Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

martedì 17 maggio 2011

Il Cardinal Direttore.

Che emozione!

Pur con qualche acciacco dovuto alla venerandissima età, non ha voluto saltare questo grande ritorno sul predellino, e ad un così storico evento.

Di chi parliamo? del M° Domenico Bartolucci, Direttore in perpetuo della Cappella Musicale Pontificia Sistina, successore dal 1956, per volontà del Venerabile Pio XII, del M° Perosi.

Durante il Pontificale del Card. Brandmueller, il Card. Bartolucci, deposta idealmente la porpora, è risalito sul predellino da direttore per guidare un coro durante una solenne celebrazione in San Pietro.

Che emozione vedere il maestro, canuto e stanco, prendere improvviso vigore e dirigere "a memoria", stabilendo i tempi e dinamiche del Credo di Palestrina con gesti sapienti ed energici, a tratti anche ieratici, con tecnica sicura e decisa, ma con tocco sempre espressivo e "colorito" (nel senso musicale di termini) il "suo" coro.

Se già la melodia del canto è aulica e mistica, le immagini gonfiano il cuore di svariate emozioni.

E gli occhi rischiano di velarsi di lacrime, nel vedere IL Maestro, tornato al posto che gli spetta per diritto e per preclare competenze, svolgere uno dei compiti che meglio ha saputo fare nella vita, e sempre a maggior gloria di Dio: il direttore di coro. E che coro!

Ben tornato, Maestro.


Il video della direzione del M° Bartolucci del Credo della Missa Papae Marcelli:

134 commenti:

  1. E adesso non cominciate con i soliti commenti sulla presunta superbia di Bartolucci!! E se poi lo è veramente sapete cosa vi dico?? CHE FA BENE: NE HA TUTTI I MOTIVI, ESSENDO UN GENIO!!! Guardatelo: guardate la sua compostezza ed elegaza, altro che il Pennuto sbarbattante!!! Così si dirige, non menando continue bracciate in aria con un diapason(!!!!!!!!!!!!!!!!!!). Occhio Palombo che a furia di sbacciate tra un po' prendi il volo...

    RispondiElimina
  2. <span>E adesso non cominciate con i soliti commenti sulla presunta superbia di Bartolucci!! E se poi lo è veramente sapete cosa vi dico?? CHE FA BENE: NE HA TUTTI I MOTIVI, ESSENDO UN GENIO!!! Guardatelo: guardate la sua compostezza ed elegaza, altro che il Pennuto sbarbattante!!! Così si dirige, non menando continue bracciate in aria con un diapason(!!!!!!!!!!!!!!!!!!). Occhio Palombo che a furia di sbracciate tra un po' prendi il volo...</span>

    RispondiElimina
  3. Che bello tutto questo servizio del cardinale e del coro tutto svolto <span>gratuitamente</span> solo per la gloria di Dio (?!)

    RispondiElimina
  4. Gratuitamente non credo proprio.
    Però "... qui altari servit....."
    Bisogna vedere quali sono le spese vive della Fondazione. 8-)

    RispondiElimina
  5. Gratuitamente o non gratuitamente i sostenitori del Palomba stiano zitti e incassino il colpo. (E da che mondo è mondo i cantori sono stipendiati.)

    RispondiElimina
  6. Roberto Martelli17 maggio 2011 18:12

    Il suono della Roma eterna. Deficiant peccatores a terra ... ita ut non sint (Ps 103, 35)

    RispondiElimina
  7. <p>Peccato che la Cappella Sistina sia caduta così in basso........</p>

    RispondiElimina
  8. Non sono un ammiratore incondizionato del Bartolucci-direttore, preferendo il Bartolucci-compositore, ma criticare le spese per il servizio musicale mi fa venire in mente quelli che protestavano per il costo di un certo vasetto di profumi....

    RispondiElimina
  9. Gratuità e volontariato ci hanno donato, in questi ultimi anni, banalità esciatteria; Al Signore dobbiamo offrire le cose migliori, non i frutti deteriori perché costano poco o sono gratuiti.
    C'era uno, un tempo, che diceva che i denari risparmiati per una cosa (secondo lui) superflua, si potevano dare ai poveri... ma diceva questo perché era ladro....

    RispondiElimina
  10. <span>Gratuità e volontariato ci hanno donato, in questi ultimi anni, banalità e sciatteria; Al Signore dobbiamo offrire le cose migliori, non i frutti deteriori perché costano poco o sono gratuiti.  
    C'era uno, un tempo, che diceva che i denari risparmiati per una cosa (secondo lui) superflua, si potevano dare ai poveri... ma diceva questo perché era ladro....</span>

    RispondiElimina
  11. :-[  ieri ho avuto modo di sfogliare alcuni video della solenne Celebrazione Eucaristica, e devo dire che è stato commovente ed insolito vedere questo color MARTIRE, guidare un coro.... mi è rimasto molto impresso e mi ha dato l'impressione di uno che vive da tempo nell'anticamera del Paradiso e che spesso ha tentato di indicarci questa via attraverso il suo umilissimo servizio, quello che sapeva  e sa...fare di meglio per evangelizzare e catechizzare....

    Grazie Padre,
    grazie Maestro!

    RispondiElimina
  12. ma che ragionamenti miserrimi, caro ospite.

    RispondiElimina
  13. Visti, visti, io sono già intervenuto, Ma secondo lei(e secondo voi) Certi commenti acrimoniosi su questo e su altri blog li lascia il palombo in persona???

    RispondiElimina
  14. Uno che tenta di essere cristiano17 maggio 2011 19:42

    Ho letto anche il suo commento, Placentinum...fatto bene! Non so chi lasci certi commenti ma l'astio che trasudano dimostra quanto "dialoganti" e accoglienti siano coloro che di solito si autodefiniscono "cristiani giusti" e splendidi frutti del Concilio.

    RispondiElimina
  15. Però ke colpo per Mons. Marini (Pietro!!!) vedere colui ke ha cacciato miseramente CARDINALE, CHE DIRIGE IL CREDO DELLA MISSA PAPAE MARCELLI E DURANTE UNA MESSA TRIDENTINA ALL'ALTARE DELLA CATTEDRA DI SAN PIETRO!!!
    AHAHHAHAHAH CHI LA FA' L'ASPETTI!!! TIE!!! BECCATI QUESTA!!!

    RispondiElimina
  16. Secondo me comunque c'è dietro lui. Voglio fare notare a lei e a tutti una cosa divertente: cercate il video del miserere dell'Allegri diretto dal palombo alle ceneri su youtube. Bene, io sono stato il primo a commentarlo e a mettere "non mi piace", insieme ad altre 7 persone(io sono l'utente dla nick "parshereditatis"). L'ho tenuto d'occhio giorno per giorno, e dopo  una settimana, nel giro di ventiquattrore compaiono dal nulla 8 mi piace. Sarà un caso o QUALCUNO sta cercando di farsi bello con questi mezzucci?? Le guerre oggi si combattono anche così....

    RispondiElimina
  17. Quel mentecatto su Sacrissolemnis non deve essere la stessa persona che MAIUSCOLANDO ha commentato piccatissimo le varie (benemerite) lettere di mons. Favella.
    lì forse c'è lo zampino volatile.....

    RispondiElimina
  18. :* .....intanto sono gli ultimi colpi fra un paio di anni di questo vecchio nessuno si ricorderà piu....avanti con la nuova generazione.
    Il futuro è questo.....che pena vedere dirigere uno che NON sa dirigere...

    RispondiElimina
  19. ....ma cosa è questo il carnevale primaverile????

    quel vecchio sembra uscito dal marchese del grillo......

    penosiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  20. Hai ragione. Palombella è un deficiente patentato. La sua prassi è oscena, oltre che sgrammaticata, basti sentire le porcherie che si è inventato nel Victimae Paschali. Egli non conosce il gregoriano e nemmeno la polifonia rinascimentale. Anch'egli manca di umiltà, è pieno di sè e violenta la musica. Un magnaccia del canto e un vero violento della tradizione gloriosa. Che si vergogni.
    La Chiesa dovrebbe istituire la meritocrazia e licenziare il suddetto per conclamata incompetenza e colpevole deficienza.

    RispondiElimina
  21. cosa pagherei per leggere una missiva di mons. Favella sul pontificale. Chissà se era presente confuso nella processione delle mentellette e delle mozzette paonazze?

    RispondiElimina
  22. Intanto mons. Favella aveva già detto la sua sul pontificale e, mi pare che, ci avesse azzeccato pressochè in pieno.
    Io penso che fosse presente.....
    Quanto al "massimo" che sopra diceva cose invereconde sul conto di Bartolucci, si ricordi chefra 100 di lui si parlerà e si eseguirà la musica, mentre quelli che sono la sua attuale giovane generazione (Frisina? Parisi? Palombella?) saranno morti e sepolti dal'oblìo, se non dalla vergogna e dalla damnatio memoriae che il Cielo vorrà tributargli dopo aver fatto scempio della musica liturgica in tutti i sensi.

    RispondiElimina
  23. ehm, mi perdoni... con che fa rima Luana....???

    RispondiElimina
  24. Banana? .... O:-)

    RispondiElimina
  25. Caro Don Magnifico, concordo in pieno.
    Conobbi Bartolucci per le sue musiche, neanche sapendo chi fosse.
    Mentre Palombella ho avuto il (dis)piacere di scoprirlo in quanto discussa nomina recente. Per non parlare di Frisina, che ritengo essere perfettamente identificato come "il Giovanni Allevi della Musica Sacra".

    RispondiElimina
  26. io ero alla funzione e quando il cardinale ha preso in mano la bacchetta ed ha diretto il coro al Credo, è stata un'emozione viva per tutti: vedere quell'uomo anziano ed acciaccato diventare di colpo più giovane di trent'anni, sentire il coro che da impeccabile ed accademico diventare vivo, personale, insoma prendere nuova linfa vitale é stata veramente un'emozione da brividi.  

    RispondiElimina
  27. :* fa rima con p...ana che a voi piace tanto bei maschioni.......

    RispondiElimina
  28. E meno male che ci piace, vuol dire che almeno NOI non siamo invertiti...

    RispondiElimina
  29. Redazione di Messainlatino.it17 maggio 2011 23:15

    per favore, signori, evitiamo battute triviali da taverna . Se non altro per rispetto del Maestro!
    Ne ho cancellate due o tre proprio perchè di pessimo gusto e contra personam.
    Orsù, voliamo alto sicut musica.

    RispondiElimina
  30. Naturalmente mi hai cancellato il mio... D'ora in poi sarò chiamato Pietro il Romano, così uniformo il mio nome sui vari blog.

    RispondiElimina
  31. disapprovo la redazione18 maggio 2011 07:40

    siete un  blog non democratico a palombella ( anch'io penso questo ) si può dire che è deficiente, incompetente e lo pubblicate se qualcuno si azzarda a criticare bartolucci allora viene subito cancellato.... eh eh così non si fa......redazione fatti un esame di coscienza..............

    RispondiElimina
  32. Di "coscienza" furono seminati 7 ettari, ma non ne uscì nulla...

    RispondiElimina
  33. La Redazione applica giustamente la "Caritas in Veritate" per cui se il commento risponde a verità, viene lasciato per amore di Dio.
    Se non è veritiero, viene cassato.

    RispondiElimina
  34. chi critica la redazione, non sa che son stati cancellati i commenti di offesa verso una lettrice. cercando rime scurrili, e le relative battute.

    RispondiElimina
  35. ma cosa stai dicendo??? la redazione ha lasciato i commenti di critica contro bartolucci. Vatti a leggere ad esempio il commento di luana che critica e quasi offende il maestro bratolucci!! vattelo a rileggere!! e la redazione l'ha lasciato. mi aspetto le tue scuse verso la redazione. E riguardo l'esame di coscienza, inizia tu fartela, e pratica il silenzio sul blog, per penitenza!

    RispondiElimina
  36. Oggi è la prima volta che prendo la parola su questo sito, pur consultandolo - da tempo - ogni giorno.
    Vi trovo molte notizie interessanti, anche se i commenti sono a volte  acidi e tradiscono - mi sembra - poca carità cristiana.
    Riguardo al pontificale dell'altro giorno in San Pietro.
    E' stato commovente vedere la lunga teoria di sacerdoti che si avviavano processionalmente all'altare.
    Peccato però che i cardinali presenti fossero pochi: ho visto Levada (forse in quanto Presidente della Ecclesia Dei) e con stupore ho notato Rodé (non me lo aspettavo proprio). Bartolucci  - poi - è un mito (peccato però che sotto la sua veste paonazza si vedessero 10 centimetri di pantaloni).
    Ma dove erano i cardinali Canizales, Burke, Koch, Piacenza, Herranz (vicini alla causa tradizionalista)? Tutti assenti giustificati?
    E l'arcivescovo De Magistris? E mons Camillo Perl?
    Una saluto cordiale a tutti!

    RispondiElimina
  37. <span></span><span>I suoi due commenti, osservatore, questo e quello che ha lasciato in un altro thread, sono tipici di quelli che definisco "agro-dolci", una specie di sandwich con uno strato di miele, uno di aceto, uno di miele e uno di aceto, dico qualcosa di  gentile e poi faccio seguire il contentino da una picca e via dicendo. Risultato finale ambiguo, poco chiaro e poco appettibile, per il mio gusto che non obbligo nessuno a convdividere. ;)  
    </span>

    RispondiElimina
  38. altra musica e altri suonatori. Andate a leggervi il nuovo articolo con le sintesi di Zenit!

    RispondiElimina
  39. sono disorientato.........18 maggio 2011 10:38

    Domenico Bartolucci fu cacciato dall sistina con motivi ancora oggi poco chiari e senza che l'età lo giustificasse, visto lo stupefacente vigore con cui Bartolucci ha continuato da allora a dirigere e a comporre.

    La notizia, all'epoca, non trovò risalto. Passò come episodio d'un Vaticano minore. Quando invece toccava sul vivo uno dei passaggi più critici della Chiesa postconciliare. Il passaggio dall'antica alla nuova liturgia.

    I mandanti della defenestrazione del Maestro Bartolucci furono  PIERO MARINI  regista delle liturgie di massa care a papa Giovanni Paolo II: dal cardinale Virgilio Noé.

    Mentre il critico più severo - non della cacciata di Bartolucci ma delle ragioni che la motivarono - fu e resta  Joseph Ratzinger.

    Perchè il Santo Padre non gli ha ridato la Sistina dopo la fine di Liberto?? ( l'età non conta nulla!!!)

    Ecco il mio disorientamento , è possibile che Lui estremo difensore del Maestro abbia ( inconsapevolmente , ne sono sicuro)  messo male su male nominando uno come Palombella?? Qulacosa non torna , la dicotomia è tanta , Bartolucci anche a 90 anni potrebbe dirigere la SISTINA ...DICIAMOLO UN AVOLTA PER TUTTE!!!!!!

    RispondiElimina
  40. Gentile Luisa,
    non mi interessa essere appetibile.
    Ho fatto una premessa (condivisibile o meno) e sono poi passato ad una domanda concreta (sulla quale lei glissa competamente, nteressandosi - mi sembra - solo al mio modo di scrivere).
    Fra l'altro, nella lista dei cardinali assenti ho dimenticato Castrillon Hoyos.
    Un saluto cordiale 

    RispondiElimina
  41. io comincio a temere che nel prossimo Concistoro Piero Marini riceva la Porpora...paura.. :'(

    RispondiElimina
  42. Redazione di Messainlatino.it18 maggio 2011 11:05

    In verità, quel commento l'ho tolto. Ma delle scuse non c'è bisogno.

    FZ

    RispondiElimina
  43. Redazione di Messainlatino.it18 maggio 2011 11:06

    Questo è vero.

    FZ

    RispondiElimina
  44. Caro Davide,
    come fai ad avere questo timore, dopo il pontificale dell'altro giorno in San Pietro?
    Tieni anche conto del fatto che a mons. Piero Marini (con tutto il rispetto per la sua persona, direi che la defenestazione se l'è proprio cercata) è stato ora affidato un incarico che più marginale di così non potrebbe essere.
    A meno che il vento - in Vaticano - non cambi nuovamente.
    Non dimentichiamo infatti che Bugnini (artefice della riforma liturgica) fu confinato in Iran, ma uno dei suoi allievi prediletti è poi diventato maestro delle cerimonie pontifice   

    RispondiElimina
  45. Se Piero Marini ricevesse la porpora, allora faranno Frisina arcivescovo di Costantinopoli.
    Ma se l'arcivescovo di Costantinopoli si disarcivescoviscostantinopolizzasse, vi disarcivescoviscostantinopolizzereste anche voi come si era disarcivescoviscontantinopolizzato l'arcivescovo di Costantinopoli?

    RispondiElimina
  46. Piero Marini presto " parroco" della Basilica di San Pietro, Mons Frisina maetro dell Cappella Giulia, si parla di un cambio anche come maestro delle celebrazioni pontificie.......

    RispondiElimina
  47. tombola!
    Comastri a Milano?

    RispondiElimina
  48. Oddio! E adesso chi la sente la Madre superiora......?

    RispondiElimina
  49. E' la prima volta che partecipo a un dibattito qui dentro, ma se il buongiorno si vede dal mattino, aiuto...
    Mi sembra che la maggioranza di chi scrive sia piu interessata a fare battute saccenti, strampalate e autorefernziali che non a istaurare un dibattito educato e costruttivo

    RispondiElimina
  50. E ancor più grande emozione quella di essere stata a pochi metri dal M°! Momenti 'fotografici' che rimangono sigillati nella mente e nel cuore.

    RispondiElimina
  51. Medea di Euripide18 maggio 2011 12:56

    Gentile ospite, so già a cosa allude e dove vuole andare a parare, ma, veda, quando il lavoro è l'esercizio di un'arte possiamo dire che diviene, nelle fattispecie, l'esercizio dell'amore puro, e quei cantori di cui ne sta ascoltando la maestria sotto la sapiente guida del Maestro Bartolucci sono certamente servitori, ma al contempo OPERAI della vigna. Qualcuno ha detto che ogni operaio ha diritto al suo compenso o sbaglio? (Lc 10-1,9) dunque, a che pro questa inutile ironia??...Sono altre, e di gran lunga più gravi, le preoccupazioni che gravano sulla Musica Sacra, attualmente in serissimo pericolo, di cui ci si dovrebbe veramente  preoccupare...

    RispondiElimina
  52. Se non sbaglio Mons. De Magistris non è più a Roma, è tornato in Sardegna

    RispondiElimina
  53. Medea di Euripide18 maggio 2011 13:10

    ..."de altare manducat"..l..caro magnifico. Le spese della fondazione sono irrisorie se paragonate agli introiti che ammontano a svariati bigliettoni dai colori brillanti  dal verde al viola....
    "Omnia cum pretium", direbbe Giovenale, il guaio è che ci si vende pure la pelle dell'orso..

    RispondiElimina
  54. Uno che tenta di essere cristiano18 maggio 2011 13:10

    Non sarebbe meglio aspettare i decreti di nomina prima di annunciare certe novità?

    RispondiElimina
  55. Mio caro e miei cari, se voi avreste letto i commenti di quella lettrice in altri post avreste capito che persona fosse. A parte che io la rima non l'ho fatta, ma l'ho suggerita... e poi almeno è servito a chiuderle la bocca. Ah, per inciso, in altri post il minimo insulto che ci aveva rivolto è stato "Pervertiti". Comunque avevo messo in conto la loro cancellazione.

    RispondiElimina
  56. Burke è in america per dei convegni eccetera. Gli altri BOH!!!

    RispondiElimina
  57. Mi spiace se non siamo tutti santi come lei.

    RispondiElimina
  58. Medea di Euripide18 maggio 2011 14:06

     Io credo che dopo aver sentito una esecuzione così ricercata, perfetta, la quale è di una tale soavità che vi si avverte un'arcana gioia perchè ha il potere di mondare dalle impurità la nostra psiche sempre più inquinata da pensieri ed emozioni ordinarie! Dopo una simile immersione nel sacro non si può che sentire ripugnanza per l'attuale assetto della cappella musicale ridotta ad una sorta di babele, dove il nuovo direttore per evidente imperizia cerca appoggi, stampelle, collaborazioni in una sorta di "laboratorio sperimentale".... Personalmente ....mi verrebbe l'impeto di svalangare un florilegio di insulti all'indirizzo del pennuto e di coloro che hanno appoggiato questa nomina. Perché, vedete, quello fa più specie è il doverla subire una situazione di degrado che sarebbe facilmente risolvibile, come ?RIMOZIONE della causa e insediamento di un musicista capace...e ce ne sono..a partire da Miserachs e altri....tutti migliori del pennuto senza dubbio!

    RispondiElimina
  59. ma l'organo come mai non suona?

    RispondiElimina
  60. Almeno c'erano Schneider, Aillet e Negroni, oltre i cardd. Bartolucci, Rodè e Levada.
    Certo Canizares defilatosi non ha fatto una bella figura.....
    Comunque credo che S.E. Brandmuller ha cantato meglio.

    RispondiElimina
  61. Se facciamo solo discorsi seri dicono che siamo dei piagnoni insopportabili.
    Se diciamo qualche facezia siamo autoreferenziali e perdigiorno.
    Meglio prenderla a ridere, caro Placentinum.
    Pensi che il mio vescovo è stato, all'uopo, nominato Delegato Ap. per il carnevale di Putignano.

    RispondiElimina
  62. Non solo Ha cantato meglio! Ha un modo di celebrare, una gestualità veramente soave, sembra che non abbia mai smesso di celebrare la messa di sempre. Canizarès sbaglia anche a genuflettere.

    RispondiElimina
  63. Pechè la Polifonia classica romana è puramente vocale. Pensa che l'organo in san Pietro non è stato costuito fino a metà ottocento!!

    RispondiElimina
  64. Non mi interesso solo alla forma ma al contenuto ed è il contenuto agrodolce che non mi conviene, ma è solo il mio gusto, è anche per questo che non ho voglia di gustarlo.

    RispondiElimina
  65. <span>Non mi interesso solo alla forma ma al contenuto ed è il contenuto agrodolce che non mi conviene, ma è solo il mio gusto, è anche per questo che lo vedo e passo oltre.  </span>

    RispondiElimina
  66. Cliccate sui dettagli di "dal Palazzo" e vedrete i contributi sotto altri nick, no comment.

    RispondiElimina
  67. Osservatore ha dimenticato lo strato dolce del suo sandwich agrodolce, resta solo l`acido. Scontato e prevedibile sin dal suo primo commento.

    RispondiElimina
  68. Medea di Euripide18 maggio 2011 15:58

    <span> Credo che dopo aver ascoltato una esecuzione così ricercata, perfetta, di una tale soavità tanto che, vi si avverte un'arcana gioia quasi avesse il potere di mondare, dalle impurità, la nostra psiche sempre più inquinata da pensieri ed emozioni ordinarie! Ebbene, dopo una simile immersione nel sacro come non avvertire ripugnanza per l'attuale assetto della cappella musicale, ridotta ad una sorta di babele, dove il nuovo direttore , per evidente imperizia, cerca appoggi, stampelle, collaborazioni: una sorta di "laboratorio sperimentale" , dove si assisste a squallidi siparietti, ammiccamenti, dispettucci meschini!</span>
    <span>Personalmente mi verrebbe l'impeto di scaraventare un florilegio di insulti all'indirizzo del pennuto e di quanti hanno appoggiato e incoraggiato questa nomina. Perché, vedete, quello fa più specie è il dover subire un tale degrado facilmente risolvibile: come ? RIMOZIONE! Basterebbe rimuovere la causa e rinominare  un musicista capace...e ce ne sono molti :  da Miserachs in giù....tutti migliori del pennuto senza ombra dubbio!</span>

    RispondiElimina
  69. Medea di Euripide18 maggio 2011 16:03

    <span><span> Credo che dopo aver ascoltato una esecuzione così ricercata, perfetta, di una tale soavità tanto che, vi si avverte un'arcana gioia quasi avesse il potere di mondare, dalle impurità, la nostra psiche sempre più inquinata da pensieri ed emozioni ordinarie! Ebbene, dopo una simile immersione nel sacro come non avvertire ripugnanza per l'attuale assetto della cappella musicale, ridotta ad una sorta di babele, dove il nuovo direttore , per evidente imperizia, cerca appoggi, stampelle, collaborazioni: una sorta di "laboratorio sperimentale" dove si assiste supinamente a squallidi siparietti, ammiccamenti, dispettucci meschini!</span>  
    <span>Personalmente mi verrebbe l'impeto di scaraventare un florilegio di insulti all'indirizzo del pennuto e di quanti hanno appoggiato e incoraggiato questa nomina. Perché, vedete, quello che a me personalmente scandalizza è il dover subire un tale degrado che sarebbe facilmente risolvibile: come ? RIMOZIONE! Basterà rimuovere la causa e rinominare  un musicista capace, un direttore che sia in grado di assolvere un compito così importante e delicato...e ce ne sono molti :  dal M° Miserachs in giù sono tutti migliori del pennuto senza ombra dubbio!</span></span>

    RispondiElimina
  70. Medea di Euripide18 maggio 2011 16:06

    QUANTO MI PIAAACE QUESTO AMICOOoo!!!! ..MMmm...MEDEA SOTTOSCRIVE IL TUO INTERVENTO PAROLA PER PAROLA...MEDEA E' CON  ;)  TE FOR EVERR!!!

    RispondiElimina
  71. Medea di Euripide18 maggio 2011 16:10

    <span>QUANTO MI PIAAACE QUESTO AMICOOoo!!!!... ..MMmm...MEDEA SOTTOSCRIVE IL TUO INTERVENTO AMICO MIO, PAROLA PER PAROLA...TI FARO' CINGERE IL CAPO D'ALLORO DA APOLLO IN PERSONA!</span>

    RispondiElimina
  72. Medea di Euripide18 maggio 2011 17:27

    <span><span>Che smacco!!! Grande Maestro Bartolucci!</span></span>
    <span><span>Credo che dopo aver ascoltato una esecuzione così ricercata, perfetta, di una tale soavità tanto che, vi si avverte un'arcana gioia quasi avesse il potere di mondare, dalle impurità, la nostra psiche sempre più inquinata da pensieri ed emozioni ordinarie! Ebbene, dopo una simile immersione nel sacro come non avvertire ripugnanza per l'attuale assetto della cappella musicale, ridotta ad una sorta di babele, dove il nuovo direttore , per evidente imperizia, cerca appoggi, stampelle, collaborazioni: un "laboratorio sperimentale" dove si assiste supinamente a squallidi siparietti, ammiccamenti, dispettucci meschini!</span>    
    <span>Personalmente mi verrebbe l'impeto di scaraventare un florilegio di insulti all'indirizzo del pennuto e di quanti hanno appoggiato e incoraggiato questa nomina. Perché, vedete, quello che a me personalmente scandalizza è il dover subire un tale degrado che sarebbe facilmente risolvibile: come ? RIMOZIONE! Basterà rimuovere la causa e rinominare  un musicista capace, un direttore che sia in grado di assolvere un compito così importante e delicato...e ce ne sono molti :  dal M° Miserachs in giù sono tutti migliori del pennuto senza ombra dubbio!</span></span>

    RispondiElimina
  73. Medea di Euripide18 maggio 2011 17:29

    ...battute triviali contro il Maestro Bartolucci!?? 
    Chiedo lumi alla redazione!

    RispondiElimina
  74. Ma sia dia una calmata e la finisca di pontificare a destra e a sinistra. Durante i suoi "pseudo" rapimenti mistici (tipo quello da lei percepito durante il rito dell'altro giorno) chieda al Signore il dono dell'umiltà e della fede

    RispondiElimina
  75. Però l'organo aiuta a toccare il soprannaturale (almeno per me è cosi)

    RispondiElimina
  76. anche per me, e difatti lo adoro. Anzi, sono pure controcorrente perchè a me il gregoriano piace moltissimo accompagnato, mentre di regola andrebbe cantato senz'organo sotto...

    RispondiElimina
  77. standing ovation per medea!!!! applauso !!!!! oh, CE le hai dette proprio bene, CE le hai!!

    RispondiElimina
  78. Buongustaio!

    RispondiElimina
  79. Medea di Euripide18 maggio 2011 19:41

    ma da uno [massimo] che si fa chiamare anche Luana ...cosa ci si può aspettare se non oscenità.

    RispondiElimina
  80. Probabilmente i veri intenditori del gregoriano  lo prferiscono senza l'accompagmanto dell'organo, ma per me (che non sono affatto un intenditore) l'organo è quasi essenziale per apprezzarlo 

    RispondiElimina
  81. Guarda, se il gregoriano è cantato VERAMENTE  bene l'organo ti sembra quasi un fastidio, qualche volta... Però la stragarnde maggioranza del gregoriano è buono, ma non eccezionale, e lì l'organo ci va... Anche perchè non è che io apprezzi quei gregoriani perfettissimi che poi li canta solo la schola, è bello che tutti cantino, anche gli stonati(a fior di labbara ovviamente!!!!). Infatti canti come il tantum ergo hanno quel loro bellissimo e mistico trasporto quando tutti vociano e l'organo sotto ci và giù coi registri, che non avrebbero se cantati con pur necessaria precisione. Ah, per inciso: a me il gregoriano "sussurrato" di Solesmes fa venire il nervoso!!! E' un canto per voci virili!!!!

    RispondiElimina
  82. Bene,  la maschera è caduta e rivela il suo vero volto, ma non ne sono stupita.
    Non mi abbasserò al suo livello.

    RispondiElimina
  83. <span>Guarda, se il gregoriano è cantato VERAMENTE  bene l'organo ti sembra quasi un fastidio, qualche volta... Però la stragarnde maggioranza del gregoriano è buono, ma non eccezionale, e lì l'organo ci va... Anche perchè non è che io apprezzi quei gregoriani perfettissimi che poi li canta solo la schola, è bello che tutti cantino, anche gli stonati(a fior di labbra ovviamente!!!!). Infatti canti come il tantum ergo hanno quel loro bellissimo e mistico trasporto quando tutti vociano e l'organo sotto ci và giù coi registri, il che non sarebbe se cantati con pur necessaria precisione. Ah, per inciso: a me il gregoriano "sussurrato" di Solesmes fa venire il nervoso!!! E' un canto per voci virili, non per pretini!!!! La bella musica da chiesa (leggi:da parrocchia) è quella dei pretoni di una volta che quasi ti cantavano i prefazi in tono lirico, con le vecchie che sincopano a manetta!!! (non è una parolaccia, significa chetengono lunghe le finali della serie TANTUMERGOSACRAMEEEEEEENTUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUUM!!!  Poi, ovvio che in San pietro miaspetto solo l'eccelenza e la precisione tecnica. Ma in parrocchia va benissimo questo:</span>

    http://www.youtube.com/v/RjXDiuV4ALg" type="application/x-shockwave-flash" width="170" height="140

    RispondiElimina
  84. <span>Bene,  la maschera è caduta e rivela il suo vero volto, ma non ne sono stupita.  
    Non mi abbasserò al suo livello.  </span>
    Ma il suo commento, così vergognoso e indegno, mi dice solo che è meglio non lasciarsi andare a testimonianze personali su un blog perchè si corre il rischio di cadere su persone come lei.

    RispondiElimina
  85. <span><span>Bene,  la maschera è caduta e rivela il suo vero volto, ma non ne sono stupita.    
    Non mi abbasserò al suo livello.  </span>  
    Ma il suo commento, così sprezzante, vergognoso e indegno, mi dice solo che è meglio non lasciarsi andare a testimonianze personali su un blog perchè si corre il rischio di cadere su persone come lei.
    </span>

    RispondiElimina
  86. No, le battute triviali erano le mie, ma non contro il maestro. Leggi un po' sotto che mi spiego meglio. Comunque quella se la era cercata!!

    RispondiElimina
  87. Infatti la rima incriminata era la mia,,, ehm!!!!! Mea Culpa!!

    RispondiElimina
  88. Medea di Euripide18 maggio 2011 20:33

    ..."de altare manducat"...Quali sono le spese vive della fondazione ?!  =-X ..mmm...mmmm...

    RispondiElimina
  89. Medea di Euripide18 maggio 2011 20:37

    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA grande Placentium !!

    RispondiElimina
  90. Ma questo non è gregoriano, suvvia Placentinum!
    é tardo canto fratto melodizzato con accompagnamento di armonium e perdipiù ampiamente tonalizzato.
    Le nostre chiese meridionali erano piene di questa roba fino agli anni Quaranta, poi ci fu un declino, ove certe riforme musicali ceciliano-solesmensi attecchirono, almeno parzialmente.
    La gestualità è parte dell'apparato.
    Comunque il Passio di frisina, cantato alla domenica delle Palme da p.za S. Pietro non è meglio di queste cose!
    Con l'aggravante che questo è l'Ufficio delle Tenebrae - officato da una qualche Confraternita - e quella è la Messa papale della Domenica di Passione, cantata nienetepopodimenochè dal Coro del Vicariato dell'Urbe!
    Viva i Padri nostri!

    RispondiElimina
  91. Placentinum, condivido in pieno le tue analisi, e soprattutto la descrizione della VERA partecipazione del popolo al canto, anche nella fiorita descrizione delle vecchiette dei primi banchi che rispondono al "recitativo" del celebrante.
    Concordo invece sulla presenza dell'organo. Esso deve essere completamente assente nella polifonia cinquecentesca, meravigliosa. Laxus, Palestrina, Allegri, Da Victoria, Gabrieli. Sarebbe come mettere l'impalcatura ad una cattedrale.
    Il gregoriano è invece, a mio personalissimo parere, un canto al servizio della liturgia. Mi piace l'alternanza dei versetti fra schola e popolo. Un discreto intervento dell'organo a volte può servire ad evitare sgradevoli "calate"...
    La grande mistificazione è stata quella che spacciava lo svacco della musica sacra come democratizzazione: ma ditemi voi, la Missa de Angelis la cantava tutto il mondo... oggi ogni parrocchia canta il Sanctus di Frisina, di Giombini, del Gen Rosso o Verde, di Sequeri, e altre creazioni di pari oscenità. Se cambiate parrocchia, c'è il 5% di probabilità che tu conosca tutti i canti.
    Ma questa è garanzia di partecipazione, di coinvolgimento del popolo, altro che l'elitario e settario gregoriano.

    RispondiElimina
  92. Rilegga i suoi e ne riparliamo.
    Io ho provato a confrontarmi con lei sui contenuti, ma ha insistito - in modo reiterato - a snobbarli per vestire i panni della psicologa che interpreta il mio modo di pormi, di scrivere ecc.
    Ho notato che qui dentro il bisitccio è molto frequente e ciò mi fa dedurre che molti sono interessati alla forma e poco alla sostanza.
    E guardi che non mi impressiona affatto con il suo piglio da professoressa in pensione inacidita
        

    RispondiElimina
  93. AHAHAHH lo sapevo che qualcuno mi saltava fuori, volevo anche specificarlo!!!! Ma don Magnifico, per chi mi ha preso???? E' ovvio che non è gregoriano!!! Io l'ho messo lì come esempio di canto "di una volta".... Sì, dal mio intervento mi sono reso conto io stesso che qualcuno potesse pensare che intendessi per gregoriano anche quel canto delle lamentazioni.... MA PRORPIO LEI CHE MI FA UN'OSSERVAZIONE PENSANDO CHE IO SCAMBI QUESTO CANTO "FIGURATO"( LO CHIAMO COSì PER LA MIMICA ; ) ) COME MINIMO MI OFFENDE!!!!!! ;) ;) ;) ;) ;) ;) ;) mi chiamo mica Palombella.....

    RispondiElimina
  94. Ti prego, dimmi che non è vero (ciò che ha detto "dal palazzo")

    RispondiElimina
  95. Dico, non mi avrà mica preso per l'ospite sopra che chiede perchè l'organo non accompagna la il Credo della Papae Marcelli, eh?? Senza offesa ospite, ma la sua osservazione fa un po' sorridere, ma la capisco benissimo: anch'io anni fa avrei potuto benissimo farla!!

    RispondiElimina
  96. Redazione di Messainlatino.it18 maggio 2011 23:15

    Non è assolutamente vero. È solo lo scherzo di un provocatore che si è divertito a scrivere quello che ha scritto "per vedere di nascosto l'effetto che fa...". Lo lascio come monito a non farsi imbrogliare dal primo che passa e a non fidarsi di tante "indiscrezioni" che vengono pubblicate qua e là. In fondo su internet chiunque può scrivere quello che vuole.
    Dal palazzo-implosione-don gallo: occhio.

    FZ

    RispondiElimina
  97. Redazione di Messainlatino.it18 maggio 2011 23:17

    D'accordo, quella luana (ammesso che fosse il suo vero nome) era solo una guastatrice... la cosa finisce qui.

    FZ

    RispondiElimina
  98. Redazione di Messainlatino.it18 maggio 2011 23:24

    Osservatore: è vero, purtroppo il bisticcio qui è molto frequente, e se ne è appena avuta una prova. Sarà che si discute di argomenti che ci stanno molto a cuore... siamo tutti umani e peccatori, e gli animi si possono accendere facilmente.
    Se il suo intento, per riprendere le sue parole, è quello di instaurare un dibattito costruttivo, la sua presenza sarà sicuramente bene accetta. Invito comunque tutti a deporre le ostilità.

    FZ

    RispondiElimina
  99. daaiiiiiiiiiii... da dove è tratto? grazieeeeeee

    RispondiElimina
  100. Caro don Magnifico, non disprezzi questa musica e questo modo di cantare! Io sto facendo una ricerca in merito e le posso dire che questa sorta di "gregoriano popolarizzato" era veramnete canto di tutti, anche perché nelle parrocchie rurali e di montagna, dove non c'erano cappelle musicali, era la gente che cantava. E cantava secondo il proprio stile e modo: questo era veramente canto popolare, altro che le canzoncine da deficienti poi introdotte, che quasi nessuno canta né canterà.

    RispondiElimina
  101. Caro don Magnifico, non disprezzi questa musica e questo modo di cantare! Io sto facendo una ricerca in merito e le posso dire che questa sorta di "gregoriano popolarizzato" era veramnete canto di tutti, anche perché nelle parrocchie rurali e di montagna, dove non c'erano cappelle musicali, era la gente che cantava. E cantava secondo il proprio stile e modo: questo era veramente canto popolare, altro che le canzoncine da deficienti poi introdotte, che quasi nessuno canta né canterà.

    RispondiElimina
  102. E il moderatore non ha altro da dire a Osservatore che ha avuto quelle parole odiose e indegne ?
    FZ trova normale che un blogger possa  scrivere<span> " durante i pseudo" rapimenti mistici (tipo quello da lei percepito durante il rito dell'altro giorno) chieda al Signore il dono dell'umiltà e della fede"?</span>
    Quelle parole vergognose sarebbero solo il frutto di un animo "acceso"?
    Avrei potuto sorridere, dicendomi che siamo in molti ad aver essere state vittime di quei " pseudo rapimenti mistici", Enrico in primis, ma quella persona si è rivolta a me, in quel modo odioso e vergognoso, perchè, senza sbagliarmi, purtroppo, ho da subito letto fra le righe i suoi commenti.

    RispondiElimina
  103. Ci sono dei canti gregoriani che può cantare il popolo (ordinarium missae), altri invece (quelli del porprium), sin dall'antichità sono stati per la loro complessità melodica riservati alla schola, costituita da un piccolo gruppo di specialisti. Come farebbe il popolo a cantare un graduale, un alleluia o un offertorio?

    RispondiElimina
  104. <span>E il moderatore non ha altro da dire a Osservatore che ha avuto quelle parole odiose e indegne ? 
    FZ trova normale che un blogger possa  scrivere<span> " durante i pseudo" rapimenti mistici (tipo quello da lei percepito durante il rito dell'altro giorno) chieda al Signore il dono dell'umiltà e della fede"?</span> 
    Quelle parole vergognose sarebbero solo il frutto di un animo "acceso"? È vero che...?
    Avrei potuto sorridere, dicendomi che siamo in molti ad aver essere state vittime di quei " pseudo rapimenti mistici", Enrico in primis, ma quella persona si è rivolta a me, in quel modo odioso e vergognoso, perchè, senza sbagliarsi, purtroppo, </span><span>la "professoressa in pensione inacidita",</span><span> (passato inosservato presso il moderatore), </span><span>ha da subito letto fra le righe i suoi commenti. </span>


    <span>
    </span>

    RispondiElimina
  105. Caro moderatore,
    grazie per le tue parole piene di saggezza e di equilibrio, anche se non sono d'accordo sul fatto che gli animi si possano accendere facilmente.
    Oggi ho scritto per la prima volta in questo blog e tutto mi aspettavo, ma non di ritrovarmi a dover rispondere per le rime a una prfessoressa in pensione e - molto probabilemnte - non accasata.
    Mi aspettavo un dibattito costruttivo (mi chiedevo, ad esempio, se gli altri conoscessero  il motivo di alcune assenze eccellenti) e al limite una parola di benvenuto o di simpatia (come in genere si fa con le new entries), ma la gran signora (molto probabilmente signorina) si è messa a trattarmi da scolaretto.
    Ha trovato pane per la sua dentiera.
    E ora la sventurata, non paga dalle tue parole pacificatrici, starnazza e chiede la mia testa. Essa vede la pagliuzza nell'occhio altrui, ma non la trave nel suo.
    Vai, ti prego, a rileggere tutti i miei commenti commenti e vedrai come mi sono posto nei suoi confronti.
    Comunque ti prometto che l'incidente per me è chiuso e non risponderò più a un suo probabilissimocommentoa questo mio ultimo post. Buon riposo (considerata l'ora....)     

    RispondiElimina
  106. State attenti perchè c`è un nuovo venuto su questo blog...osservatore...che, leggendovi, dirà che siete affllitti di "pseudo" deliri mistici !

    RispondiElimina
  107. Lascerò la REDAZIONE giudicare se è tollerabile che un blogger usi certi termini offensivi, a quelli di ieri se ne sono aggiunti altri, comunque faccio un breve sunto dei commenti, solo su questo thread,  del nuovo arrivato animato da così  buone intenzioni e sentimenti:

    "Oggi è la prima volta che prendo la parola su questo sito, pur consultandolo - da tempo - ogni giorno.  
    Vi trovo molte notizie interessanti, anche se <span>i commenti sono a volte  acidi e tradiscono - mi sembra - poca carità cristiana. </span>

     
    "E' stato commovente vedere la lunga teoria di sacerdoti che si avviavano processionalmente all'altare.  
    Peccato però<span> </span><span>che i cardinali presenti fossero pochi</span>
    :"...

    "Bartolucci  - poi - è un mito (peccato però c<span>he sotto la sua veste paonazza si vedessero 10 centimetri di pantaloni)."</span><span>  </span>

    "E' la prima volta che partecipo a un dibattito qui dentro, ma se il buongiorno si vede dal mattino, aiuto...  
    <span>Mi sembra che la maggioranza di chi scrive sia piu interessata a fare battute saccenti, strampalate e autorefernziali che non a istaurare un dibattito educato e costruttivo</span>
    "

    Nessun bisogno di avere una laurea in scienza della comunicazione per "leggere fra le righe" quei contributi, la "new entry" non ha apprezzato che ci sia chi gli abbia da subito fatto notare l`"agrodolce" dei suoi commenti trasformatosi molto rapidamente in  "agro", molto agro, di cui ha perduto il controllo.

    RispondiElimina
  108. Io li canto sempre, col mio liber usualis. Ma perchè so cantare... Però non vedo che ci sarebbe di male se il proprio venisse cantato anche dal popolo, almeno le feste maggiori. Ovviamente il canto del popolo sarà sussurrato, sottovoce, come fanno quelli che non san cantare, ma vuoi mettere che coinvolgimento??? E' proprio così implausibile che il popolo sappia a memoria introiti come "resurrexi" "dignus est agnus" "Dominus dixit ad me"? Certo che prima ci vorrebbe una rieducazione musicale del popolo... però, alla messa da requiem, il popolo canta anche il proprio, avendolo sentito spessissimo lo ha fatto suo, anche però perchè è abbastanza "facile"(o meglio: cantava...sigh... se mi viene in mente che mia zia ottuagenaria sa a memoria diverse messe,  la novena di natale, il vespro, salmi, inni, cantici e responsorii... e non era che un'umile contadina di un paesino di montagna....)

    RispondiElimina
  109. No, ma non mi sembra che don Magnifico le disprezzi... Ha frainteso il mio intervento e mi ha corretto(e giustamente!!) Ma non vedo disprezzo per queste forme nel suo intervento...

    RispondiElimina
  110. <span>No, ma non mi sembra che don Magnifico le disprezzi... Ha frainteso il mio intervento e mi ha corretto(e giustamente!!) Ma non vedo disprezzo per queste forme nel suo intervento... (ah, quello del cantore lì sopra non è ASSOLUTAMENTE gregoriano... Han proprio due origini diverse...)
    </span>

    RispondiElimina
  111. Placentinum, vorrei mettermi in contatto con Lei se conosce dei luoghi dove ci siano persone anziane che sanno ancora i vecchi canti liturgici di tradizione orale. Se ne conosce me lo dica, verrei a registrarle, posso lasciare i miei recapiti alla redazione per poi metterci in contatto direttamente. Grazie.

    RispondiElimina
  112. Per esempio sua zia, s esa ancora tutti questi canti, sarebbe senz'altro da registrare, magari insieme con altre coetanee!

    RispondiElimina
  113. Caro moderatore
    ieri sera (neglio ieri notte) mi ero ripromesso di non piu intervenire su questo missunderstanding, ma la signorina è troppo esilarante  e non riesco alla tentazione di divertirmi ancora un pochino.
    Il suo rigore mentale e metodologico la induce a mettere in primo piano solo i post (da me scritti) che più le fanno comodo.
    Essa dimentica quelli nei quali mi rivolgevo a lei con "Gentile..." e che concludevo con "i saluti più cordiali". La invitavo anche  a prendere posizione sui miei quesiti.
    Lei invece, dall'alto della sua spocchia non salutava neppure (come se alle vecchie signorine tutto fosse dovuto) e snobbava quanto scrivevo. Quando mi ha fatto capire che ero un mediocre, talmente prevedibile da non meirtare alcuna attenzioe, ho reagito (lo ammetto) a gamba tesa.
    Riguardo ai miei post, (che ha sottoposto alla tua attenzione con tanto di sottolineature, dimostrndo la sua indole di maestrina molto rétro), dimmi tu cosa c'è di offensivo a rilevare che i cardinali presenti alla messa in San Pietro fossero pochi e che sotto l'abito corale sarebbe  bello non vedere i pantaloni.
    A tal proposito il grande mons Guido Marini, a un certo punto, quando notificava le cerimonie papali, chiedeva (cfr. Osservatore Romano di un paio di anni fa) ai cardinali e ai vescovi di indossare le calze rosse o viola. Questa sua richiesta, purtroppo, è sparita quasi subito dalle sue notificazioni. Devo però dire che le calze rosse o viola hanno senso solo se indossateinsieme ai pantaloni alla zuava.  

    RispondiElimina
  114. Lungi da me l'idea di disprezzare quei canti! Lo avete inteso benissimo.
    Meglio quelli che tante scemenze odierne.
    Erano fatti con il cuore e con il gusto (condivisibile o meno) ed erano intonati su testi "perfettamente ortodossi".
    Permettetemi di apprezzare più il gregoriano autentico, sebbene lo esegua in modo "romanizzato" nell'emissione e accompagnato il più delle volte, onde favorire l'accodarsi anche del popolo.
    Qualcosa di più specialistico lo faccio con un gruppetto di uomini più esperto, e a voci scoperte. Ma è cosa alquanto rara.
    Vorrei rirpistinare il Passio cantato, ma trovare diaconi in grado di imparare (non che lo sappiano, eh!) è opera improba.
    Da alcuni anni ho rimesso in uso l'Exultet e questo Sabato Santo scorso, lo ho fatto cantare a un mio giovanissimo cantore diciottenne, giusto per cancellare l'ignobile "Esulti il coro degli angeli" di Parisi........
    Alla fine anche il sagrestano Gastry che, in abito "corale" sembra un pò mons. Enrico Dante, se ne è compiaciuto.
    Comunque vi incoraggio a ritrovare e trascrivere quei canti figurati e fratti, tanto cari ai nostri vecchi, che il pretame post-conciliare iconoclasta e liberticida ha cancellato del tutto, per far posto a cose indegne della Casa di Dio.
    Coraggio! Andiamo avanti.
    Non ostante Palombella.

    RispondiElimina
  115. caro Angelo, venga a Pontecorvo (FR) nella parrocchia di San Nicola durante la tredicina di Sant'Antonio, sarà molto interessante per le sue ricerche!!

    RispondiElimina
  116. Ma per vecchi canti di tradizione orale cosa intende?? Perchè qua da me sanno solo i repertori gregoriani tradizionali... L'unica cosa che sanno ancora cantare le poche sopravvissute sono messa da morto e "de angelis", ma mi racconta sempre la zia che fino al concilio a messa si cantavano anche canti polifonici eccetera.... con tanto di solisti e solista, e pensi che il suo paese è uno sperduto e poverissimo paesino sull'appennino piacentino... Però esiste ancora un paese "vicino" al notro, chiamato Cattaragna dove sono famosi perchè ai funerali non hannoi mai smesso di cantare la messa da requiem, e quella credo su un tono particolare... Purtroppo non so se oggi ci sono ancora abbastanza anziani per registrarla. Però il loro canto della messa per i defunti era così famoso che ne è stata fatta una registrazione... posso reperirla, convertirla in qualche formato e inviargliela se le interessa, ma ci vorrà un mesetto circa.. Ah, sempre la zia mi racconta che in parrocchia TUTTE le sere c'era rosario cantato e poi prove di canto!!!

    RispondiElimina
  117. <span>Ma per vecchi canti di tradizione orale cosa intende?? Perchè qua da me sanno solo i repertori gregoriani tradizionali... L'unica cosa che sanno ancora cantare le poche sopravvissute sono messa da morto e "de angelis", ma mi racconta sempre la zia che fino al concilio a messa si cantavano anche canti polifonici eccetera.... con tanto di solisti e solista, e pensi che il suo paese è uno sperduto e poverissimo paesino sull'appennino piacentino... Però esiste ancora un paese "vicino" al notro, chiamato Cattaragna dove sono famosi perchè ai funerali non hannoi mai smesso di cantare la messa da requiem, e quella credo su un tono particolare... Purtroppo non so se oggi ci sono ancora abbastanza anziani per registrarla. Però il loro canto della messa per i defunti era così famoso che ne è stata fatta una registrazione... posso reperirla, convertirla in qualche formato e inviargliela se le interessa, ma ci vorrà un mesetto circa.. Ah, sempre la zia mi racconta che in parrocchia TUTTE le sere c'era rosario cantato e poi prove di canto!!!</span>

    RispondiElimina
  118. Beh, accompagNATO E ROMANIZZATO... direi che viaggiamo sugli stessi binari in quantoa gusti musicali!!!

    RispondiElimina
  119. Redazione di Messainlatino.it19 maggio 2011 14:17

    Ho fatto un po' di repulisti. Inutile l'appello alla concordia. Quando le parole non bastano, i contendenti vanno separati con la forza. L'alterco finisce qui.

    FZ

    RispondiElimina
  120. Bene ha fatto a ripulire, ma mi permetto di dire che non apprezzo  che il moderatore mi metta sullo stesso piano di chi ha avuto parole vergognose e indegne nei miei confronti, non mi considero affatto contendente di chi si abbassa a quel livello di maleducazione  che non dovrebbe essere tollerato su un blog e che il mio vocabolario italiano  non mi aiuta nel qualificare come lo meriterebbe.
    Comunque, con e malgrado questa piccola riserva, ringrazio FZ che si mostra un moderatore attento e presente.

    RispondiElimina
  121. <span></span>
    <span>Bene ha fatto  FZ a ripulire, ma mi permetto di dire che non apprezzo che moderatamente che mi metta sullo stesso piano di chi ha avuto parole vergognose e indegne nei miei confronti, non mi considero affatto contendente di chi si abbassa a quel livello di maleducazione  che non dovrebbe essere tollerato su un blog e che il mio vocabolario italiano  non mi aiuta nel qualificare come lo meriterebbe.  
    Comunque, con e malgrado questa piccola riserva, ringrazio FZ che si mostra un moderatore attento e presente.</span>

    RispondiElimina
  122. <span>
    <span>Bene ha fatto  FZ a ripulire, e lo ringrazio,  ma mi permetto di dire che non apprezzo che moderatamente che mi metta sullo stesso piano di chi ha avuto parole vergognose e offensive nei miei confronti, non mi considero affatto contendente di chi si abbassa a quel livello di maleducazione  che non dovrebbe essere tollerato su un blog e che il mio vocabolario italiano  non mi aiuta nel qualificare come lo meriterebbe.    
    Comunque, con e malgrado questa piccola riserva, ringrazio FZ che si mostra un moderatore attento e presente.</span></span>

    RispondiElimina
  123. Beh, ho studiato con maestri romani, di cui qui non faccio i nomi, ma che avrebbero potuto man-tenere o tenere la Cappella Sistina in luogo dell'attuale sommo direttore..... ;)
    e nel mio meridione quel gusto non è mai venuto meno, se non a causa delle picconate inferte dal repertorio parisiano e dalle struggenti melensaggini frisiniane.
    Ancora nella mia infanzia un mio maestro - che Dio l'abbia in gloria! - foggiano di origine, faceva cantare gli uomini della schola in modo non distante dalla stile perosiano e noi bambini con grande impegno vocale.
    Quel poco che riesco a difendere, da 25 anni, in mezzo ad un mare di ostilità clericale e di totale incompetenza liturgica e musicale, lo devo ai grandi vecchi, insegnanti e alcuni miei cantori (qualcuno passato a miglior vita) e - paradossalmente - lo sto trasmettendo ad uno sparuto gruppo di giovanissimi però spesso lusingati o rubati dalle sirene che infestano gli ambienti ecclesiali, in primis, e poi l'intera società (scuola, famiglie, associazioni etc etc).
    Consoliamoci che, almeno la Sistina, è destinata a magnifiche sorti e progressive come commentava Caroletti (ops!) all'ultima lettera di mons. Favella.

    RispondiElimina
  124. Gentile ospite, essendo a Milano la cosa non è semplicissima, però se valesse davvero la pena si potrebbe prendere in considerazione. Semmai mi spieghi meglio di che si tratta e se non è ancora stato registrato e studiato. Grazie!

    RispondiElimina
  125. Grazie caro FZ.
    Avrei comunque trovato più giusto che tu - per equità - non cancellassi solo i miei ultimi post,  ma anche quelli di controparte.
    Essa, accecata dall'odio, non è comunque contenta e vorrebbe tu partissi verso la Lombardia per eliminarmi fisicamente.
    Mi spiace solo che siano andate perse le mie considerazioni sui pantaloni alla zuava. Mi sarebbe piaciuto leggere cosa pensano in proposito gli altri blogger.
    Saluto cordialmente te e gli altri lettori

    RispondiElimina
  126. So che ci sono stati alcuni studi, come canto popolare, non so però da che punto di vista specifico. Potrebbe anche contattare la studiosa Giuseppina Colicci. Ecco un link in cui può ascoltare intanto qualcosa che si riferisce più o meno all'argomento in questione, anche se non si tratta della Tredicina e del canto gregoriano, è cmq interessante.

    http://youtu.be/YlPJg4bPB-U 

    RispondiElimina
  127. Caro Don Magnifico (di rossiniana memoria  ;) ), mi sembra di capire che vive in Puglia. Conosce Don Luigi Di Palma (o De Palma non ricordo bene)? un sacerdote molto colto, amante della musica e della schola romana... insegnava in laterano... gli devo molto della mia formazione! E non ho mai potuto dirglielo... 
    Perdoni l'aver ceduto ai ricordi... ma se lei lo conoscesse, potrebbe mettermi in contatto con lui! 
    ad ogni modo grazie per la pazienza! :-D

    RispondiElimina
  128. Don Luigi De Palma mi pare viva a Molfetta e, sebbene mi dicono che sembri molto invecchiato, deve essere parecchio più giovane di me che, pur non arrivando alla veneranda età di mons. Favella, ormai ho superato gli ...... anta.
    Un mio cantore ha rapporti con lui, per via di alcune funzioni dell'Ordine del S. Sepolcro, che don De Palma presiede ogni tanto, in quanto dovrebbe esserne cappellano in quella ridente cittadina pugliese.
    Per avere sue notizie dovrebbe contattare la delegazione di Molfetta dell'OESSG.
    Personalmente non lo conosco, ma mi dicono sia un profondo studioso e ritengo di aver letto in passato anche qualche libro suo.

    RispondiElimina
  129. Redazione di Messainlatino.it20 maggio 2011 11:28

    Grazie.

    FZ

    RispondiElimina
  130. Redazione di Messainlatino.it20 maggio 2011 11:37

    Saluti a lei. Il mio invito alla sua presenza resta valido. Credo tra l'altro che dei pantaloni alla zuava si possa parlare serenamente, anche se forse non sono la cosa più importante...

    FZ

    RispondiElimina
  131. grazie mille, molto interessante, penso che la Ciociaria sia ancora un luogo dove si potrebbero fare ricerche fruttuose anche nello specifico campo del canto liturgico di tradizione orale. Può mandarmi un recapito della studiosa all'indirizzo artemusicfestival@gmail.com? Grazie

    RispondiElimina
  132. Ringrazio di tutto cuore!! :)

    RispondiElimina
  133. Sto facendo un lavoro di ricerca che sfocerà in una pubblicazione (libro + 2CD) in collaborazione con la regione Lombardia e l'Associazione MUSA sui canti di tradizione orale nell'area delle 4P legati alla chiesa. Le prime registrazioni in questo campo della musica tradizionale le ho eseguite nel '79. ho avuto recentemente due cassette con registrazioni di Cattaragna, fatte non so da chi; sono in contatto con persone del paese per saperne di più. Non c'è la Messa dei morti, ma un'altra messa, vespri e canti devozionali. Sto vedendo se è possibile (mah...!) raccogliere ancora qualcosa.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.