lunedì 11 ottobre 2010

Vescovi pateticamente prigionieri degli anni Sessanta...

Per la nostra rubrica La trahison des clercs, che s'allunga spaventosamente sempre più (vedi colonna a destra), abbiamo scovato grazie ad un lettore questa intervista ad un oscuro vescovo, per fortuna emerito, che cerca di propagandare un suo opuscolo. Niente di nuovo, il solito bla bla su collegialità antipapista, abolizione del celibato, morale a fisarmonica, chiesa povera: a loro sembra dire cose nuove, semplicemente perché vivono ancora immersi negli anni Sessanta. D'altronde questo vescovo ha quasi novant'anni: è un tipico caso di nostalgismo conciliare. Rabbrividiamo al pensiero degl'immensi danni spirituali che può aver commesso l'episcopo finché è stato in funzione, ma ora godiamoci l'intervista (apparsa sul mensile dei paolini Jesus: similes cum similibus congregantur): col passar degli anni, rischiamo di leggerne sempre meno di allegre stupidaggini del genere. 
Enrico



Appena vanno in pensione si sentono più liberi: che vescovi! Prima mons. Martini, ora mons. Casale. Ma vale la pena di ascoltarli. (nota di Franco D'Amico)

«Chi non è contro di noi è con noi», «Probati viri uxorati», «Gay: dall'orgoglio alla consapevolezza», «Eluana ci parla ancora», «Divorziati risposati», «Chiesa povera tra i poveri», ecc. Basta scorrere l'indice per capire che il nuovo libro di monsignor Giuseppe Casale, vescovo emerito di Foggia-Bovino, esplicitamente intitolato Per riformare la Chiesa. Appunti per una stagione conciliare non elude nessuno dei temi più scottanti dell'attuale dibattito ecclesiale. E lo fa con una semplicità e una parresia forse favorite dagli 87anni, ma certo non comuni negli ambienti ecclesiastici. Per approfondire queste proposte, Jesus ha intervistato l'autore.

- In questo libretto lei presenta una serie di proposte innovative. Pensa che altri vescovi le condividano?
«Io credo che una buona parte dei vescovi condivida, soffrendo, la necessità di affrontare questi temi. Dico soffrendo perché essi rimandano a quella collegialità episcopale che oggi viene oscurata dall'enfasi posta sul papato. Primato del Papa e collegialità episcopale sono due aspetti dell'unica comunione nella Chiesa, ma oggi il primo è amplificato in misura esagerata dall'azione della Curia romana, che dovrebbe svolgere un ruolo puramente esecutivo, mentre ne esercita di fatto uno normativo, sovrapponendosi alle Chiese locali, e il secondo rimane inoperante, non andando oltre la funzione consultiva del Sinodo dei vescovi. Così del principio "sub Petro et cum Petro" che dovrebbe guidare la Chiesa resta solo il primo termine. In Italia poi, il fatto che il presidente della Conferenza episcopale sia nominato dal Papa e il modo "forte" con cui il cardinal Camillo Ruini ha governato la Cei per vent'anni hanno diffuso tra i vescovi l'idea, infondata teologicamente, che ci sia un "capo dell'episcopato", cui si deve obbedire e se un vescovo esprime un'opinione diversa sia un ribelle. Così si restaura una visione ecclesiologica preconciliare, con il rischio di allontanare la Chiesa dal mondo di oggi e dalle sue esigenze, mentre la fede deve camminare con la storia. Bisogna quindi aprire una "stagione conciliare" in cui i vescovi si riuniscano con il Papa per affrontare con coraggio questioni come il celibato dei preti, la contraccezione, la procedura per la nomina dei vescovi, ecc.».

-Nel libro, lei richiama l'esigenza di un dialogo intraecclesiale. Che cosa significa in concreto?
«Io ho ripreso la grande e un po' dimenticata enciclica Ecclesiam suam di Paolo VI. Essa parla di dialogo intraecclesiale, che è fondamentale, perché l'opinione dei credenti deve formarsi nel confronto delle varie esperienze, di fede, di lavoro, comunitarie, ecc. Ma negli ultimi anni questo dialogo, soprattutto in Italia, è venuto meno: non c'è tra i vescovi, che quando partecipano all'assemblea della Cei si trovano già preconfezionato il documento finale, non c'è tra i fedeli, perché è prevalsa l'idea che "si guida dal vertice" e la comunità cristiana è diventata conformista. Basti vedere Avvenire, che non dà spazio alla pluralità di opinioni esistenti nella Chiesa italiana, ma pubblica solo ciò che è in linea con l'orientamento dei vertici della Cei, ignorando o condannando chi la pensa diversamente. Il dialogo afferma la libertà di confrontarsi con il Vangelo, di porre in pubblico le proprie opinioni, senza che nessuno si ritenga detentore della verità, ma tutti alla sua ricerca».

-Lei esprime perplessità sul modo in cui nella Chiesa si affrontano i cosiddetti «valori non negoziabili».
«L'espressione non mi piace, perché se sono valori non si negoziano, non se ne fa mercato. Il problema è che, di fronte a questioni inedite come le convivenze di fatto, le relazioni omosessuali o il testamento biologico, ci illudiamo di mantenere lo status quo ricorrendo alle leggi, mentre questo è inevitabilmente destinato a cambiare e il futuro dipenderà solo da un'educazione delle coscienze alla fede nel Vangelo, in Gesù. Purtroppo nella Chiesa prevale una prospettiva metafisica e deduttiva, mentre servirebbe una mentalità storico-induttiva. Per esempio, la legge naturale non è qualcosa di fissato nei ritmi biologici, che cambiano, come ci mostra la scienza, ma comprende anche la storia e la cultura. Bisogna "agire dal di dentro", come Paolo ha fatto con la filosofia greca e il diritto romano, riuscendo a creare un amalgama nuovo, nel nostro caso una società fondata sulla libertà di coscienza, sul rispetto reciproco, sul dialogo e sulle convinzioni profonde. Quindi la mia è una prospettiva di grande speranza, sia pur attraverso un travaglio, perché dovremo abituarci a farci liberare a opera della storia da tanti attaccamenti».

-Nel libro lei parla di una «Chiesa povera tra i poveri»...
«E un tema che mi sta molto a cuore, perché la ricchezza perverte tutto, mentre noi dobbiamo mettere i beni materiali al servizio della comunità nella giustizia e nella solidarietà, sapendo che l'accumulazione ci coinvolge nella logica capitalista, che tiene un miliardo di persone nella fame. Noi siamo una Chiesa borghese, che tranquillizza i borghesi, i quali possono lavarsi la coscienza se fanno una piccola elemosina e godersi il risultato di piccoli o grandi compromessi tipici di questa società in cui governano gli uomini della finanza. Invece dovremmo rinunciare alle proprietà ecclesiastiche e affidarci alla generosità della gente. Altrimenti ci inseriamo nel ginepraio dei meccanismi per farle fruttare sempre di più, mentre ci dobbiamo battere per superare gli attuali assetti capitalistici, trovando una soluzione perché non ci siano più i grandi, scandalosi guadagni e le grandi, scandalose, miserie, anche in Italia. In questa linea si sono mosse in America latina le Comunità ecclesiali di base e la Teologia della liberazione, e in Europa i preti operai. Oggi non se ne parla più, ma l'oppressione nel mondo del lavoro esiste ancora e la Chiesa dovrebbe affrontarne con coraggio le nuove forme per evitare il "San Precario", l'incertezza per cui il lavoro è una merce e il lavoratore è uno che si vende sul mercato».

Fonte: “Jesus” dell'ottobre 2010, via marsala.it

332 commenti:

  1. cara Redazione,
       .....che triste lunedì ci proponi !
    :'(
    .....pensando a quella diocesi, tanto simile alla mia e ad altre confinanti....voi  giovani del 3. millennio, voi estimatori benedetti della Sacra Tradizione oppressa, da riscoprire e riportare all'antico onore, avete un'idea delle "avanzate" catto-ideologie alle quali sono state formate due generazioni di fedeli, sotto l'illuminato episcopato che ci trasmette le sue perle di sapienza ?....e vi rendete conto che c'è anche una notevole eredità culturale che sarà difficile abbattere, se non si useranno i picconi (almeno culturali e spirituali), così come hanno fatto (con picconi ideologici e materiali, e continuano oggi!.....) questi ecc.mi pastori e preti-capipopolo nei loro formidabili anni ?

    RispondiElimina
  2. <span> col passar degli anni, rischiamo di leggerne sempre meno di allegre stupidaggini del genere. </span>
    caro Enrico, 
    la correggo:   <span> speriamo </span>  di leggerne sempre meno !
    (ahimè, quel "rischio" a cui lei allude è molto lieve, a mio avviso.....)

    RispondiElimina
  3. Alexander Von Trotta11 ottobre 2010 08:46

    E' proprio un soldato giapponese rimasto a presidiare il suo atollo trent'anni dopo che la guerra è finita: patetico quando tira fuori le parole "borghese", "borghesia", che appartengono a un mondo tramontato da decenni, oggi non le usa più nessuno, nemmeno la Fiom-Cgil. E vuole portarci il nuovo? Poveretto!

    RispondiElimina
  4. <span><span> col passar degli anni, rischiamo di leggerne sempre meno di allegre stupidaggini del genere. </span>  
    caro Enrico,   
    la correggo:   <span> speriamo </span>  di leggerne sempre meno !  </span>
    <span>...ahimè, quel "rischio" a cui lei allude è molto lieve, a mio avviso.....: oggi qui dove io risiedo piove, <span>e riconoscendo a volo in quei discorsi logori e stucchevoli il pensiero qui da noi dominante e ancora rampante, direi che .....piove sul bagnato!   :'( </span></span>

    RispondiElimina
  5. intervista molto bella: semplice, lineare, concreta...di STUPIDAGGINI ALLEGRE mi sembra che ci sia solo l'introduzione all'intervista...

    RispondiElimina
  6. Sta roba prima che acattolica è pornografia intellettuale!
    MD

    RispondiElimina
  7. È risaputo che chi parla senza tener conto delle umane miserie, ma ha in tasca la ricetta della felicitá terrena, finisca con il creare l´inferno in terra. Cosí sono nate le grandi ideologie che sono, una dopo l´altra, miseramente fallite. Monsignor Casale si inserisce in questa utopica linea di pensiero, Chiesa povera che rincorre il mondo nelle sue distruttive ideologie.Io spero, come voi , che non possa fare piú molti danni , anche se penso che sia meglio dedicargli qualche preghiera per la sua conversione non disgiunta peró dalla sua consapevolezza del danno arrecato ai fedeli che Dio gli ha affidato.

    RispondiElimina
  8. Ma...mi è venuto il dubbio: Foggia-Bovino è la diocesi o è uno dei titoli dati al vescovo?

    RispondiElimina
  9. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 09:10

    L'arzillo vecchietto cerca di smontare il primato Petrino e la metafisica con argomenti da bar tipicamente postconciliari (praticamente ha ritirato fuori il Cristo storicizzato di Kung).
    Non sorprende che, per la sua folle analisi, si serva di una delle più nefaste encicliche che un Papa abbia mai scritto( l'Ecclesiam suam che se la gioca in quanto ad orrore con la Popolorum Progressio), con autore, ovviamente, Paolo VI a cui questi arzilli vecchietti si rifanno.
    Umanesimo sfrenato, diritti umani e doveri verso Dio sotto i piedi.
    Preghiamo e speriamo che il Signore abbia pietà di lui.
    Memento Mori!!

    RispondiElimina
  10. ...ma intanto fa molta presa su migliaia di cattolici a-critici e indifferentisti, egr. Bartimeo, oltre che devotamente aggiogati al carro dei vincitori, ben insediati nel 98% dei seggi episcopali, e nei circoli parrocchiali e diocesani: questa è la dura realtà del pensiero imperante nel clero e nel laicato italiano, (più che altrove) in gran parte nostalgico di quell'epoca e di quel clima e di quella "rivoluzione" culturale ed ecclesiale !   o vogliamo illuderci ancora che siano briciole di un  passato già esaurito ?
    ....il fondo della china è ancora da raggiungere, purtroppo !

    RispondiElimina
  11. <span>...ma intanto fa molta presa su migliaia di cattolici a-critici e indifferentisti, egr. Bartimeo, oltre che devotamente aggiogati al carro dei vincitori, ben insediati nel 98% dei seggi episcopali, e nei circoli parrocchiali e diocesani: questa è la dura realtà del pensiero imperante nel clero e nel laicato italiano, (più che in altre nazioni) in gran parte nostalgico di quell'epoca e di quel clima e di quella "rivoluzione" culturale ed ecclesiale !   o vogliamo illuderci ancora che siano briciole di un  passato già esaurito ?  
    ....il fondo della china è ancora da raggiungere, purtroppo !</span>

    RispondiElimina
  12. Mondano!

    «Invece dovremmo rinunciare alle proprietà ecclesiastiche e affidarci alla generosità della gente»

    Con la testa che si ritrova era morto di fame da un pezzo.

    RispondiElimina
  13. Monsignor Giuseppe Casale, classe 1923, vescovo emerito di Foggia.   Cfr. ricerca su Google.

    RispondiElimina
  14. Perché dice "dovremmo" e invece non dà lui il buon esempio?

    RispondiElimina
  15. ....e lei Christus, come tanti altri, continua a dire "argomenti <span>tipicamente postconciliari...."</span>
         .... ma quanto vi riesce faticoso riconoscere che questi frutti (post-)  sono nati proprio da quell'albero (concilio) che li portava tutti in germe dentro di sè ! e sono frutti che devono ora maturare tutti, uno per uno, bacati come sono, e cadere a terra e marcire, tutti quanti, prima che<span> tutti gli osservatori </span>ultra-ottimisti, circa la natura dell'albero, si decidano a riconoscere la cruda realtà:
            che l'albero stesso era marcio alla radice  !
    Non ci basta che Nostro Signore ci abbia avvisato: "Dai frutti li riconoscerete"  !
    (.....dobbiamo ancora aspettare che il marciume sia completo nella sua devastazione, davanti ai nostri occhi, ancora speranzosi, che cercano di scorgere su qualche ramo -ora qua, ora là- un frutto nuovo che si possa classificare buono senza dubbi.....)
    :(

    RispondiElimina
  16. E pensare che anni fa' Mons. Casale era sostenuto dai preti di Comunione e Liberazione, contro Martini, Del Monte ed altri vescovi troppo innovatori. Quanti FALSI CONSERVATORI ci hanno fregato! Meditiamo ...per non farci fregare ancora dai nuovi conservatori...non tradizionali!

    RispondiElimina
  17. ah ah ah ah aha hahhh :-D

    RispondiElimina
  18. Filippo Burighel11 ottobre 2010 09:30

    Mi sono fermato ai titoli dell'indice riportati nell'articolo. Ho già capito il soggetto.

    RispondiElimina
  19. a quanto ammonta la sua pensione? quanto valevano le Alfa Romeo su cui scarrozzava per le strade di Foggia negli anni '80? quanto spende per mantenere il suo appartamento, il personale di servizio, l'assistenza sanitaria? questi emeriti ex-cattocomunisti fanno solo pena, sono la parodia di se stessi...

    RispondiElimina
  20. Filippo Burighel11 ottobre 2010 09:37

    Ma chi se strafrega di conservatori e progressisti!!! Sono categorie politiche, pure abbastanza aleatorie: vedi il cattolico così detto "liberale" Rosmini, oggi sarebbe probabilmente considerato una qualche sorta di reazionario. Il problema NON sono i "falsi conservatori" o i "veri progressisti", ma i FALSI DISCEPOLI DI CRISTO!!!

    RispondiElimina
  21. Beh! Montini è già saltato fuori, fra un po' legnate a GPII, una tiratina di orecchie a BXVI, immancabilmente arriva il richiamo a Kiko dalle solite Bond girls e lo schema, solito, trito e ritrito, è belle che fatto!
    Uazzz c'entra Paolo VI con il delirio di un 90enne?
    MD

    RispondiElimina
  22. proprio così, rev Sacerdote !  
    ma del rischio concreto che lei denuncia, e che già si manifesta amppiamente, molti non riescono a prendere coscienza, neanche su questo blog, tale è l'accecamento vasto e  persistente indotto da satana nelle menti piccole e grandi: come in un banco di nebbia fitta, dove, se c'è qualcuno che ogni tanto riesce a diradarla un po' ecco che subito si riaddensa, più fitta di prima, e tanti credono di essere tradizionali e fanno il gioco dei modernisti conservatori dello statu quo conciliare !
    è una fatica di Sisifo, caro Sacerdote, <span> </span>quella di chiunque voglia aiutare a veder chiaro sè e gli altri nel caos che ci attanaglia : confusione diabolica, ultradecennale, sempre più inestricabile, in cui solo il Signore può portare salvezza alle anime smarrite, e Luce vera che metta in fuga le tenebre !
    ma quando  ?
    :(

    RispondiElimina
  23. Filippo Burighel11 ottobre 2010 09:38

    <span>Ma chi se strafrega di conservatori e progressisti!!! Sono categorie politiche, pure abbastanza aleatorie. Il problema NON sono i "falsi conservatori" o i "veri progressisti", ma i FALSI DISCEPOLI DI CRISTO!!!</span>

    RispondiElimina
  24. Sicuro? Che ci siano dei de-celebrati in giro è evidente. Da qui al dire che fan presa ne passa!
    Valga per tutte la lenta agonia dell'Azione cattolica, il decrescere costante di Fanghiglia Cristiana ecc ecc!
    Ergo e riergo, pazienza! Vescovi come questo fanno solo bene alla Chiesa. Un po' come Santoro a Berlusconi! Più lo tira giù piùquesto va su!
    MD

    RispondiElimina
  25. <span>proprio così, rev Sacerdote !    
    ma del rischio concreto che lei denuncia, e che già si manifesta ampiamente, molti non riescono a prendere coscienza, neanche su questo blog, tale è l'accecamento vasto e  persistente indotto da satana nelle menti piccole e grandi: come in un banco di nebbia fitta, dove, se c'è qualcuno che ogni tanto riesce a diradarla un po', a favorire la visuale (con un piccolo faro anti-nebbia) ecco che quella subito si riaddensa, più fitta di prima,.... e tanti credono di essere tradizionali e invece fanno il gioco dei modernisti conservatori dello statu quo conciliare !  (soprattutto con l'illusoria ricerca del mitico giusto mezzo tra opposti estremi, ovvero tra Verità ed errore....grande bluff, equivalente a pernicioso compromesso, in nome dell' inclusività....)
    ed è una fatica di Sisifo, caro Sacerdote, <span> </span>quella di chiunque voglia aiutare a vederci chiaro se stesso e gli altri nel caos che ci attanaglia : confusione diabolica, ultradecennale, sempre più inestricabile, in cui solo il Signore può portare salvezza alle anime smarrite, e Luce vera che metta in fuga le tenebre !  
    ma quando  ?  
    :( </span>

    RispondiElimina
  26. <span>proprio così, rev. Sacerdote !      
    ma del rischio concreto che lei denuncia, e che già si manifesta ampiamente, molti non riescono a prendere coscienza, neanche su questo blog, tale è l'accecamento vasto e  persistente indotto da satana nelle menti piccole e grandi: come in un banco di nebbia fitta, dove, se c'è qualcuno che ogni tanto riesce a diradarla un po', a favorire la visuale (con un piccolo faro anti-nebbia) ecco che quella subito si riaddensa, più fitta di prima,.... e tanti credono di essere tradizionali e invece fanno il gioco dei modernisti conservatori dello statu quo conciliare !  (soprattutto con l'illusoria ricerca del mitico giusto mezzo tra opposti estremi, ovvero tra Verità ed errore....grande bluff, equivalente a pernicioso compromesso, in nome dell' inclusività....)  
    ed è una fatica di Sisifo, caro Sacerdote, <span> </span>quella di chiunque voglia aiutare se stesso e gli altri a veder chiaro nel caos che ci attanaglia : confusione diabolica, ultradecennale, sempre più inestricabile, in cui solo il Signore può portare salvezza alle anime smarrite, e Luce vera che metta in fuga le tenebre !    
    ma quando  ?    
    :( </span>

    RispondiElimina
  27. non c'è peggior cieco di chi non vuol vedere  !

    RispondiElimina
  28. Maggio ... dai! Fai il bravino! Lo sai che sta roba può essere partorita solo usando un attrezzo che non è il cervello ma sta molto vicino alla cintura!
    Da bravo! La testa prima poi il resto!
    MD

    RispondiElimina
  29. senta Caterina, ma perchè non prova a ricordare da<span> quale momento storico -e perchè</span>- i Vescovi hanno cominciato A NON ASCOLTARE PIU' I DISCORSI DEL PAPA, le sue dirrettive, e ad infischiarsene del Pipmato di pietro  ? perchè continiamo a dimenticare la causa prima del caos che offusca la Chiesa e che l'ha avviata allo sfacelo  ?  se qualle causa prima rimane INTATTA, COME speriamo che i Vescovi ascoltino il Papa ?

    RispondiElimina
  30. Mons. Casale, negli anni '80, era un bravo vescovo, su posizioni conservatrici, anico dei movimenti e fedele al S. Padre (prima a Vallo della Lucania e poi a Foggia). Solo successivamente, da un pò di anni, ha preso queste posizioni assolutamente inaccettabili. Ora fa solo.....interviste all'Unità (...o a Jesus).
    Povero lui.
    AMDG
    Luigi C

    RispondiElimina
  31. <span>senta, Caterina, ma perchè non prova a ricordare da<span> quale momento storico -e perchè</span>- i Vescovi hanno cominciato A NON ASCOLTARE PIU' I DISCORSI DEL PAPA, le sue direttive, e ad infischiarsene del Primato di Pietro  ? perchè continiamo a dimenticare la causa prima del caos che offusca la Chiesa e che l'ha avviata allo sfacelo  ? </span>
    <span> se quella causa prima rimane INTATTA, <span>e non detta e non biasimata e non corretta</span>, COME speriamo che i Vescovi ascoltino il Papa  ?</span>

    RispondiElimina
  32. Sono i classici "ricchi" affascinati dalla povertà degli altri.
    Di certo il Monsy (Python) non ha mai sudato freddo, nè perso nottate a pensare dove tirar fuori i soldi per arrivare a fine mese, casa, spese, famiglia...
    Mangiare, mangiava; bere, beveva.. servito e riverito..
    Parlare di radicalità in pantofole di velluto è una disciplina olimpionica in cui i vary Monsy Python d'annata ('70) sono campioni imbattuti.

    Attenzione: quello che mi infastidisce non è che un Vescovo viva una vita più agiata rispetto ad un operaio dell'Alfa, anzi: anche non avessi nulla, sapendo di avere come ospite un Apostolo, sarei il primo a svenarmi per accoglierlo con tutti gli onori (..che gli sarebebro dovuti!). Ma almeno non neghi d'essere ben al di sopra (per prestigio, per potere, per patrimonio..) di quella "borghesia" che <span>finge</span> di disprezzare.
    In fondo, anche Bertinotti passava dai comizi "da parolaio" ai cancelli della Fiat allo yacht di Della Valle senza nessun problema.. e si seccava pure se qualche giornalista glielo faceva notare:.."ma io parlo con tutti!" era la sua risposta..
    La cosa che mi urta è l'incoerenza, l'ipocrisia BECERA di queste cariatidi.. che vendono solo fumo (cattivo e a caro prezzo, per giunta).

    Il fatto che sia un "emerito" (...qui devo mordere la tastiera) non significa che faccia meno danni. E' pur sempre un Vescovo.. e quando dice che ve ne sono tanti come lui.. beh: non possiamo che credergli.

    Quindi una domanda: noi, siamo in comunione con 'sta gente?

    RispondiElimina
  33. infatti, Burighel: lei ha  messo il dito sulla piaga !
    Ma è ormai chiaro che le categorie politiche, il pensiero E IL LINGUAGGIO POLITICOIDE-social-populistico e materialista-orizzontale, sono proprio quelle MONDANITA' che la Chiesa ha assorbito, dal concilio in poi, facendole proprie, regolandosi su quelle, <span>fatalmente inquinandosi</span> -ADULTERANDOSI- con quel veleno mondano-politico che aveva tenuto sempre BEN lontano da sè.....fino al 1962  !
    :(
    quando capiremo che il fumo di satana è entrato esattamente da quelle finestre aperte, pian piano spalancandole, proprio nel 1962  ?

    RispondiElimina
  34. ...no, no, Filippo: vai oltre l'indice.
    C'è sempre il medio.

    Muhahahahahahah!

    RispondiElimina
  35. Suggerisco di inserire, in sottofondo, il file audio mp3 dell'"Internazionale" per contestualizzare al meglio la lettura del post.

    RispondiElimina
  36. punta di lapis11 ottobre 2010 10:06

    <span>             ....de-celebrati </span>
    ? ?
        caro Bartimeo, questo è un magnifico lapsus freudiano  !  8-)

    RispondiElimina
  37. Ah! Ecco! E' colpa del Concilio! Volevo ben dire!
    Adesso sotto con Kiko e possiamo cambiare post!
    MD

    RispondiElimina
  38. No, beh... magari si riferiva al solito Paolo VI, di infelice memoria.

    RispondiElimina
  39. ora dunque,
    il sig. Bartimeo legga quella notizia citata da Lacustre, e forse comincerà <span>(dico forse....</span>) a capire come questi personaggi continuano a fare danni su danni, altro che arzilli vecchietti svaniti  !
    voi non avete la più pallida idea, cari bloggers, di che cosa si parli nelle parrocchie, e come si pensi e parli e via nelle scuole e nei posti di  lavoro, IN QUESTE DIOCESI COSì governate e INDOTTRINATE da clero consimile a questi pastori-docenti, dopo essere stati A <span> </span>QUESTE SCUOLE DI PENSIERO, PER DECENNI, OBBEDIENTI, con occhi e orecchie aperte, e oggi....con la bocca chiusa e il cappo chino, perchè..."bisogna obbedire!" ai Vescovi, NON AL PAPAM, che non conta nulla, o  poco più che figura-simbolo di una Chiesa del passato, molto decorativa, ma poco imperativa  !

    RispondiElimina
  40. <span>ora dunque,  
    il sig. Bartimeo legga quella notizia citata da Lacustre, e forse comincerà <span>(dico forse....</span>) a capire come questi personaggi continuano a fare danni su danni, altro che arzilli vecchietti svaniti  !  
    voi non avete la più pallida idea, cari bloggers, di che cosa si parli nelle parrocchie, e come si pensi e parli e via nelle scuole e nei posti di  lavoro, IN QUESTE DIOCESI COSì governate e INDOTTRINATE da clero consimile a questi pastori-docenti, dopo essere stati A <span> </span>QUESTE SCUOLE DI PENSIERO, PER DECENNI, OBBEDIENTI, con occhi e orecchie aperte, e oggi....con la bocca chiusa e il cappo chino, perchè..."bisogna obbedire!" ai Vescovi, NON AL PAPA, che non conta nulla, o  poco più che una figura-simbolo di una Chiesa del passato, molto decorativa, ma poco imperativa  !</span>

    RispondiElimina
  41. <span>ora dunque,    
    il sig. Bartimeo legga quella notizia citata da Lacustre, e forse comincerà <span>(dico forse....</span>) a capire come questi personaggi continuano a fare danni su danni, altro che arzilli vecchietti svaniti  !    
    voi non avete la più pallida idea, cari bloggers, di che cosa si parli nelle parrocchie di queste latitudini d'Italia, e come si pensi e parli e viva (al 90%) nelle scuole e nei posti di  lavoro, IN QUESTE DIOCESI COSì governate e INDOTTRINATE da clero consimile a questi pastori-docenti, dopo essere stati A <span> </span>QUESTE SCUOLE DI PENSIERO, PER DECENNI, OBBEDIENTI, con occhi e orecchie aperte, ad assorbire tutto,  ed oggi....con la bocca chiusa e il capo chino, perchè..."bisogna obbedire!" -> ai Vescovi, NON AL PAPA, che non conta nulla, o  poco più che una figura-simbolo di una Chiesa del passato, molto decorativa, ma poco imperativa  !</span>

    RispondiElimina
  42. Sia per contestualizzare, sia per cantare insieme, sulle note della strofa, la risposta alla terza domanda:

    Il teeema mi sta molto a cuooore,
    la ricchezza perverte tutto..
    Dobbiaaaaamo mettere i beeeeni
    al servizio della comunità!

    Più giustiiiizia e solidarietààà
    meno logica capitalista!
    che tiene un miliardo di persoooone
    nella fame e in povertà!

    Leee chieeeese di baaase,
    Teologia e liberazioooon!
    i preeeeeti operaaaai, 
    salviam l'umanità! zam! zam!

    RispondiElimina
  43. E Lei pensa che anche se venissero ripresi ufficialmente di danni non ne farebbero più?
    Se il Papa li bastonasse pubblicamente come da Don Camillp in giù si vuole ne farebbe dei martiri e le loro evacuazioni culturali avrebbero una cassa di risonanza ancor maggiore!
    I vescovi vanno e vengono! Quello che resta è la dottrina. E se un vescovo dice il contrario di quello che deve testimoniare la gente ha gli strumenti per giudicare ,non è così supina ?
    Lei è convinto che uno favorevole all'omosessualità ed al seguente matrimonio se tutti i vescovi ecc ecc fossero uniti nel denunciare la cosa,questi cambierebbe idea? No!
    Ergo ... scuotersi la polvere di dosso e tirare dritto!
    MD

    RispondiElimina
  44. Lo Spirito Santo ci mette lo zampino e mi evita la censura e le querele!!!!!! :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D
    MD

    RispondiElimina
  45. “Volsimi  verso  lui  con  tal  vergogna,
    ch’ ancor  per  la  memoria  mi  si  gira.”
     
    (D. Alighieri, Inf., XXX, v. 134 e 135)
     

    Torcicollo Cajetan?
    MD

    RispondiElimina
  46. Preti operai ... spariti! In fabbrica si fa fatica. Preti sindacalisti, direi!
    MD

    RispondiElimina
  47. Rafminimi13@libero.it11 ottobre 2010 10:40

    <span> monsignor Giuseppe Casale, vescovo emerito di Foggia-Bovino, </span>
    Che, aggiungo, è stato per larga parte degli anni '90 (e forse lo è ancora) il "nonsochecosa" spirituale dei vostri amici del CESNUR/"CENSUR".

    RispondiElimina
  48. Ok Bartimeo, ci penso io! :-D


    (cfr.2Tim.1,6)...attenzione qui Paolo non dice a Timoteo "hai lo spirito perchè Dio ti ha investito", ma dice che Timoteo ha il carisma di Dio perchè: "  E' IN TE PER L'IMPOSIZIONE DELLE MIE MANI..."  
    ---------

    Per 'imposizione' di quale mani il sig. che nomina si fa portatore del carisma di cui parla l'apostolo?

    RispondiElimina
  49. <span>Ok Bartimeo, ci penso io! :-D  
     
     
    (cfr.2Tim.1,6)...attenzione qui Paolo non dice a Timoteo "hai lo spirito perchè Dio ti ha investito", ma dice che Timoteo ha il carisma di Dio perchè: "  E' IN TE PER L'IMPOSIZIONE DELLE MIE MANI..."    
    ---------  
     
    Per 'imposizione' di quale mani il sig. che nomina si fa portatore del carisma di cui parla l'apostolo?</span>

    RispondiElimina
  50. parce sepultis!

    RispondiElimina
  51. Luis Moscardò11 ottobre 2010 10:59

    ...evidente il rincoglionimento (detto con licenza).

    RispondiElimina
  52. "questioni inedite come le convivenze di fatto, le relazioni omosessuali o il testamento biologico" - dice il nostro Emerito: ora, se sul testamento biologico posso essere d'accordo ( è relativamente recente come problema), altrettanto non è sugli altri due: le convivenze di fatto esistono da secoli ( e la Chiesa le ha sempre condannate, anche quando non erano diffuse come oggi) avete presente il termine concubinato dell'AT? e le relazioni omosessuali? l'AT è un continuo dire che "andranno verso la perdizione, gli inferi,ecc...) e anche le lettere degli Apostoli non cambiano tanto " gli omosessuali non entreranno nel Regno" dice S.Paolo.
    Cavolo, altro che fermi agli anni sessanta scritto '60, scrivetelo 60 ( sottointeso 60 d.c, non 1960 d.c). O:-)

    RispondiElimina
  53. Eppure parlava di esorcismi e possessione diabolica....

    RispondiElimina
  54. C'è poco da ironizzare (dal Concilio in poi... da Paolo VI...) i tempi dello sfascio concordano. Pio XII fece sparire i preti operai nonostante la difesa di molti vescovi e dello stesso Cardinale Arcivescovo di Parigi. Non credo che un atto di autorita creerebbe dei "martiri", alla prima mossa il conigliume carrierista mitrato correrebbe ad allinearsi con la velocità del fulmine.

    RispondiElimina
  55. salve a tutti.
    Casale e' stato il mio vescovo a Foggia fino a che non e' andato in pensione.
    Il mio "vecchio" parroco, che fu anche vicario generale con Casale all'epoca del primo sinodo diocesano, ci ha raccontato svariate cose sul tipo.
    Ne riporto un paio.
    1) il caro vescovo, all'epoca, diciamo 15 anni fa, durante un consiglio di non so che cosa in cui si discuteva del caso di un prete (uno dei tanti) che aveva avuto un "incidente" con la sua "ragazza" (che rimase in cinta), propose una insolita durezza nei confronti del prete stesso; al che il mio parroco lo apostrofo' ricordandogli che "tutti" li' dentro sapevano che lui aveva la compagna fissa con tanto di filgio a carico.
    2) sempre il mio parroco inoltro' una denuncia canonica per la "distrazione" dei fondi dell'ottoxmille con cui il caro vescovo si era comprato la villa da godersi in pensione a Roma.
    Il mio vecchio parroco era un tipo "ruspante" ma non passava per essere un conta balle....
    Buone cose
    Oreste

    RispondiElimina
  56. Roba da Dagospia!
    MD

    RispondiElimina
  57. Di danni ne hanno già fatti abbastanza. Il primo venerdì del mese, all'ora di adorazione, ho accennato allo sfascio della morale cattolica e dal pio e devoto gruppo mi son sentito dire che " i gay sono nati così, poverini, perchè impedir loro le naturali soddisfazioni, che male c'è? Ecc. ecc. Il Papa può dir quello che gli pare, ma se i vescovi non vigilano, nell'obbedienza piena al magistero, (altro che collegialità, non siamo mica al parlamento) presso i fedeli lo sbandamento è totale. Un intervento autoritario di condanna non creerebbe martiri per il semplice fatto che alla prima mossa il conigliume carrierista mitrato correrebbe in massa ad allinearsi con la velocità del fulmine. Pio XII fece sparire i preti operai nonostante avessero l'appoggio di molti vescovi compreso il cardinale arcivescovo di Parigi.

    RispondiElimina
  58. cherchez la femme!

    RispondiElimina
  59. Da notare anche che l'emerito ripete quella scemenza blasfema del "san precario", tipica invenzione degli estremisti di sinistra che amano ridicolizzare la religione. Provate a prendere in giro un "san sindacalista", poi vediamo che succede. Tra l'altro, il precariato in Italia è stato introdotto da Prodi e Treu: non aggiungo altro.
    Il vero problema è che questi tipi sono convintissimi di essere all'avanguardia e, perciò, si credono addirittura perseguitati! In altre parole, sono impermeabili all'uso della retta ragione per cercare e stabilire la verità (che, nel nostro caso, può anche avere l'iniziale maiuscola). Ma, purtroppo, sono l'espressione del mondo di oggi, dove tutti credono di avere diritto di dire e fare tutto.
    Quando Pio XII interveniva per reprimere certi fenomeni e tendenze, poteva farlo perché aveva dietro di sé una Chiesa e un "mondo cattolico" con una identità precisa. Dopo il Concilio, con la fissazione scema dell'"andare incontro al mondo", questa identità si è persa. BXVI fa quello che può per ridarle un certo smalto, ma anch'egli soggiace all'ideologia imperante secondo cui non si deve "imporre" niente, per cui vedi le affermazioni di Marini che dice che il Papa propone un modo di celebrare: ridicolo, o quel modo è giusto o è sbagliato o superfluo, per cui o lo si adotta ufficialmente o lo si lascia perdere. Il principio di non contraddizione non va più di moda, purtroppo.

    RispondiElimina
  60. Non darei troppo credito a pettegolezzi: per molto meno, in diocesi molto più piccole alcuni vescovi hanno punito parroci che si erano permessi di criticarli. Non vedo dunque come facesse un vicario a criticare così palesemente il suo vescovo e a restare in carica.

    RispondiElimina
  61. ...sulla poverta' della chiesa ......ha ragione!!!!!

    RispondiElimina
  62. Da oggi ore 12:00 Severino Poletto è ufficialmente emerito di Torino.

    Tanti auguri al neo-nominato Nosiiglia, e buon lavoro di scannamento a Roma per il prossimo Antipapa milanese.

    RispondiElimina
  63. non mi sembra proprio...! Io la interpreterei piuttosto come una critica intelligente alle eccessive energie spese fino agli anni 90 per combtattere (solo) il comunismo (e qui Giovanni Paolo II ci ha buttato preghiere, diplomazie,astuzie e soldi...troppi).
    Poi ci si accorge che l'indifferenza verso la religione e la fede è cresciuta a dismisura nonostante la morte del pericolo storico (sic!) della religione: viene il dubbio che siani stati sottovalutati molti altri (e più importanti) pericoli nei quali è caduta anche la spensieratezza con cui è stata vissuta la liturgia (con gli effetti ridicoli che qua e la si vedono) 

    ...vicino alla cintura sono ubicato organi molto importanti e fondamentali...

    RispondiElimina
  64. <span>non mi sembra proprio...! Io la interpreterei piuttosto come una critica intelligente alle eccessive energie spese fino agli anni 90 per combattere (solo) il comunismo (e qui Giovanni Paolo II ci ha buttato preghiere, diplomazie,astuzie e soldi...troppi).  
    Poi ci si accorge che l'indifferenza verso la religione e la fede è cresciuta a dismisura nonostante la morte del pericolo storico (sic!) della religione: viene il dubbio che siani stati sottovalutati molti altri (e più importanti) pericoli nei quali è caduta anche la spensieratezza con cui è stata vissuta la liturgia (con gli effetti ridicoli che qua e la si vedono)   
     
    ...vicino alla cintura sono ubicato organi molto importanti e fondamentali...</span>

    RispondiElimina
  65. Dalle ultime in mio possesso sembra che a Milano ci metteranno l'Imam... 8-)

    RispondiElimina
  66. pepito sbazzeguti11 ottobre 2010 12:47

    " Purtroppo nella Chiesa prevale una prospettiva metafisica e deduttiva , mentre servirebbe una mentalità storico induttiva ".

    Complimenti al Monsignore per l'affermazione di puro sapore modernista . Da Manuale !
    Qualche burlone ,in epoca remota,deve avergli nascosto il "Denzinger".

    RispondiElimina
  67. Richiesta urgente di preghiere11 ottobre 2010 13:11

    <span><span>n</span></span>

    RispondiElimina
  68. questo vescovo è un emerito cretino ,pazzo ,si mette a benedire le nozze lesbo, è protestante

    RispondiElimina
  69. Impossibile. Gli Imam ci credono alla fede che professano, nella sostanza e nella lettera.

    RispondiElimina
  70. Purtroppo si è consumata la tanto attesa nomina di Torino...Nosiglia...

    Scusate l'o.t.

    RispondiElimina
  71. Luis Moscardò11 ottobre 2010 13:46

    ... ognuno ha il suo lato ricattabile?
    Comunque purtroppo il concubinato del clero attuale è un rischio strisciante. A qualcuno dice niente la sigla O.A.S.?....

    RispondiElimina
  72. E' la sindrome di Scalfaro. E' micidiale e diffusa! E' specifica di quei cattolici anziani che hanno vissuto pensando di salvarsi l'anima con la politica. Ora hanno il dubbio che non sia vero, e, per dimenticare, si ubriacano di utopia.

    RispondiElimina
  73. muahhh ahhh ahhh ahh ahh :-D

    RispondiElimina
  74. ci fossero tanti MONS NOGARO la chiesa sarebbe piu' santa, invece abbiamo dei vescvovi che hanno la nostalgia dello stato papale e del potere temporale oltre all'amore per merletti, pizzi e stranezze varie.........

    RispondiElimina
  75. Cara redazione, non gioisci per nosiglia a torino...dov'è il grande papa di cui parlate...è impegnato con i camauri. Per il Piemonte termina ogni illusione sul cambio di corso del papato. quasi era meglio prima. Se togliete il commento sietye vigliacchi

    RispondiElimina
  76. <p>Il Papa Re )
    </p><p>A questo punto sarebbe più semplice, questa è la mia tesi e ritorno alle teorie filosofiche e sociologiche dell’800 , del Rosmini e del Gioberti, a questo punto tanto varrebbe che chiudiamo l’Italia e nominiamo il Papa Re d’Italia. A che serve un Parlamento, se un presidente del Consiglio scrive una lettera al Papa sulla questione della pedofilia in Irlanda in cui, a parte il fatto che non nomina mai il termine pedofilia, ma parla di situazioni pesanti, difficili, semplicemente per dire che lui a differenza degli altri governi, dal Governo tedesco, dal Governo inglese, americano etc., si schiera dalla parte del Papa</p>

    RispondiElimina
  77. Poco dopo le 12, al Santuario della Consolata, il card. Severino Poletto ha annunciato il nome del suo successore: mons. Cesare Nosiglia, finora arcivescovo di Vicenza. 

    RispondiElimina
  78. Lutto...Lutto...Lutto per Torino. Povero Piemonte da troppo abbandonato. Dalle nomine si riconosce il papato. Che il Signore ci salvi!

    RispondiElimina
  79. Farinella ... senza lievito! Va da sè! Sciacquati la bocca prima di parlare di Rosmini che per la cronaca somaretto comunista è Beato! E lavati i denti quando nomini il Papa! Di vili non se ne sente proprio il bisogno in quaeto periodo!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  80. tutto il commentabile (e anche di più) è stato detto qui:
    http://blog.messainlatino.it/2010/10/chi-affidare-torino.html
    c'è poco da aggiungere, salvo una prece per i sacerdoti e seminaristi cattolici di Torino, e i (pochi) fedeli che si auguravano un cambio di rotta.
    voglio essere ottimista e pensare che il Papa abbia sacrificato Torino per qualche bene superiore. In fondo a che serve sprecare cure per un malato incurabile in fase terminale? Anche se abbandonarlo tout court al suo destino non è comunque molto cattolico, come comportamento.

    RispondiElimina
  81. Beh !Se uno che scrive certe cose da dei vigliacchi ... allora viva i vigliacchi!
    MD

    RispondiElimina
  82. Più che intrometterti hai rotto. Se ci fossero tanti Nogaro allora lo stato iperlaicista avrebbe già il dominio sull'uomo! Vergonati per quello che scrivi. Di certo non lo pensi, Con quello strumento non si pensa!
    MD

    RispondiElimina
  83. Ben fatto! Ed adesso lasciatelo lavorare ed aiutatelo. Comodo contestare ancora prima di sapere. Ma che ... tutti Mamma Ebe da queste parti?
    MD

    RispondiElimina
  84. <p><span><span>"Non di rado, nel mondo moderno, ci sentiamo perdenti. </span></span><span></span>
    </p><p><span><span>Ma l'avventura della speranza ci porta oltre. </span></span><span></span>
    </p><p><span><span>Un giorno ho trovato scritto su un calendario queste parole: </span></span><span></span>
    </p><p><span><span>«Il mondo è di chi lo ama e sa meglio dargliene la prova». </span></span><span></span>
    </p><p><span><span>Quanto sono vere queste parole! Nel cuore di ogni persona c'è un'infinita </span></span><span></span>
    </p><p><span><span>sete d'amore e noi, con quell'amore che Dio ha effuso nei nostri cuori, possiamo saziarla"</span></span><span></span>
    </p><p><span>card. François Xavier Nguyen van Thuân</span></p>

    RispondiElimina
  85. Caro Bartimeo... complimenti per il nome che hai scelto!
    Azzeccatissimo!

    RispondiElimina
  86. Riferito a sacerdote, non a guy!
    MD

    RispondiElimina
  87. Se hai tempo, vieni a farti un giretto a Torino una di queste domeniche. Ti offro un caffè o un aperitivo e ti porto in giro per un paio di S. Messe altamente significative. Se pensi che io sia prevenuto, prendiamo l'elenco delle parrocchie diocesane e scegliamo a caso. Se dopo l'esperienza sei ancora convinto in cuor tuo che uno come Nosiglia possa cambiare qualcosa, ti offro la cena; in caso contrario, verrai sul blog a fare pubblica ammenda. Sono certo che tu sia una galantuomo, ma non sai davvero in che stato sia il cattolicesimo da queste parti, quindi (perdonami la franchezza) parli abbastanza a sproposito.

    RispondiElimina
  88. Bartimeo, <span>se hai tempo, vieni a farti un giretto a Torino una di queste domeniche. Ti offro un caffè o un aperitivo e ti porto in giro per un paio di S. Messe altamente significative. Se pensi che io sia prevenuto, prendiamo l'elenco delle parrocchie diocesane e scegliamo a caso. Se dopo l'esperienza sei ancora convinto in cuor tuo che uno come Nosiglia possa cambiare qualcosa, ti offro la cena; in caso contrario, verrai sul blog a fare pubblica ammenda. Sono certo che tu sia una galantuomo, ma non sai davvero in che stato sia il cattolicesimo da queste parti, quindi (perdonami la franchezza) parli abbastanza a sproposito.</span>

    RispondiElimina
  89. Ritengo che non gli si possa dar torto neanche quando auspica "...una soluzione perché non ci siano più i grandi, scandalosi guadagni e le grandi, scandalose, miserie, anche in Italia". Una redistribuzione del reddito più equa di quanto non sia oggi. Peccato che i singoli Stati non siano più in grado di adottare politiche economiche in tal senso, essendo ormai, nella società totalitaria in cui viviamo, il governo dell'economia in mano a organismi non eletti da nessuno e sconosciuti ai più.

    RispondiElimina
  90. Si, Guy, va bene! Ma perchè prendersela con Mons. Nosiglia! Lascialo lavorare! tempi difficili per tutti!
    E che cavolo! Un minimo di pazienza, tanta Carità, e sofferenza!
    Matteo Dellanoce
    PS tutti prima di sapere qualcosa parliamo a sproposito. solo il supertradizionalista sa con certezza prima quello che tutti sappiamo dopo!

    RispondiElimina
  91. Chiedo scusa, ma muoio dalla curiosità. Chi sono le "solite Bond girls"?

    RispondiElimina
  92. Vabè, allora facciamo come su cattoliciromani dove vige il nuovo superdogma dell'infallibilità vescovile e non si può nemmeno criticare il colore dei calzini di un prelato. Ma il cattolicesimo non era una religione dove vigeva la razionalità tomista una volta? Date premesse sicure, è così difficile valutarne gli effetti potenziali? Se butto un cerino accesso su una tanica di benzina, cos'è probabile che accada?

    RispondiElimina
  93. Ma quale "soggiace all'ideologia imperante"...
    Ascolta un po cosa dice il Papa su questo link!
    http://www.youtube.com/watch?v=CyVb2UnK0Pw&feature=player_embedded

    RispondiElimina
  94. Continua così...ti daremo il premio bontà. Solo chi non può chiudersi in casa ad aspettare tempi migliori, e sta in mezzo al popolo, sa quanta sofferenza c'è nella Chiesa del Piemonte. Lasciateci la libertà di Gridare a Dio e alla Vergine Santa. Lasciateci almeno questo.

    RispondiElimina
  95. Caro "causa prima" che mi inviti a cercare le cause di questo dramma...esse non sono NEL CONCILIO....il dibattito è trito e ritrito inutile tornarci ogni volta sopra trovando IL CAPRO ESPIATORIO IN UNO STRUMENTO quale è stato il Concilio!
    troppo comodo condannare il Concilio....certi sfondoni erano già nell'aria assai prima del Concilio e vennero condannati, dopo il Concilio hanno avuto terreno facile anche PER IL CROLLO DEI FEDELI IMPEGNATI NELLE BATTAGLIE DEL 68...
    Non è saggio colpevolizzare esclusivamente certi Vescovi, il Concilio, un Papa...E I FEDELI ANDO STAVANO?
    le donne a gridare L'UTERO E' MIO E LO GESTISCO IO!!! e gli uomini a fare i FIGLI DEI FIORI e a seguore ......Jesus Christ Superstar......
    IL MONDO ERA IN CRISI e la Chiesa fatta dalle MEMBRA UMANE è entrata in crisi e lo sarebbe stata anche senza il Concilio...

    L'importante, OGGI, è il discernimento e riconoscere ciò che è buono da ciò che non lo è e queste idee di questo vescovo NON sono buone....a prescindere dal Concilio!
    ;)

    RispondiElimina
  96. Da queste parti chi tocca le Regine muore! innominabili! Uuuuhhhhhhh! pericolo, Ben! Meglio non saperlo!
    Comunque per aiutarla sappia che sono tutte sante e papesse, ma non sono protestanti! UNa sicuramente non è italiana un'altra è di certo e per certo infallibile, insomma occhio alle scomuniche!
    MD

    RispondiElimina
  97. Che la Grazia Santificante intervenga ed illumini! Siamo legati alla ragione, ma non razionalisti!
    Pazienza, Speranza, Carità e tanta Fede!
    Poi se avrà ragione ( probabile?) non io le chiederò scusa ma il Vescvo in questione!
    MD

    RispondiElimina
  98. E che! Lei lo ha fatto? Oppure appartiene alla schiera ( sul modello Eicmann) che siccome perdo i miei feudi allora taccio?
    Chieda alla redazione se mi danno il prmio bontà!Mi vien da ridere!
    MD
    Tacere, sopportare, testimoniare!

    RispondiElimina
  99. Sempre in trincea...senza falsi silenzi. Comunque abbasso Nosiglia e chi lo ha nominato. Meglio che la Chiesa impari a fare subito i mea culpa, e non dire dopo decenni di non aver vigilato.

    RispondiElimina
  100. Perdonatemi l'OT anche se a molti non frega nulla.... desidero comunicarvi che Oriens forum ha riaperto i battenti:
    http://www.oriensforum.net/index.php 

    un grazie a Newman  (e quanti vi lavorano dietro le quinte ) per l'impegno riproposto anche riavviando gli aggiornamenti su Rinascimento Sacro... :)

    RispondiElimina
  101. Non ci capiamo proprio...
    Non è la Grazia santificante che cambierà la dura cervice del clero al comando della diocesi torinese, per il semplice fatto che non ci credono più nemmeno loro, altrimenti se ne starebbero chiusi nelle sacrestie tremando per il castigo che i sacrilegi quotidiani che vengono compiuti chiamano sulle loro (e nostre) teste.
    Forse è proprio per quello che Sua Santità non ha sprecato per Torino qualcuno che poteva magari venire utile altrove, e che sarebbe stato sbranato vivo lo stesso. Però ci si poteva almeno provare. Invece si è andati a pescare nel solito stagno progressista-ma-conservatore di facciata. Sul fatto che il Vescovo possa venirmi a chiedere scusa: sono al lavoro, non mi faccia scoppiare a ridere per favore.

    RispondiElimina
  102. ehm.....non ho capito....
       può ripetere più forte, per cortesia ?
    se no, come facciamo a mettere l'intenzione di preghiera  ?  :)

    RispondiElimina
  103. Altro sedevacantista da 2 soldi ... anzi! Trenta denari!
    MD

    RispondiElimina
  104. Boh! Come è qul passo del Vangelo? Se avrete un briciolo di fede spostereste quella montagna.? O giù di lì! Senza la Grazia ciao al mondo! 
    MD

    RispondiElimina
  105. La fede senza le opere è morta. Opere mie, e opere di chi si deve prendere le responsabilità del gregge, ciascuno nel suo ordine.

    RispondiElimina
  106. Bella, calda calda dì giornata

    RispondiElimina
  107. parole da calendario11 ottobre 2010 15:24

    <span>«Il mondo è di chi lo ama....</span>
          ovvero  ? ?
    anche i poteri new-order-mondialisti lo amano tanto....e infatti !
    *DONT_KNOW*
    che significa amare  ?  e quale amore fa possedere il mondo ?
    (cuore, sole amore, civiltà dell'indistinto amore universale-senza-nome......bah)

    RispondiElimina
  108. parole da calendario11 ottobre 2010 15:31

    e poi....il mondo CHE COSA AMA?  che cosa desidera realmente ?

    In realtà, Gesù ha detto chiaramente ai suoi discepoli le seguenti parole:

          "  Se voi foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo;
                   ma poiché non siete del mondo, ma io vi ho scelto dal mondo,
                                   perciò il mondo vi odia".
    (Giovanni 15:19)
    che valgono per tutti gli uomini, che Lo seguono fino alla morte di Croce, per essere con Lui nella Resurrezione in OGNI TEMPO della storia umana !
     ....altro che parole d'amore da calendario ....

    RispondiElimina
  109. ar "sacerdote (ma ddè chè???) gli hanno chiuso l'artro forum e se viene a sfoga quà!

    a redazione, cè avete da mette l'antivirusse e il fire coso come se chiama

    questi tra li loro forumme chiusi e blogghetti da 1 vistita ogni tre lusti vengheno quà!

    RispondiElimina
  110. parole da calendario11 ottobre 2010 15:36

    <span>e poi....il mondo CHE COSA AMA?  che cosa desidera realmente ?  </span>
    <span>   e a che serve "ossedere il mondo"  ?? 
    In realtà, Gesù ha detto chiaramente ai suoi discepoli le seguenti parole:</span>

             "Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me.
                    Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo;
                         poiché invece non siete del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo,
                                  per questo il mondo vi odia."
    <span>(Gv 15:19)  
    che valgono per tutti gli uomini, che amandolo (a fatti e parole) Lo seguono fino alla morte di Croce, perseguitati dal mondo CHE LI ODIA A CAUSA DEL SUO NOME, per essere con Lui nella Resurrezione e nella gloria : e sono parole perennemente valide in OGNI TEMPO della storia umana e della Chiesa !  
    ( ....altro che parole d'amore da calendario ....)</span>

    RispondiElimina
  111. Per carità, allora. Mi tengo la mia curiosità. Alla larga dalle scomuniche!

    RispondiElimina
  112. parole da calendario11 ottobre 2010 15:38

    <span><span>e poi....il mondo CHE COSA AMA?  che cosa desidera realmente ?  </span>  
    <span>   e a che serve "possedere il mondo"  ??   </span></span>
    <span><span>(e a che pro possedere il mondo se si perde l'anima, per mendicare il suo amore?)</span></span>
    <span><span>
    In realtà, Gesù ha detto chiaramente ai suoi discepoli le seguenti parole:</span>  
     
             "Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me.  
                    Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo;  
                         poiché invece non siete del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo,  
                                  per questo il mondo vi odia."  
    <span>(Gv 15:19)    
    che valgono per tutti gli uomini, che amandolo (a fatti e parole) Lo seguono fino alla morte di Croce, perseguitati dal mondo CHE LI ODIA A CAUSA DEL SUO NOME, per essere con Lui nella Resurrezione e nella gloria : e sono parole perennemente valide in OGNI TEMPO della storia umana e della Chiesa !    
    ( ....altro che parole d'amore da calendario ....)</span></span>

    RispondiElimina
  113. La notizia è giunta ufficiale Nosiglia è vescovo di Torino...
    Amen!

    RispondiElimina
  114. cara Caterina, quell'avviso:
                         "DAI FRUTTI LI RICONOSCERETE"
    NON è una frase detta "per modo di dire" da un qualunque passante di strada, dotato di buon senso....
    ma da Nostro Signore! .....o no ?

    RispondiElimina
  115.  no caro ospite non è così semplice....santa Caterina da Siena e molti altri santi ci insegnano che si può deviare da quel carisma....a noi rimane L'OBBEDIENZA salvo in casi di eresia o gravi peccati... pèer il resto è l'obbedienza che rivela la verità e il carisma, ma spetta anche al fedele segnalare l'errore dei vescovi, riferimento alla Redemptoris Sacramentum ;)

    RispondiElimina
  116. e ancora:

    ROMA - "Non mettiamo cancelli di chiusura nei confronti delle coppie omosessuali". A ragionare in questo modo, con parole di apertura nei confronti delle coppie gay che progettano una vita insieme è un vescovo. Interpellato dall’ADNKRONOS a proposito del matrimonio simbolico che avverrà oggi tra due ragazze torinesi alla presenza del sindaco Sergio Chiamparino, monsignor Giuseppe Casale, vescovo emerito di Foggia, afferma: "nei confronti di queste persone che vivono l’omosessualità non bisogna lanciare anatemi. Che vivano la loro vita di relazione nel migliore dei modi possibili". 
    *******
    ergo caro ospite questo Vescovo NON CI RAPPRESENTA PIU' PERCHE' HA DEVIATO DA QUEL MAGISTERO PER MEZZO DEL QUALE AVEVA RICEVUTO IL MANDATO!
    ;)

    RispondiElimina
  117. ...i frutti, buoni o cattivi, NON sono di un mezzo o di uno strumento, in questo il Concilio, ma di chi li usa malamente.... ;)

    RispondiElimina
  118. Nobis quoque peccatoribus11 ottobre 2010 15:52

    Propongo di far pervenire a Mons. Nosiglia una copia di Notre Charge Apostolique di S. Pio X, di cui quest'anno cade il centenario.

    FdS

    RispondiElimina
  119. <span>a proposito di  mea culpa   (detti e ancora da dire......)  
    ....resta da vedere se era sedevacantista anche il venerabile Pio XII quando disse (da cardinale) le ben note parole, avveratesi in pieno oggi, anzi in continuo avveramento dal mega-concilio in poi:   
    <span>        Questo insistere da parte della Madonna sui pericoli che minacciano la Chiesa è un avvertimento divino contro il suicidio per l’alterazione della Fede, nella sua liturgia, nella sua teologia e della sua anima”. (...).</span>  
    <span>       “Sento intorno a me gl’innovatori che vogliono smantellare la Sacra Cappella, distruggere la fiamma universale della Chiesa, respingere i suoi ornamenti, infliggerle il rimorso per il suo passato storico”.</span>  
    <span>                 <span>“Così, mio caro amico, sono convinto che la Chiesa di Pietro deve difendere il suo passato; altrimenti si scaverà la fossa”. "...un giorno verrà che il mondo civilizzato rinnegherà il suo Dio, </span>  <span>e che la Chiesa dubiterà come Pietro ha dubitato."</span>  
    ----------------------------------  
    Parole che si avverano negli aberranti discorsi di questo vescovo emerito, come di tantissimi vescovi e preti, da 45 anni in qua.....e si avverano in fatti che abbiamo spesso visto, deviazioni ben note dalla Strada di sempre, di cui la Chiesa non si pente, e dalle quali non vuol tornare indietro. Allora: avanti così!.....  
    fino a quel giorno in cui  
       "..... <span>la Chiesa dubiterà come Pietro ha dubitato."</span>  
    (ma di avvisaglie ne abbiamo avute già tante....)  
    </span> 
    PS egr. Bartimeo, secondo lei Pio XII era un sedevacantista ante-litteram  ?</span>

    RispondiElimina
  120. Rutilio Namaziano11 ottobre 2010 16:06

    Lei, Bartimeo MD, esagera con questa storia delle Bond girls che da un po' di tempo va ripetendo: se non fossero donne me parlerebbe in questo modo irrispetttoso e - mi consenta - becero?
    Guardi, spesso non sono d'accordo con loro, ma non è questo il punto, si discute nella libertà, ma anche nella carità, volendo convincere, non certo cercando di ridicolizzare o peggio persone che molto fanno. Conosco, solo superficialmente, una delle due signore che lei in questo modo insolentisce, ma ho comunque potuto vedere quanto impegno profonde per cause giuste e difficili, tra l'incomprensione dei più (gerarchia in primis). Credo che lei debba loro delle scuse, ma al di là di queste (immagino le risposte: son cose di altri tempi, di quando si teneva a rispettare certe "forme" vuote, si tratta di vis polemica, uso di un artifizio rettorico...) la invito a ricordarsi qual è l'atteggiamento di un cristiano verso i fratelli.

    RispondiElimina
  121. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 16:06

    Eh già poverino, ma che c'entra Paolo VI? Mica è stato lui il Papa che ha sfasciato la chiesa con il suo umanesimo sfrenato, mica l'ha scritta lui la Popolorum Progressio o l'Ecclesiam suam, mica l'ha cambiata lui la Santa Messa...
    Il vescovo con le idee strampalate, non si riferisce mica a concetti ambigui determinatesi nel concilio...
    Poi il Cristo storico a cui fa riferimento il vecchietto non è certamente uscito da un super esperto conciliare.
    Il Concilio? E che c'entra!

    RispondiElimina
  122. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 16:09

    Ma sarà stato un super esperto conciliare e poi un Papa ad approvare i preti operai?
    Il Concilio? E che c'entra!

    RispondiElimina
  123. Documenti vaticani "Ufficiali" di tali affermazioni esistono? :-D

    RispondiElimina
  124. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 16:22

    Quindi secondo questo illuminante teorema, visto che il furto esiste da sempre e l'omicidio pure sarà il caso di depenalizzarlo?
    Visto che molti oggi si danno alla pedofilia è inutile indignarsi e combatterla, tanto lo fanno tutti!
    Suvvia! Scuotiamoci la polvere di dosso e tiriamo dritti!!

    <span>Se il Papa li bastonasse pubblicamente come da Don Camillo in giù si vuole ne farebbe dei martiri e le loro evacuazioni culturali avrebbero una cassa di risonanza ancor maggiore!</span>
    Quindi lasciamo spazio ad ogni eresia...intanto la gente và all'inferno...ma inizio a credere che per te l'inferno sia vuoto come già pensava qualcuno...

    E poi:

    <span>I vescovi vanno e vengono! Quello che resta è la dottrina. E se un vescovo dice il contrario di quello che deve testimoniare la gente ha gli strumenti per giudicare ,non è così supina ?</span>

    Prima la gente andrebbe dietro al primo scisma in caso di rimprovero papale...poi la gente non è così cretina da non ragionar con la testa propria.
    Poi resta la dottrina. =-O
    Ma quale dottrina? Quella dei cristiani anonimi o del Cristo storico? Quella del Limbo che non esiste?
    Quale dottrina Bartimeo!
    Sei così impegnato a difendere l'indifendibile che non t'accorgi nemmeno delle idiozie che scrivi?
    Sveglia!!!

    RispondiElimina
  125. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 16:27

    Lasciamo lavorare Nosiglia, con quel curriculum che ha saprà ben terminare lo sfascio già in atto.

    RispondiElimina
  126. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 16:33

    <span>Tacere, sopportare, testimoniare!</span>
    Tacciamo per amor di Dio di dire quello che pensiamo a fondo di Nosiglia specie per chi ci ha lavorato insieme.
    Sopportiamo tutti quelli che parlano a sproposito per il gusto di parlare pur con evidenza dei fatti.
    Testimoniamo tutte le malefatte del Vescovo in questione.

    RispondiElimina
  127. Richiesta urgente di preghiere11 ottobre 2010 16:34

    la trovate al seguente link. Con mille grazie a chi lo ha pubblicato:
    http://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2010/10/appello-di-un-lettore-da-condividere-e.html

    RispondiElimina
  128. <span> la gente ha gli strumenti per giudicare ....</span>
          è qui che lei prende la solita cantonata, Bartimeo:
    <span> la gente NON HA PIU' gli strumenti per giudicare : GLIELI HANNO sottratti subdolamente, anno dopo anno, con catechesi devianti e liturgie in deriva protestante, nelle messe sempre più teatrali e chiassose, nelle chiese sempre più palazzetti da kermesses mondane....(veda l'ultima catteddrale francese nel post seguente) !</span>
    la gente non ha più <span> </span>LE BASI DOTTRINALI DI SEMPRE, non ha più LA pietra di paragone, gliel'hanno rubata e nascosta, dicendo che era superata: la Tradizione viva, bimillenaria e perenne, superata dal mega-concilio che ha rinnovato la Chiesa dalle fondamenta!  la Dottrina di prima è stata aggiornata e "adattata ai tempi moderni", e tante regole morali e formule dottrinali di prima del '60 non sono più conosciute nè insegnate, capisce che non c'è più OGGI la formazione tradizionale  ??
        ma non riesce proprio ad aprire gli occhi, o lo fa apposta  ?
    QUALI STRUMENTI VUOLE che abbiano i fedeli dopo un lavaggio del cervello di <span> </span>quasi mezzo secolo  ?
    il risveglio sì, c'è, grazie al benedetto MP, ma la forza dei pochissimi "svegli" è pari a quella di un moscerino di fronte ad un gigante: il PANTOCLASTA MODERNISTA che prosegue indistrubato la sua marcia 
    DISTRUTTIVA !
    .... come nella mia diocesi, dove SI CONTINUA A DISTRUGGERE tranquillamente ALTARI maggiori per mettere la mensa da banchetto al centro dell'"aula lituirgica":
    ....e  vediamo scritto sul cartello di avviso dei lavori in corso la  solita motivazione UFFICIALE  :
                 ".....per adeguamento ALLE DISPOSIZIONI DEL CONCILIO VATICANO II....
    ecc. ecc.  ....  viene demolito l'antico altare e sostituito  ecc.....
    .....rifatto il presbiterio, nuova forma, demoliti i gradini......"
       IN NOME DEL CONCILIO!.... ha capito Bartimeo ?
    e che cosa vuole che dicano i fedeli, quando leggono,
       a caratteri cubitali la motivazione di <span> </span>quei  LAVORI DI ADEGUAMENTO LITURGICO  ?
    che cosa potrebbero obiettare, come possono aprire bocca di fronte ai potenti, 
        SE del concilio nessuno sa niente di niente, NE' CHE COSA HA DETTO, nè che cosa ha permesso/vietato
           en SE    PERFINO quelli che vi parteciparono nonn lo sanno affatto interpretare NE' CAPIRE  ?
       Quali sarebbero gli strumenti per giudicare (casomai DISCERNERE E CRITICARE) se si dice agli inermi e ignari fedeli sempre e solo:
                         "  OBBEDITE ! fidatevi dei superiori  ! non giudicate !"
    ?   allora adesso lei mi tira fuori la capacità di giudicare, dopo che - insieme a tanti altri - ha sproloquiato sempre sul non doversi ergere a giudici delle autorità e doversi fidare SEMPRE E COMUNQUE DEI PASTORI,
    qualunque cosa dicano e facciano  ?
    lei gira il discorso sempre a suo vantaggio, contraddicendosi spesso vistosamente con salti acrobatici....
     pur di avere sempre ragione !

    RispondiElimina
  129. Moralismo da tre soldi!
    Il dileggio fa parte della discussione. Resta un fatto che io non ho nulla di personale con loro! Solo opinioni diverse!
    MD
    PS se fossero state maschietti avrei usato un linguaggio da postribilo. di certo non li avrei chiamato Bond Boys!

    RispondiElimina
  130. Sfasciato non Paolo VI. Ai miei occhi ha contribuito allo sfascio di più quel tale che ha ordinato Vescovi disubbidendo al Papa!
    MD

    RispondiElimina
  131. <span><span> la gente ha gli strumenti per giudicare ....</span>  
          è qui che lei prende la solita cantonata, Bartimeo:  
    <span> la gente NON HA PIU' gli strumenti per giudicare : GLIELI HANNO sottratti subdolamente, anno dopo anno, con catechesi devianti e liturgie in deriva protestante, nelle messe sempre più teatrali e chiassose, nelle chiese sempre più palazzetti da kermesses mondane....(veda l'ultima cattedrale francese nel post seguente) !</span>  
    la gente non ha più <span> </span>LE BASI DOTTRINALI DI SEMPRE, non ha più LA pietra di paragone, gliel'hanno rubata e nascosta, dicendo che era superata: la Tradizione viva, bimillenaria e perenne, superata dal mega-concilio che ha rinnovato la Chiesa dalle fondamenta!  la Dottrina di prima è stata aggiornata e "adattata ai tempi moderni", e tante regole morali e formule dottrinali di prima del '60 non sono più conosciute nè insegnate, lo capisce allora che non c'è più OGGI la formazione tradizionale, mediante la quale tutti erano in grado di discernere il bene dal male, l'ortodossia dall'eresia  ??  non vede che tutti sono immersi e travolti dalla marea montante del relativismo dottinale e morale  ?  che il male è definito male, il falso detto vero,  il santo seguace di Cristo-Verità detto integralista e nemico dell'amore (unitivo-mondialista)  ? nella dittatura urlante della menzogna relativista, COME SI FA  a mostrare la Verità, sempre infangata e calpestata dal pensiero dominante, che La odia  ?</span>
    <span>   .... ma lei non riesce proprio ad aprire gli occhi, o lo fa apposta  ?  
    QUALI STRUMENTI VUOLE che abbiano i fedeli dopo un lavaggio del cervello di <span> </span>quasi mezzo secolo  ?  
    il risveglio sì, c'è, grazie al benedetto MP, ma la forza dei pochissimi "svegli" è pari a quella di un moscerino di fronte ad un gigante: il PANTOCLASTA MODERNISTA che prosegue indistrubato la sua marcia  DISTRUTTIVA !  
    .... come nella mia diocesi, dove SI CONTINUA A DISTRUGGERE tranquillamente ALTARI maggiori per mettere la mensa da banchetto al centro dell'"aula lituirgica":  
    ....e  vediamo scritto sul cartello di avviso dei lavori in corso la  solita motivazione UFFICIALE  :  
                 ".....per adeguamento ALLE DISPOSIZIONI DEL CONCILIO VATICANO II....  
    ecc. ecc.  ....  viene demolito l'antico altare e sostituito  ecc.....  
    .....rifatto il presbiterio, nuova forma, demoliti i gradini......"  
       IN NOME DEL CONCILIO!.... ha capito Bartimeo ?  
    e che cosa vuole che dicano i fedeli, quando leggono,  
       a caratteri cubitali la motivazione di <span> </span>quei  LAVORI DI ADEGUAMENTO LITURGICO  ?  
    che cosa potrebbero obiettare, come possono aprire bocca di fronte ai potenti,   
        SE del concilio nessuno sa niente di niente, NE' CHE COSA HA DETTO, nè che cosa ha permesso/vietato  
           e SE  PERFINO quelli che vi parteciparono nonn lo sanno affatto interpretare NE' CAPIRE  ?  
       Quali sarebbero gli strumenti per giudicare (casomai DISCERNERE E CRITICARE) se si dice agli inermi e ignari fedeli sempre e solo:  
       [...]

    RispondiElimina
  132. Si Maggio. L'indifferenza ed il resto è cresciuto grazie al comunismo ed al dialogo tra comunismo e cattolicesimo che ha generato quell'ibrido prassista che è il buonismo che tanto ti piace e che sostituisce Dio con l'uomo!
    GPII non ha sconfitto il comunismo, ma sulla scia del VII ha sconfitto tutte le ideologie, incluso il fideismo tradizionalista!
    MD

    RispondiElimina
  133. Dimenticavo ... con quegli organi non ci fai PENSIRO, ma altro!
    MD

    RispondiElimina
  134. Documenti ufficiali non esistono. Ma fa comodo a certi soggetti usare le parole di uno in piena senescenza per dare addosso al VII! Manco lo sanno quello che dicono i documenti. Però gli fa comodo per dimostrare le loro strampalate idee!
    MD

    RispondiElimina
  135. Mons. Nosiglia non ha bisogno di quaquaraqueschi consigli!
    MD

    RispondiElimina
  136. appunto! Non capisco perchè Lei si voglia prendere responsabilità che non le appartengono!

    RispondiElimina
  137. Mamma Ebe o Wanna marchi?
    No! Il mago Do nascmento!
    MD

    RispondiElimina
  138. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 16:57

    Tu invece i documenti li conosci?

    RispondiElimina
  139. nò me spiace ssò gnorante assai.
    però se manco esistono, armeno stò ar sicuro :-D

    RispondiElimina
  140. In effetti questo è quello che insegna Gesù Cristo! Ah! Già! Dimentico sempre che voi non siete cattolici ma lefrebviani quelli che "gambe in spalla prima del processo"!
    MD

    RispondiElimina
  141. Luis Moscardò11 ottobre 2010 17:07

    Purtroppo GPII s'è trovato a combattere una intempestiva battaglia sul comunismo: ci dovevano pensare i padri conciliari con un documento chiaro in materia. Concordo con Maggio55: la vituperata ideologia è solo una delle forme con cui l'ingannatore ammorba le menti e intorbidisce i cuori degli uomini....

    RispondiElimina
  142.  la gente ha gli strumenti per giudicare ....    
          è qui che lei prende la solita cantonata, Bartimeo:    
     la gente NON HA PIU' gli strumenti per giudicare : GLIELI HANNO sottratti subdolamente, anno dopo anno, con catechesi devianti e liturgie in deriva protestante, nelle messe sempre più teatrali e chiassose, nelle chiese sempre più palazzetti da kermesses mondane....(veda l'ultima cattedrale francese nel post seguente) !
    la gente non ha più  LE BASI DOTTRINALI DI SEMPRE, non ha più LA pietra di paragone, gliel'hanno rubata e nascosta, dicendo che era superata: la Tradizione viva, bimillenaria e perenne, superata dal mega-concilio che ha (o parrebbe aver) rinnovato la Chiesa dalle fondamenta!  la Dottrina di prima è stata aggiornata e "adattata ai tempi moderni", e tante regole morali e formule dottrinali di prima del '60 non sono più conosciute nè insegnate; lo capisce allora che non c'è più OGGI la formazione tradizionale, mediante la quale tutti erano in grado di discernere il bene dal male, l'ortodossia dall'eresia  ??  non vede che tutti sono immersi e travolti dalla marea montante del relativismo dottrinale e morale  ?  che il male è definito "diverso bene", (da accogliere per inclusiva carità....), il falso detto "anche-vero",  il santo seguace di Cristo-Verità detto e linciato come integralista e nemico dell'amore (unitivo-mondialista)  ? ?
    in questa dittatura urlante della menzogna relativista, COME SI FA  a mostrare e proclamare la Verità, sempre infangata e calpestata dal pensiero dominante, che La odia  ? 
    ma lei non riesce proprio ad aprire gli occhi, o lo fa apposta  ?    
    QUALI STRUMENTI VUOLE che abbiano i fedeli dopo un lavaggio del cervello di  quasi mezzo secolo  ? il risveglio sì, c'è, grazie al benedetto MP, ma la forza dei pochissimi "svegli" è pari a quella di un moscerino di fronte ad un gigante: il PANTOCLASTA MODERNISTA che prosegue indisturbato la sua marcia  DISTRUTTIVA !    
    .... come nella mia diocesi, dove SI CONTINUA A DISTRUGGERE tranquillamente ALTARI maggiori per mettere la mensa da banchetto al centro dell'"aula lituirgica" (mai più detta chiesa): e  vediamo scritto sul cartello di avviso dei lavori in corso la  solita motivazione UFFICIALE  :    
            ".....per adeguamento ALLE DISPOSIZIONI DEL CONCILIO VATICANO II....    
    ecc.  ... viene demolito l'antico altare e sostituito  ecc.......rifatto il presbiterio, nuova forma, demoliti i gradini......"     IN NOME DEL CONCILIO!.... ha capito Bartimeo ?    
    e che cosa vuole che dicano i fedeli, quando leggono quel po' po' di NOVITA' DEMOLITORIA, supportata con certezza trionfale -<span>granitica</span>- dalla motivazione detta LAVORI DI ADEGUAMENTO LITURGICO  ?    
    che cosa potrebbero obiettare, come possono aprire bocca di fronte ai potenti,   SE  
     del concilio nessuno sa niente di niente, NE' CHE COSA HA DETTO, nè che cosa ha permesso/vietato  (e quindi, pensano: "oh, certo i responsabili ben sanno quel che stanno facendo, noi che cosa possiamo capire ? hanno ragione loro, perchè.....hanno il  POTERE DECISIONALE...noi ci adeguiamo, siamo sudditi obbedienti: sia eseguita dunque la volontà del Concilio"....:(
      ....e SE  PERFINO quelli che vi parteciparono non lo sanno affatto interpretare NE' CAPIRE  ? 
       Quali sarebbero allora gli strumenti per giudicare (casomai DISCERNERE E CRITICARE) se viene dett continuamente (dall'alto, ma anche dagli [...]

    RispondiElimina
  143. Il mondo lo ama chi si fa incarcerare pur di testimoniare la Verità come il Crad. Van Thuan ... non di certo chi si prende qualcosa e scappa per paura di essere processato!
    MD

    RispondiElimina
  144. Sappiamo tutti che ci furonoi pressioni (accettate) affinché dal Concilio non venisse fuori una esplicita condanna del comunismo.

    RispondiElimina
  145. Luis Moscardò11 ottobre 2010 17:13

    ... sarà moralismo da tre soldi ma reagisce a un pigliarperleméle che, al di là delle posizioni, non fa neanche sorridere ed è ripetitivo. Critichi pure, usi pure vis polemica, al limite offenda ma almeno ci faccia ridere....

    RispondiElimina
  146. <span> la gente ha gli strumenti per giudicare ....      
          è qui che lei prende la solita cantonata, Bartimeo:      
     la gente NON HA PIU' gli strumenti per giudicare : GLIELI HANNO sottratti subdolamente, anno dopo anno, con catechesi devianti e liturgie in deriva protestante, nelle messe sempre più teatrali e chiassose, nelle chiese sempre più palazzetti da kermesses mondane....(veda l'ultima cattedrale francese nel post seguente) !  
    la gente non ha più  LE BASI DOTTRINALI DI SEMPRE, non ha più LA pietra di paragone, gliel'hanno rubata e nascosta, dicendo che era superata: la Tradizione viva, bimillenaria e perenne, superata dal mega-concilio che ha (o parrebbe aver) rinnovato la Chiesa dalle fondamenta!  la Dottrina di prima è stata aggiornata e "adattata ai tempi moderni", e tante regole morali e formule dottrinali di prima del '60 non sono più conosciute nè insegnate; lo capisce allora che non c'è più OGGI la formazione tradizionale, mediante la quale tutti erano in grado di discernere il bene dal male, l'ortodossia dall'eresia  ??  non vede che tutti sono immersi e travolti dalla marea montante del relativismo dottrinale e morale  ?  che il male è definito "diverso bene", (da accogliere per inclusiva carità....), il falso detto "anche-vero",  il santo seguace di Cristo-Verità detto e linciato come integralista e nemico dell'amore (unitivo-mondialista)  ? ?  
    in questa dittatura urlante della menzogna relativista, COME SI FA  a mostrare e proclamare la Verità, sempre infangata e calpestata dal pensiero dominante, che La odia  ?   
    ma lei non riesce proprio ad aprire gli occhi, o lo fa apposta  ?      
    QUALI STRUMENTI VUOLE che abbiano i fedeli dopo un lavaggio del cervello di  quasi mezzo secolo  ? il risveglio sì, c'è, grazie al benedetto MP, ma la forza dei pochissimi "svegli" è pari a quella di un moscerino di fronte ad un gigante: il PANTOCLASTA MODERNISTA che prosegue indisturbato la sua marcia  DISTRUTTIVA !      
    .... come nella mia diocesi, dove SI CONTINUA A DISTRUGGERE tranquillamente ALTARI maggiori per mettere la mensa da banchetto al centro dell'"aula lituirgica" (mai più detta chiesa): e  vediamo scritto sul cartello di avviso dei lavori in corso la  solita motivazione UFFICIALE  :      
            ".....per adeguamento ALLE DISPOSIZIONI DEL CONCILIO VATICANO II....      
    ecc.  ... viene demolito l'antico altare e sostituito  ecc.......rifatto il presbiterio, nuova forma, demoliti i gradini......"     IN NOME DEL CONCILIO!.... ha capito Bartimeo ?      
    e che cosa vuole che dicano i fedeli, quando leggono quel po' po' di NOVITA' DEMOLITORIA, supportata con certezza trionfale -<span>granitica</span>- dalla motivazione detta LAVORI DI ADEGUAMENTO LITURGICO  ?      
    che cosa potrebbero obiettare, come possono aprire bocca di fronte ai potenti,   SE    
     del concilio nessuno sa niente di niente, NE' CHE COSA HA DETTO, nè che cosa ha permesso/vietato  (e quindi, pensano: "oh, certo i responsabili ben sanno quel che stanno facendo, noi che cosa possiamo capire ? hanno ragione loro, perchè.....hanno il  POTERE DECISIONALE...noi ci adeguiamo, siamo sudditi obbedienti: sia eseguita dunque la volontà del Concilio".... :(   
      ....e SE  PERFINO quelli che vi parteciparono non lo sanno [...]

    RispondiElimina
  147. Luis Moscardò11 ottobre 2010 17:19

    :-D :-D :-D  

    RispondiElimina
  148. A Rutilio, mma te leggi selettivamente???

    C'è stanno armeno cento commentatori ddà richiama sul "l'atteggiamento di un cristiano verso i fratelli".
    Ed è gente che nun ffà battutine, ma offenne sur serio!

    Cambiate n'po li pesi..........

    RispondiElimina
  149. Primo.
    La prima parte è paragonare mele a sassi! Un ragionamento alla  supercazzola prematurata !
    Secondo
    Se uno va dietro ad un falso profeta nonostante che le sue posizioni siano smentite a più riprese pensi che una scomunica nel mondo del supermercato delle religioni faccia cambiare idea alla pecorella smarrita?
    Sarà ben meglio andare avanti a testimoniare, COME FANNO I PAPI, ed ad essere solidali con il peccatore.
    In fin dei conti si tratta di fare quello che ha sempre fatto la Chiesa dal VII prima e dopo: difendere la Verità ma non a discapito della Carità ( cosa che il tradizionalista tutto di un pezzo ha dimenticato).
    due citazioni.
    Lacordaire : "Non cerco di convincere il mio avversario, ma cerco di unirmi a lui nel posssesso di una Verità più alta"
    Elisabetta Leseur." Non accettare tutto ma tutto comprendere.
    Non tutto approvare ma tutto perdonare.
    Non adottare ma cercare in tutto quella particela di Verità che vi si può trovare racchiusa"
    Per questo non me la prendo per il termine idiozie! Quando uno non capisce la colpa è solo di chi scrive e non certo di chi riceve!
    Stammi bene e convertiti! Lascia perdere i supertradizionalisti e vai dietro al Papa che è meglio!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  150. Tanto è vero che il Papa ha tolto la scomunica (vorrà dir qualcosa?)

    RispondiElimina
  151. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 17:26

    E perchè non mi dimostri una sola eresia o contraddizione con la dottrina di sempre da parte di quel Vescovo o dei Sacerdoti che oggi ne fanno parte?
    Dica, dica!

    RispondiElimina
  152. Non capisco dove siano le mie contraddizioni. Lei fa delle affermazioni senza nulla dimostrare!
    Il problema è : quanto ad uno fa comodo andare dietro a tizio ed a caio? Quando uno non ha la possibilità di verificare ciò che dice tizio e caio? Quanto uno non può confrontare ciò che dice il Papa e ciò che fa il parroco?
    Questo è il punto! La salvezza è un fatto personale ed oggi siamo tutti ( tranne qualche rara eccezione) in grado di giudicare ! Poi rispetto all'obbedienza cosa vuole che le dica: Gesù Cristo ben sapeva ciò che lo aspettava ma non ha MAI disobbedito. Come dire? L'obbedienza può costare molto, anche la vita ma non si fugge per comodo! L'incoerenza la vada a cercare nella FSPP non a casa mia!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  153. Luis Moscardò11 ottobre 2010 17:28

    <span>

    <span>Sì, dai VII zzzzzbùm!</span>
    </span>

    RispondiElimina
  154. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 17:30

    <span>Ah! Ecco! E' colpa del Concilio! Volevo ben dire!</span>
    No, è colpa mia che non ho capito bene Nostra Aetate specie quando si afferma che noi abbiamo in comune lo stesso Dio con i Musulmani...
    Bartimeo, per favore, me lo spiegheresti tu su quali basi noi avremmo lo stesso Dio dei musulmani?

    RispondiElimina
  155. Bravo Rutilio !
     e il sig. Bartimeo fa finta di non capire, e confonde la sua ottima educazione (tanto più apprezzabile in un giovane come lei, poichè rissima oggi anche tra gli anziani....), e il <span>rispetto dovuto a tutti come a se stess</span>i, con il<span> moralismo:</span> e tale mistificazione non mi pare una sortita rara e in buonafede, ma pervicace e incorreggibile !
    ripetere quegli epiteti derisori è maleducazione voluta, arrogante, col preciso scopo di tappare la bocca ad opinioni avverse, con un'etichetta che si presume UMILIANTE : dovrebbe vergognarsi qualche volta di usare mezzucci così meschini per averla vinta ....
    ma non c'è la maturità necessaria ad accorgersene.... *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  156. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 17:33

    Si bartimeo, tu sei obbediente fino alla morte per amor di eresia!

    RispondiElimina
  157. <span>Bravo Rutilio !  
     e il sig. Bartimeo fa finta di non capire, e confonde la sua ottima educazione (tanto più apprezzabile in un giovane come lei, poichè rarissima oggi anche tra gli anziani....), e il <span>rispetto dovuto a tutti come a se stess</span>i, con il<span> moralismo:</span> e tale mistificazione non mi pare una sortita rara e in buonafede, ma pervicace e incorreggibile !  
    ripetere quegli epiteti derisori è maleducazione voluta, arrogante, col preciso scopo di tappare la bocca ad opinioni avverse, con un'etichetta che si presume UMILIANTE : dovrebbe vergognarsi qualche volta di usare mezzucci così meschini per averla vinta ....  
    ma non c'è la maturità necessaria ad accorgersene....  *DONT_KNOW* </span>
    (comunque, è vero, nel ripetersi stufa e mostra le armi spuntate, brandite con affanno qua e là, alla cieca, soprattutto contro le donne, guarda un po' quanto gli fanno paura le signore nei dibattiti....mah!)

    RispondiElimina
  158. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 17:34

    A proposito Bartimeo, tu l'hai mai letta la Notre Charge Apostolique?
    Sai cos'è?
    Ma che sai!

    RispondiElimina
  159. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 17:38

    Eh sì, l'ignoranza è manifesta perchè quello che ha riportato "parole" è una lettera dell'allora Card. Pacelli al Conte Enrico Pietro Galeazzi.

    RispondiElimina
  160. O.A.S. Ahi! ahi ahi ahi ahi!!!!  è per caso quello che penso io ( facendo peccato, come disse il Card. Micara, ma forse indovinando) da qualche tempo presente in diocesi?

    RispondiElimina
  161. Rutilio Namaziano11 ottobre 2010 17:46

    Lei, mio conterraneo, agisce da perfetto caudatario. La scuso perché non scrivo molto (ma leggo), conseguentemente non trova miei commenti ogni giorno, ogni ora, ogni minuto e mi conosce poco. Se vuole può leggere una polemica che ho avuto con Milanese (e sodali), vedrà che se scrivo non mi spavento; non posso star a questionare per ogni cosa, né sono parte della redazione!
    Oltre alle esagerazioni (in ogni senso, in OGNI direzione) non sopporto la maleducazione gratuita, lo sgarbismo... senza Sgarbi e gli... sgarbi alle signore. Faccia lei, e riferisca pure al fiero lodatore del linguaggio da postribolo: io non frequento simili locali e parlo lingue diverse (ma capisco che ognuno ha le sue preferenze: dove si ha il proprio tesoro, lì si ha anche il cuore).

    RispondiElimina
  162. e questo  che lei afferma è il colmo della satanica mistificazione, che imperversa nella Chiesa da 45 anni e che ha gettato fango su Mons. Lefebvfre, difensore incrollabile del Depositum fidei e della Tradizione !
    e Bartimeo continua a sostenere il regno della menzogna a tutto danno dei fedeli sprovveduti !
    complimenti....continui ad alzare il polverone negli occhi dei lettori ignari....appellandosi allo Spirito Santo, magari....
    ma mi faccia il piacere !
    per Grazia di Dio la FSSPX, che ha accettato le persecuzioni secondo le parole di Nostro Signore nel discorso delle Beatitudini, sarà da Lui certamente ricompensata, quando e come Lui solo sa, ad onta di tutto il fango che i vari bartimei continuano a lanciarle addosso  ! e ancora dovrà subire persecuzioni, finchè la Chiesa di Cristo non avrà compiuto l'intera Via Crucis, prima di risorgere  !
    Ma quale ideale, quale indirizzo ecclesiale (o specchietto conservator-conciliarista per allodole finto-tradizionali) lei voglia perseguire, QUI in un blog che sostiene la Tradizione e il ritorno ad essa della Chiesa intera, io non riesco a capirlo (...anche se lo posso intuire....)

    RispondiElimina
  163. Cosa c'entra con il VII?
    MD

    RispondiElimina
  164. Sa sbagliare abbondantemente da se.

    RispondiElimina
  165. Io "so di non sapere" non sono mica un supertradizionalistatuttodiunpezzoconlasdisupermansttolamaglietta!
    MD

    RispondiElimina
  166. No per fare la Volontà del Padre Mio che è nei cieli! Se li mi ha messo li sto non scappo!
    Di Vili ce ne sono già abbastanza!
    Comodo darsela a gambe!
    md

    RispondiElimina
  167. e er manoscritto n'dò stà???
    nun me ddì che è annato perduto?
    ommè ò devi dì?
    e dillo cha "carta" che canta nun cè stà.... dillo sù..........

    RispondiElimina
  168. sìSi! Che erano scomunicati! Quindi che erano nell'errore che non devono più ripetere! Non ha detto che la scomunica era sbagliata ha detto che la toglieva e che faceva loro la grazia!
    io la differenza ce la vedo!
    MD

    RispondiElimina
  169. Disobbedire! Questa è eresia! Se pensi all'etimo delle due parole ce la vedi!
    semplice no!
    Inoltre fai il fenomeno accusando gli altri di disobbedienza e poi disobbedisci! Coerenza appunto!
    MD

    RispondiElimina
  170. Moscardò! Occhio! Ti ricpordo la Bindi se vai avanti così!
    MD :-D

    RispondiElimina
  171. Appunto moralismo da tre soldi! Il fondamento vada a pallino ma la forma teniamola salva!
    MD

    RispondiElimina
  172. Quello no! seguo il Papa!
    MD

    RispondiElimina
  173. Caro Christus!
    Il problema non è Dio. Non è quello che ci separa da Mussulmani ed ebrei ed altri, ma il rapporto che l'uomo ha con Dio!
    Se tu purifichi i libri sacri ( come ha fatto il NT con il VT) degli altri non farai altro che trovare il Dio comune!
    Ma capisco che è più facile, comodo, ed utile arroccarsi dietro posizioni di comodo:" La Verità sono io e tu non sei nulla. O fai quello che dico io o vai all'inferno". Nel nome ovviamente della Carità che come ci ricorda San Paolo vale più di tutte!
    Stammi bene!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  174. Tappar la bocca alle Bond Girls! Ma Lei sta delirando!
    MD

    RispondiElimina
  175. In effetti qualcuno ha preso la Tradizione la ha sottratta alla Chiesa ha mollato i fedeli, i bambini della scrittura nelle mani dei soliti noti e mi vuol far credere che la menzogna e la mistificazione sia la mia!
    Ma per piacere!
    Ringraziate i Papi TUTTI che con pazienza a causa vostra hanno dovuto ricostruire tutto!
    Poi guardi che quello che perseguo io altro non è che testimoniare il magistero del Papa e lo farò anche se mi mettessero lì Scem-born! Qui sono e qui resto! Non me la do a gambe!
    Fanno i martiri! Ma lascia stare! Il martire è chi è rimasto nella Chiesa ed ha dovto combattere e combatte nonostante le umiliazioni non chi si è fatto la sua chiesetta!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  176. <span></span>Probabilmente è in possesso degli eredi del conte E.P.Galeazzi.
    Spero piuttosto che non sia finito in Vaticano. Temo (anzi, sono sicuro) farebbe la stessa fine del 3° segreto di Fatima.

    RispondiElimina
  177. a sor Bartimeo ma li "Sapientoni", ò sapranno mica  che certe rrobe ssò nascoste allì occhi ddè lli "sapientoni" stessi?

    RispondiElimina
  178. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 18:25

    Se avessi solo 1/1000 dell'intelligenza di quelle che tu chiami bond girls saresti quasi saggio...
    Sicuro che è Dellanoce e non Testa di noce?

    RispondiElimina
  179. e allora come mai er sor Papa Benedetto XVI ha parlato così bene der Concilio Vaticano II, collegandolo a quello di Efeso e al Mistero della Santissima Vergine Maria?
    Orsù dunque, fatte a letturina e datte nà lucidatina all'occhi e ar grigio.

    http://magisterobenedettoxvi.blogspot.com/2010/10/il-papa-apparentemente-in-nome-di-dio.html

    arrileggi bene me raccomanno, che fosse che ciaì a grazia dde scordarte li mantra....

    RispondiElimina
  180. Bisogna obbedire ai vescovi! Bisogna talmente obbedire che i vescovi francesi si sono arrabbiati perchè i cattolici francesi si sono rivolti all`Ecclesia Dei per ottenere l`esecuzione del SP!
    Hanno considerato questa "démarche" irrispettuosa, un segno di mancanza di unione con i vescovo e un rischio di divisione!
    Già possono parlare questi vescovi di "unione", loro che ignorano il Successore di Pietro e il suo Magistero, loro che hanno svuotato le chiese, che contemplano i loro seminari vuoti e con rabbia quelli tradizionalisti pieni!

    RispondiElimina
  181. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 18:38

    <span>ma il rapporto che l'uomo ha con Dio!</span>
    Bene Matteo, ma le sfugge un piccolo particolare...glielo dico io perchè sono sicuro che neanche hai avuto premura di leggere Nostra Aetate.
    In Nostra Aetate si afferma un errore pernicioso ovvero che gli uomini possono salvarsi pur appartenendo ad altre religioni (dove esistono elementi di santità, sic!) ma non per ignoranza invincibile (o come affermi tu del rapporto che hanno con Dio che è l'unico che scruta reni e cuore) ma in virtù dell'appartenenza a quelle religioni.
    Il concetto è diverso, se permetti.
    Eppoi, che ti vuoi purificare nel Corano?

    RispondiElimina
  182. <span>Što ti je na umu?
    <p><span><span>E’ stato nominato anche il nuovo Vescovo Anti –Tradizione, di Lanciano-Ortona, discepolo di Bruno Forte e della sinistra abruzzese. Ha 50 anni, vale a dire che tra dieci anni sarà Metropolita naturalmente altrove e …. Il nostro Santo Padre … ci contenta con la reintroduzione della tiara nello stemma …. Ma vogliamo aver fiducia ….</span></span>
    </p></span>

    RispondiElimina
  183. Allora supertradizionalistatuttosoiodetutteleprofezieche condannanoilconcilio, spiega n'po all'ignorante tripparolo che vvò arridì ciò che ha detto er sor Papa Benedetto oggi:

    "Il Concilio ha cominciato con l'icona della Theotókos. Alla fine Papa Paolo VI riconosce alla stessa Madonna il titolo Mater Ecclesiae. E queste due icone, che iniziano e concludono il Concilio, sono intrinsecamente collegate, sono, alla fine, un’icona sola. Perché Cristo non è nato come un individuo tra altri. È nato per crearsi un corpo: è nato — come dice Giovanni al capitolo 12 del suo Vangelo — per attirare tutti a sé e in sé. È nato — come dicono le Lettere ai Colossesi e agli Efesini — per ricapitolare tutto il mondo, è nato come primogenito di molti fratelli, è nato per riunire il cosmo in sé, cosicché Lui è il Capo di un grande Corpo. Dove nasce Cristo, inizia il movimento della ricapitolazione, inizia il momento della chiamata, della costruzione del suo Corpo, della santa Chiesa. La Madre di Theós, la Madre di Dio, è Madre della Chiesa, perché Madre di Colui che è venuto per riunirci tutti nel suo Corpo risorto."

    RispondiElimina
  184. non ti scandlizzare di queste parole ma il comunismo era un sistema a suo (triste e tragico) modo ETICO. L'indifferenza è cresciuta in altri tempi e con altre cause (ne butto la una...le tivù commerciali e i nuovi modelli di celebrità). Il dialogo fra comunismo e cattolicesimo purtroppo è durato poco poichè il comunismo è stato spazzato via da una economia che ha globalizzato e annnullato ogni idealismo e idealità e purtroppo molta cultura cattolica (non certo quella conciliare) l'ha aiutata molto

    RispondiElimina
  185. A sor Bartimeo, in coro:

    Mantra, abbandonate stè capocce!

    RispondiElimina
  186. La scomunica  si toglie quando non sussistono più i motivi che l'hanno determinata come, ad esepio, una eresia ritrattata ecc. Se viene tolta senza nessuna contropartita significa che era priva di fondamento. Non sto qui a ripeter la solita  storia del CJC tanto se non vuol sentire è tempo perso. La fedeltà al Magistero è indiscutibile anche, come dice lei , ci fosse Scem-born, ma non vuo dire seguire tutte le stramberie o, peggio, le nefaste demolizioni di qualche Papa in fregole di "aggiornamenti" al mondo. 

    RispondiElimina
  187. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 18:47

    <span>Se uno va dietro ad un falso profeta nonostante che le sue posizioni siano smentite a più riprese pensi che una scomunica nel mondo del supermercato delle religioni faccia cambiare idea alla pecorella smarrita? 
    </span>

    La Chiesa ha come missione suprema la salvezza delle anime, e visto che la Carità si fa nella Verità se c'è l'errore questo và smascherato e annientato perchè se (come dici te, tiriamo dritti) esso si insinua e perverte tutti (i risultati della medicina della misericordia ti sono davanti) e le anime se ne vanno all'inferno (che per te sarà vuoto).
    Non è difficile arrivarci.

    RispondiElimina
  188. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 18:49

    Sì, sarai il primo Martire per Nosiglia.
    Kyrie Eleison!

    RispondiElimina
  189. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 18:51

    Ecco appunto, se segui il Papa leggi la Notre Charge Apostolique che l'ha scritta un Papa e pure Santo!
    Vai, che così non ti sbagli!

    RispondiElimina
  190. bartiemo vedo che lei lavora molto se ha così tanto tempo di scrivere stupidaggini su questa pagina, se Cristo fosse in mezzo a noi a vescovi travestiti da paglaicci e gente come lei sarebbero presi a pedate nel fondo schiena!!!!

    RispondiElimina
  191. Il Dio comune? Purificare i libri degli altri? Un bel bagno di candeggina ed ecco che dal Corano vien fuori la Trinità...
    "Andate e predicate...chi crederà e sarà battezzato sarà salvo..." Non è necessario continuare, ma che senso avrebbe il mandato di Cristo se tanto abbiamo tutti un Dio comune? Ognuno si tenga il suo!

    RispondiElimina
  192. Allora supertradizionalistatuttosoiodetutteleprofeziechecondannanoilconcilio?

    Stai ancora a leggè? Leggi bene me arriccomanno.......

    che dopo famo er coro.......

    RispondiElimina
  193. DANTE PASTORELLI11 ottobre 2010 19:16

    Il sarcasmo insistente è diventato insopportabile.

    RispondiElimina
  194. Il ragionamento a me sembra perfettamente coerente. L'esempio riportato serve a dimostrare che i danni dal punto di vista della morale (e non solo) sono diffusi anche a livello popolare. Ripeto, il Papa esercita il suo magistero ma chi deve portare a conoscenza dei fedeli tutti Encicliche, Esortazioni e ogni altro documento pontificio sono proprio i vescovi con il loro clero, purchè non facciano come il mio parroco, ultraconciliarista, che disse a mia madre - ottuagenaria e semianalfabeta - di leggersi i documenti del Concilio. Bel modo di far pastorale!
    La pecorella smarrita potrebbe anche essere spinta a riflettere dal fatto che gli arrivi in testa una scomunica ma non è questo il punto: proprio nel mondo dei supermercati la Chiesa deve alzare la voce, mostrare lo "scandalo" della sua diversità dal mondo. 
    La verità non è mai a discapito della carità, e la forma più alta di carità è proprio la presentazione della verita, senza formule eufemistiche, senza parentesi e senza compromessi, "opportune et inopportune". Fa parte integrante della verità annunciare che non c'è salvezza senza la croce ,e questo nel mondo dei supermercati stona, da fastidio ma
    ormai questa Chiesa postconciliare non parla neanche più di salvezza, è diventata una superagenzia di assistenza sociale.
    La frase di Lacordaire, citata così, farebbe pensare che il grande predicatore domenicano fosse alla ricerca di una verità più alta, mentre intendeva dire che ripercorre insieme all'avversario il cammino verso la verità che lui già possedeva. Gesù perdona sempre, ma esige il pentimento....

    RispondiElimina
  195. Christus Spes Mea11 ottobre 2010 19:25

    Ha ragione Dante chiedo scusa, ma certe affermazioni proprio non si possono leggere.

    RispondiElimina
  196. poveri noi.....
        la discesa continua.....
    :(   fiducia in chi  ? nella Provvidenza, ma....è certo che quella diocesi per almeno 20-25 anni si può scordare la Messa di S. Pio V !   così come tutta la regione Abruzzo.......
    ancora una-due generazioni (laici e clero, ammesso che ci saranno vocazioni) cresceranno allattati al verbo conciliar-modernista....   :'(
    (perchè "dal CVII non si torna indietro": e allora avanti così....)

    RispondiElimina
  197. Purtroppo centra.... centra eccome, magari inconsapevolmente (ma non so fino a che punto)

    RispondiElimina
  198. Ah! Se mi dà l'indirizzo le invio le bollette che io Padre di famiglia con tre figli pago, così mi dà una mano!
    Sei fortunato che siamo in rete!
    MD

    RispondiElimina
  199. Sor Tripparolo ... cosa vuole! adesso inizieranno ad andare a fare la polvere ed a spulciarsi il grigio e diranno che il Papa dice delle fesserie. Sa loro c'hanno la scienza infusa. O con la scienza si son fusi?
    Mah!
    Poi se gli dai dei sedevacantisti sono capici di dire che non è vero!
    Non hanno ancora capito che siamo nel millennio della coerenza e quello che vedi deve essere uguale a quello che senti e tocchi. certo che la coerenza visto la loro radice non è granche! Anzi è tutt'altro che tale!
    MD

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.