martedì 31 luglio 2012

Scomunica "latae sententiae" per i profanatori del Santissimo Sacramento, Servigliano di Fermo. Il 2 agosto ( Perdono di Assisi ) giornata della riparazione : digiuno , confessione e adorazione eucaristica fino alla mezzanotte per tutti i fedeli.



ARCIDIOCESI DI FERMO CURIA ARCIVESCOVILE

Il Vicario Generale
PROT. N. 550/VI.GE./12

Il Codice di Diritto Canonico (CIC) sintetizzando l'abbondante insegnamento conciliare in merito e il perenne ammaestramento della Chiesa, sancisce: «Augustissimo Sacramento è la Santissima Eucaristia nella quale lo stesso Cristo Signore è presente, viene offerto ed è assunto, e mediante la quale continuamente vive e cresce la Chiesa» (can. 897 del CIC); pertanto «i fedeli abbiano in sommo onore la Santissima Eucaristia (...) ricevendo con frequenza e massima devozione questo sacramento e venerandolo con somma adorazione» (can. 898 del CIC).

Si comprende perciò la cura e l'impegno dei Pastori della Chiesa perché questo inestimabile Dono sia profondamente e religiosamente amato, tutelato e circondato di quel culto che esprima nel miglior modo possibile alla limitatezza umana la fede nella reale Presenza di Cristo - Corpo, Sangue, Anima e Divinità - sotto le Specie Eucaristiche, anche dopo la celebrazione del Santo Sacrificio.
Il can. 1367 del CIC afferma che: "Chi profana le specie eucaristiche consacrate, oppure le asporta o le conserva a scopo sacrilego, incorre nella scomunica latae sententiae riservata alla Sede Apostolica".
La pena latae sententiae significa che vi si incorre ipso facto, cioè per il fatto stesso di aver commesso il delitto.
Inoltre, è riservata alla Sede Apostolica, nello specifico alla Congregazione per la Dottrina della Fede, quindi, in caso di ravvedimento del reo (o dei rei), la censura non può essere rimessa dal Vescovo, tranne nell'eccezione dell'articulo mortis, ma solo dalla Santa Sede.
A motivo dei gravissimi fatti delittuosi accaduti nel pomeriggio di ieri nella Chiesa parrocchiale di S. Marco Evangelista in Servigliano (FM), ovvero la profanazione delle specie eucaristiche mediante asportazione e furto delle stesse dal tabernacolo;Visti i cann. 1367,1376 del Codice di Diritto Canonico

SI DICHIARA

che il reo (o i rei) è incorso (sono incorsi) nella scomunica latae sententiae e tale pena comporta di conseguenza:
- il divieto di ricevere i sacramenti (cann. 1331 § 1, 2°; 915 del CIC);
- l'esclusione dall'incarico di padrino per il Battesimo e la Confermazione (cann. 874 § 1; 893 § 1 del CIC);
- la privazione delle esequie ecclesiastiche in mancanza di segni di pentimento (can. 1184 § 1,1° del CIC);
- la necessità della licenza dell'Ordinario del luogo per l'ammissione al matrimoniocanonico (cann. 1071 § 1, 5°; 1124 del CIC).
Altresì, a norma del can. 1211 del Codice di Diritto Canonico,

SI DISPONE

che tale oltraggio venga riparato il 2 Agosto p.v. (Perdono d'Assisi) nel seguente modo
- si propone un digiuno penitenziale astenendosi dalla cena;
- ore 19,30 celebrazione eucaristica con numeroso concorso di popolo;
- a seguire Adorazione Eucaristica fino alle ore 24,00;
- alle ore 21,30 celebrazione penitenziale con confessione individuale.
Inoltre, anche il pellegrinaggio Mariano "Servigliano - Santuario Madonna dell'Ambro" del 1/2 Settembre p.v., avrà carattere di riparazione.
Nonostante qualsiasi disposizione contraria.
Fermo, 27 Luglio 2012

M
ons.Pietro Orazi
Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Fermo

1 commento:

  1. porsi dinanzi al Santissimo Sacramento e guadarlo in adorazione ,con l'animo sgombro da tensioni e cattivi pensieri,serve a riconciliarsi con LUI . Io mi sento placata e come io lo guardo sento che IL Santissimo Sacramento mi guarda ,lo lodo con le parole che nascono dal cuore in quel momento e chiedo la sua benedizione per tutti.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.