sabato 14 maggio 2011

Messa tridentina in San Pietro: Canizares fa un passo indietro

A chiusura del convegno sul motu proprio, è prevista per domani mattina una solenne Messa pontificale all'altare della Cattedra in San Pietro: per la prima volta dalla riforma liturgica, la Messa antica ritorna su quell'altare che, dopo quello del Bernini, è il più importante della basilica più importante della cristianità.

Il programma ufficiale del convegno informa tuttora che il solenne rito sarà celebrato da Sua Eminenza il card. Canizares, Prefetto della Congregazione per il Culto Divino, mentre la parte musicale è affidata niente meno che al neocardinale Bartolucci.

Debbo purtroppo riferire che, se si hanno ancora alcuni dubbi circa l'effettiva presenza di Bartolucci, per motivi senza dubbio più che giustificati (il cardinale ha 94 anni, ma è certo che farà l'impossibile per tornare a dirigere la Missa Papae Marcelli in San Pietro), pare invece certo che il cardinal Canizares non ci sarà.

La Messa sarà celebrata, in sostituzione di Canizares, dal cardinale Brandmueller.

A pensar male si fa peccato, come sapete (Andreotti aggiungerebbe: ma s'indovina). Canizares, ne siamo certi, avrà più che giustificati impedimenti. Certo però non possiamo impedire che ci torni alla mente l'analogo 'pacco' che proprio il vice di Canizares, il Segretario del Culto Divino mons. Di Noia, aveva inflitto ai tradizionalisti americani rifiutando inopinatamente di recarsi, come prima promesso, a celebrare nel National Shrine di Washington. Accampando fumose ragioni e lasciando chiaramente intendere che giudicava poco opportuno il fatto in sé, ossia la celebrazione tridentina in quel Santuario. Potete rileggere un resoconto puntuale di tutta la vicenda a questo link.

Enrico

18 commenti:

  1. .....se volessimo veramente pensar male, diremmo che il Canizares domattina dovrebbe giustamente riposare... la "messa" neocat del sabato sera, infatti, finisce molto, molto tardi....

    RispondiElimina
  2. Sarà comunque  una S. Messa.

    RispondiElimina
  3. Eppure era un convegno...politicamente corretto14 maggio 2011 09:31

    Mi fa molto piacere vedere che organizzare convegni politicamente corretti, nella più rigorosa "ermeneutica della continuità", profondendo appellativi di "straordinarietà" alla Messa di sempre, non giovi ad addomesticare la doppiezza curiale...anzi nella doppiezza curiale questo convegno si iscrive a pieno titolo.

    Ma il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi. Viva il Card. Canizares che ci fa capire che la svolta condivisa non funzionerà e che i Vescovi stanno silenziosamente aspettando la morte del Papa...altro che convegni trionfalisti....

    Cantiamo tutti insieme: "Tutto va ben Madama la marchesa...tutto va ben...va tutto ben...."

    Anacoreta

    RispondiElimina
  4. Tradizionalista...ma non troppo14 maggio 2011 09:37

    Grazie per questa nota profondissima di metafisica, ancorata nelle profondità dell'ontologia tomista più rigorosa.

    Alle volte un pò d'esistenzialismo non guasterebbe...anzi renderebbe le analisi più oneste, osservando l'ente in tutta la sua "attualità".

     Cioé negli imbroglietti e sotterfugi che accompagnano questa stancante politica curialesca del...."tradizionalista, ma non troppo".

    Anacoreta

    RispondiElimina
  5. Sì, però Brandmuller è infinitamente meglio del coeataneo Cardinal Melville di Moretti!

    RispondiElimina
  6. Sì, però Brandmuller è infinitamente meglio del coetaneo Cardinal Melville di Habemus Moretti!

    RispondiElimina
  7. E beh, il cnc val bene una messa, e guai a toccarla, modificarla, togliere quei simboli che cozzano con la Liturgia cattolica, vedere il card. Canizarès, fresco di nomina, celebrare a Porto san Giorgio con i neocat, con quel candelabro ebreo sulla tavola-mensa, senza esigere le modifiche prescritte dal Papa, mi aveva sconcertato e fatto capire che non dovevamo farci nessuna illusione su dei cambiamenti nel senso voluto dal Papa. 
    Ma che il card. Canizarès si impegni a celebrare in San Pietro la Santa Messa Antica e poi si tiri indietro, richiede come minimo una spiegazione altra che:  "ha avuto altri impegni".

    RispondiElimina
  8. wwww.radicatinellafede.blogspot.com

    RispondiElimina
  9. Preferisce seguire Carmen e la sua Adidaché .

    RispondiElimina
  10. Va bè Va bè, che la curia è piena di sfigati lo si sapeva già... piuttosto, chi ci va cerchi di fare qualche bel filmato per noi che siamo a casa, che dello scorso pontificale c'è poco e niente....

    RispondiElimina
  11. Che vi avevo detto? Già lo scorso autunno, in un commento a questo blog che annunciava il Convegno, avevo previsto che il card. Canizares non avrebbe celebrato questa messa. Troppo bello per essere vero. Il prefetto del culto divino che pontifica in S. Pietro more antiquo? E' chiedere davvero troppo...

    RispondiElimina
  12. Per favore, non c'è uno streaming della messa? Altrimenti vi prego di girare il video, per favore.

    RispondiElimina
  13. ordini dalla segreteria di stato?

    chissà!

    RispondiElimina
  14. Non è impossibile, dopo le sparate di Lombardi ieri....

    Interessante sapere che Canizares sta con la Segreteria, o forse con nessuno, ma allora nemmeno con il Papa...

    RispondiElimina
  15. Vile Canizares, viiiiiile!!! Allo battesmo!

    RispondiElimina
  16. Non ho capito... ma la messa tridentina in S.Pietro si è celebrata lo stesso anche senza Canizares oppure no?

    RispondiElimina
  17. appunto! Qualcuno ci faccia sapere, per favore, se la messa è stata celebrata o meno

    RispondiElimina
  18. è stata celebrata ed era bellissima!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.