lunedì 4 aprile 2011

Caso Thiberville: ancora sul ricorso alla Segnatura.

Ci scrive il Sig. Guido Ferro Canale, autore di un nota sul caso Thiberville e le manovre della Segnatura Apostolica che abbiamo pubblicato anche noi qui.

Qualche giorno fa ci ha comunicato che "alla luce delle informazioni acquisite negli ultimi giorni sul caso di Thiberville" ha pubblicato su FaceBook una nuova nota che precisa e rettifica, in parte, quella precedente del 31 Gennaio scorso.

Accogliendo la sua gentile richiesta e ringraziandolo per la segnalazione, diamo spazio al suo nuovo scritto che ci propone nuovamente alcune riflessioni sugli "arcani" procedimenti del Tribunale della Segnatura.

Non mancando, nemmeno questa volta, di lasciarci ancora più amareggiati sul caso del povero ex-parroco di Thiberville.

Roberto

*



Il 25 e il 26 Marzo, sul sito del Comité de soutien a M. l'abbé Michel, sono stati ripresi due articoli che offrono nuove informazioni sul caso di Thiberville e le decisioni della Segnatura [v., rispettivamente,



Il primo, apparso su Politique Magazine di Marzo, cita come fonte "uno dei parrocchiani, un animatore liturgico"; immagino che si tratti dello stesso Christian Wagner che viene intervistato nel secondo pezzo (pubblicato sul mensile Monde et Vie il 12 Marzo), visto che il contenuto dei due articoli coincide in larga misura. Noto con piacere che entrambi citano la mia nota di Gennaio su Messainlatino per spiegare le vicissitudini in Segnatura; tengo, però, a precisare - a vantaggio dello stesso sig. Wagner e di tutti gli interessati - che io non sono nè un canonista "appartenente ai Dicasteri interessati" e desideroso, per onestà, di svelar manovre truffaldine interne, nè "un professionista" in materia amministrativa canonica; al contrario, sono semplice studente e la mia conoscenza di regole e prassi della Segnatura si deve bensì all'esperienza diretta, ma come litigante, giacché, alla fine di Agsto 2010, per conto del coetus fidelium di Savona, ho presentato un ricorso sull'insufficiente - o, per dirla con la Cancelleria del Supremo Tribunale: denegata - applicazione del MP "Summorum Pontificum" nella mia Diocesi. E gli articoli in parola offrono nuovi spunti di riflessione sulla Segnatura Apostolica, suscitano nuovi interrogativi e accrescono, almeno a mio aviso, sia l'indignazione sia il vero e proprio scandalo. Lascio ai lettori l'amarezza di scoprire i dettagli delle calunnie nei confronti dell'abbé Michel e il comportamento del suo Vescovo, nonchè il probabile uso strumentale delle insinuazioni per influire sulle decisioni romane; in questa sede, mi preme soprattutto rettificare la mia nota precedente. Infatti, contrariamente a quanto ho scritto (riprendendo l'informazione da Perepiscopus), il secondo rigetto da parte del Supremo Tribunale non verteva sulla questione dei termini, che, quindi, si è conclusa favorevolmente per l'abbé Michel; no, la motivazione addotta è talmente assurda che giustamente l'articolo di Politique Magazine la dice inesistente. Il ragionamento giuridico - ma esito ad usare quest'espressione! - viene riassunto in questi termini: siccome il Vescovo ha il diritto di sopprimere la Parrocchia, nel momento stesso in cui egli emana un decreto di soppressione, l'ente cessa di esistere e non è più proponibile alcun ricorso, per carenza di oggetto. E' quanto dire che provvedimenti del genere sono insindacabili. Ma, se così fosse, non si sarebbe nemmeno posta la questione del rispetto dei termini: la Congregazione per il Clero non si sarebbe neppure presa il disturbo di controllare le date. Verificare se un ricorso sia proponibile in astratto non solo precede per logica l'accettamento sulla tempestività consente anche un rigetto molto più facile. "Parrocchia soppressa, Parrocchia estinta": liscio come l'olio. Se davvero vigesse quest'insindacabilità, il Supremo Tribunale l'avrebbe fatta valere fin dall'inizio e certamente non avrebbe mai dato ragione all'abbé Michel, sia pure sulla sola questione del termine. Sta di fatto che la stessa giurisprudenza della Segnatura si è occupata a più riprese, in passato, non della proponibilità del ricorso contro la soppressione delle Parrocchie, ma dell'ammissibilità di quelli presentati dai fedeli, singoli o in gruppo. Nessun dubbio, invece, è mai sorto per quelli presentati dai Parroci, pacificamente ammessi. Questo cosa ci insegna? Che, in Segnatura, colpi di scena e colpi di mano arrivano al punto di stravolgere le prassi consolidate. Altrimenti detto: non esiste garanzia che il Supremo Tribunale si attenga alle proprie decisioni, il che trasforma ogni ricorso in una roulette russa. Del resto, è raro che senteze e decreti della Segnatura vengano pubblicati: la raccolta ufficiale, finalmente prevista nel 2008 dalla nuova Lex Propria (ma per le sole sentenze), dovrebbe uscire ogni anno,... però si attende ancora il primo volume. Un decreto come quello in parola grida vendetta, è quel che in altri contesti si chiama "sentenza suicida", quasi invoca la propria stessa impugnazione davanti al Collegio dei Giudici. Due soggetti l'avrebbero potuta proporre: il Promotore di Giustizia, che dovrebbe tutelare il bene comune sub specie dell'esatta applicazione della legge, e l'avvocato dell'abbé Michel. Sembra che non l'abbia fatto nè l'uno nè l'altro. Anzi, probabilmente il Promotore ha fatto approvare il decreto stesso! Ma che dire dell'avvocato? Che dire di ciascuno di noi, se mai dovremo adire il Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, che è Supremo proprio perchè è - ad un titolo tutto particolare - il Tribunale del Papa? Amici, i vostri brividi sono anche i miei. Savona, 31 Marzo 2011 Guido Ferro Canale .

43 commenti:

  1. Ma siamo proprio sicuri che alla segnatura tutti sappiano? Perché non facciamo NOI, una volta tanto, anziché scannarci nelle polemiche, una lettera al card. Burke e gli spieghiamo come stanno le cose? Lui è sensibile e ci ascolterà. Lui è un santo.

    RispondiElimina
  2. Che il buon Burke non lo sappia non ci credo.
    E sul fatto che il suddetto sia proprio un santo, lascio la valutazione nelle mani di Dio. A quel Dio che scruta in fondo ai nostri cuori e conosce le nostre più recondite intenzioni.
    Se è diventato cardinale qualcosa di buono per gli "amici" avrà pur fatto... del piccolo parroco sacrificato per "forza maggiore" a breve non si ricorderà più nessuno....

    RispondiElimina
  3. Per favore,   chi possa e chi sapia come,  faccia arrivare (a lui personalmente) una lettera o  informazione a Su Eminenza il Cardinale Burke e un uomo di Dio, un Cardinale come Dio comanda. In questi giorni celebrara Messa in una Chiessa del Centro di Roma chiedete dove nella Chiessa di Santa Trinita dei Pellegrini, o alla Chiessa di Gesu e Maria, e in queste due Chiese che ho sentito parlare di questa prossima celebrazione del Cardinale credo e Sabato prossimo, aprofitate

    RispondiElimina
  4. E infatti è da più di un anno che se ne parla... ma ti pensi se non ci fosse stato Benedetto XVI a quest'ora dove saremo? Ti ricordo che non più di quattro anni fa moltissimi non sapevano nemmeno cosa fosse la messa in latino, oggi abbiamo CARDINALI che ci vanno pesante come col bazooka (vedi Burke dai Francescani dell'Immacolata).
    Gli altri perderanno, ne sono certo. Tanto la fede l'avranno già persa.

    RispondiElimina
  5. si salvi chi puo!04 aprile 2011 15:32

    Veramente dovremmo ringrazioare la Lefevbre e la sua FFSPX se esiste ancora la Messa Tridentina e che con la sua ingiusta persecuzione ha tenuto vivo il fatto che esistevano!
    <span>5 per mille</span>
    <p><span><span>alla Fraternità San Pio X</span></span>
    93012970013

    </p>

    RispondiElimina
  6. si salvi chi puo!04 aprile 2011 15:32

    Veramente dovremmo ringrazioare la Lefevbre e la sua FFSPX se esiste ancora la Messa Tridentina e che con la sua ingiusta persecuzione ha tenuto vivo il fatto che esistevano!
    <span>5 per mille</span>
    <p><span><span>alla Fraternità San Pio X</span></span>
    93012970013

    </p>

    RispondiElimina
  7. si salvi chi puo!04 aprile 2011 15:32

    Veramente dovremmo ringrazioare la Lefevbre e la sua FFSPX se esiste ancora la Messa Tridentina e che con la sua ingiusta persecuzione ha tenuto vivo il fatto che esistevano!
    <span>5 per mille</span>
    <p><span><span>alla Fraternità San Pio X</span></span>
    93012970013

    </p>

    RispondiElimina
  8. si tratta della statio quaresimale di sabato 9 aprile a San Nicola in carcere. Ci sarò e darò al nostro sacerdote una nota da consegnargli

    RispondiElimina
  9. sua eminenza Burke, invece di girare  nei vari continenti in cappamagna, ermellino, galero e con ...paggetti, rimanga nel suo ufficio a studiare le cause sottoposte

    RispondiElimina
  10. sono pienamente d'accordo!!!!!!!

    RispondiElimina
  11. Non sai nemmeno quello che dici, parlare a vanvera è uno sport che va di moda.
    Ricordati che agire è d'esempio, delle parole tutti si riempiono la bocca, ma fatti pochi... Lui dà una testimonianza efficace, credibile, sotto gli occhi di tutti.
    Grazie Burke, dovresti dire. Mi fai tanta tenerezza.

    RispondiElimina
  12. Il Papa in persona ha espressamente incoraggiato il card. Burke a "confermare" in giro per il mondo i fedeli legati alla Tradizione, dopo che le solite comari curiali avevano insinuato che il Pontefice non gradisse questo presenzialismo del Prefetto della Segnatura.
    Quanto a quest'ultimo tribunale, speriamo che le procedure diventino più trasparenti e i giudicanti non si lascino tirare per la giacchetta (vist che la talare la portano in pochi.....)

    RispondiElimina
  13. Ti prego, fallo, anzi se puoi scambia qualche parola con lui. E' un uomo molto buono e comprensivo. Per me è un santo, un eroe d'altri tempi.

    RispondiElimina
  14. Tutto sommato, condivido quanto detto da Fiordaliso...! Ho una grande stima per il Card. Burke e ricordo i piacevoli momenti vissuti insieme in occasione del Convegno sul Mutu Proprio Summorum Pontificum di due anni fa. Bisogna, tuttavia, ribadire che quando si hanno incarichi istituzionali di quel livello, è molto più importante dedicare più tempo al proprio lavoro, piuttosto che andare in giro per il mondo a celebrare in forma straordinaria, cosa che ritengo tuttavia lodevole e benemerita. Quando, tempo fa, ci furono critiche alla Segreteria di Stato di Sua Santità per alcuni interventi poco diplomatici, unii la mia voce alle tante che si levarono per chiedere al Card. Bertone di non andare in giro per il mondo a mostrare il ricamo della sua mitria, ma di stare a Roma, accanto al Papa: Dominus conservet eum!

    RispondiElimina
  15. Un sacerdote devoto al Sacro Cuore di Gesù è per forza un santo. Non ci si scappa.

    RispondiElimina
  16. Allora questo vale anche per il Papa......

    RispondiElimina
  17. Sì d'accordo ma Bertone e Burke sono come il sole e la luna... cioè Bertone sembra, scusate il termine, un pagliaccio... dai per favore.

    RispondiElimina
  18. No, non sembra.....

    RispondiElimina
  19. E intanto ecco il nuovo" altare" voluto da don Vivien, il successore di don Michel, che ha anche nel passato rifiutato di concelebrare con don Michel, NO, perchè non voleva girare le spalle ai fedeli....

    http://thiberville-soutien-abbe-michel.hautetfort.com/archive/2011/04/03/le-mot-de-l-eveque.html#comments

    RispondiElimina
  20. Intanto, sempre per restare in Francia, una nuova esposizione fotografica blasfema... con un crocifisso immerso nell'urina !!
    Finanzinao l'expo "artistica" (che si tiene nel centro di Avignone)

    + il ministero della cultura di Sarkozy,
    + un comune dell UMP (il partito di destra liberale)  +
    + il partito socialista
    + il gruppo LVMH  (Dior, Guerlain, Moët, Hennessy ... )  che mette il suo logo come sponsor della manifestazione
    + la SNCF (l'equivalente di TRENITALIA) e il gruppo CARTIER

    Eppure LVMH si definisce sul suo sito internet "l'ambasciatore dell'arte e del modo di vivere Occidentale in cio' che c'é in esso di più raffinato" !!!!!

    Aux Etats Unis, puis en Australie, cette photo blasphématoire réalisée en 1987 a été bannie.  Le gouvernement Sarkozy, la mairie UMP, le conseil général PS et LVMH, eux, en font tranquillement la promotion dans l’ancienne cité des papes. L’œuvre y est installée dans un des plus beaux hôtels particuliers de la ville, devenu une sorte de temple du blasphème.

    Se volete firmare la petizione per farlo togliere, é qui   http://www.defendonslecrucifix.org/

    RispondiElimina
  21. ricorderete quest'altra esposizione che avevo postato qualche settimana fa :

    1) la madonna vampiro in rossonero (con la scritta SANG PITIE' -> gioco di parole in francese che significa sia SANGUE PIETA' sia SENZA PIETA')  
    2) le madonne... beh insomma lo vedete da soli, mi fa schifo anche scriverlo...

    RispondiElimina
  22. per favore, ci siano risparmiate le immagini!

    RispondiElimina
  23. Dicebamus heri04 aprile 2011 21:27

    Mi è giujnta uan certa diceria che, in caso di eventuale conclave a breve, da per papabili: BAGNASCO, BERTONE E......RAVASI!
    DOMINE, SALVA NOS!

    RispondiElimina
  24. mi spiace mic se é scoccante, ma credo sia anche bene sapere a che punto arrivano i nemici di Cristo !
    PS - la seconda expo era sempre in francia (a Nantes)

    RispondiElimina
  25. Se posso ammettere che la decisione del vescovo non è illecita,  che una volta esauriti tutti i ricorsi non resta a don Michel che l` obbedienza, non mascheriamo la realtà, le motivazioni di mons. Nourrichard sono lampanti e punitive, non avendo potuto rimuovere il parroco ha deciso di sopprimere la parrocchia , senza nessun motivo valido, ha punito un parroco perchè obbediente al Papa ma lo presenta come un parroco disobbediente  al vescovo, un vescovo che  sta disobbedendo al Papa e al suo SP.  
    È forse giusto che i fedeli che sono stati formati, grazie don Michel,  all`amore e rispetto per laDottrina e la sacra Liturgia siano non solo privati della Santa Messa antica ma debbano nella forma ordinaria subire le stravaganze del nuovo venuto?  
    E forse questo un vescovo che è al servizio delle anime a lui affidate?

    RispondiElimina
  26. Dio mio, no ! ! ! !
    ma come facciamo a pretendere che la Madonna trattenga ancora il braccio di Nostro Signore, se da gran tempo il calice della sua ira potrebbe essere colmo ?
    come ci si può ancora scandalizzare (schernendo chi li nomina e spiega, come de Mattei) dei castighi che l'umanità nella sua empia bestialità irriconoscente verso il suo Salvatore, si sta attirando giorno per giorno, sfidando la sua pazienza ?
    Miserere nsotri, Domine !
    (saranno sempre più contenti gli ebrei, di fronte a questi obbrobri che vengono dalla civiltà europea, un tempo detta "cristiana" : abbiamo superato il loro odio verso Gesù Cristo, noi cristiani evoluti.... ) 

    RispondiElimina
  27. <span>Dio mio, no ! ! ! !  
    ma come facciamo a pretendere che la Madonna trattenga ancora il braccio di Nostro Signore, se da gran tempo il calice della sua ira potrebbe essere colmo ?  
    come ci si può ancora scandalizzare (schernendo chi li nomina e spiega, come de Mattei) dei castighi che l'umanità nella sua empia bestialità irriconoscente verso il suo Salvatore, si sta attirando giorno per giorno, sfidando la sua pazienza ?  
    Miserere nostri, Domine !  
    (saranno sempre più contenti gli ebrei, di fronte a questi obbrobri che vengono dalla civiltà europea, un tempo detta "cristiana" : abbiamo superato il loro odio verso Gesù Cristo, noi cristiani evoluti.... ) </span>

    RispondiElimina
  28. Roberto Martelli04 aprile 2011 23:24

    I sostenitori della terzietà del Vaticano sono serviti!

    RispondiElimina
  29. Caspita, che scoop!!! Senza questa soffiata non avrei mai pensato a questi nomi...

    RispondiElimina
  30. Non sono Madonne.

    RispondiElimina
  31. ed ecco documentata, da foto eloquenti (link cit. da Luisa) l'inarrestabile progresso della Liturgia già previsto da Guareschi al tempo della riforma della Messa di Paolo VI, quando parlò della futura "tavola calda":
    evidente il passaggio  dall'altare-mensa postcv2 (quello con tovaglia bianca, dietro)
    al    semplice   tavolo da pranzo,   sic et simpliciter, con tovaglia gialla, che invita davvero ad un allegro "ristoro" tra celebranti-conviviali !
    che dire ?     
        "Aggiungi un posto a tavola......ecc....",    ovvio, no   ?   
    :(   :(   :(   
    normale arredo liturgico nel progresso quotidiano della Messa-cena-banchetto-pranzo, sempre più nuova, NORMALE, ORDINARIA e al passo coi tempi, nella parrocchia di Thiberville, ormai normalizzata col nuuovo parroco, secondo volontà del Vescovo (sostenuto e tacitamente approvato dalle autorità superiori, dopo aver "scomunicato" il parroco Michel.....)

    RispondiElimina
  32. chi si lamenta dell'expo e chiede riparazione sono siti cattolici tenuti <span>da laici</span> (www.e.deo.info  www.civitas.com) e il sito FR della fsspx (laportrelatine)
    la CEF (Conf. Episcopale Francese) tace come al solito su questi scempi che in Francia avvengono troppo spesso...

    neanche la diocesi di Avignon ne fa menzione... http://diocese-avignon.fr/spip/

    RispondiElimina
  33. La Francia è peggio che morta, avranno quel che si son meritati dal 1789.

    RispondiElimina
  34. Che c'è di male nell'indossare i simboli della dignità cardinalizia?

    RispondiElimina
  35. Sembra uno di quei tavolini su cui, ai party, si posano i piattini con le tartine od i piatti ed i bicchieri di plastica sporchi.

    RispondiElimina
  36. infatti é per fare un party...

    RispondiElimina
  37. correggo  l'errore: l'altare in fondo è l'altar maggiore

    RispondiElimina
  38. basti conoscere la forza che aveva la massoneria in Francia già nel '40     http://fr.gloria.tv/?media=131747      E' il film FORCES OCCULTES  (completo con sottotitoli italiani)
    Fu girato nel 1943.   Dopo la fine della seconda guerra mondiale, lo sceneggiatore del film, Jean-Marie Rivière, venne arrestato, mentre il regista, Paul Riche,
    ed il produttore, Robert Muzard, vennero GIUSTIZIATI (+1949) per il loro ruolo nella realizzazione di questa pellicola antimassonica.

    RispondiElimina
  39. se è un santo faccia il Prefetto della Segnatura con giustizia, non è che il dovere di stato fatto fino all'eroismo e senza compromessi non sia parte della santità

    RispondiElimina
  40. indossare i simboli è importantissimo, fare il dovere di stato con giustizia però ancora più importante. Se fai l'uno e trascuri l'altro tanto lodevole non sei

    RispondiElimina
  41. Ma non capite proprio niente. Un altare con tovaglia gialla, un altare con tovaglia bianca. Bianco e giallo: i colori del Vaticano. Si vede bene che al Papa piace così.

    RispondiElimina
  42. Chi entra papa in conclave ne esce cardinale. Allora ben vengano i nomi dei 3 papabili di cui sopra :-D

    RispondiElimina
  43. come facciamo ? é poco ma io e mia moglie abbiamo iniziato una novena riparatoria e ne abbamo parlato a degli amici perché facciano lo stesso...

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.