale della Casa Generalizia e il Tesoriere Generale - p. Andrzej Komorowski FSSP.
Al termine della celebrazione il cardinale Dziwisz si è rivolto ai fedeli per esprimere la sua gratitudine per la cura pastorale e la cura dei sacerdoti della fraternità, che ha ringraziato per la bellezza della liturgia e per la preparata corale "Octava" che ha eseguito  la "Missa pulcherrima del seicentesco compositore Pękiel Bartolomeo.
Il pastore della chiesa particolare di Cracovia ha sottolineato poi "la vitalità della Tradizione, che non può essere rotto." Ricordando le riforme liturgiche introdotte dal Concilio Vaticano II ha detto che la loro "introduzione troppo veloce e troppo rapida ha suscitato una forte opposizione, in particolare in Europa occidentale."
Il Card. Dziwisz ha aggiunto che "la forma straordinaria del Rito Romano, non solo attrae le persone anziane che ricordano il rito di quanto erano giovani, ma anche i giovani e gli studenti che trovano nella Messa antica una via privilegiata per l'incontro con Dio"
Parlando sulla concomitanza della forma straordinario con la forma ordinaria, l'Arcivescovo ha sottolineato che che "questi sono i due modi di lavorare con un solo e medesimo Rito."

p. Wojciech Grygiel, nella sua omelia ha espresso la sua gratitudine ai Pastori della Chiesa di Cracovia, che "ha dato un po 'di luce e sostegno, e prese in considerazione le legittime aspirazioni di santificazione in questo modo" per la Pastorale della liturgia romana a vantaggio dei fedeli di Cracovia. Ha ricordato anche gli inizi del suo ministero e il momento della decisione del  Cardinale Franciszek Macharski di affidare nel 2002 alla Fraternità  la celebrazione secondo la antica liturgia presso la chiesa. S. Adalberto. Attualmente, la liturgia è celebrata da sacerdoti appartenenti alla F.S.S.P. sia nella chiesa. St. Croce in Cracovia (che è una delle più antiche di Cracovi) ae nella Basilica di San Stanislao, Arcicattedrale.
P. Wojciech Grygiel riassumendo i suoi otto anni di lavoro nella pastorale ha dichiarato altresì che "l'Eucaristia è il vestibolo del cielo, ed è un sostituto per l'incontro con Dio".

Originale in polacco qui.
Traduzione nostra, "arrangiata" quella ottenuta con traduttore di Google: se qualcuno sa il polacco, o qualche lettore polacco ce ne volesse fornire una migliore, ci scriva pure a redazione@messainlatino.it

Foto qui: http://www.pch24.pl/nieustajaca-zywotnosc-tradycji%2C7373%2Ci.html