sabato 29 gennaio 2011

Francia: fioriscono i blog e i siti di sostegno al Papa


Su La Croix leggiamo questa notiziola, che riporta la fenomenale crescita di un fenomeno particolare:

"La blogosfera cattolica ha visto un incremento negli ultimi anni con l'emergere di reti di blogger che difendono i valori cristiani e il Papa".
Per leggere l'aritcolo per intero, si veda qui in una traduzione ufficiale.

19 commenti:

  1. Meno male che quando l'ho letta ero seduto, altrimenti mi sarei dovuto tenere...

    RispondiElimina
  2. Anche Sant'Agostino da giovane era un po' diverso rispetto a quello che tutti conosciamo...

    RispondiElimina
  3. Oui, en France…
    Pendant ce temps, au Portugal, où je me trouve en ce moment, les évêques portugais continuent de boycotter le motu proprio de Benoît XVI sur la messe grégorienne…
    Stupéfiant dans un pays qui se vantait, autrefois, d'être fidelíssimo!
    Pour votre information voyez ceci:

    http://rorate-caeli.blogspot.com/2011/01/o-dogma-da-fe-until-when-will-rome-let.html

    RispondiElimina
  4. Non sono stato tenero con il pontificato di BXVI dopo il golpe contro il curato d'Ars. Ma questa è una vigliaccata giacobina dello stesso tipo (e forse fatta dalla stessa banda) che "luteranamente" usa il gossip e la maldicenza in politica. Chi non ha mai detto o pensato qualcosa di cui poi si è pentito? Guardacaso sta roba viene fuori in contemporanea con l'uscita del Tetta che "sostituisce" la CEI. Detto questo, dico ai grandi strateghi vaticani dell'ultimo anno: "ben vi sta!", avete dato spazio al waka waka, alle chierichette tedesche, alla pastorale per intervista e perfino alla rimpatriata d'Assisi in cambio di appeal e benevolenza mediatica? Vi siete fidati di Repubblica, Corsera, Stampa e Famiglia Cristiana? L'equilibrio di Bagnasco e Crociata non è piaciuto e adesso cari assisiani cuccatevi questo!

    RispondiElimina
  5. <span>Non vedo il problema, a parte il fatto che è lecito anche ai santi prendere posizioni sbagliate o azzardi teologici (S. Vincenzo Ferrer fu confessore di un antipapa, S Tommaso negò l'Immacolata Concezione), la speciale assistenza dello spirito santo "copre" i pontefici regnanti non quelli "in fieri". Pio II, quando era ancora Enea Silvio, appoggiò per un certo periodo Felice V macchiandosi, dunque, della colpa di scisma.  
    A noi, in conclusione, quello che pensava il teologo Ratzinger dovrebbe interessare relativamente, deve interessare molto di più quello che insegna oggi Benedetto XVI felicemente regnante.  
    Buona domenica</span>

    RispondiElimina
  6. Claudio Sinclair29 gennaio 2011 19:18

    Io credo fermamente che il giovane Ratzinger (unitamente ai cofirmatari del documento) avesse ragione da vendere allora e non adesso.
    Occorre stare al passo con i tempi.
    Amen

    RispondiElimina
  7. Prescindendo dal merito (immaginate come la penso), se si legge la versione autobiografica contenuta in "La mia vita", l'episodio è chiarito. Dette una specie di mallevadoria (se così si può chiamare) per amicizia, non senza perplessità. La teologia (riforme comprese), non si fa sui giornali.

    RispondiElimina
  8. E non dimentichiamo che San Girolamo esaltò a tal punto la castità, da arrivare a denigrare il matrimonio.

    RispondiElimina
  9. <span><span>L'equilibrio di Bagnasco e Crociata non è piaciuto e adesso cari assisiani cuccatevi questo!  ...... ?????????</span>
    puoi tradurre ??? ....... prego ----------- VITTORIO abitante in ASSISI !!!!!!!!!!

    </span>

    RispondiElimina
  10. scusa MAZZARINO .......

    ma il finale che vol di ? ??? ........ abito ad ASSISI ....... ???????????????? .......... bo' !!!!!!!!! 

    RispondiElimina
  11. Hai ragione Vittorio, non mi riferivo certo agli abitanti di Assisi. Mi riferivo invece a quei tanti che giustamente criticarono Assisi 1 e che oggi invece, silenti allineati e coperti hanno criticato duramente chi ha "osato" manifestare qualche dubbio su Assisi 3.

    RispondiElimina
  12. ok .. mi rendo conto !!!!! ........

    RispondiElimina
  13. Roberto Martelli29 gennaio 2011 23:06

    E' l'ermeneutica della continuità !

    RispondiElimina
  14. In onore del B. Sebastiano Valfrè - Perugia30 gennaio 2011 00:53

    Caro Vittorio (e cari eventuali altri amici umbri, naturalmente...),
    ricordo che domani pomeriggio (Domenica 30 Gennaio) alle ore 17 presso la Chiesa di S. Filippo Neri in Perugia sarà celebrata una Santa Messa more antiquo in onore del Beato P. Sebastiano Valfrè C.O. in occasione del suo dies natalis.

    RispondiElimina
  15. In onore del B. P. Sebastiano Valfrè - Perugia30 gennaio 2011 00:58

    Scusate l'O.T.

    Caro Vittorio (e cari altri eventuali amici umbri, naturalmente...),
    ricordo che domani pomeriggio (Domenica 30 Gennaio), alle ore 17, presso la Chiesa di S. Filippo Neri in Perugia sarà celebrata una S. Messa cantata more antiquo in onore del Beato P. Sebastiano Valfrè C.O. in occasione del suo dies natalis.

    RispondiElimina
  16. Ottimo! Allora il grande Ratzinger ha l'abitudine alla "mallevadoria": prima la diede per una lettera-bomba del genere che abbiamo letto, prima ancora fu "mallevadore" dei teologi conciliari anti-tradizione, ora prosegue nella mallevadoria di individui eretici che propagano lturgie e dottrine poco confacenti persino al Concilio VatII....Insomma sembra sia insito in lui, salvo poi dire in un libro ovviamente letto in tutti gli angoli del globo dal miliardo di cattolici, che ha firmato ma era un po' perplesso...Ma, per favore, apriamo gli occhi! Taccio su altre "mallevadorie" e astensioni sue per amor di carità, quanto detto basta ed avanza!

    RispondiElimina
  17. ....... mi spiace AMICI , non ho potuto essere presente !!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  18. Tutti abbiamo commesso errori "di gioventù"; il sottoscritto per esempio militava nel Rinnovamento dello Spirito, cioe' nei Carismatici; ora e' felicemente Cattolico Tradizionalista D.O.C. e venera Mons.Lefebvre!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.