giovedì 4 agosto 2011

"Pellegrinaggio del Parlamento in Terra Santa. L'anticipo della riapertura di Montecitorio lo mortifica!"

Come ormai tradizione dal 2004, il Parlamento italiano organizza a chiusura delle ferie estive un pellegrinaggio in Terra Santa per i Deputati e i Senatori. Quest'anno il pellegrinaggio si svolgerà dal 3 al 9 settembre 2011 e dovrebbe coinvolgere un centinaio di parlamentari sia della maggioranza che dell'opposizione. La novità di quest'anno, tuttavia, è che questo tradizionale viaggio in Terra Santa (o, se vogliamo, appunto "pellegrinaggio" per quei parlamentari che vogliano parteciparvi con sincera devozione) ha destato polemiche di diversa natura da parte del PD e di altri gruppi e da parte del Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell'Ambiente e dei Diritti degli Utenti e dei Consumatori (CODACONS). In particolare, quest'ultimo ha persino pensato di chiedere al Sommo Pontefice "di fare un moral suasion [non hanno trovato in italiano, tra l'altro, un'espressione più incisiva se non togliendola dall'inglese! ndr.] sui politici italiani affinché, se proprio sentono il bisogno di fare un pellegrinaggio, lo facciano a San Pietro senza recarsi in Terra Santa - dice il presidente dell'associazione, Carlo Rienzi -. Considerata la grave situazione di crisi è inconcepibile tardare la riapertura dei lavori parlamentari [prevista inizialmente appunto per il 12 settembre, sembra proprio per consentire ai parlamentari la non coincidenza dell'inizio dei lavori con il viaggio in Terra Santa, ndr.]» (cfr. http://www.corriere.it/politica/11_agosto_02/vacanze-camera-deputati_70c0a2b8-bd06-11e0-b530-d2ad6f731cf9.shtml).

Ora, si può legittimamente discutere se questo sia davvero un anno più terribile rispetto a quelli trascorsi, tale da giustificare un rientro anticipato dalle ferie del più elevato organo rappresentativo dello Stato; in ogni caso ieri 3 agosto a Montecitorio si è deciso di anticipare - come hanno sostenuto il PD e molti esponenti degli altri partiti anche di maggioranza - la riapertura del Parlamento dal 12 al 6 settembre al fine di riprendere il prima possibile i dibattiti sui problemi del Paese. Iniziativa, questa, lodevole, se non fosse che ha finito per coinvolgere il viaggio dei parlamentari cattolici in Terra Santa ai quali toccherà di scegliere tra il Parlamento e il pellegrinaggio.

Noi non possiamo che rammaricarci per questa risoluzione di Montecitorio e non possiamo che discordare dall'atteggiamento laicista e quantomeno contraddittorio del Codacons, che certamente ha qualcosa da condividere con la posizione dei capigruppo della Camera che hanno preso quella decisione, se non necessariamente nelle idee perlomeno nelle conseguenze pratiche.

La sprezzante espressione del Codacons "se proprio sentono il bisogno di fare un pellegrinaggio" sembrerebbe sottintendere non troppo velatamente una diffusa idiosincrasia per il sentimento religioso e per le manifestazioni pubbliche della fede, specie quando professate dai responsabili della cosa pubblica. Inoltre il Codacons ritiene superficialmente essere la medesima cosa fare un pellegrinaggio alla Basilica di San Pietro nella stessa Roma che nella Terra dove Gesù Cristo è nato, vissuto, ha patito ed è risuscitato. Non paghi di un atteggiamento che sottovaluta il gesto nobile e antico del pellegrinare per luoghi santi, purtuttavia queste associazioni che pensano di tutelare i diritti dei cittadini si rivolgono allo stesso Romano Pontefice per chiedergli paradossalmente d'invitare i deputati e i senatori cattolici (o, perlomeno - dobbiamo dirlo - quelli che si ritengano tali) a non compiere un pellegrinaggio in Terra Santa!

Posto che per i cattolici un vero pellegrinaggio non è tale se non vi sia anche la giusta spirituale disposizione penitenziale e di ringraziamento per il Signore e consapevoli che non è un mero pellegrinaggio a fare un vero cristiano, in questa polemica non vediamo solo la preoccupazione, che potrebbe essere legittima, di occuparsi più sollecitamente delle cose del nostro Paese; ma vi scorgiamo anche la solita acredine verso le cose della fede o, perlomeno, un atteggiamento che mira a porre sempre più in secondo piano tutto ciò che concerne la sfera dello spirituale. Per chi vi vedesse strumentalizzazioni politiche, nel senso che la Santa Sede vedrebbe necessariamente di buon occhio questi parlamentari "pellegrinanti" e questi ultimi quindi se ne avvantaggerebbero, risponderei che la Santa Sede sa ben distinguere i veri cattolici da chi va a messa e fa pellegrinaggi ma poi votasse in Parlamento leggi contrarie alla libertas Ecclesiae o alla morale cattolica o favorisse disposizioni della Repubblica che impedissero alla Chiesa di svolgere pienamente la sua missione apostolica! Il successore del Principe degli Apostoli è sempre chiamato in causa - come in questo caso - quando fa comodo a qualcuno, ma questo qualcuno è anche sempre pronto a chiudergli a tempo debito la bocca quando ciò che il Papa predica non sembri più confarsi alle sue vedute.

Dunque, non vogliamo credere che questo pellegrinaggio sia stato inizialmente uno strumento per rimandare gravosi impegni parlamentari; e pensandoci in tempo, lo si sarebbe potuto certamente anticipare. In ogni caso Montecitorio ha mancato gravemente di attenzione verso un evento ormai tradizionale e già organizzato da tempo e, dal punto di vista cattolico, così santificante (se compiuto con purezza di spirito) come il pellegrinaggio in Terra Santa, non avendolo tenuto nella dovuta considerazione e facendone un capro espiatorio dei problemi dell'Italia. Una fetta del Parlamento, espressione ancora di gran parte della nostra società, stava per compiere pubblicamente un atto di venerazione verso i Luoghi Santi, ma questo è stato impedito o almeno mortificato dalla decisione dell'anticipo della riapertura di Montecitorio. Ci auguriamo che nel nostro Paese, che ha avuto il privilegio di essere stato cristianizzato tra i primi, la concordia tra le istituzioni dello Stato e il pubblico sentimento cattolico possa manifestarsi in futuro in maniera più coerente.

Daniello

77 commenti:

  1. Il pellegrinaggio lo ossono fare durante le loro vacanze a fine agosto. Il Signore gradirà la rinuncia a una settimana di ferie.

    RispondiElimina
  2. ben detto, aldo, ben detto!

    RispondiElimina
  3. Se non puoi andare in quel posto puoi sempre comprarti un accendino provare a darti fuoco

    RispondiElimina
  4. Era proprio questo il punto, come espresso nell'articolo: il pellegrinaggio si poteva certamente anticipare, ma avrebbe dovuto essere Montecitorio, che organizza il pellegrinaggio ormai da otto anni, a pensarci prima ad anticipare la riapertura dei lavori. In questo modo lo ha travolto!

    RispondiElimina
  5. Oppure se non vuoi andare in quel posto prova a darte foco come un bonzo...

    RispondiElimina
  6. Alessandro (sandalo)4 agosto 2011 16:36

    Paradossalmente, Mons. Lefebvre, non ha mai voluto andare in Terra Santa. Ha sempre sostenuto che la vera Terra Santa è Roma. 
    Roma è stata santificata dal sangue degli Apostoli San Pietro e San Paolo, nonchè da quello di innumerevoli schiere di Martiri. E le Sacre Impronte di Gesù, sono venerate nella Chiesa del "QUO VADIS". Mons. Giuseppe Pace salesiano (13-XII-1911/ 01- XI-2000), di cui in questi giorni c'è stata la notizia della ristampa, per i tipi delle Edizioni Fede e Cultura, del suo bellissimo romanzo "PIO XIV" (con il nuovo titolo di "Habemus Papam") ha sempre sostenuto che sarebbe il caso di confontare le Orme presenti in quella Chiesa di Roma, con quelle che si vedono in Terra Santa, sul Monte dell'ASCENSIONE.

    RispondiElimina
  7. Alessandro (sandalo)4 agosto 2011 16:37

    http://fedecultura.com/Documents/Habemus Papam 1-16x.pdf

    RispondiElimina
  8. la preoccupazione di daniello non era il pellegrinaggio in sè dei parlamentari, ma un discorso di più ampio respiro circa il laicismo e certi atteggiamenti dei politici nei confronti del papa: ora ruffiani, ora di affronto.
    E comunque, se vogliamo usare il tuo stesso criterio, gli stessi problemi che hai evidenziato tu (cassa integrazione, questione del meridione, ecc) ahinoi, esistono lo stesso anche se noi siamo qui a parlare di liturgie, di incensi, di nomive episcopali!!!
    Perchè parlare di preti tradizionali picchiati, di pericoli di scisma in austria, di prime messe in latino va bene, e portare all'attenzione un altro problema (del medesimo tenore di quelli che ho menzionati) non va bene, e ti fanno saltare la mosca al naso??
    Ovvio che i parlamentari devono preoccuparsi anche delle cose della repubblica: lo ha detto bene anche daniello nel suo articolo, ma l'atteggiamento della politica verso le cose di religione, non è lo stesso un altro problema che ci sta a cuore? Se tutto , politica compresa, fosse instaurato in Cristo, non andrebbe tutto meglio??
    Scusami, ma non condivido affatto questa tua replica, che mi pare un po' superficiale, qualunquistica e miope.
    Ma forse son io a sbagliarmi eh.

    RispondiElimina
  9. Redazione di Messainlatino.it4 agosto 2011 17:01

    scusami alessandro, ma cosa ci azzecca??
    Sei OT!
    Roberto

    RispondiElimina
  10. Daniello,
    Io non so che mestiere faccia tu, quante ferie tu abbia d'estate o durante l'anno, e quanto ti tocchi da vicino la crisi di questi mesi. Magari sei un parlamentare.
    Di certo so che, non vivi nel mondo reale.

    Quella gente, in parlamento, ha delle responsabilità. Che, solitamente, quando si comporta da casta, tende a dimenticare, e da una parte e dall'altra dell'emiciclo.
    Voler vedere un fumus persecutionis della Fede da parte di un certo laicismo nelle indiscutibilmente legittime reazioni che da molte parti si sono levate di fronte ad un gruppo di persone oggettivamente privilegiate che, in questo momento storico, tentano fare quasi 6 settimane di ferie rimandando i problemi di 50 milioni di persone, è francamente offensivo per i cittadini e per la Fede stessa, oltreché ridicolo e controproducente.

    La santità e la 'tradizionalità' di un pellegrinaggio non possono in nessun modo essere una scusa per dimenticarsi le proprie responsabilità. Chiunque desideri, lodevolmente e nel pieno diritto, fare un pellegrinaggio, lo fa nei limiti che gli sono concessi dalle responsabilità di cui si è fatto carico.

    Cerchiamo di non renderci ridicoli.

    RispondiElimina
  11. Il pellegrinaggio l'hanno fatto già abbastanza in Terra Santa. Non glielo prescrive nè il medico nè il papa di andare per forza in terra santa. Possono fare un bel ritiro pure in Italia. E' uno sgarbo a Cristo invece non fare quanto è nostro dovere fare.

    RispondiElimina
  12. Per piacere (a anche per decenza), togliete questo articolo.

    RispondiElimina
  13. Mi unisco alla richiesta comune: per senso della decenza, togliamo questo articolo.

    RispondiElimina
  14. ciao daniello leggi qui http://espresso.repubblica.it/dettaglio/un-privilegio-da-200-milioni/2157780 i nostri parlamentari  cosa fanno poverini non possono fare il pellegrinaggio in terra santa ,ma vadano al diavolo!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  15. ma il pellegrinaggio in terra santa non potevano farlo , diciamo dall' 8 al 16 agosto invece di settembre ???

    RispondiElimina
  16. Boh! certamente mi stupisce di più che i parlamentare vadano in Terra Santa, che altri invece lo disapprovino. Cosa ci azzecca la politica con la Terra Santa? Se facessero il loro dovere da buoni cattolici nel posto e nello stato in cui si trovano(dovere di stato), sarebbe meglio. Pi in Terra Santa possono anche andarci, ma che ci vadano con la coscienza pulita.

    RispondiElimina
  17. Probabilmente, i nostri parlamentari volevano andare a venerare i santi apostoli fratelli Giacomo e Giovanni: quelli che, mentre Gesù si incamminava verso Gerusalemme, non capirono che stava andando a morire ed ebbero la faccia tosta di andare a chiedergli le "poltrone" migliori... stessa mancanza di contatto con la realtà, stessa bramosia di potere... In uno dei vangeli è la loro madre che si avvicina a Gesù per lo stesso motivo: mi ricorda qualcuno, che procaccia ai figli il posto da consigliere regionale... A tutti questi bisognerebbe ricordare che per il cristiano il potere viene dal diavolo e che il nostro Maestro sta in mezzo a noi "come colui che serve". Ma per far questo basterebbe prendere in mano il Vangelo e leggerlo con il cuore, non riempirsene la bocca come fanno loro.

    RispondiElimina
  18. Redazione di Messainlatino.it4 agosto 2011 18:22

    Caro Ireneo,
    leggendo il tuo commento, sembra che tu, l'articolo di Daniello, non l'abbia letto. O comunque non con attenzione.
    Roberto

    RispondiElimina
  19. Redazione di Messainlatino.it4 agosto 2011 18:22

    Caro Ireneo,
    leggendo il tuo commento, sembra che tu, l'articolo di Daniello, non l'abbia letto. O comunque non con attenzione.
    Roberto

    RispondiElimina
  20. Caro Roberto,
    l'articolo l'ho letto e con attenzione.

    Mi è chiara la distinzione tra i due livelli, quello dell'opportunità di cui si può discutere, con i 'se', 'ma', 'posto che', 'si sarebbe potuto' connessi; e quello relativo alla presunto attacco ai valori cattolici, per il quale Daniello sostiene - cito -  "<span>In ogni caso Montecitorio ha mancato gravemente di attenzione verso un evento ormai tradizionale e già organizzato da tempo</span>".

    Semplicemente, invito Daniello a mettere il naso fuori dal modo in cui vive, e rendersi conto che, forse, i due argomenti, non hanno - in questa fattispecie - il medesimo peso.

    Mi si perdoni la franchezza, dovuta alla precisa volontà di esprimere un giudizio di merito che, in questo caso, ritengo opportuno e doveroso.

    T

    RispondiElimina
  21. forse, intanto che ci sono, vanno a prendere ordini dai Fratelli Maggiori

    RispondiElimina
  22. mi scuso per la svista: * dal mondo in cui...

    Mi preme aggiungere che il giudizio che ho inteso esprimere vuole essere a tutela della <span>credibilità</span> dell mondo cattolco, del tradizionalismo e di questo stesso blog.
    T

    RispondiElimina
  23. Cosa ci azzeccano I NOSTRI POLITICI con la Terra Santa!

    RispondiElimina
  24. ema, mi sembra un commento come minimo fuori luogo.

    RispondiElimina
  25. La conclusione all'articolo è quella che il Signore ci consiglia: INVANO VI AFFATICATE SE......
    ossia, pur apprezzando l'impegno ad anticipare la riapertura di Montecitorio a causa della situazione economica e politica, è bene rammentare sempre che NON è mai il Signore a dover diventare la "pietra d'inciampo".... ;)
    riaprire Montecitorio il giorno 10 e lasciare quei soli QUATTRO GIORNI ad una SPERANZA che magari qualche politico o Senatore o Deputato avesse potuto così RITEMPRARSI davvero, ne aveva da guadagnare l'intera politica...
    INVANO VI AFFATICATE SE....

    invano è anticipare l'apertura dei lavori se a rimetterci sarà un significativo pellegrinaggio e l'opportunità che ogni SINGOLO PARTECIPANTE-PELLEGRINO avrebbe avuto magari per meditare sulla propria condotta e promettere al Signore una autentica conversione....

    E' un'occasione sprecata, peccato! ma nessuno ci venga a dire che si rinuncia ad auna apertura anticipata a favore del Paese se lo si fa penalizzando un Pellegrinaggio che avrebbe solo fatto del BENE al Paese ed alla sua politica....
    non sarà certo il PD il tump-tump, il waka-waka, il bunga-bunga, il ccp, le feste dell'unità, dell'ulivo, del prezzemolo, del basilico, del rosmarino, dei verdi, dei gialli o dei rossi..... la E la G o quant'altro vorrete, a salvare la nostra economia, la politica, gli stipendi di fine mese, ecc....

    INVANO VI AFFATICATE SE NON CERCHERETE PRIMA LE COSE DI LASSU', SE NON CERCHERETE PRIMA LA GIUSTIZIA DI DIO.... SE NON COSTRUIRETE SULLA ROCCIA....
    forse valeva la pena di riaprire Montecitorio il 10 e si veniva incontro a tutti....

    RispondiElimina
  26. Claudio Sinclair4 agosto 2011 20:03

    In considerazione dei personaggi che lo frequentano sarebbe forse bene che il parlamento non riaprisse proprio più!! In Belgio dove sono da un anno senza governo se la passano meglio di noi.

    RispondiElimina
  27. Claudio Sinclair4 agosto 2011 20:07

    Per errore ho accomunato parlamento e governo ma tanto è lo stesso. Naturalmente vi sono anche eccezioni: personaggi onesti e di valore ma sono davvero pochi. 

    RispondiElimina
  28. Annarita, mi sembra che lei (come Daniello) non abbia piena cognizione di ciò che, probabilmente dal prossimo settembre, ci attende. TUTTI.

    RispondiElimina
  29. Annarita, mi sembra che lei (come Daniello) non abbia piena cognizione di ciò che, probabilmente dal prossimo settembre, ci attende. TUTTI.

    RispondiElimina
  30. Mah,concordo sulla prima parte del tuo post caro Claudio,ma quella del Belgio che se la passa meglio...mmmhhh...ho qualche dubbio...(anche dal punto di vista del preservare la fede cattolica).
    Comunque credo che non serva andare in peleggrinaggio in Terra Santa-ma questo vale per tutti,quando non c'è volontà di disporre la propria anima al bene a discapito di qualche "amicizia" &/o voto-quando ,di fatto,il nostro parlamento non ha per nulla legiferato in tutela della famiglia,difesa della vita dal suo concepimento al suo termine naturale ecc ecc...sprecando tempo per leggi "ad personam"...

    RispondiElimina
  31. Resta il fatto, però, che se il pellegrinaggio i parlamentari l'avessero organizzato ad Auschwitz, nessuno - ripeto: NESSUNO - avrebbe osato dire alcunché...

    RispondiElimina
  32. Hai ragione, è molto off-topic (e un pochino antisemita...). Ma... facendo a caso una ricerchina in google, guarda un po' cosa salta fuori...

    Andrea Jarach, presidente dell'Associazione di amicizia Italia Israele, dichiarava (nel 2004):
    "Inoltre, sto lavorando sul Parlamento dove esiste un'associazione di parlamentari amici di Israele (110 membri), e sulle Regioni per creare altrettante associazioni tra i politici. E poi tanto lavoro informativo in collaborazione con gli enti esistenti (Informazione Corretta, Israele.net, etc.)."

    RispondiElimina
  33. Anche fuori dal parlamento ci sono tanti 'amici' di Israele. In Italia nella magistratura, nelle cosiddette forze dell'ordine, nelle banche, nei media, e oltre che nelle regioni anche nelle provincie, nei comuni (non a caso uno dei pellegrini è il sindaco di Roma), e in tanti, tanti altri posti. All'estero è lo stesso. Nelle istituzioni comunitarie idem. E poi la Chiesa cattolica, le sette protestanti americane, ecc. Diciamo ovunque. Una vera e propria infestazione.

    RispondiElimina
  34. E' probabile. ma la sostanza non cambia.<span></span>
    Veda Amicus, questa gente è fuori dalla realtà, mi viene naurale assocciarli ai nobili francesi che negli anni '90 del XVIII secolo vivevano nel loro bel mondo ovattato, non si accorgevano di cosa stava succedendo 'fuori' e soprattutto non intuivano cosa li stesse aspettando.

    RispondiElimina
  35. Redazione di Messainlatino.it4 agosto 2011 21:22

    Pietro Valdo dice:" <span>Daniello sai che in Italia c'è chi deve dare da mangiare ai propri figli ed è in cassa integrazione, sai che nel Meridione un giovane su tre  senza lavoro, sai che un pensionato al minimo vive con 468 euro al mese, sai che a Settembre molte fabbriche rischiano di non aprire...  
    I tuoi probelmi sono un pellegrinaggio di gente che prende 20mila euro al mese e che fa una settimana in meno di vacanza????  "
    </span>

    RispondiElimina
  36. ...........veramente..che vadano in Terra Santa...ma che non tornino piu'!!!!

    RispondiElimina
  37. E' probabile. ma la sostanza non cambia. 
    Vede Amicus, questa gente è fuori dalla realtà, mi viene naturale pargonarli ai nobili francesi che negli anni '90 del XVIII secolo, nel loro bel mondo ovattato, non si accorgevano di cosa avveniva 'fuori' e soprattutto non intuivano cosa li stesse aspettando.

    RispondiElimina
  38. Caterina, lasci perdere.
    Glielo vada a dire a chi non può fare la spesa che è bene che deputati e senatori vadano a 'ritemprarsi' in Terra Santa!...
    Ma si tenga a distanza di  sicurezza...

    RispondiElimina
  39. dante.pac@libero.it4 agosto 2011 21:55

    Non è montecitorio che organizza ma un associazione di parlamentari. Spero che i pellegrinaggi e le visite turistiche con familiari al seguioto se le paghino da soli senza usare sponsor o soldi pubblici, mi sembra che ci sia un bonus per i pellegrini. Andate a lavorare fannulloni ingordi affama famiglie!

    RispondiElimina
  40. ........in piu' dovrebbero'.....imparare il comandamento di DIO........non rubare!

    RispondiElimina
  41. In Terra Santa ci possono tranquillamente andare ad agosto..rinunciando a una settimana a porto cervo..

    RispondiElimina
  42. L'obiettivo di questo post era quello di evidenziare l'attegiamento indispettito nei confronti della religione da parte dei "difensori dei diritti"; non era certo quello di scatenare questa generalizzata e poco edificante raffica di insulti verso coloro che - dopo tutto - abbiamo eletto noi!

    RispondiElimina
  43. Redazione di Messainlatino.it4 agosto 2011 22:51

    <span>dante.pac@libero.it dice</span>
    <span>:"Non è montecitorio che organizza ma un associazione di parlamentari. Spero che i pellegrinaggi e le visite turistiche con familiari al seguioto se le paghino da soli senza usare sponsor o soldi pubblici, mi sembra che ci sia un bonus per i pellegrini. Andate a lavorare!"</span>
    Niente insulti a personaggi pubblici, grazie.

    Sebastiano P.

    RispondiElimina
  44. Redazione di Messainlatino.it4 agosto 2011 22:51

    <span>dante.pac@libero.it dice</span>
    <span>:"Non è montecitorio che organizza ma un associazione di parlamentari. Spero che i pellegrinaggi e le visite turistiche con familiari al seguioto se le paghino da soli senza usare sponsor o soldi pubblici, mi sembra che ci sia un bonus per i pellegrini. Andate a lavorare!"</span>
    Niente insulti a personaggi pubblici, grazie.

    Sebastiano P.

    RispondiElimina
  45. Ribadisco, perchè?

    RispondiElimina
  46. caro Cesare... ma perchè quei QUATTRO giorni in più in Parlamento secondo lei riempiranno le panze delle famiglie e aumenteranno gli stipendi?
    non ho capito da chi mi dovrei tenere a distanza visto che faccio parte di quelle Famiglie che essendo mono-reddito alla fine del mese non balliamo di certo....
    preferisco che senatori e deputati vadano a ritemprarsi in Terra Santa piuttosto che ascoltare le tante corbellerie che riescono a dire in QUATTRO giorni litigando continuamente per le poltrone, salvo poi essere tutti d'accordo SUI PROPRI STIPENDI e su 2mila euro di pensione solo per aver fatto almeno due anni della Legislatura....

    Chi non può fare la spesa alla fine del mese, caro cesare, non risolverà i suoi problemi con i senza Dio o con chi non si crea il problema per andare alle vacanze radical chich, mentre è capace di alimentare veleno per un PELLEGRINAGGIO che prenderebbe SOLO 4 GIORNI, se anticipassero l'apertura al 10....
    20 anni fa, altra crisi economica che fece maturare il veloce e precoce passaggio all'euro, ci stava lasciando letteralmente in mutande...gli ultimi giorni del mese si mangiava solo minestrina, facevo la pasta, la pizza e il pane in casa per risparmiare... ho imparato a cucire per economizzare.....non siamo mai andati in vacanza.....essere cresciuta in collegio mi ha aiutata molto, la PROVVIDENZA FECE IL RESTO e non ci ha mai fatto mancare l'essenziale....dipende oggi cosa vogliamo...
    le racconto questo episodio:
    15 anni fa diedi alla Parrocchia due completi, nuovissimi, di servizi di piatti ricevuti per regalo, poichè a noi bastava uno, questi due, dissi al Parroco, li faccia avere a qualche Famiglia parrocchiana bisognosa....in più c'erano due coperte matrimoniali....ebbene, il materiale donato E' RIMASTO LI PER UN ANNO.... le famiglie bisognose VOLEVA SOLDI SONANTI....
    dissi al parroco che le avrebbero allora potuti vendere, visto che erano ancora imballati....
    alla fine sono finiti alla Caritas....

    si, vedo famiglie bisognose anch'io, è vero, ma che non si fanno mancare nulla di consumistico....
    ABBIAMO PERDUTO IL SENSO DELL'ESSENZIALE e con questo non voglio generalizzare, ma in Italia non si muore ancora di fame....mi creda!
    senatori e deputati farebbero meglio a pensare di più alla propria anima e coscienza, solo così potranno davvero aiutare la Nazione, e lo farebbero in 7 giorni, tanto per ricordarci della Creazione....
    ;)

    RispondiElimina
  47. il colmo dei colmi

    RispondiElimina
  48. Per i motivi che spiega molto bene Ireneo nel post delle 17.05.

    RispondiElimina
  49. <span><span>atteggiamento indispettito verso la religione l'ha visto solo l'estensore dell'articolo: ci sarebbero state analoghe reazioni se avessero fatto qls altra "gita": il pellegrinaggio indispettisce di più semmai proprio per rispetto alla fede, xè alla gente sembra non creedibile, anzi stomachevole questo pio zelo quando ogni giorno di piiù emerge la melma nella quale sono invischiati (tutti: dicono che ci siana una dx, un centro, una sx, ma in realtà è un'unica casta, come la recente votazioen sull'abolizione delle province ha comprovato in modo solare). Attenzione: sempre diffidare quando i politici parlano di valori religiosi: di solito nn è per servire la fede e la Chiesa, ma per servirsene!</span></span>

    RispondiElimina
  50. quanto all'eleggere, abbiamo eletto per modo di dire, visto che nnn ci sono più manco le preferenze!

    RispondiElimina
  51. Facciano quello che vogliono, purché con i soldi loro.
    Più tardi ritornano e meglio è, visto quanto ci costano solo di gettoni di presenza in rapporto alla utilità sociale del loro lavoro.
    Diciamo che sarebbe meglio se non tornassero proprio.
    A Roma abbiamo perso una buona occasione quando è saltato il trasferimento dei Ministeri al nord.
    Che se ne vadano questi fantocci, costosi quanto inutili. Avremmo potuto finalmente emanciparci dalla casta.
    Purtroppo non è andata bene.

    RispondiElimina
  52. Cara Caterina, non ho scritto certo che lei fa parte della 'casta'... :)

    Bene ha fatto a ricordare l'inizio, negli anni '90, del ventennio di 'lacrime e sangue'. Fu iniziata proprio allora, con l'avallo dei quisling dell'epoca, la svendita del nostro Paese che sarà completata, sono convinto, entro il corrente anno.

    E' vero che ci sono famiglie che pur nello stato di bisogno privilegiano consumi non essenziali (è del resto dagli anni '60 che le popolazioni vengono indottrinate in tal senso) ma è pur vero che ci sono ampie fasce di popolazione che vivono ben al disotto della soglia di povertà.
    Veniva ricordato sopra l'importo delle pensioni minime. Come si può vivere dignitosamente, in Italia, con quelle cifre?
    E badi Caterina che molte persone, per dignità, tendono a nascondere il loro stato di estrema indigenza.
    Certo non lo fanno vedere in TV e nessun pennivendolo ovviamente conduce uno straccio d'inchiesta, ma sa quante persone anziane si vedono, alla chiusura dei mercati, aggirarsi tra le cassette con gli scarti della giornata alla ricerca di qualcosa ancora bene o male commestibile?

    Non si muore di fame in Italia dice? Certo, non risulterà come causa del decesso, ma una alimentazione carente alla lunga procura uno stato di debilitazione e conseguentemente un calo delle difese immunitarie.
    Sa quale settore della grande distribuzione è in maggior 'sofferenza'? indovini...
    Aumentano l'età pensionabile ma in realtà, in queste condizioni, l'aspettativa di vita si riduce.

    RispondiElimina
  53. esistono eventi e particolari che hanno o assumono un grande valore SIMBOLICO (la storia di tutti gli uomini, cattolici compresi, ne è piena): in momenti di incertezza sociale e economica anche la rinuncia ad una ritemprata spirituale (???) forse sarebbe stato un bel gesto SIMBOLICO (e in pratico) importante in un momento in cui il parlamento appare ogni giorno sempre più deligittimato del proprio ruolo e sorpattutto della propria rappresentatività...i nostri deputati dovrebbero forse pensare un po' di più alla nazione e un po' meno a se stessi (portafoglio...e anima compresi)

    RispondiElimina
  54. ma per carità, manca solo di avere carrozzoni anche qui.

    RispondiElimina
  55. <span>verso coloro che - dopo tutto - abbiamo eletto noi!</span>

    A parte che come ha ricordato Angelo noi non eleggiamo più nessuno, è anche per questo che la cosiddetta democrazia rappresentativa è la forma peggiore di tirannia.
    Destra, sinistra, centro... maggioranza, opposizione... UN GIOCO DELLE PARTI. Servono tutti gli stessi padroni. I programmi sono identici.
    Potere di influenza dei cittadini sulle decisioni che riguardano la loro esistenza? zero.
    Eppure con chi ce la si può prendere se non contro altri cittadini che hanno 'scelto' in modo differente da te?

    RispondiElimina
  56. Cesare.... concordo con lei in tutto ma NON che in Italia si muore PER FAME.... e glielo dico con cognizione di causa e di dati.... ;)

    altra cosa è L'INDIGENZA DEGLI ANZIANI a causa delle pensioni basse.... mia madre percepiva 400 euro al mese, che grazie a certe politiche recenti giunse ad 800, il resto ce lo mettavamo noi in beni alimentari....
    molti anziani VENGONO ABBANDONATI DAI FIGLI, letteralmente.... con questo non voglio negare l'esistenza di casi gravi, ma che alla fine sono assai ridotti nei numeri.
    Ciò che voglio sottolineare sono due punti:
    1. la soglia di povertà esiste e molti l'hanno superato, ma non per la fame....le spese di gestione BOLLETTE  EDI BENI CONSUMISTICI sono spesso erroneamente inclusi in questi indici.... quando noi non ce la facevamo con un solo stipendio, ho staccato il telefono per un anno e all'epoca non c'era ancora l'uso del telefonino.... non usavo l'aspirapolvere ma la scopa.... non usavo la lavatrice e lavavo tutto a mano... NON SIAMO ABITUATI A RISPARMIARE, abbiamo perduto 'LESSENZIALE.... e questo fa alazare le statistiche in modo errato...
    2. non saranno questi 4 giorni a salvare le Famiglie dall'autentica soglia di povertà...un anima politica che va a meditare per qualche giorno, porterà più frutti di chi lavora senza mettere Dio al primo posto...

    RispondiElimina
  57. Lei forse non se lo ricorda, ma guardi che il sistema delle preferenze è stato il principale veicolo di clientelismo, compravendita di voti, corruzione e infiltrazione malavitosa della politica. E, comunque, chi mettere in lista lo decidevano sempre i partiti. Non so - francamente - cosa potrebbe sostituire l'attuale sistema, ma il ristabilire, sic et simpliciter, il sistema delle preferenze mi sembrerebbe un rimedio peggiore del male. Servirebbe un ritorno a una severa "etica della politica", ma temo che sia una pura illusione, avendo presente che lo scambio, la corruzione, il prevalere degli interessi sui valori sia consustanziale alla stessa democrazia, che, per definizione, è a-etica e a-valoriale.

    RispondiElimina
  58. Piu' che un pellegrinaggio e' una grandissima occasione per esprimere compiacenza alla superpotenza mediorientale. (eufemismo)
    Come sono ben lontani i tempi di una piu' equilibrata politica estera, e di una maggior autonomia monetaria, quindi economica quindi anche politica.

    Ovviamente nn andranno mai  in pellegrinaggio in altri luoghi.

    PATETICI ad iniziare da lupi

    RispondiElimina
  59. <span>silente, lei tende spesso a esagerare. Con le preferenze c'erano <span>clientelismo, compravendita di voti, corruzione e infiltrazione malavitosa della politica... perché ora no?! In più abbiamo le Minetti e il massaggiatore del Milan nel listino bloccato... Quanto alla demoscrazia avrà i suoi difetti, ma perferirebbe essere governato da quei buffoni dei savoia? (certo che cmq la si giri siamo messi malissimooo! vedi vicende della sinistra, penati ecc.) 
    </span></span>

    RispondiElimina
  60. San Francesco che va a piedi a Monte Sant'Angelo "è" un pellegrinaggio

    RispondiElimina
  61. Credero' alle necessita' spirituali degli onorevoli nel momento in cui andranno un anno in Palestina e l'anno dopo a Mariazell o La Salette o altro.  Non sono uno sciocco. Vanno li' per altri motivi.
    Due:  si parla delle difficolta' delle famiglie, ma qualcuno ha il coraggio di dire alle famiglie che i risparmi che hanno sono fittizzi, che i soldi nn hanno copertura, che la poverta' aumenta xche' stampano sempre piu' denaro e ovviamente ci vogliono sempre piu' soldi x latte benzina o caffe'??????
    Lascio agli utenti l'indirizzo web di un giovane dottore in  scienze bancarie con lode alla cattolica di Milano che questi temi li ha affrontati con evidente successo e riscontri da piu' di un decennio.
    USEMLAB.COM


    Fateci  un giro, specie se avete famiglia e doveri verso figli.

    RispondiElimina
  62. Spero si ristampi presto anche un'altro romanzo: "Dopo Paolo VI", anch'esso terribilmente profetico! Al posto del Tabernacolo tenevano un libro aperto, cioe' adoravano la Parola perche' il Verbo si e' anche fatto... carta!

    RispondiElimina
  63. Si tratta solo di una gita, un'operazione di facciata... andiamo! Stiamo perdendo tempo a parlarne!
    Quella gente il rispetto ed il timor di Dio lo ha gia' perso da tempo...

    RispondiElimina
  64. Purtroppo solo Mons. Williamson nelle sue lettere settimanali si e' preso  da tempo la briga di far capire ai suoi lettori cosa sta' succedendo in campo monetario e finanziario.

    Non ho parole  x la vilta' di chi continua a tacere su questi temi, danneggiando ancora piu' il lavoro e i risparmi delle famiglie.

    RispondiElimina
  65. <span>"Il mondo è entrato in una crisi globale, senza precedenti...." (parole del Presidente del Consiglio riferite qualche minuto fa nei tg nazionali).  
    Dio aiuti il mondo (....se il mondo è ancora in grado di pregare e invocare l'aiuto di Dio e il suo perdono....)
    </span>

    RispondiElimina
  66. ".....la casa brucia, e la casa è di tutti : sono aggredite le economie di tutti i grandi paesi, la crisi colpisce tutti....." (Mentana)

    RispondiElimina
  67. certo  xche' un biglietto da 100 euro corrisponde al vaolre di un foglio di carta.
    Sino al 1914 in tutta europa ogni biglietto banconota aveva un corrispettivo in oro-argento.
    Sciaguratamente dal 1971 anche il dollaro, valuta di riferimento, si e' slegato da ogni riferimento aureo.
    La gente pensa di risparmiare e si trova con nulla e i prezzi che crescono.
    PRECISE CAUSE ED EFFETTI.

    Tornare urgentemente ad un gold standard.

    cosi' l'operaio e la massaia sanno cosa hanno in tasca.

    RispondiElimina
  68. Andare in terra Santa è andare sui luoghi del Cristo, un tale che era schierato con gli ultimi e si fece ultimo. Cristo lo incontreranno meglio in parlamento, la disoccupazione è totale, c'è gente che ha figli piccoli,  i quali hanno terminato di ricevere l'assegno della cassa integrazione e non sanno che dare da mangiare alla famiglia!!!! Tra parentesi, non sono di destrra, sono un cattolico di sinistra, e dico che il laicismo è anche a destra, infatti vi sono molti ''liberali'' di destra che sono laicissimi: Capizzone,Straquadagno, Brunetta e molti altri. Quindi il laicismo, che è parte della cultura politica italiana, è presente ovunque come i cattolici lo sono oggi in tutti gli schieramenti.

    RispondiElimina
  69. Mah, può darsi che esageri. Tuttavia mi spiega cosa c'entrano i Savoia (che oltretutto regnavano ma non governavano)?  Riguardo alla tesi sulle relazioni tra la democrazia (almeno quella vigente oggi, che è una delle forme di democrazia possibili) e corruzione, la tesi non è solo mia, ma è un classico della politologia conservatrice, da Maurras a Pareto a von Hayek per arrivare al nostro Miglio (e cito autori tra loro diversissimi). Temo che il problema della corruzione sia connaturato alla democrazia, e non dipenda, se non in minima parte, dai meccanismi elettorali vigenti.

    RispondiElimina
  70. :* .................. ipocrisia, ipocriti, politici buffoni..............................!!!!

    RispondiElimina
  71. ....dal blog di antonio socci8 agosto 2011 08:21

    Ci sono almeno tre motivi che portano in un’altra direzione.
    <span>Primo</span>: l’impegno individuale di cattolici in politica c’è già e non è un bello spettacolo.
    C’è su tutto l’arco dei partiti, da Rifondazione comunista e da Vendola (che si definisce cattolico) fino all’estrema destra di Forza Nuova.
    Mi pare evidente che non è a questo che la Chiesa chiama: così infatti ognuno mette l’etichetta di “cattolico” a qualsiasi posizione, in un soggettivismo che finisce per opporre i sedicenti cattolici che rivendicano tutti quell’identità però contrapponendosi gli uni agli altri.
    <span>Secondo</span>: storicamente l’impegno politico dei cattolici non è mai stato individuale, ma è sempre stato legato a un “noi”, a soggetti sociali portatori di una cultura, di una visione dei problemi del Paese legata alla dottrina sociale della Chiesa (prima venne l’Opera dei Congressi, vennero cooperative e sindacati, venne un’elaborazione culturale e politica matura e poi fu fondato il Partito popolare).
    In <span>terzo</span> luogo la politica non è solo quella fatta professionalmente dalla “casta” politica e lo vediamo bene oggi che proprio i movimenti sociali rubano l’iniziativa al Palazzo.

    RispondiElimina
  72. Purtroppo Cesare quello che ci attende a breve lo intuisco, la crisi economica ci taglierà le gambe, speriamo che però ci farà crescere le ali per, finalmente, rivolgerci a l'unico tesoro di cui molti si sono dimenticati. Certamente se saremo a tappeto, la smetteremo di volgere le nostre forze verso ciò che è inutile e dannoso, cominceremo a vedere ciò che da tempo non cerchiamo più con lo sguardo e con la mente ed il cuore, la smetteremo di dire cretinate, di richiedere diritti insulsi, ci risveglieremo. Solitamente nella miseria si ritrova Dio. Ci sarà da stringere la cinghia e da confidare nella Divina Provvidenza. Per anni abbiamo regalato denaro per integrare chi non si integrerà mai, sulla pelle dei poveracci italiani, ora tiriamo su il raccolto, la miseria. Poi ci svendiamo alla Cina e presto la Cina chiederà il resoconto come sta facendo in America. L'America colei che doveva essere il fronte contro il comunismo è diventata la serva dei comunisti cinesi. Brutti tempi, fine dell'era dei divertimenti, si ritorna alla serietà e sicuramente molti torneranno a Dio.

    RispondiElimina
  73. ....e penso che anche gli uomini di Chiesa, smetteranno con le bagghianate, con le varie ermeneutiche e torneranno alla serietà, perchè nessuno ascolterà più le baggianate inutili, si vorranno nuovamente Verità solide a cui aggrapparsi.

    RispondiElimina
  74. visto che si sta parlando di forme di governo, nel caso avessimo avuto una monarchia (assoluta o costituzionale) avremmo avuto i vittorio emanuele (bel trittico) e il giullare emanuele filiberto o a giovernare effettivamente o a fare le comparse da operetta come succede in inghilterra. Già sono uno scandalo le spese del quirinale, figuriamoci quella di uan corte, per di più impersonata da certa gente. La correlazione tra democrazia e corruzione sarà anche vera se presa in senso relativo, ma la storia mi sembra dimostri il contrario: le dittature ad esempio sono tipicamente generatrici di apparati corrotti.

    RispondiElimina
  75. Anna Paola Concia ( pd) e la sua compagna Ricarca Trautman si sono sposate a Francoforte.( il padre appartenenete all'azione cattolica approva........)

    chissà se andranno anche loro...magari come viaggio di nozze..............

    RispondiElimina
  76. <p> 
    Non sono mai riuscito a condannare uno. Però la falsità, mi è stato insegnato che è la cosa peggiore. Uno non può sorridere e in quel sorriso impugnare un'arma. Uno non può mentire all'altro. Uno non può esser vigliacco a tal punto di dire "io non dico quel che penso" quando la nostra felicità dipende soprattutto da uno sguardo, da un sorriso.. Quando noi ci amiamo dobbiamo esser disposti anche a soffrire, e qualche volta dobbiamo soffrire per l'altro anzi, vediamo la verità dell'amore se siamo capaci di questo.
    Ma ci son sofferenze che avvolte ci paralizzano.
    In alcune persone causano la cattiveria, il rancore e più uno è scarso di vita interiore, non dico di fede, ma di vita interiore, più uno è isolato e non ha qualcuno che gli rivolga la parole e che gli sorrida, più diventa cattivo
    </p><p> </p>

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.