martedì 28 giugno 2011

A Manchester gli altari tornano ad essere altari



Da Bregwin

Dopo decenni di devastazioni architettoniche nelle chiese, con tanto di rimozione e distruzione di altari antichi ad opera dei fissati dell'adeguamento liturgico postconciliare, solleva il morale la notizia che qualcuno finalmente stia andando nella direzione opposta.Come testimoniano le immagini qui sotto, il parroco della chiesa di San Giuseppe a Manchester, in Inghilterra, ha deciso di sbarazzarsi della "tavola della mensa eucaristica" e recuperare un bellissimo altare "ad orientem".
Inutile aggiungere che il sacerdote in questione celebra settimanalmente la Messa nella forma Straordinaria, e che il numero dei fedeli che frequentano la parrocchia é in continua crescita.
Uno dei tanti segnali che il vento della Tradizione sta soffiando sempre piú forte.

Fonte: The hermeneutic of continuity

20 commenti:

  1. "Inutile aggiungere che il sacerdote in questione celebra settimanalmente la Messa nella forma Straordinaria, e che il numero dei fedeli che frequentano la parrocchia é in continua crescita."

    Fa sempre bene ricordarlo a qualche ammuffito fruitore dell'aria fresca postconciliare.

    RispondiElimina
  2. Osservatore Bolognese28 giugno 2011 18:21

    Queste foto le manderei volentieri a quel sadico e perfido demolitore di altari, devastatore e rovina chiese di "Mons" Giuseppe Stanzani, ex Indegno presidente della commissione arte sacra dell'Archidiocesi di Bologna che negli anni 80/90 ha rovinato irreparabilmente ( fatto salvo ingenti costi costi per un aventuale recupero il 70 % delle Chiese della Diocesi.

    VERGOGNA

    PS venne identificato quale soggetto esperto d'arte questo individuo che se non erro è parroco in una chiesa moderna fatta a blocchi prefabbricati in cemento armato.

    DOPPIAMENTE VERGOGNA

    RispondiElimina
  3. <span>settimanalmente la Messa nella forma Straordinaria,</span>
    settimanalmente   ?  la loro "ricreazione è finita ?
    oh....beati loro......:(
    (mi trasferisco lì...?.....dalle mie parti è inutile sperare una simile "virata" del vento per altri 20 anni....)

    RispondiElimina
  4. <span><span>settimanalmente la Messa nella forma Straordinaria,</span>  
    settimanalmente   ?......    dunque  la loro "ricreazione è finita ?  
    oh....beati loro...... :(   
    (mi trasferisco lì...?.....dalle mie parti è inutile sperare una simile "virata" del vento per altri 20 anni....)</span>

    RispondiElimina
  5. <span><span>settimanalmente la Messa nella forma Straordinaria,</span>    
    settimanalmente   ?......    dunque  la loro  ricreazione  è finita ?    
    oh....beati loro......  :(      
    (mi trasferisco lì...?.....dalle mie parti è inutile sperare una simile "virata" del vento per altri 20 anni....)</span>

    RispondiElimina
  6. VivaIddio che si incomincia a fare un po' di ripulisto nel marasma di pornografia architettinica postonciliare d'oltralpe.

    RispondiElimina
  7. <span><span>VivaIddio che si incomincia a fare un po' di ripulisto nel marasma di pornografia architettonica postonciliare d'oltralpe.</span><span>
    </span></span>

    RispondiElimina
  8. una bellissima notizia ,speriamo si faccia anche qui in italia

    RispondiElimina
  9. Osservatore Bolognese28 giugno 2011 19:02

    Peraltro questo altare che è stato ripristinato è al tempo stesso di una sobrietà e di una eccezionale eleganza idoneo a rendere alla Santissima Trinità l'onore e la gloria di cui è degna.

    Che Iddio moltiplichi parroci di si tanto zelo apostolico.

    RispondiElimina
  10. A onor del vero l'altare rimosso è molto meglio di tante scempiaggini che si vedono nelle nostre chiese. E' - se non altro - riconoscibile come altare e non è la solita mensa o un informe parallelepipedo roccioso. Certo l'altare neo gotico è più appropriato al contesto architettonico.

    RispondiElimina
  11. Questa notizia mi ha dato gioia. Sia lodato il Signore.

    RispondiElimina
  12. Questa notizia fa ben sperare; ormai i cattosessantottini sono in eta' da pensione, pazientiamo! Chi succedera' a loro saranno anche Sacerdoti amanti della Tradizione, e qualche presbiterio potrebbe tornare al suo antico splendore!

    RispondiElimina
  13. Non sono d'accordo però con colui che scrive "inutile aggiungere...". Questa aggiunta é essenziale affinché tutti capiscano che la ripresa o rinascita della Chiesa é da lì che deve iniziare e non con altri sterili tentativi.

    RispondiElimina
  14. questo...e' un miracolo!

    RispondiElimina
  15. Andrea Carradori28 giugno 2011 23:07

    Macchè ricreazione finita !!! ???
    Quardate lo sfascio della centrale, unica, chiesa antica della grande Civitanova Marche.
    Che fretta c'era di distruggere l'unica antica chiesa del borgo marinaro ???
    la Soprintendenza avrà certamente da ridire ... e lo dirà ...
    Guardate il Tabernacolo staccato dall'altare e messo sulla colonna.

    RispondiElimina
  16. Luis Moscardò29 giugno 2011 01:09

    E' l'avvelenamento dei pozzi da parte di un esercito in ritirata che ha trasformato l'arrogante baldanza in rabbiose rappresaglie.

    RispondiElimina
  17. Andrea Carradori29 giugno 2011 07:09

    Bellissima riflessione di Luis : da " salvare con nome" !!!

    RispondiElimina
  18. orribile......hanno spostato il Signore....per poter scladarsi il sedere sull'altare grande!!!VERGOGNA!!!!

    RispondiElimina
  19. eh Carradori, come la capisco !  gli stessi scempi, senza  fine, si susseguono nelle chiese d'Abruzzo.... qui pare che il mitico concilio  sia appena finito, con i presunti (selvaggi) adeguamenti liturgici che ad esso si appellano!....qui la RICREAZIONE sessantottina sembra che debba durare un altro mezzo secolo....non c'è scampo, di Tradizione neppure l'ombra, continuano le demolizioni di altari antichi e costruzioni di banchi stiile "montecitorio" e Tabernacoli  messi da parte, su colonnine invisibili o stanzini separati dall'"aula parlam...."..ehm...liturgica......:(

    RispondiElimina
  20. Analogamente è avvenuto a San Bartolomeo al Mare (IM), presso il santuario della Madonna della Rovere, da voi recentemente citato, dove i Francescano dell'Immacolata hanno ricostruito l'antico dorsale dell'altare, che era stato rimosso in epoca di "riforma", mantenendo tuttavia all'epoca intatta la mensa e le decorazioni barocche.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.