venerdì 29 ottobre 2010

Parla il primo vescovo anglicano che entrerà nell'Ordinariato cattolico

Grazie al Papa Ratzinger blog scopriamo una toccante intervista, andata in onda alla radio su BBC4, al vescovo anglicano John Broadhurst di Fulham (quartiere londinese), presidente dell'organizzazione anglocattolica Forward in Faith, il quale ha deciso di rompere gli indugi e entrare nel costituendo ordinariato cattolico per gli anglicani. Ne traduciamo la parte finale, che dà la misura del coraggio necessario per lasciare alle spalle le "cipolle d'Egitto".

[..]
- Che cosa Le accadrà ora in pratica? Si dimette dalla posizione di vescovo di Fulham. E poi, che cosa? Sarà ordinato sacerdote nella Chiesa cattolica? E’ quello il progetto?
Quello dipende da loro; non spetta a me. Tutto ciò che posso dire è che è mio intento rassegnare le dimissioni alla fine dell'anno, e spero (e le mie parole sono molto attente: intendo e spero...) … spero di entrare nell'Ordinariato.

- Tanto per essere chiaro su ciò che potrebbe significare: lei presumibilmente non potrebbe essere un vescovo negli ordini cattolici romani perché è sposato?
No, no.

- … ma spera di essere un sacerdote?
Sì, mi auguro di essere un sacerdote; ma alla fine, se anche dovessi essere un laico, non è la fine. Una delle cose sul dibattito sulle donne vescovo: il ministero non è una carriera: è in realtà una vocazione. Così devi fare ciò che la Chiesa richiede da te, non quello che tu richiedi alla Chiesa.

- E quante persone — siamo all'inizio del processo — quanti si aspetta a lungo termine, mentre il processo si svolge, che seguiranno le sue orme?
Non stanno seguendo le mie orme, ma l’offerta del Papa. Per essere onesto con lei, penso che inizialmente saranno piuttosto pochi. Conosco altri sacerdoti e vescovi che hanno intenzione di accogliere questa offerta. Saranno pochi inizialmente perché per molti sacerdoti, se si ha una moglie e la famiglia e si vive in una canonica, è molto difficile abbandonare tutto per una situazione piuttosto insicura, ma ho ricevuto molte email da laici, che dicevano: "come facciamo per entrare?" Non è possibile entrare in qualcosa che non esiste. Così fino a quando l'Ordinariato è istituito e funzionante, nessuno può dire quanti vi aderiranno.

- E tanto per essere chiari, lei è assolutamente sicuro nella sua mente che sta facendo il passo giusto; ha preso molto tempo per raggiungere la decisione, ma non ha dubbi su di essa?
Sono assolutamente sicuro. E credo che non si possa tornare indietro se si è detto pubblicamente dove ci si colloca; questo è quel che va fatto, e lo farò con speranza

49 commenti:

  1. Uno che rinnega la Consacrazione Episcopale tradisce sè stesso, la Chiesa che lo ha consacrato e Gesù Cristo stesso.
    Evidentemente non era degno di diventare Vescovo.
    Che il Signore Iddio  abbia misericordia di lui.

    RispondiElimina
  2. un commento, quello di Buenos Aires, veramente fuori luogo

    RispondiElimina
  3. più che "buone arie" mi sa che il primo commento è portato da cattive arie. e va bè!

    RispondiElimina
  4. io di fronte ad un vescovo come questo un pensierino su una dispensa ad personam ce la farei. D'altronde in epoca antica anche i vescovi erano sposati.
     Meglio un vescovo sposato ma con buone idee, che un vescovo celibe e con idee cattive. E di questi ultimi in casa cattolica ne abbiamo a iosa.

    RispondiElimina
  5. Buenos Aires non ha letto bene l'intervista!!!!!!!!!hahahahahahahaha!!!!!

    RispondiElimina
  6. Bha! Non lo meriterebbe, ma provo a risponderle seriamente.
    Se c'è qualcosa di indegno in questa vicenda sono le parole "consacrazione episcopale" associate all'anglicanesimo. Direi poi che rinnegare  la "chiesa" basata su Enrico VIII e passare alla Chiesa basata su Pietro è un salto di qualità più che una indegnità.
    Che il Signore Iddio abbia misericordia di Lei!

    RispondiElimina
  7. <span>mi sa che il primo commento è portato da cattive arie. e va bè!</span>

    Chiamiamole pure con il loro nome: flatulenze.

    RispondiElimina
  8. Dice il vescovo anglicano:
    Sì, mi auguro di essere un sacerdote; ma alla fine, se anche dovessi essere un laico, non è la fine. Una delle cose sul dibattito sulle donne vescovo: il ministero non è una carriera: è in realtà una vocazione. Così devi fare ciò che la Chiesa richiede da te, non quello che tu richiedi alla Chiesa.

    ***************
    mi auguro che a cominciare da me stessa....tutti si rifletta su queste parole dal contenuto squisitamente Cattolico e teologico ed ecclesiale!!
    Spero che siano in molti a comprendere la grande umiltà che vince un certo orgoglio nel passare da una comunità scismatica, alla Santa vera Chiesa di Cristo, non è affatto facile!
    Forse noi siamo così troppo ABITUATI ad essere cattolici da non comprendere e forse sottovalutare la portata di questo pensiero!
    Una profonda lezione di umiltà e di sapore ECCLESIALE che manca spesso nelle nostre Diocesi troppo spesso impegnate a DIRE ALLA CHIESA COME DEVE CAMBIARE...

    Auguri di cuore John Broadhurst
    e grazie per questa lezione!

    RispondiElimina
  9. Anselmo d'Aosta29 ottobre 2010 12:08

    Dal sito VIVA IL CONCILIO :

    IL PARADISO DEI CATTOLICI
    <p>San Pietro fa visitare il paradiso a Mao-Tse-­Tung: un'infinità di bellissimi chioschi fioriti, di palazzi, di giardini stupendi, dalle mille aiuole e dai mille viali. Vi s'incontra gente di tutte le razze, di tutte le età, di tutte le religioni. Per tutti è la gioia perfetta. Ad un certo punto San Pietro e Mao arrivano di fronte a una fortezza dall'aspetto minaccioso, irta di merli, feritoie, ponti levatoi, fossati. San Pietro si rivolge allora all'ospite e gli mor­mora:«Mi raccomando alla sua discrezione. Non dica che ha visto sino ad ora. Qui ci stanno i cattolici; sono talmente sicuri d'essere i soli...».
    </p><p> 
    </p><p> 
    </p><p> PER I CATTOLIC ADULTI DEL SITO I CATTOLICI SONO L'ERBA DA ESTIRPARE.</p>

    RispondiElimina
  10. Buenos Aires, e qui si ferma la mia attenzione ai suo commenti, è solo uno dei provocatori che ogni tanto amano affacciarsi su questo blog, è lo stesso che approvava l`iniziativa della "chiesa di Lucerna"e che accusava la Chiesa cattolica di essere corresponsabile di omicidio.Questo dovrebbe bastare per lasciare ricadere certi commenti nel deserto da cui provengono.

    RispondiElimina
  11. Il commento di Buenos Aires è tipica trolleria, e della specie più imbecille.
    Giù il cappello, invece, a questo vescovo inglese che ha infine visto la luce.

    RispondiElimina
  12. No Antonello, attenzione a non confondere....
    è vero che in un primo tempo i vescovi erano sposati, ma gradualmente essi stessi, d'accordo con le consorti, quando diventavano vescovi, molti di loro si separavano fisicamente poichè la missione diventava incompatibile con i tanti giri che egli doveva fare e spesso conduceva il vescovo alla morte a causa delle persecuzioni.... le mogli di questi vescovi solitamente entravano nei nascenti "monasteri" o si ritiravano a vita privata svolgendo ruoli caritatevoli....
    Non confondiamoci con il CLERO che si poteva sposare e così mantenuto anche in Oriente, ma per il Vescovo sia in Oriente che in Occidente, si preferì sempre il celibato...
    Tuttavia lo stesso laico che non era sposato e diventava presbitero, non poteva più accedere al matrimonio, così come è mantenuto anche oggi dalle chiese orientali...e i Vescovi orientali provengono dal Clero celibe...

    Non dobbiamo mai scegliere il "male minore".... ;)  e non confondere un "buon vescovo" se fosse sposato da uno non sposato, le idee buone o cattive non provengono nè dal celibato nè dal matrimonio....
    Il Matrimonio e l'Ordine Sacro sono DUE SACRAMENTI ben distinti ed efficaci e ricchi di GRAZIE....
    Stiamo attenti a non alimentare discorsi che riportano in dubbio il grande valore del celibato CHE E' VOCAZIONE per cui la Chiesa Cattolica ha ritenuto saggio non rinunciarvi!

    RispondiElimina
  13. infatti, è soltanto un 'pescatore' dall'animo cattivo.

    RispondiElimina
  14. Solo CERTI cattolici.

    RispondiElimina
  15. DANTE PASTORELLI29 ottobre 2010 12:22

    A parte le stupidaggini del sito Viva il Concilio e di Buenos Aires, sottolineo la grande umiltà di questo "vescovo" anglicano: il sacerdote deve fare quel che la Chiesa gli chiede e non viceversa. La vocazione in tali parole appare senz'altro forte e decisamente cattolica.
    Confrontiamola con quella dei tanti carrrieristi nostrani.

    RispondiElimina
  16. *DONT_KNOW*  sono quelle  barzellette che in verità non fanno ridere nessuno......
    si confonde il sano umorismo da battute che da dopo il Concilio vengono divulgate con temi associati all'oggi....  e che vorrebbero condannare un certo passato della Chiesa che, pericolosamente per loro, sta riaffiorando....
    C'è una battuta, sempre fatta girare da ambienti progressisti, dove si vorrebbe far dire allo Spirito Santo di non essere più stato ascoltato da Roma da dopo il Concilio e che i SUOI sforzi fatti durante il Concilio sarebbero ora stati bloccati da Benedetto XVI....

    Masi, lasciate che si divertano con il LORO umorismo!
    ;)

    RispondiElimina
  17. <span>Solo CERTI cattolici. Quelli che non pensano che con il Vaticano II ( lL Concilio...) è nata una nuova Chiesa, quelli che si permettono di ricordarlo a questi cattolici adulti che non si  rassegnano all`idea di aver perso l`egemonia intellettuale, l`onnipotere che si erano presi con il loro spirito del concilio, quelli che hanno delle fette di salame talmente spesse sui loro occhi, che sono ancora, loro  e solo loro,  rinchiusi in</span><span> una "fortezza dall'aspetto minaccioso, irta di merli, feritoie, ponti levatoi, fossati."</span>

    RispondiElimina
  18. Evidentemente da quelle parti hanno cominciato a preferire le barzellette vere e proprie a quelle scritte da Martini&C.

    RispondiElimina
  19. Davo un'occhiata ai contatori di visite di questo blog e di vivailconcilio.it. Nella sola giornata di oggi Messainlatino batte Vivailconcilio 873 a 24!
    Questo si che è da ridere! :-D

    RispondiElimina
  20. Questi membri di altre confessioni cristiane che si covertono al cattolicesimo, ritornando a "casa", rendono visibile l'opera dello Spirito Santo, esprimono la vitalità della Chiesa che, nonostante tutto (CVII), è capace ancora di parlare al cuore dell'uomo in virtù della sua tradizione. Spero, tuttavia, che questi "convertiti" non si adoperino per protestantizzare ulteriormente la dottrina, che non vadano ad infoltire le schiere moderniste e progressite, in definitiva mi auguro non influenzino negativamente la Chiesa. L'atteggiamento del Vescovo di Fulham, comunque, pare essere esemplare: "devi fare ciò che la Chiesa richiede da te, non quello che tu richiedi alla Chiesa"...che bello se molti Vescovi cattolici e molti teologi cattolici dicessero le stesse cose.

    RispondiElimina
  21. buoenos aieres è sinonimo di "Scorreggia, o scoreggia, o scurreggia, o scureggia, o scurregghia, o scora, o sbento, o peto,o albero, o pirito, o pirdo, o pept, o troddio, o puzzetta, o loffa, o renza, o brèna, o zaffata, o scurzarò, o scurza, o Paris Hilton, o m'haistecchito o fatelafinitaperchèquanonserespirapiù...."?

    RispondiElimina
  22. Cara Caterina, io sono tradizionalista fino al midollo, e questo basta per capire se sia favorevole o meno al clero uxorato. Ma non posso nascondere che il celibato, anche per gli antistiti, è legge canonica, non divina.
    Nonostante questo ribadisco che pur essendo quindi totalmente favorevole al celibato, ad un prete e vescovo celibe, ma avariato, preferirei un prete e un vescovo sposato e non avariato.
    Comunque, grazie a Dio, il celibato episcopale è attualmente, nella disciplina canonica latina e orientale. inderogabile, a differenza di quello presbiterale che ha limitate deroghe nella Chiesa latina ed è diffuso in quelle orientali.

    La categoria del male minore comunque non c'entra nulla con questo discorso e riguarda la teologia morale.

    RispondiElimina
  23. DANTE PASTORELLI29 ottobre 2010 13:26

    Mi sa Ospite che anche tu ammorbi l'aria. E che diavolo!

    RispondiElimina
  24. Mannaggia a te Laico...devi stare attento con i tuoi commenti perchè sono una sponsorizzazione a vivailconcilio.it! Infatti dopo avere letto il tuo commento sono andato a visitare il sito e ho involontariamente aumentato il numero delle visite! Chiedo venia...confesso di esserne uscito subito! :-D

    RispondiElimina
  25. Rutilio Namaziano29 ottobre 2010 13:59

    Tra l'altro è una barzelletta vecchissima: solo che la torre, nella versione che conosco io, è per i neocatecumeni!

    RispondiElimina
  26. Rutilio Namaziano29 ottobre 2010 14:11

    Anche se fosse solo sacerdote potrebbe continuare, in segno di onore ed ai sensi dell'Anglicanorum coetibus, a rivestire i segni dell'ordine episcopale. Che porterebbe meglio di tanti (troppi) altri.

    RispondiElimina
  27. scusa Dante...scherzavo...ciao

    RispondiElimina
  28. Redazione di Messainlatino.it29 ottobre 2010 15:52

    Io trovo ancor più significativo il fatto che vivailconcilio metta in Paradiso il truculento genocida Mao-Tse-Tung.
    Enrico

    RispondiElimina
  29. Antonello....il problema è che questo genere di "preferenza" spinge ad una sorta di scelta del MALE MINORE e questo è sbagliato e lo dico proprio perchè, essendo sposata, so perfettamente di cosa sta parlando ed è qui l'errore, sospettare che la santità di una persona o di un vescovo, in tal senso, possa dipendere anche dall'essere sposato o meno.... ;)

    Infatti il vescovo in questione, molto più saggiamente, non ha assolutamente mosso alcun problema al fatto, ed è questa la sua vera conversione essendo egli stesso abituato invece ad una dottrina che prevede il clero sposato...

    La saggezza di questa persona sta proprio NELLA SUA CONVERSIONE E NELLA SUA RIVALUTAZIONE DEL CELIBATO....al contrario le sue parole lo inviterebbero a sottovalutare il celibato stesso...

    I nostri sacerdoti NON sono quel che sono, caduti nel modernismo, perchè sono CELIBI!! comprende? ;)
    perchè nel clero sposato dei protestanti è accaduto ed accade anche di peggio!

    RispondiElimina
  30. <span>Antonello....il problema è che questo genere di "preferenza" spinge ad una sorta di scelta del MALE MINORE e questo è sbagliato e lo dico proprio perchè, essendo sposata, so perfettamente di cosa sta parlando ed è qui l'errore, sospettare che la santità di una persona o di un vescovo, in tal senso, possa dipendere anche dall'essere sposato o meno.... ;)   </span>
    <span>
    Il MALE MINORE  c'entra eccome dal fatto che lei pone una SCELTA fra clero celibe o sposato in virtù di un BENE MAGGIORE: la santità di un sacerdote...</span>
    <span> 
    Infatti il vescovo in questione, molto più saggiamente, non ha assolutamente mosso alcun problema al fatto, ed è questa la sua vera conversione essendo egli stesso abituato invece ad una dottrina che prevede il clero sposato... 
     
    La saggezza di questa persona sta proprio NELLA SUA CONVERSIONE E NELLA SUA RIVALUTAZIONE DEL CELIBATO....al contrario le sue parole lo inviterebbero a sottovalutare il celibato stesso... 
     
    I nostri sacerdoti NON sono quel che sono, caduti nel modernismo, perchè sono CELIBI!! comprende? ;)  
    perchè nel clero sposato dei protestanti è accaduto ed accade anche di peggio!</span>

    RispondiElimina
  31. :-D  Enrico, Enrico! non sapeva che il CONCILIO ha aperto il LUSSUREGGIANTE Paradiso a TUTTI fuorchè ai Cattolici - di sempre - che come si legge dalla battuta di vivailconcilio, starebbero rintanati in una LUGUBRE FORTEZZA MEDIOVALE?
    E non rammenta che il Catechismo della CEI ha messo M.Luter-King insieme con Gandhi e Madre Teresa di Calcutta nei "SANTI DEL NOSTRO TEMPO"?
    Altro che barzellette, qui siamo alla DOTTRINA PURA!
    E lei con il suo Blog è un cattivone ed antiecumenico.... :-D

    RispondiElimina
  32. Onore al vescovo anglicano che merita da parte di noi catttolici non solo rispetto ma anche una preghiera perché continui sempre così

    RispondiElimina
  33. forse sono a conoscenza del fatto che era baTTEZZATO!

    RispondiElimina
  34. per coloro che non lo sapessero, sto il battezzato di cui sopra è Mao Tze Tung.

    RispondiElimina
  35. Ma finche erano i Vescovi a separarsi consensualmente per evidenti motivi logistici e di pastorale e' un conto....ma da qui a obblifgarli a non sposarsi e' un altro

    RispondiElimina
  36. Ho trovato-e mi ripeto avendolo gia' citato altrove- una pagina  dell'ORDINARY OF THE MASS della HIGH CHURCH anglicana, che sia pure in inglese E' quello della messa gregoriana. ..." I will go unto altar of God / even unto the God of my joy and gladness...our help is in the Name of the Lord //Who hath made heaven and earth..; non fa' bene sperare?

    RispondiElimina
  37. E anche una preghiera per il penoso pescatore camuffato bonaerense affinchè (all'incontrario del vescovo) non continui così.

    RispondiElimina
  38. Si aprirebbe un'altra breccia. Di eccezione in eccezione si  arriva spesso a rivoltare le leggi canoniche e ne abbiamo già la prova provata. Se questo bravo signore vuole diventare veramente cattolico come dice, non pretenderà di diventare vescovo. Un cattolico non può desiderare il male della Chiesa per la propria sete di gloria e di potere.

    RispondiElimina
  39. ma i preti orientali in comunione con la chiesa cattolica sono uxorati.....
    Dunque, non so su che basi dire che l'Ordine e il Matrimonio sono separati. 
    BOH

    RispondiElimina
  40. La pienezza del sacramento dell'Ordine l'hanno solo i vescovi. E non mi risulta che tra gli orientali vi siano vescovi sposati.

    RispondiElimina
  41. Ci sono Vescovi sposati e non nella Venerabile Chiesa Vetero Cattolica, Chiesa che gode del pieno riconoscimento sacramentale con la Venerabile Chiesa Cattolica Romana.
    Nella Chiesa Vetero Cattolica si utilizza, da sempre, ANCHE il Vetus Ordo.

    RispondiElimina
  42. "<span>pieno riconoscimento sacramentale con la Venerabile Chiesa Cattolica Romana"</span>

    E questa da dove l'ha tirata fuori? Essendo dubbia la successione apostolica della chiesa vetero cattolica il PIENO riconoscimento sacramentale non può esserci. Se poi aggiungiamo le nuove ordinazioni femminili di tale chiesa il cerchio si chiude.

    PS: ma i vetero-cattolici d'italia si danno appuntamento su queste pagine, o è sempre lei che cambia nick all'occorrenza?

    RispondiElimina
  43. <span>"<span>pieno riconoscimento sacramentale con la Venerabile Chiesa Cattolica Romana"</span>  
     
    E questa da dove l'ha tirata fuori? Essendo dubbia la successione apostolica della chiesa vetero cattolica il PIENO riconoscimento sacramentale non può esserci. Se poi aggiungiamo le nuove ordinazioni femminili di tale chiesa il cerchio si chiude.  
     
    PS: ma i vetero-cattolici d'italia si danno appuntamento su queste pagine, o è sempre lei che cambia nick all'occorrenza?</span>

    RispondiElimina
  44. 1)Appunto, dunque, l'ordine (sacerdotale, ma se vogliamo anche vescovile.. ((San Paolo dice "che il vescovo non abbia che una sola moglie) e matrimonio non sono "esclusivi" ma possono essere complementari.
    2)Comunque, qua si parlava di clero uxorato che LdCaterina63 "un po' sbeffeggiava", ritenendo ordine e matrimonio "distinti".

    RispondiElimina
  45. A proposito non so se altri vetero cattolici frequentano questo sito; però mi sembra alquanto strano viste le abissali distanze che esistono tra di noi SU TUTTO QUANTO.

    RispondiElimina
  46. A proposito non so se altri vetero cattolici frequentano questo sito; però mi sembra alquanto strano viste le abissali distanze che esistono tra di noi SU TUTTO QUANTO.

    RispondiElimina
  47. =-O =-O *DONT_KNOW* decisamente questo blog, ma non è il solo, attira i troll di varia natura, non sanno più quale travestimento adottare, quello vetero cattolico è l`ultimo ma non è nuovo .
    Vadi a giocare in un`altra corte  di ricreazione, Buenos Aires, o parti per l`Argentina, laggiù è primavera.....

    RispondiElimina
  48. Io non gioco caro signor Buenos Aires, lei sì e  ce lo ha già mostrato più volte, qui sembra che ci sia posto per tutti, un pò come nella nostra Chiesa,  dunque c`è posto anche per chi come lei si traveste, secondo l`humour del giorno, prendendo in giro, provocando, e per chi come me l`invita ad una vacanza in luoghi che dovrebbero risuonare con gioia e simpatia nel suo cuore visto il suo nuovo nick.

    RispondiElimina
  49. Redazione di Messainlatino.it31 ottobre 2010 12:10

    Questo sito non è riservato agli integralisti: se una persona con idee diverse viene qui e le espone con pacatezza e gentilezza la Redazione non la censura; certo che la persona in questione dovrebbe aspettarsi risposte di un certo tono dalla maggior parte dei frequentatori del blog ;) , ma se qualsiasi persona offende in modo pesante la Redazione censura.

    Sebastiano P.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.