lunedì 18 ottobre 2010

Palombella è un 'tradizionalista'?


Diciamo la verità, se così fosse, sarebbe davvero una bella sorpresa. Noi non ne sappiamo nulla, ma i commentatori ci sapranno probabilmente aiutare circa questi suoi asseriti orientamenti musicologici tradizionali. E se, dico se, il Papa avesse prescelto qualcuno senza un grande curriculum, ma che almeno suona le cose 'giuste', facendo tutto il contrario di Liberto (specie quello prima maniera, in epoca Woytila)?


di Giacomo Galeazzi

Il marchio di Torino sulla «schola cantorum» più famosa del mondo. Per stoppare gli «abusi musicali» il Papa rispolvera lo «spartito tradizionalista» e, su suggerimento di Bertone, nomina il salesiano torinese don Massimo Palombella alla direzione della Cappella Sistina.

Dopo anni di controversa sperimentazione, tornano in auge il repertorio sacro d’antan, i canti gregoriani, la grande polifonia rinascimentale. E’ da sei secoli che alla Cappella rivolgono lo sguardo come modello i cori dell’intero pianeta. Sullo sfondo c’è il braccio di ferro tra i «creativi» e i «tradizionalisti», sostenuti dai «teocon» che della messa in latino e del canto gregoriano hanno fatto una bandiera ideologica.

Il nuovo direttore della Cappella pontificia, nato a Torino nel ‘67, Ordinato sacerdote 14 anni fa, insegna al conservatorio «Cantelli» di Novara. Sostituisce Giuseppe Liberto, la cui bacchetta era giudicata «troppo disinvolta» nell’accantonare la musica liturgica tradizionale. La scelta di Palombella è una rivincita del tradizionalismo sugli interpreti della riforma liturgica.

Già oggi Palombella firma le «colonne sonore» degli incontri papali con gli intellettuali e il clero, dirige il coro delle università di Roma e i suoi concerti sono divenuti cd di successo.

Fonte: La Stampa, 17 ottobre 2010, via Papa Ratzinger blog

165 commenti:

  1. credo che l'islamità radicale sia meno devastante degli scempi liturgici18 ottobre 2010 13:53

    Chi mente?
    MD

    RispondiElimina
  2. Redazione di Messainlatino.it18 ottobre 2010 13:57

    Vorresti firmarti "Bartimeo" come sempre, per cortesia?

    Francesco

    RispondiElimina
  3. a dirla proprio tutta...18 ottobre 2010 14:01

    Avrei preferito Pablo Colino... mille volte!!!

    RispondiElimina
  4. E monsignor Nosiglia e i Tradizionalisti?Torinesi preparatevi.
    http://fidesetforma.blogspot.com/2010/10/nosiglia-larcivescovo-che-non-sopporta.html
    Dov`è la croce? Ma nascosta nel taschino of course.

    RispondiElimina
  5. Come avevo già detto, è un fatto che nella conclusione dell'Anno Sacerdotale il coro diretto da Palombella abbia eseguito canti della polifonia romana e composti da Bartolucci, che da anni non si sentivano più. Citavo in un post precedente, il bellissimo Adoro te devote in cui rieccheggia il tema gregoriano. Poi non so dire (non essendo competente) se Palombella li sa dirigere bene o male questi canti... questo giudizio lo lascio ad altri. Certamente a me, personalmente, farebbe piacere se la Cappella Sistina fosse il luogo simbolo della riabilitazione del gregoriano e della polifonia. Non ho la competenza sufficiente per giudicare se il nuovo Maestro sia all'altezza o meno. Speriamo in bene.... esprimo un semplice auspicio e nulla più, perché la liturgia romana riacquisti il dovuto splendore

    RispondiElimina
  6. ..........chi vivra'...vedra'.....!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. scusate non c'entra nulla: ma cosa è successo al sito Orbis Catholicus???

    RispondiElimina
  8. Non credo che il presente articolo provi il "tradizionalismo" (brutta parola...) di Palombella.
    Ciò che prova con certezza è la superficialità e l'incompetenza somma del Signor Giacomo Galeazzi in merito a liturgia e musica sacra. Capisco che non tutti siano tenuti ad avere una specifica competenza nel campo...ma almeno si astenessero da certe corbellerie!
    Come sia fa a parlare di «spartito tradizionalista», di messa in latino e di gregoriano come "bandiera ideologica" dei teocon (...quindi la musica sacra sarebbe un fatto politico alla stregua dei "dico"?!?),di "rivincita del tradizionalismo sugli interpreti della riforma liturgica"? Ma l'autore si rende conto di cosa sta parlando?

    RispondiElimina
  9. Non sarebbe male che la cappella pontificia sperimentasse anche un'interpretazione della polifonia classica tenendo conto delle acquisizioni della musicologia e dei gruppi "specializzati" (Monteverdi choir, Hilliard ensemble ecc.). Poi per carità esiste anche uno stile esecutivo "romano", in se bello e suggestivo, ma non è certo l'unico modo per eseguire Palestrina, Lasso, Des Prez. 
    Lo so benissimo, peraltro, che i problemi della Sistina sono (purtroppo) ben altri...  

    RispondiElimina
  10. <span>
    <p>mons. Mosiglia....<span> AMA LE BALLERINE ? ? ? ?</span>
    </p><p>sempre peggio.....
    </p><p><img></img>
    </p></span>

    RispondiElimina
  11. <span>

    mons. Mosiglia....<span> AMA LE BALLERINE ? ? ? ?</span>
    sempre peggio.....
    *DONT_KNOW*
    </span>

    RispondiElimina
  12. Ma che è uno scherzo? un pesce d'aprile? Tradizionalista chi? Palombella? Perchè ha "giurato" (a Marini-pizzi-e-merletti) che avrebbe rimesso i canti di Bartolucci per ottenere la sistina, è Tradizionalista? Ma per piacere, cerchiamo di essere gente seria, non c'è bisogno di essere musicisti per capire che Palombella è un incompetente che finge di essere competente... ma gli ricordo che dirigere Bartolucci non è per nulla facile... la "competenza" dei cantori (quei pochi rimasti - voltagabbana - che sanno il repertorio a memoria) non è sufficiente perchè ci sono i pueri e questi vanno in bambola se non c'è un maestro con il manico! Lo si è visto abbondantemente con Liberto!

    e poi... che la Stampa di Torino giornale notoriamente filomassonico e anticlericale "lodi" il Palomba mi fa molto MOLTO pensare

    RispondiElimina
  13. il nodo di tutto è questo18 ottobre 2010 14:56

    <span>Pensare il gregoriano è abituarsi a pensare come e con la Chiesa nel solco della sua Tradizione. Esso ci insegna cosa dire nella Liturgia e, soprattutto, come dirlo: è risposta intonata, elevata, meditata della Parola. E’ l’esatto contrario dell’improvvisazione. E’ auspicabile che il ritorno allo studio dei documenti conciliari riesca a mutare una esiziale frenesia di modernità in una rinnovata e da più parti invocata urgenza di radicalità. Al di là di ogni preconcetto, il canto gregoriano potrà tornare ad essere espressione viva della Chiesa solo quando, ad ogni livello, ci si accorgerà del cammino percorso e ci si renderà conto di ciò che è stato ritrovato nella seconda fase della restaurazione gregoriana condotta segnatamente nei decenni post-conciliari.
     </span>

    RispondiElimina
  14. Non si può non notare la gran differenza tra la qualità dei posts proposti dalla Redazione di questo blog spesso buonissimi ed il livello della stragrande maggioranza degli intervenenti spesso scarsissimi. Uno dei pochi che si salvano è appunto Bartimeo.


    Sembrerebbe che la qualità musicale di Don Palombella non dipenda dalle sue competenze ma dalle sue tendenze tradizionaliste o no, ieri condannato su un altro post, oggi quasi rimesso sull'altare anche se con sospetto.


    Andate al bar, bervi un caffé!

    RispondiElimina
  15. Le lodi di una stampa non specialistica sono poca cosa.
    A volte i giornalisti non hanno conoscenza nemmeno di quel che dicono: ridurre la liturgia e la musica sacra ad emanazioni di questo o quel movimento di pensiero cattolico o no, di per sè la dice lunga sull'attendibilità di tali "veline" forse suggerite da interessati......
    La Stampa è di Torino, ove oltre ai Massoni ci sono i Salesiani.... Può darsi che qualcuno bazzichi entrambi gli ambienti -cosa abbastanza notoria - e quindi.....
    Significativo del livello di competenza del commentatore (però aderente alla dura realtà dei fatti) è la chiosa con cui si dice che Paombella ha orchestrato le "colonne sonore" degli incontri papali con i giovani ed ha pubblicato cd di grande successo: sono titoli ampiamente abilitanti a dirigere la Cappella Pontificia!
    Se la vicinanza alla Tradizione (l'articolista pro-palombella forse sa che il nominato è soltatno apparentemente un .... tradizionalista, cioè in vero nulla sa di Tradizione, che è ben altro) si misura dal semplice refrain di Palestrina, allora mons. Bartolucci - come compositore e direttore - è stato un feroce Modernista ed un  massacratore della Liturgia romana....!
    Ritengo che le sviolinate della stampa che vedremo nelle prossime settimane saranno perlopiù da non prendere nemmeno in considerazione: articoli per riempire qualche rigo, al fine di dare la notizia, con qualche coloritura quà e là, se non addirittura pezzi di lode e di incensazione interessata, dovuta a collegamenti con organi di stampa e conservatori.

    RispondiElimina
  16. :-D  Non mente Bartimeo, ha posto le sue iniziali MD riconoscibili da chi lo legge da molto....

    Però, caro Bartimeo, perchè seminare il dubbio e pensare che qualcuno mente?
    Io credo invece che quando il Papa fa delle nomine, forse sa più cose che noi non sappiamo e magari ha anche scambiato due parole con l'interessato che noi non conosceremo mai, ma che al Papa saranno state sufficienti per decidere...

    Infine, come per Nosiglia a Torino, ci sono delle nomine che definisco STRATEGICHE... è un pò lungo ora qui da spiegare, ma ciò che a noi può apparire assurdo, non lo è per chi ha chiaro come procedere in questo tempo difficile!
    Non credo in Nosiglia o in Palombella, ma credo nei miracoli... e credo che a Dio nulla è impossibile...

    Ho un amico frate mio coetaneo ergo cresciuti entrambi con il NOM....io un pò più tradizionalista, lui AMABILMENTE progressista , dico AMABILMENTE perchè di suo non intraprende alcuna iniziativa anticattolica, tuttavia procede con lo stile che gli hanno insegnato, CONOSCE SOLO QUELLO... ma da quando parliamo di questo, da tre anni, riconoscendo che se non avesse meditato il Summorum Pontificum NON avrebbe capito nulla di quello che stava accadendo anche a lui, sta lentamente CAMBIANDO modo di pensare...
    NON conosce la Messa VOM, non sa il latino...per lui il Magistero essenziale per il suo ministero comincia dal Concilio COME GLI HANNO INSEGNATO IN SEMINARIO.... ma grazie alle Udienze del Mercoledì di Benedetto XVI, sta cominciando ad interessarsi a cosa hanno scritto i Padri e i Santi....
    Insomma... ha ammesso di aver vissuto NELL'APOSTASIA suo malgrado e per giunta con tanto DI APPROVAZIONE che lo confermavano nell'errore di alcune ideologie che per lui suonavano come volontà del Concilio... ma che ora è deciso a RIMETTERSI IN GIOCO....
    a rimettersi IN DISCUSSIONE...

    NESSUNO MENTE.... a meno che non lo si fa per un tornaconto personale, piuttosto, caro Bartimeo, VIVIAMO NELLA MENZOGNA e spesso con la benedizione e l'approvazione del Clero e dei Vescovi.... ;)

    RispondiElimina
  17. PALOMBELLA DA SEMPRE E QUINDI DA PIU' DI 10 ANNI, ESEGUE PALESTRINA,BARTOLUCCI,REFICE,DI LASSO,DA VITTORIA...E TANTI ALTRI...E SE QUESTA NON E' TRADIZIONE DITECELO VOI...!PER PARLARE,BISOGNA PRIMA INFORMARSI...IO L HO FATTO E VISTI I PROGRAMMI DEI SUOI CONCERTI...NON SI PUO' ALTRO CHE DIRE QUESTO:PALOMBELLA E' UN DEGNISSIMO ESECUTORE DELLA MUSICA ANTICA DI TRADIZIONE!!STOP!

    RispondiElimina
  18. Segnalo la Lettera ai Seminaristi, uscita oggi, da parte del Santo Padre:

    http://difenderelafede.freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=9477880&

    RispondiElimina
  19. Luis Moscardò18 ottobre 2010 15:34

    Volevo sottolineare appunto questo: " i «tradizionalisti», sostenuti dai «teocon» che della messa in latino e del canto gregoriano hanno fatto una bandiera ideologica."
    Maccheccàvolo dice?

    RispondiElimina
  20. Luis Moscardò18 ottobre 2010 15:41

    "Uno dei pochi che si salvano è appunto Bartimeo.
     Supponente elogio della petulanza.

    RispondiElimina
  21. Mons. Nosiglia è un esperto di rito alessandrino-antiocheno, dove è prevista la danza rituale. Mi pare si chiami lallatio o giù di lì

    RispondiElimina
  22. Faccio notare la Canonizzazione di suor Mary MacKillop... la cui storia, che fino ad oggi non fregava a nessuno....in verità è ben risaputa NELLA CHIESA per essere stata, la Suora, INGIUSTAMENTE umiliata e MESSA A TACERE dal suo vescovo il quale  finì perfino di SOSPENDERLA solo perchè aveva denunciato la pedofilia di un prete....

    La riabilitazione di questa Suora che per essere sinceri NON avviene con la Beatificazione fatta da Giovanni Paolo II ma bensì da Pio IX e da Leone XIII che riconobbero la sua Missione e ne acconsentirono la diffusione dell'opera ma appunto DOPO la riabilitazione della suora da parte di un MEA CULPA E UN PERDONO del vescovo morente... questa riabilitazione ci fa pensare davvero ALL'ABUSO DI POTERE ancora oggi esercitato da molti Vescovi contro quei Sacerdoti o Laici che SOSTENGONO IL SUMMORUM PONTIFICUM...
    e qualche cattolico qui presente che non ama la FSSPX mi perdoni, ma ci includo anche mons. Lefebvre sospeso a divinis prima ancora dell'ordinazione dei famosi tre vescovi (e non 4 uno gli era stato consentito dal Papa ), sospeso perchè non voleva adeguarsi alle interpretazioni del Concilio che solo oggi a distanza di 40 anni si stanno rivelando sbagliate....

    Questa Canonizzazione ci rammenta come si soffre e si patisce per la Chiesa...
    Santa Suor Mary Killop ci insegna come si reagisce di fronte agli ABUSI DI POTERE... e ci insegna come si attende che la Divina Provvidenza intervenga... ;)

    RispondiElimina
  23. qualcuno ha detto....18 ottobre 2010 16:16

    ...nel thread precedente la nomina, qualche giorno fa:
    <span>"....anche Giovanni Paolo II non ne sapeva niente della cacciata di Bartolucci da lui "firmata";  </span>
    <span>Anche Paolo VI non ne sapeva nulla della soppressione dell'ottava di Pentecoste da lui " firmata"...  
    <span>chissà se il Santo Padre conosce quello che ha firmato...  </span>
    Vergogna!!!!</span>
    ---------------
    COME SAREBBE a dire "<span>chissà ...ecc." ? ?</span>
    dunque siamo a questo punto  ? il Papa <span>manovrato</span> al punto che NON SA  QUELLO che ha firmato ? ?
    e io aggiungo:
    come possono accadere queste cose abominevoli ?
    quanti cattolici sono consapevoli ed allibiti per ciò che avviene "dietro le quinte" dello scenario ecclesiale e "dentro la stanza dei bottoni", e di ciò che -ad insaputa di tutti o quasi- li attende dietro l'angolo, (qualcosa che appare sempre più minaccioso, ogni giorno che passa....)
    mentre milioni di cattolici invece  NON NE HANNO LA PIù PALLIDA IDEA, e nemmeno la possibilità di rimanere basiti   ?
    Davvero si sta facendo buio su tutta la Chiesa....
    :(

    RispondiElimina
  24. Non è in tema, ma alle Ordinazioni Episcopali del 9 ottobre (che hanno visto la partecipazione del coro diretto da don Palombella) il card. Bertone ha amministrato la Comunione in ginocchio. Forse è già capitato, ma è la prima volta che mi capita di vederlo.
    La foto sotto riportata (presa da www.photovat.com), che mostra la Comunione amministrata in mano ma in ginocchio, fa però un effetto abbastanza singolare, non trovate? Sottolineo comunque che si è trattato di una eccezione perchè quasi tutti gli altri hanno ricevuto la Comunione direttamente in bocca.

    RispondiElimina
  25. ...non ha senso in ginocchio ed alla mano....ma è l'inizio, se non altro qualcosa si muove..... in questo caso è il sacerdote che TEME DI OFFENDERE il fedele, se gli dicesse di riceverla in bocca... dimenticandosi di avere  IL VERO DIO che sta dando al fedele....
    in poche parole siamo sempre li IL SOGGETTO E' IL FEDELE, NON GESU'-EUCARESTIA... :-[

    RispondiElimina
  26. Tenebrae factae sunt18 ottobre 2010 19:01

    Allora anche io posso dirigere Palestrina, Bartolucci, Refice, Di Lasso, anche il barbone sottocasa... Quindi deduco che noi saremmo degnissimi esecutori della musica di antica tradizione!! Stop!

    RispondiElimina
  27. Tenebrae factae sunt18 ottobre 2010 19:03

    Chi fa il tradizionalista per sport è il peggio che possa capitare...

    RispondiElimina
  28. Tenebrae factae sunt18 ottobre 2010 19:17

    Domenica c'era un piccione che viaggiava per la basilica, e ha svolazzato per tutta la Messa sopra al coro; allora sembra che qualcuno che ha un pò di visibilità lì dentro abbia detto a un altro che ha ancora un pò più di visibilità: "Non riesce proprio a stare lontano, non vede l'ora di prendere servizio"!!!!

    RispondiElimina
  29. Tenebrae factae sunt18 ottobre 2010 19:19

    Ah, e anche una domanda: ma hai visto i programmi dei concerti o anche i concerti?

    RispondiElimina
  30. potrà ancge essere il più acceso dei tradizionalisti, ma musicalmente è un CANE. hai voglia a far cantare la messa di papa marcello se poi si è incapaci di dirigerla. PUNTO.

    RispondiElimina
  31. Tenebrae factae sunt18 ottobre 2010 19:23

    I Pueri se ben preparati sono molto più competenti dei cantori adulti.

    RispondiElimina
  32. ..e io che leggendo questo blog pensavo che il Cardinale Mahony di Los Angeles fosse un'eccezione...fosse davvero l'unico a permettersi di celebrare con le ballerine! E' proprio vero che c'è sempre da scoprire!

    RispondiElimina
  33. questo dimostra quanto svogliatamente i collaboratori di Benedetto applichino i suoi insegnamenti: la comunione in ginocchio e in mano!!! vuol proprio dire che chi doveva istruire i comunicandi se ne sbatteva i cosiddetti!! e poi mi spiace dirlo ma alle messe papali o TUTTI si comunicano in ginocchio e sulla lingua oppure si lasci perdere... non ha senso, non ha veramente senso... come quando alla messa dei presantificati il papa amministra la Comunione ai cardinali e non viene montato l'inginocchiatoio... LO RIPETO:COSì NON HA SENSO!

    RispondiElimina
  34. a dirla proprio tutta...18 ottobre 2010 19:39

    Non è all'altezza. Non basta ritirar fuori il tesoro della Chiesa... bisogna anche essere in grado di valorizzarlo bene... altrimenti a danno si aggiunge danno!

    RispondiElimina
  35. a dirla proprio tutta...18 ottobre 2010 19:43

    Pienamente d'accordo con Tenebrae... bisogna vedere non il "cosa" esegue... ma "COME"...

    RispondiElimina
  36. durante la Veglia sacerdotale del giugno scorso Palombella ha diretto la Marcia di Silveri (musica riservata al momento dell'Elevazione nella Messa papale more antiquo), questo fa ben sperare... e poi è giovane e vorrà far bene.

    RispondiElimina
  37. finchè il Papa non dice come vanno fatte le cose, ma lo mostra solo, tutti sono liberi, a cominciare da chi sta appena sotto di lui, di fare quel che vogliono.

    RispondiElimina
  38. In ginocchio ma....sulla mano.

    RispondiElimina
  39. La Marcia di Silveri fa parte di una strategia studiata e meditata.
    Se qualcuno si prende la briga di leggersi un pò di annate di Armonia di Voci, si renderà conto di come è cambiato il rev. Maestro, cambiando il vento.
    Ora che copre l'alto scranno sarà disposto anche ad eseguire la Missa Papae Marcelli tutte le domeniche pur di dimostrare il suo attaccamento alla Tradizione: altro ci vuole.
    Pare che l'em.mo Bertone quando, alcuni mesi addietro, comunicò a Liberto il dimissionamento, alla reazione allibita di quest'ultimo, con lo squisito tatto che connota molti salesiani degli ultimi 30 anni, abbia detto "Embè? Maestro,lei non ha un altro coro dove andare?"
    Deve essere qualche recente applicazione del metodo preventivo....

    RispondiElimina
  40. "ALL'ABUSO DI POTERE ancora oggi esercitato da molti Vescovi contro quei Sacerdoti o Laici che SOSTENGONO IL SUMMORUM PONTIFICUM...  "


    E non solo!

    RispondiElimina
  41. Carissimi, mi pare che la questione sia un'altra...il problema non è solo che il palombella possa dirigere musica che si rifà alla tradizione, questo può farlo chiunque è affettivamente legato a papa Benedetto, ma il porblema è la bellezza e la dignità dell'esecuzione....ho sentito maree di cori esuguire vomitevolissimi brani di Palestrina, Bach, Mozart.... l'unica cosa che chiedevo era che finisse alla svelta il macello cacofonico musicale che udivo.................. e (in una posizione di sano realismo) dicevo tra me e me..."ma perchè non eseguono brani molto molto più semplici e con dignità????
    dopo quello che abbiamo ascoltato in Westminter Abby e Cathedral...non si più più mirare ad un livello bassoculturalitalianifono della musica... occorreva un vocalista...uno che educasse le stonatissime inadeguatissime voci della cappella sistona...
    Dio ci consenta di non sentire stupri musicali d'autore....meglio il progressista Liberto di uno che ridicolizza la musica che è fiorita nel grembo santo della Chiesa.............
    Ma la salesianità evedentemente vince sul bello............................................................
    w w w w w  gli anglicani!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! e i lefebvriani!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  42. ps...vomitevoli non erani i brani...ma il modo di eseguirli

    RispondiElimina
  43. a dirla proprio tutta...18 ottobre 2010 23:24

    bene dixisti...

    RispondiElimina
  44. a dirla proprio tutta...18 ottobre 2010 23:25

    Intanto però lui - Bertone - rimane attaccato alla poltrona...!
    Chissà se il Papa riuscirà a schiodarlo.
    VERGOGNA!

    RispondiElimina
  45. uno che la sa lunga19 ottobre 2010 02:28

    non diciamo scemenze per cortesia

    RispondiElimina
  46. uno che la sa lunga19 ottobre 2010 02:44

    Beh stando all'articolo Mons. Guido Marini è tradizionalista perchè mette la cotta coi pizzi.
    Tutto torna...

    RispondiElimina
  47. Sono mooolto contento della nomina di Palombella.
    Questo è B-XVI (anche Marini, a sto punto)!
    Tradizionalisti loro come io sono George Clooney.

    RispondiElimina
  48. a dirla proprio tutta...19 ottobre 2010 12:08

    Se...ancora credete ai tradizionalisti: proprio da quelli che si spaccian per tali bisogna tenersi alla larga.
    Falsi peggio dei farisei...

    RispondiElimina
  49. euntes ibant et flebant19 ottobre 2010 13:28

    Si fa sempre più insistente la voce che Frisina è destinato alla Cappella Giulia: un altro irrimediabile errore, un aaltro colpo alla Musica Sacra. Qualcuno faccia qualcosa...

    RispondiElimina
  50. vi prego!!!! paragonate la qualità musicale di questo:

    http://www.youtube.com/watch?v=WI44Lmir278&feature=related

    con queste due ottime esecuzioni palestriniane...........

    http://www.youtube.com/watch?v=Nsw1kdLqfec

    http://www.youtube.com/watch?v=i4VoKso5ERI

     fino a quando Signore dovremo sopportare questo cattivo gusto italico?

    RispondiElimina
  51. E' anche esperto in natatio, qui.

    RispondiElimina
  52. Caro Ospite il tuo paragone in questa sede procede per piani paralleli e non può sostanzialmente tenere, sebbene sia evidente che i cori inglesi citati (che a me personalmente non infiammano) viaggino su livelli di assoluta eccellenza.
    I musici accorti sanno che intonazione, emissione e pronunzia (quest'ultimo requisito è involontario) della polifonia romana, non sono quelli che propagandano i cori nord-europei che comunque - lo ripeto - raggiungono livelli di eccellenza impensabili, sia con le donne, sia (ancor di più) con i bambini.
    Posto questo, mi pare più calzante il paragone proposto da "A dirla proprio tutta", sul piano storico, filologico, esecutivo e, diciamolo pure, liturgico.
    Purtroppo il paragno è impietoso, per Palombella: da quella registrazione appare chiaro come il coro si autodiriga e il tenere la testa incollata alla partitura mentre le mani si agitano al di sopra è chiaro segno che il direttore non possiede il brano....
    In ogni caso paragoranare Palombella a Bartolucci e a Miserachs, è come tentare un impossibile parallelo fra don Parisi, Palestrina e Cristobal Morales!
    Ovviamente Parisi, nel paragone, prende il posto di Palombella....

    RispondiElimina
  53. Possiamo invitarlo al nostro convento, al posto di mons. Favella (card. Biffi) che ormai è molto anziano.
    Suor Cesira gli preparerebbe volentieri un polpettone alla calabrese - tanto lui di polpettoni se ne intende - con l'aggiunta di abbondante peperoncino.
    Gli rischiarerebbe la voce, e qualcosaltro un pò più giù...... (chiedo venia.)

    RispondiElimina
  54. a dirla proprio tutta...19 ottobre 2010 19:19

    don Magnifico.... voglio conoscerti...

    RispondiElimina
  55. ma basta con questo miserach......non è Dio !!!! e poi diciamola tutta non solo è vetusto ma il suo gregoriano è pure sbagliato!!!!!
    .........ma avete le orecchie o no ??? le sue registrazioni sono ilpeggio del peggio !!!!!!!
    speriamo che al PIMS arrivi un vero GREGORIANISTA!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  56. Medea di Euripide19 ottobre 2010 22:07

    GRANDE OSPITE-non so chi tu sia- ma sei uno dei pochi che SEI RIUSCITO A METTETE A FUOCO IL PROBLEMA!

    Sento dei commenti da far rizzare la lunga chioma di Calliope da parte di alcuni -non faccio nomi, indico con il naso-- Qui si continua a guarda il ditino anziché la luna!! Oooo...svegliatevi tutti....io credo si stia smarrendo il senso delle proporzioni, ravviso un ottundimento delle coscienze!!  Ma, ci si rende conto o no di cosa si sta parlando? E voi vorreste mettere quel tesoro  inestimabile che è la monumentale tradizione del Gregoriano, da cui deriva l'intera musica europea,  di quella meravigliosa impalcatura architettonica che è la polifonia del rinascimento: uno scrigno immenso destinato all'uomo per condurlo dalle sue dolorose lotte alla contemplazione serena dell'Assoluto in mano a chi? A Palombella?? Forse non avete capito l'abominio che si è consumato sotto il cielo con questa nomina! Nominare Palombella che, secondo me, non è neppure un musicista sarà come versare vino vecchio in otri screpolate. Solo chi è giunto alle estremità profonde di questa arte eccelsa sa che ad certo punto si trova dinnanzi ad un bivio, un'alternativa irriducibile: o stare dalla parte della musica, quindi conoscerla profondamente in tutta la sua estensione o mollare la presa : Tartum non datur!! Una terza possibilità non esiste senza incappare in una soluzione artificiale, mediocre, infruttuosa di cattivo gusto. Io non ho mai sentito una composizione di questo maestro. Ci FACCIA SENTIRE UNA SUA COMPOSIZIONE IL MAESTRO PALOMBELLA! nE HA IL DOVERE!!
    Tradizione? Continuità? eH..MIEI CARI..mal si coniugano con il nuovo direttore e concludo dicendo che la regalità della musica va rispettata, non ci sono MEZZUCCI, Nè compromessi di sorta che reggono: un atteggiamento ghiotto, da consumatore, DA FURBACCHIONE non rientra nellO Spirito della musico!

    Ha ragione l'ospite di sopra quando allude a certE  lobby che muvono i fanti sulla scacchiera del potere..ma questo, amici, non ha nulla a che vedere con la musica sacra...

    RispondiElimina
  57. Medea di Euripide19 ottobre 2010 22:18

    <span>GRANDE OSPITE-non so chi tu sia- ma sei uno dei pochi che SEI RIUSCITO A METTETE A FUOCO IL PROBLEMA!  
     
    Sento dei commenti da far rizzare la lunga chioma di Calliope da parte di alcuni -non faccio nomi, indico con il naso-- Qui si continua a guarda il ditino anziché la luna!! Oooo...svegliatevi tutti....io credo si stia smarrendo il senso delle proporzioni, ravviso un ottundimento delle coscienze!!  Ma, ci si rende conto o no di cosa si sta parlando? E voi vorreste mettere quel tesoro  inestimabile che è la monumentale tradizione del Gregoriano, da cui deriva l'intera musica europea,  di quella meravigliosa impalcatura architettonica che è la polifonia del rinascimento: uno scrigno immenso destinato all'uomo per condurlo dalle sue dolorose lotte alla contemplazione serena dell'Assoluto in mano a chi? A Palombella?? Forse non avete capito l'abominio che si è consumato sotto il cielo con questa nomina! hanno voluto Palombella che, secondo me, non è neppure un musicista, allora si prendano tutto il pacchetto: la tradizione? sarà come versare vino vecchio in otri screpolate. Solo chi è giunto alle estremità profonde di questa arte eccelsa sa che ad certo punto si trova dinnanzi ad un bivio, un'alternativa irriducibile: o stare dalla parte della musica, quindi conoscerla profondamente in tutta la sua estensione o mollare la presa : Tartum non datur!! Una terza possibilità non esiste senza incappare in una soluzione artificiale, mediocre, infruttuosa di cattivo gusto. Io non ho mai sentito una composizione di questo maestro. Ci FACCIA SENTIRE UNA SUA COMPOSIZIONE IL MAESTRO PALOMBELLA! nE HA IL DOVERE!!  
    Tradizione? Continuità? eH..MIEI CARI..mal si coniugano con il nuovo direttore e concludo dicendo che la regalità della musica va rispettata, non ci sono MEZZUCCI, Nè compromessi di sorta che reggono: un atteggiamento ghiotto, da consumatore, DA FURBACCHIONE non rientra nellO Spirito della musico!  
     
    Ha ragione l'ospite di sopra quando allude a certE  lobby che muvono i fanti sulla scacchiera del potere..ma questo, amici, non ha nulla a che vedere con la musica sacra...</span>

    RispondiElimina
  58. Medea di Euripide19 ottobre 2010 22:37

    SENTA LEI, INTANTO LO CHIAMI "MAESTRO" E SI FACCIA CHAPEAU DAVANTI AL PROFESSOR MISERACHS: UN GRANDE SIGNORE, UN ECCELSO MUSICISTA, AL QUALE IL PENNUTO NON E' DEGNO DI TOCCARE IL LEGGìO! E TACCIA! ALTRIMENTI CHIAMO AL RADUNO LA STREPITOSA MEDUSA CON LE GORGONI E LA FACCIO GHERMIRE...NON LE CONVIENE...

    RispondiElimina
  59. Medea di Euripide19 ottobre 2010 22:40

    Sento dei commenti da far rizzare la lunga chioma di Calliope da parte di alcuni -non faccio nomi, indico con il naso-- Qui si continua a guarda il ditino anziché la luna!! Oooo...svegliatevi tutti....io credo si stia smarrendo il senso delle proporzioni, ravviso un ottundimento delle coscienze!!  Ma, ci si rende conto o no di cosa si sta parlando? E voi vorreste mettere quel tesoro  inestimabile che è la monumentale tradizione del Gregoriano, da cui deriva l'intera musica europea,  di quella meravigliosa impalcatura architettonica che è la polifonia del rinascimento: uno scrigno immenso destinato all'uomo per condurlo dalle sue dolorose lotte alla contemplazione serena dell'Assoluto in mano a chi? A Palombella?? Forse non avete capito l'abominio che si è consumato sotto il cielo con questa nomina! hanno voluto Palombella che, secondo me, non è neppure un musicista, allora si prendano tutto il pacchetto: la tradizione? sarà come versare vino vecchio in otri screpolate. Solo chi è giunto alle estremità profonde di questa arte eccelsa sa che ad certo punto si trova dinnanzi ad un bivio, un'alternativa irriducibile: o stare dalla parte della musica, quindi conoscerla profondamente in tutta la sua estensione o mollare la presa : Tartum non datur!! Una terza possibilità non esiste senza incappare in una soluzione artificiale, mediocre, infruttuosa di cattivo gusto. Io non ho mai sentito una composizione di questo maestro. Ci FACCIA SENTIRE UNA SUA COMPOSIZIONE IL MAESTRO PALOMBELLA! nE HA IL DOVERE!!    
    Tradizione? Continuità? eH..MIEI CARI..mal si coniugano con il nuovo direttore e concludo dicendo che la regalità della musica va rispettata, non ci sono MEZZUCCI, Nè compromessi di sorta che reggono: un atteggiamento ghiotto, da consumatore, DA FURBACCHIONE non rientra nellO Spirito della musico!    
       
    Ha ragione l'ospite di sopra quando allude a certE  lobby che muvono i fanti sulla scacchiera del potere..ma questo, amici, non ha nulla a che vedere con la musica sacra...
    <span><span><span>–</span></span></span>

    RispondiElimina
  60. Medea di Euripide19 ottobre 2010 22:48

    GUARDI...NON SI PERMETTA... CHAPEAU AL MESTRO MISERACHS, UN SIGNORE, GRANDE MAESTRO, ECCELSO, UN PROFESSORE, UN MUSICISTA ILLUMINATO, UMILE, SPLENDIDO! GUARDI...MI FACCIA IL PIACERE....NON LO NOMINI IN QUESTI TERMINI CHE LE ATTIZZO MEDUSA CON TUTTE LE GORGONI E LA FACCIO MANGIARE CRUDO...SILENZIO!!! 

    RispondiElimina
  61. Medea di Euripide19 ottobre 2010 23:04

    eh eh eh suor Eufrasia suor Eufrasia il polpettone... mi sembra plebeo per un palato tanto sofisticato suvvia.....che ne diresti di un ottimo stinco di suino su letto di "diavoletti", trionfo di 'nduja di tropea il tutto innaffiato da un buon Cirò e poi dolce caffè e ammazzacafè?

    RispondiElimina
  62. Dimenticavo: se a Bartolucci ormai è certa la porpora al prossimo Concistoro (cosa che francamente mi sembra strana, tardiva e comuqne, improduttiva), a Miserachs dovrebbero - come si fa con i rettori delle università pontificie (vedi mons. Dal Covolo; Em.mo Bertone, mi sente?!?!) almeno conferire il titolo di vescovo titolare.
    Ma egli non ci tiene nemmeno.
    Forse poi le diocesi in partibus sono attualmente tutte prenotate.
    Dai Salesiani .....

    RispondiElimina
  63. Medea di Euripide19 ottobre 2010 23:30

    ..il Gregoriano....una via musicale verso lo spirito -cioè, verso il nostro essere più profondo-. verso l'armonia di noi stessi e con il tutto- ed esprime un sentire che vive più o meno cosciente nel cuore di tutti, ma che la chiesa sembra avere accantonato, non aver preso sul serio...ho sempre pensato ad un maestro interiore in ogni fedele che non attende altro di potersi mettere a nostra disposizione, ma che spesso non riconosciamo,

    RispondiElimina
  64. a dirla proprio tutta...20 ottobre 2010 00:18

    perché Palombella sarebbe invece un vero gregorianista?

    RispondiElimina
  65. Tenebrae factae sunt20 ottobre 2010 00:45

    Mhm, hai presente il rame lucente? il tuo commento sembra un pò ossidato a confronto... hahahah
    Comunque riaffermo con forza la mia idea: i Pueri sono molto più competenti dei cantori adulti.

    RispondiElimina
  66. Tenebrae factae sunt20 ottobre 2010 00:54

    Chiariamo un altro punto: di Dio ce n'è solo uno. Punto e basta. Quindi Miserachs, Bartolucci, Palestrina ecc ecc non sono Dio. Dal punto di vista musicale c'è però una scala di competenza, bravura e ricerca del bello, nella quale sicuramente il buon Miserachs è mille volte al di sopra del volatile. E' chiaro???? Il gregoriano di Miserachs ha un suo stile, certamente criticabile sopratutto oggi, ma è uno stile che ha resistito per secoli e ha il suo fascino. E lo stile di Miserachs e della scuola romana è malamente scimmiottato da Palombella. Ora noi abbiamo il 99 per cento del dna uguale alle scimmie. In campo musicale i grandi della scuola romana hanno quell'1 per cento di qualità infinitamente superiore alla scimmia, che appunto, SCIMMIOTTA.

    RispondiElimina
  67. Tenebrae factae sunt20 ottobre 2010 01:18

    Beh, almeno potremo presto vedere la sua Divina Commedia in un Vespro a San Pietro. Che bello...

    RispondiElimina
  68. Medea di Euripide20 ottobre 2010 07:03

    <span>Niente paura!!! facies Redit Vera, perit assimulata, ovvero:</span><span><span>l vero volto si presenta quando la maschera viene via...</span></span>

    RispondiElimina
  69. Miserachs è un mediocre, il gregoriano eseguito da lui è alla stregua di quello di Frisina!!!!
    Palombella pensa che il gregoriano sia una nuova congregazione.
    In questa tempesta e dai vostri interventi tutti  di parte e alquanto fuori tempo , per riportare un pò di sanità  e santità in questa devastata chiesa ricordo a tutti una data 31, 10, 1517.................................

    RispondiElimina
  70. Meno male che ci sono i nostri interventi di parte.
    D'altronde anche la scelta operata dalla Segreteria di Stato in ordine al Maestro di Cappella non è certo super partes!
    Paragonare Miserachs a Frisina è segno soltanto di una crassa ignoranza musicale e di assoluta mancanza del benchè minimo fatto fondativo della mujsica scare e liturgica degli ultimi 40 anni.
    Posso anche dissentire sul fatto che Palobella ritenga che il gregoriano sia una nuova congregazione.
    Lui pensa, invece, che sia una congregazione .... soppressa.

    RispondiElimina
  71. la mia era una provocazione paragonare miserachs a frisina , resto dell'idea comunque che la prassi esecutiva di Miserachs è superata, basta ascolatre i monaci di solesmes o in italia gruppi guidati da illustri studiosi di canto gregoriano.
    Affermo e firmo la mia convinzione che Palombella non conosce il gregoriano e questo dimostra che la gerarchia ecclesiastica difende il suo canto proprio per facciata ma non per convinzione, come parlare della Messa in Latino e poi ......diciamo le cose come stanno.....si parla bene e si razzola malissimo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  72. Le galline della nostra stia invece razzolano benissimo e fanno molte uova dopo che Suor Adalgisa scoprì che se si evitava dalla vicina parrocchia di cantare i canti di Parisi e di Frisina, le povere bestie si rasserenavano.

    RispondiElimina
  73. Medea di Euripide20 ottobre 2010 11:25

    <span>OTTIMO IL COMMENTO DELL'OSPITE! 
    <span>Mentre alcuni, credetemi, farebbero rizzare la lunga chioma di Calliope -non faccio nomi, indico con il naso-- Qui si continua a guarda il ditino anziché la luna!! Oooo...svegliatevi tutti....io credo si stia smarrendo il senso delle proporzioni, ravviso un ottundimento delle coscienze!!  Ma, ci si rende conto o no di cosa si sta parlando? E voi vorreste mettere quel tesoro  inestimabile che è la monumentale tradizione del Gregoriano, da cui deriva l'intera musica europea,  di quella meravigliosa impalcatura architettonica che è la polifonia del rinascimento: uno scrigno immenso destinato per condurre l'uomo dalle sue dolorose lotte alla contemplazione serena dell'Assoluto, caduto in mano a chi? A Palombella?? Forse non avete capito l'abominio che si è consumato sotto il cielo con questa nomina! hanno voluto Palombella che, secondo me, non è neppure un musicista, allora si prendano tutto il pacchetto: la tradizione? sarà come versare vino vecchio in otri screpolate. Solo chi è giunto alle estremità profonde di questa arte eccelsa sa che ad certo punto si trova dinnanzi ad un bivio, un'alternativa irriducibile: o stare dalla parte della musica, quindi conoscerla profondamente in tutta la sua estensione o mollare la presa : Tartum non datur!! Una terza possibilità non esiste senza incappare in una soluzione artificiale, mediocre, infruttuosa di cattivo gusto. Io non ho mai sentito una composizione di questo maestro. Ci FACCIA SENTIRE UNA SUA COMPOSIZIONE IL MAESTRO PALOMBELLA! nE HA IL DOVERE, così come noi abbiamo il diritto di sapere.     </span>
    <span>Tradizione? Continuità? eH..MIEI CARI..mal si coniugano con il nuovo direttore e concludo dicendo che la regalità della musica va rispettata, non ci sono MEZZUCCI, Nè compromessi di sorta che reggono: un atteggiamento ghiotto, da consumatore, DA FURBACCHIONE non rientra nellO Spirito del musico!      </span>
    <span>     </span>

    </span>

    RispondiElimina
  74. Medea di Euripide20 ottobre 2010 11:35

    SENTA LEI, NON OSI PARLARE IN QUESTI TEMINI DEL MAESTRO MISERACHS: UN VERO SIGNORE, MUSICISTA ECCELSO, ILLUMINATO COME CE NE SONO POCHI. FACCIA UN PASSO INDIETRO E CHAPEAU DINNANZI AL MAESTRO VALENTINO MISERACHS GRAU! RITIRI SUBITO LA BLASFEMIA CHE LE USCITA DAI POLPASTRELLI ALTRIMENTI CHIAMO LA MIE AMICHE GORGONI, MEDUSA IN TESTA , E LA FACCIO MANGIARE CRUDO! PAROLA DI MEDEA!

    RispondiElimina
  75. Medea di Euripide20 ottobre 2010 11:40

    <span><span>OTTIMO IL COMMENTO DELL'OSPITE!   
    <span>Mentre alcuni, credetemi, farebbero rizzare la lunga chioma di Calliope -non faccio nomi, indico con il naso-- Qui si continua a guarda il ditino anziché la luna!! Oooo...svegliatevi tutti....io credo si stia smarrendo il senso delle proporzioni, ravviso un ottundimento delle coscienze!!  Ma, ci si rende conto o no di cosa si sta parlando? E voi vorreste mettere quel tesoro  inestimabile che è la monumentale tradizione del Gregoriano, da cui deriva l'intera musica europea,  di quella meravigliosa impalcatura architettonica che è la polifonia del rinascimento -uno scrigno immenso destinato a condurre l'uomo dalle sue dolorose lotte alla contemplazione serena dell'Assoluto- in mano a chi? A Palombella?? Forse non avete capito l'abominio che si è consumato sotto il cielo con questa nomina! hanno voluto Palombella che, secondo me, non è neppure un musicista, allora si prendano tutto il pacchetto...la tradizione.... sarà come versare vino vecchio in otri screpolate. Solo chi è giunto alle estremità profonde di questa arte eccelsa sa che ad certo punto si trova dinnanzi ad un bivio, un'alternativa irriducibile: o stare dalla parte della musica, quindi conoscerla profondamente in tutta la sua estensione o mollare la presa : Tartum non datur!! Una terza possibilità non esiste senza incappare in una soluzione artificiale, mediocre, infruttuosa di cattivo gusto. Io non ho mai sentito una composizione di questo maestro. Ci FACCIA SENTIRE UNA SUA COMPOSIZIONE IL MAESTRO PALOMBELLA! nE HA IL DOVERE, così come noi abbiamo il diritto di sapere.     </span>  
    <span>Tradizione? Continuità? eH..MIEI CARI..mal si coniugano con il nuovo direttore e concludo dicendo che la regalità della musica va rispettata, non ci sono MEZZUCCI, Nè compromessi di sorta che reggano: un atteggiamento ghiotto, da consumatore, DA FURBACCHIONE non rientra nello Spirito del musico!      </span>  
    <span>     </span>

    </span>
    </span>

    RispondiElimina
  76. Medea di Euripide20 ottobre 2010 11:47

    ho capito perfettamente il suo riferimento allo scisma..suppongo..e allora?? A cosa allude cosa vorrebbe insinuara......sarei curiosa di sapere..??

    RispondiElimina
  77. a dirla proprio tutta...20 ottobre 2010 13:39

    Paragonare il gregorino di Miserachs a quello di Frisina mi pare veramente fuori luogo, fuorviante, ingiusto, FALSO...!
    Che Miserachs non sia un gregorianista lo si sa, e, come ha già detto qualcuno, egli non si ostina a insegnare quella materia al Pontificio Istituto di Musica Sacra.
    Frisina invece è un incompetente nato.... nn solo in canto gregoriano ma nel genere della Musica Sacra.
    Si limiti a scrivere Musica da film e in suoi recital.... (vedi Divina COmmedia)...!
    Avete mai ascoltato lo pseudocoro diocesano o la pseudo Cappella Pia... quando cantano il gregoriano? Se lo cantassero come lo esegue MIserachs in Liberiana.... sarebbero dei geni.
    Invece son solo un mucchio di scalzacani.

    RispondiElimina
  78. Tenebrae factae sunt20 ottobre 2010 16:41

    Ma quale provocazione? Ma se vuole provocare così, è meglio che non provochi proprio. La prassi esecutiva di Miserachs del gregoriano fa parte dello stile della scuola romana. E' criticabile, ma ha un suo stile. Non può nemmeno dirsi superata...
    I monaci di Solesmes vanno ascoltati nei loro studi paleografici e in tutta la parte teorica, ma certo non vanno ascoltati quando cantano il gregoriano. Ma Miserachs il gregoriano lo conosce molto bene, mentre ha detto bene, Palombella non lo conosce affatto come non conosce nulla della musica sacra.

    RispondiElimina
  79. a dirla proprio tutta...20 ottobre 2010 18:15

    per "ancora...." MEDIOCRE SARAI TU!
    Quando parli di Miserachs devi solo pulirti la bocca!

    RispondiElimina
  80. Io amo tantissimo (Palombella cosa ama?) la musica sacra cattolica (soprattutto romana), dal gregoriano su fino a Perosi e Bartolucci, ma nella mia parrocchia sono costretto a dirigere musichette da messa yè-yè o, quando la mi va grassa, corali protestanti con testi adattati.
    Potrei andare io a dirigere la Sistina: male che vada dirigerò male, ma amo la tradizione.
    A differenza di Palombella ogni tanto compongo qualche semplice e modesto canto, sempre rigorosamente in latino e in stile ceciliano: non sarà granché, sarà bruttino, ma almeno sarò anche un compositore come tutti i veri maestri di cappella.
    Probabilmente Palombella potrebbe soffrire di dover eseguire solo i canti della tradizione, mentre io soffro di eseguire solo tutt'altre cose.
    Se io venissi nominato Direttore della Sistina al suo posto, in due soffriremmo meno!

    In realtà, mi si perdonino le precedenti facezie, non posso altro che credere che la nomina di Palombella sia una mezza misura per accontentare i tradizionalisti, forse ritenuti un po'tonterelli, col nome della tradizione musicale, ma senza scandalizzare i progressisti, i quali sicuramente farebbero grande strepito di fronte alla restaurazione della legittimità bartolucciana in Sistina (non il Teatro, eh!).
    Magari al musicalmente mediocre Palombella sarà affiancato un valente coadiutore, ché possa iniziare a sistemare le voci della Cappella.

    RispondiElimina
  81. Io amo tantissimo (Palombella cosa ama?) la musica sacra cattolica (soprattutto romana), dal gregoriano su fino a Perosi e Bartolucci, ma nella mia parrocchia sono costretto a dirigere musichette da messa yè-yè o, quando la mi va grassa, corali protestanti con testi adattati.
    Potrei andare io a dirigere la Sistina: male che vada dirigerò male, ma amo la tradizione.
    A differenza di Palombella ogni tanto compongo qualche semplice e modesto canto, sempre rigorosamente in latino e in stile ceciliano: non sarà granché, sarà bruttino, ma almeno sarò anche un compositore come tutti i veri maestri di cappella.
    Probabilmente Palombella potrebbe soffrire di dover eseguire solo i canti della tradizione, mentre io soffro di eseguire solo tutt'altre cose.
    Se io venissi nominato Direttore della Sistina al suo posto, in due soffriremmo meno!

    In realtà, mi si perdonino le precedenti facezie, non posso altro che credere che la nomina di Palombella sia una mezza misura per accontentare i tradizionalisti, forse ritenuti un po'tonterelli, col nome della tradizione musicale, ma senza scandalizzare i progressisti, i quali sicuramente farebbero grande strepito di fronte alla restaurazione della legittimità bartolucciana in Sistina (non il Teatro, eh!).
    Magari al musicalmente mediocre Palombella sarà affiancato un valente coadiutore, ché possa iniziare a sistemare le voci della Cappella.

    RispondiElimina
  82. Io amo tantissimo (Palombella cosa ama?) la musica sacra cattolica (soprattutto romana), dal gregoriano su fino a Perosi e Bartolucci, ma nella mia parrocchia sono costretto a dirigere musichette da messa yè-yè o, quando la mi va grassa, corali protestanti con testi adattati.
    Potrei andare io a dirigere la Sistina: male che vada dirigerò male, ma amo la tradizione.
    A differenza di Palombella ogni tanto compongo qualche semplice e modesto canto, sempre rigorosamente in latino e in stile ceciliano: non sarà granché, sarà bruttino, ma almeno sarò anche un compositore come tutti i veri maestri di cappella.
    Probabilmente Palombella potrebbe soffrire di dover eseguire solo i canti della tradizione, mentre io soffro di eseguire solo tutt'altre cose.
    Se io venissi nominato Direttore della Sistina al suo posto, in due soffriremmo meno!

    In realtà, mi si perdonino le precedenti facezie, non posso altro che credere che la nomina di Palombella sia una mezza misura per accontentare i tradizionalisti, forse ritenuti un po'tonterelli, col nome della tradizione musicale, ma senza scandalizzare i progressisti, i quali sicuramente farebbero grande strepito di fronte alla restaurazione della legittimità bartolucciana in Sistina (non il Teatro, eh!).
    Magari al musicalmente mediocre Palombella sarà affiancato un valente coadiutore, ché possa iniziare a sistemare le voci della Cappella.

    RispondiElimina
  83. Io amo tantissimo (Palombella cosa ama?) la musica sacra cattolica (soprattutto romana), dal gregoriano su fino a Perosi e Bartolucci, ma nella mia parrocchia sono costretto a dirigere musichette da messa yè-yè o, quando la mi va grassa, corali protestanti con testi adattati.
    Potrei andare io a dirigere la Sistina: male che vada dirigerò male, ma amo la tradizione.
    A differenza di Palombella ogni tanto compongo qualche semplice e modesto canto, sempre rigorosamente in latino e in stile ceciliano: non sarà granché, sarà bruttino, ma almeno sarò anche un compositore come tutti i veri maestri di cappella.
    Probabilmente Palombella potrebbe soffrire di dover eseguire solo i canti della tradizione, mentre io soffro di eseguire solo tutt'altre cose.
    Se io venissi nominato Direttore della Sistina al suo posto, in due soffriremmo meno!

    In realtà, mi si perdonino le precedenti facezie, non posso altro che credere che la nomina di Palombella sia una mezza misura per accontentare i tradizionalisti, forse ritenuti un po'tonterelli, col nome della tradizione musicale, ma senza scandalizzare i progressisti, i quali sicuramente farebbero grande strepito di fronte alla restaurazione della legittimità bartolucciana in Sistina (non il Teatro, eh!).
    Magari al musicalmente mediocre Palombella sarà affiancato un valente coadiutore, ché possa iniziare a sistemare le voci della Cappella.

    RispondiElimina
  84. Caro Franciscus, intanto soffriamo noi al pensiero che a tale altissima responsabilità è stato chiamato un musicista che non ha le credenziali per giungere a quel posto: dove si è visto mai che dalla direzione di un coro semi-professionistico quale è l'Interuniversitario (nè più nè meno di tante scholae disseminate ancora - grazie a Dio e in barba al clero - un pò qua e là) si balzi alla direzione della Cappella pontificia.
    Bertone si è chiesto che egli stesso non è arrivato a Segretario di Stato dalla direzione dell'Oratorio salesiano di Foggia-emmaus o dal noviziato di Lanuvio? se lo avesse domandato a sè stesso avrebbe lasciato cadere la candidatura di Palombella.
    Ma il trito gioco che qualche lettore indicava giorni fa, quale un must dei sacri palazzi (Piazza il Salesiano, versione rivista di un fanta-monopoli di ambientazione ecclesiastica) ha colpito ancora.
    Meno male che dal concistoro che oggi è stato annuciato viene fuori solo un cardinale salesiano!
    Comunque Bertone si rifarà alla grande con leulteriori nomine di Officiali, Consultori, Minutanti, Prelati domestici, Nunzi Apostolici, Vicari e delegati, Assessori, Segretari, Vescovi, parroci, pievani, canonici, prevosti, sagrestani, campanari, perpetue, medele e badanti.....

    RispondiElimina
  85. Medea di Euripide20 ottobre 2010 20:00

    Mi associo in toto a Tenebrae. Cioè, io non riesco a capire certe critiche, il Gregoriano non è mica un monolite è una scrittura musicale rintracciabile già nel V sec, a.C e proprio nella mia patria, la Grecia, anche se era una sorta di "regolo"per indicare l'altezza dei suoni, e certuni incapaci facevano sanguinare le orecchie quando la usavano nelle tragedie, specie nella mia, certo dolori de' panza!! o per declamare. Insomma, questo per dire che quando arrivò in mano ai monaci nel VI-VII secolo io Medea, che soffrivo di neumatismi come suor Eufrata già la conoscevo, poi certo, come tutte le cose sembra che un certo Guido -non quel Guido Marini del quale si parla ehh- ma uno in quel d'Arezzo lo perfezionò, tanto per dire. Ma ce ne son tantissimi di stili, anzi di repertori tutti legati a prprie forme locali! Perciò come si fa a dire quello di Miserachs non è ben fatto mentre quello dei monaci di
    solesmes lo è di più...castronate!!oltre a quello romano antico c'è quello Ispanico, Gallicano tipico della zona francese (sarà quello che fa addolcire le galline di suor Eufrasia??) e poi mozarabico, ambrosiano e tanti altri ma è ovvio: mica esisteva una liturgia omogenea, o riti omologati c'erano continui mutamenti e neppure quando la Chiesa dopo secoli di travaglio rafforzò il suo potere e spirituale il gregoriano si uniformo! Sicchè..che andate cercando da Miserachs....non capisco!! 

    RispondiElimina
  86. Medea di Euripide20 ottobre 2010 20:07

    <span>Mi associo in toto a Tenebrae. Cioè, io non riesco a capire certe critiche:  il Gregoriano non è un monolite è una scrittura musicale rintracciabile già nel V sec, a.C e proprio nella mia patria, la Grecia, anche se era una sorta di "regolo"per indicare l'altezza dei suoni. Ricordo come certi musici incapaci facevano sanguinare le orecchie quando l'usavano nelle tragedie, specie nella mia: Medea di Euripide!!! Insomma, questo per dire che quando arrivò in mano ai monaci nel VI-VII secolo io Medea, che soffrivo di neumatismi già allora proprio come suor Eufrata già la conoscevo, poi certo, come tutte le cose sembra che un certo Guido -non quel Guido Marini del quale si parla, responsabile della nomina di quel "Tigellino" - ma un certo d'Arezzo che lo perfezionò. Ci son tantissimi di stili, anzi di repertori tutti legati a proprie forme locali, e una non squalifica l'altra semplicemente sono diverse! Perciò come si fa a dire quello di Miserachs non è ben fatto mentre quello dei monaci di  
    solesmes lo è di più...castronate!! E' bello il romanico come quello Ispanico, anche il Gallicano tipico della zona francese non è malvagio (sarà quello che fa addolcire le galline di suor Eufrasia??) e poi il mozarabico, l' ambrosiano e tanti altri ma è ovvio: mica esisteva una liturgia omogenea, o riti omologati: c'erano continui mutamenti, una continua evoluzione e neppure quando la Chiesa dopo secoli di travaglio rafforzò il suo potere temporale e spirituale il gregoriano si uniformo! Sicchè..che andate cercando da Miserachs....non capisco!! </span>

    RispondiElimina
  87. Medea di Euripide20 ottobre 2010 20:12

    ultimi 40 anni ??? Magari!!! Qui c'è un digiuno spaventoso..una vera anoressia!!!!

    RispondiElimina
  88. Medea di Euripide20 ottobre 2010 21:17

    <span><span>Mi associo in toto a Tenebrae. Cioè, io non riesco a capire certe critiche che sono dettata da una tale ignoranza e grettezza, ma, a livello empatico, di ascolto cosciente della musica! Cioè anche l'irsuto nerboruto Vulcano dinnanzi alle Declamazioni, alla musica che accompagnava le tragedie (compresa la mia) sapeva riconoscere i prodromi di quel Gregoriano in embrione [ un regolo a dire il vero, per indicare l'altezza dei suoni -una scruttura musicale rudimentale rintracciabile già nel V sec, a.C e proprio nella mia patria, la Grecia] e io Medea, che soffrivo di neumatismi già allora proprio come suor Eufrasia già ne distinguevo gli stili. </span></span>
    <span><span>Poi, come tutte le cose si andò evolvendo finché nel VI-VII Guido -non quel Guido Marini del quale si parla, Ahinoi" responsabile della nomina di quel "Tigellino"li'...(Palombo) - in  quel d'Arezzo lo strutturò e di li inizio un'infinita fioritura di repertori tutti legati a proprie forme locali, e assolutamente uno non squalifica l'altro, sono semplicemente diversi! Perciò come si fa a dire che il Gregoriano del matesro Miserachs non è eseguito a perfezione mentre quello dei monaci di    
    solesmes lo è!...castronate!! Io ritengo che il Gregoriano /così come l'arte romanica) ha un fascino e una spiritualità straordinaria: ci sarà lo stile romanico, quello Ispanico, anche il Gallicano tipico della zona francese che non è malvagio ( fa addolcire le galline di suor Eufrasia??) e poi il mozarabico, l' ambrosiano e tanti altri ma è ovvio: mica esisteva una liturgia omogenea, o riti omologati!! I mutamenti erano continui come continua l'evoluzione della Chiesa, anche quando dopo secoli di travaglio rafforzò il suo potere temporale e spirituale i riti non si uniformarono! Sicchè..che andate cercando da Miserachs....non capisco</span></span>

    RispondiElimina
  89. Perchè diventate tutti giuidici ?? chi siete voi per giudicare ? solo Dio è giudice e maestro, noi dobbiamo solo rispettare la legge e osservarla!!!! un pò di umiltà non guasterebbe ..........

    RispondiElimina
  90. concilium dixit21 ottobre 2010 08:09

    egregia signora laura-b,
    lei non ha mai sentito che il super-concilioVII ha decretato che il popolo è "sacerdote, profeta e re" ?
    dunque tutti siamo in grado di giudicare tutti: viva il concilio ! o lei si vuole opporre, per caso, ai decreti conciliari ?

    RispondiElimina
  91. A me sembra che abbiamo solo osservato e commentato: alcuni con maggiore proprietà e padronanza, altri con più acredine, gli un con maggior cognizione di causa, gli altri con disincanto, e così via.
    Non mi pare che nessuno abbia GIUDICATO, perchè altrimenti le sentenze avrebbero avuto qualche esecuzione. Non capitale, ma a pene abbastanza pesanti :-D

    RispondiElimina
  92. AMICO FELICE, LEI NON SA QUELO CHE DICE!! QUEI GRANDI MUSICISTI, NOMINATI INCAUTAMENTE DA LEI SI STANNO RIGIRANDO NELLA TOMBA....SI SENTONO RUGGIRE DA LUNGI.....

    RispondiElimina
  93. SARO' DURISSIMA CON LEI LAURA B

    LE DICO INVERO CHE E' PROPRIO QUEL MAESTRO CHE PARLA DENTRO LE NOSTRE COSCIENZE CHE CI CHIEDE DI URLARE CONTRO L'INGIUSTIZIA. DI GRIDARE AL MONDO L'INDIGNAZIONE PROFONDA, LA MORTIFICAZIONE CHE SI PROVA NEL SENTIRSI NON ASCOLTATI DA QUELLA MADRE CHIESA DELLA QUALE SIAMO OBBEDIENTI FIGLI, INGANNATI FIGLI, DEFRAUDATI FIGLI.
    NE ABBIAMO PIENE LE TASCHE FINO ALLA NAUSEA DI QUESTE BUFFONATE: NOMINARE DIRETTORE DEL CORO DELLA CHIESA CATTOLICA UN INCAPACE QUANDO CI SONO MAESTRI FANTASTICI NON CONVOCATI, DARE LA PORPORA AL VECCHIO BARTOLUCCI, COME SI DA LA CAROTINA AI CAVALLI DI RAZZA DOPO CHE LI SI è AZZOPPATI E' UNA COSA CHE DA I BRIVIDI! SI QUEL NEPOTISMO QUALE PRATICA IGNOBILE CHE OFFUSCO' I MERITI DI GRANDI PAPI.
     I FIGLI DI DIO HANNO IL DOVERE DI FAR SENTIRE LA LORO VOCE DINNANZI AD UN CRISTIANESIMO TRIONFALISTICO NEL QUALE NON C'E' POSTO PER GESU', OK!? C'E' POSTO SOLO PER LA VANITA'  PER  I RAPORTI DIPLOMATICI, PER IL DESIDERIO DI POTERE E PER GLI ARRIVISTI, NONCHE' PER I PAVONI CHE PALOMBELLANO RIPIENI DEL PROPRIO NIENTE!.......
    ...MA NON C'E' POSTO PER GESU', NON CE N'ERA QUANDO E' NATO, NON C'E' MAI! E' UN SUO DESTINO QUELLO DI NON TROVARE POSTO!
    SI VERGOGNI LAURA B DI QUELLO CHE HA DETTO! E' TEMPO DI COMINCIARE AD ESERCITARE IL NOSTRO RUOLO DI CRISTIANI, COSTI QUEL CHE COSTI!

    RispondiElimina
  94. Medea di Euripide21 ottobre 2010 15:07

    <p><span><span>LE DICO INVERO CHE E' PROPRIO QUEL MAESTRO CHE PARLA DENTRO LE NOSTRE COSCIENZE CHE CI CHIEDE DI URLARE CONTRO L'INGIUSTIZIA. DI GRIDARE AL MONDO L'INDIGNAZIONE PROFONDA, LA MORTIFICAZIONE CHE SI PROVA NEL SENTIRSI NON ASCOLTATI DA QUELLA MADRE CHIESA DELLA QUALE SIAMO OBBEDIENTI FIGLI, INGANNATI FIGLI, DEFRAUDATI FIGLI.  </span></span><span>
    <span>NE ABBIAMO PIENE LE TASCHE FINO ALLA NAUSEA DI QUESTE BUFFONATE: NOMINARE DIRETTORE DEL CORO DELLA CHIESA CATTOLICA UN INCAPACE QUANDO CI SONO MAESTRI FANTASTICI NON CONVOCATI, DARE LA PORPORA AL VECCHIO BARTOLUCCI, COME SI DA LA CAROTINA AI CAVALLI DI RAZZA DOPO CHE LI SI è AZZOPPATI E' UNA COSA CHE DA I BRIVIDI! E CHE DIRE DI QUEL NEPOTISMO QUALE PRATICA IGNOBILE, ABUSARE DEL RUOLO CHE SI E’ RAGGIUNTO PER NOMINARE CONFRATELLI DELLA PROPRIA CONGREGAZIONE, NEPOTISMO CHE OFFUSCO' I MERITI DI GRANDI PAPI.  </span>
    <span> I FIGLI DI DIO HANNO IL DOVERE DI FAR SENTIRE LA LORO VOCE DINNANZI AD UN CRISTIANESIMO TRIONFALISTICO NEL QUALE NON C'E' POSTO PER GESU', OK!? C'E' POSTO SOLO PER LA VANITA'  PER  I RAPORTI DIPLOMATICI, PER IL DESIDERIO DI POTERE E PER GLI ARRIVISTI, NONCHE' PER I PAVONI CHE PALOMBELLANO RIPIENI DEL PROPRIO NIENTE!.......  </span>
    <span>...MA NON C'E' POSTO PER GESU', NON CE N'ERA QUANDO E' NATO, NON C'E' MAI! E' UN SUO DESTINO QUELLO DI NON TROVARE POSTO!  </span>
    <span>SI VERGOGNI LAURA B DI QUELLO CHE HA DETTO! E' TEMPO DI COMINCIARE AD ESERCITARE IL NOSTRO RUOLO DI CRISTIANI, COSTI QUEL CHE COSTI!</span></span>
    </p>

    RispondiElimina
  95. Medea di Euripide21 ottobre 2010 15:09

    <p><span><span>SARO' DURISSIMA CON LEI  LAURA B</span></span>
    </p><p><span><span></span></span>
    </p><p><span><span></span></span>
    </p><p><span><span>LE DICO INVERO CHE E' PROPRIO QUEL MAESTRO CHE PARLA DENTRO LE NOSTRE COSCIENZE CHE CI CHIEDE DI URLARE CONTRO L'INGIUSTIZIA. DI GRIDARE AL MONDO L'INDIGNAZIONE PROFONDA, LA MORTIFICAZIONE CHE SI PROVA NEL SENTIRSI NON ASCOLTATI DA QUELLA MADRE CHIESA DELLA QUALE SIAMO OBBEDIENTI FIGLI, INGANNATI FIGLI, DEFRAUDATI FIGLI.  </span></span><span>
    <span>NE ABBIAMO PIENE LE TASCHE FINO ALLA NAUSEA DI QUESTE BUFFONATE: NOMINARE DIRETTORE DEL CORO DELLA CHIESA CATTOLICA UN INCAPACE QUANDO CI SONO MAESTRI FANTASTICI NON CONVOCATI, DARE LA PORPORA AL VECCHIO BARTOLUCCI, COME SI DA LA CAROTINA AI CAVALLI DI RAZZA DOPO CHE LI SI è AZZOPPATI E' UNA COSA CHE DA I BRIVIDI! E CHE DIRE DI QUEL NEPOTISMO QUALE PRATICA IGNOBILE, ABUSARE DEL RUOLO CHE SI E’ RAGGIUNTO PER NOMINARE CONFRATELLI DELLA PROPRIA CONGREGAZIONE, NEPOTISMO CHE OFFUSCO' I MERITI DI GRANDI PAPI.  </span>
    <span> I FIGLI DI DIO HANNO IL DOVERE DI FAR SENTIRE LA LORO VOCE DINNANZI AD UN CRISTIANESIMO TRIONFALISTICO NEL QUALE NON C'E' POSTO PER GESU', OK!? C'E' POSTO SOLO PER LA VANITA'  PER  I RAPORTI DIPLOMATICI, PER IL DESIDERIO DI POTERE E PER GLI ARRIVISTI, NONCHE' PER I PAVONI CHE PALOMBELLANO RIPIENI DEL PROPRIO NIENTE!.......  </span>
    <span>...MA NON C'E' POSTO PER GESU', NON CE N'ERA QUANDO E' NATO, NON C'E' MAI! E' UN SUO DESTINO QUELLO DI NON TROVARE POSTO!  </span>
    <span>SI VERGOGNI LAURA B DI QUELLO CHE HA DETTO! E' TEMPO DI COMINCIARE AD ESERCITARE IL NOSTRO RUOLO DI CRISTIANI, COSTI QUEL CHE COSTI!</span></span>
    </p>

    RispondiElimina
  96. Medea di Euripide21 ottobre 2010 16:03

    Eh, cara suor Eufrasia, vorrei vedere, suor Adalgisa non fa che cantare da mane a sera il GREGORIANO GALLI//CANO [che non è un gallo che abbaia, come pensano certuni di cui sopra che osano criticare Miserachs sul canto Gregoriano quasi che codesto antico struggente canto fosse un monolite e non un modulo espressivo che ha percorso la storia bimillenaria della cristianità con riti differenziati locali [espanico, gallico, slavo, bizantino, mozarabico, ambrosiano  e poi romano, siriaco, armeno, Aquileiese, beneventano ecc ecc ecc ecce...e tutti con le loro caratteristiche delle quali nessuna esclude l'altra per bellezza e spiritualità]...eh.....questo Gregoriano....crocie e delizia! 
    Sorella Eufrasia, che dire il GALLI//CANO in effetti tranquillizza così tanto le bianche pennute che han finito col perdere la cresta !!

    RispondiElimina
  97. Medea di Euripide21 ottobre 2010 16:23

    <p><span>SIGNORA LAURA B, </span>
    </p><p><span>SARO' DURISSIMA CON LEI.</span>
    </p><p><span></span>
    </p><p><span>LE DICO INVERO CHE E' PROPRIO QUEL MAESTRO CHE PARLA DENTRO LE NOSTRE COSCIENZE CHE CI CHIEDE DI URLARE CONTRO L'INGIUSTIZIA. DI GRIDARE AL MONDO L'INDIGNAZIONE PROFONDA, LA MORTIFICAZIONE CHE SI PROVA NEL SENTIRSI NON ASCOLTATI DA QUELLA MADRE CHIESA DELLA QUALE SIAMO OBBEDIENTI FIGLI, INGANNATI FIGLI, DEFRAUDATI FIGLI.    
    NE ABBIAMO PIENE LE TASCHE FINO ALLA NAUSEA DI QUESTE BUFFONATE: NOMINARE DIRETTORE DEL CORO DELLA CHIESA CATTOLICA UN INCAPACE QUANDO CI SONO MAESTRI FANTASTICI NON CONVOCATI, DARE LA PORPORA AL VECCHIO BARTOLUCCI DOPO IL TRATTAMENTO INDEGNO E' UNA COSA CHE DA I BRIVIDI! E CHE DIRE DI QUEL NEPOTISMO QUALE PRATICA IGNOBILE: ABUSARE DEL RUOLO CHE SI E’ RAGGIUNTI PER NOMINARE CONFRATELLI DELLA PROPRIA CONGREGAZIONE,UN <span> </span>NEPOTISMO CHE CREDEVAMO MORTO, LO STESSO CHE OFFUSCO' I MERITI DI GRANDI PAPI.    
     I FIGLI DI DIO HANNO IL DOVERE DI FAR SENTIRE LA LORO VOCE DINNANZI AD UN CRISTIANESIMO TRIONFALISTICO NEL QUALE NON C'E' POSTO PER GESU', OK!? C'E' POSTO SOLO PER LA VANITA'  PER  I RAPORTI DIPLOMATICI, PER IL DESIDERIO DI POTERE E PER GLI ARRIVISTI, NONCHE' PER I PAVONI CHE PALOMBELLANO RIPIENI DEL PROPRIO NIENTE!.......    
    ...MA NON C'E' POSTO PER GESU', NON CE N'ERA QUANDO E' NATO, NON C'E' MAI! E' UN SUO DESTINO QUELLO DI NON TROVARE POSTO!    
    SI VERGOGNI LAURA B DI QUELLO CHE HA DETTO! E' TEMPO DI COMINCIARE AD ESERCITARE IL NOSTRO RUOLO DI CRISTIANI, COSTI QUEL CHE COSTI!</span></p>

    RispondiElimina
  98. Medea di Euripide21 ottobre 2010 16:27

    <span>SARO' DURISSIMA CON LEI LAURA B.</span>  
    <span></span> <span>LE DICO INVERO CHE E' PROPRIO QUEL MAESTRO CHE PARLA DENTRO LE NOSTRE COSCIENZE CHE CI CHIEDE DI URLARE CONTRO L'INGIUSTIZIA. DI GRIDARE AL MONDO L'INDIGNAZIONE PROFONDA, LA MORTIFICAZIONE CHE SI PROVA NEL SENTIRSI NON ASCOLTATI DA QUELLA MADRE CHIESA DELLA QUALE SIAMO OBBEDIENTI FIGLI, INGANNATI FIGLI, DEFRAUDATI FIGLI.      
    NE ABBIAMO PIENE LE TASCHE FINO ALLA NAUSEA DI QUESTE BUFFONATE: NOMINARE DIRETTORE DEL CORO DELLA CHIESA CATTOLICA UN INCAPACE QUANDO CI SONO MAESTRI FANTASTICI NON CONVOCATI, DARE LA PORPORA AL VECCHIO BARTOLUCCI DOPO IL TRATTAMENTO INDEGNO E' UNA COSA CHE DA I BRIVIDI! E CHE DIRE DI QUEL NEPOTISMO QUALE PRATICA IGNOBILE: ABUSARE DEL RUOLO CHE SI E’ RAGGIUNTI PER NOMINARE CONFRATELLI DELLA PROPRIA CONGREGAZIONE,UN <span> </span>NEPOTISMO CHE CREDEVAMO MORTO, LO STESSO CHE OFFUSCO' I MERITI DI GRANDI PAPI.      
     I FIGLI DI DIO HANNO IL DOVERE DI FAR SENTIRE LA LORO VOCE DINNANZI AD UN CRISTIANESIMO TRIONFALISTICO NEL QUALE NON C'E' POSTO PER GESU', OK!? C'E' POSTO SOLO PER LA VANITA'  PER  I RAPORTI DIPLOMATICI, PER IL DESIDERIO DI POTERE E PER GLI ARRIVISTI, NONCHE' PER I PAVONI CHE PALOMBELLANO RIPIENI DEL PROPRIO NIENTE!.......      
    ...MA NON C'E' POSTO PER GESU', NON CE N'ERA QUANDO E' NATO, NON C'E' MAI! E' UN SUO DESTINO QUELLO DI NON TROVARE POSTO!      
    SI VERGOGNI LAURA B DI QUELLO CHE HA DETTO! E' TEMPO DI COMINCIARE AD ESERCITARE IL NOSTRO RUOLO DI CRISTIANI, COSTI QUEL CHE COSTI!</span>

    RispondiElimina
  99. Medea di Euripide21 ottobre 2010 17:10

    ...UMILTA'..QUALE UMILTA' O NON E FORSE PRUDENZA STAGNANTE PER TIMORE DI DIRE LE COSE COME STANNO!?
    ABBIAMO IL CORAGGIO DEL BAMBINO CHE, VEDENDO IL RE NUDO, OSO' CHIAMARE LE COSE COL LORO NOME. LA REALTA' E' COSI' EVIDENTE PER CHI SA VEDERE! SI PUò GRIDARE "VIVA IL RE" QUANDO QUESTO GIACE IN UNA BARA??

    RispondiElimina
  100. Cara Medea, noi siamo povere suore.
    Il menù che suggerisci tu è roba da ristoranti di classe. L'unico vino che gira in casa è quelo per la Messa del cappellano don Geoffio.
    Ce lo mandava l'economo diocesano, pagandoselo c on il perchè.
    Ottimo vino di mele, viene dal Trentino.
    La Madre superiora si fa portare qualche damigiana di rosso da un vicino che ha un ettaruccio di vigna, ma lo conserva nella sua stanza.

    RispondiElimina
  101. Cara Medea, il nostro confessore frà Ildefonso, dice che i vescovi ormai si dividono fra quelli che canticchiano la Messa, come galli, e quelli che la cantano male, come cani.
    Aggiunge sempre, infatti, che ormai sono tutti gallicani .....

    RispondiElimina
  102. Oddio un re nudo...!
    Dio ci scampi! E quella, la Madre superiora ieri, osservando che a molte di noi ormai si vedono tutti i capelli che escono sbarazzini dal velo, ha deciso di ripristinare la cuffia e il modestino....
    Suor Giacomina ha proposto, invece, una sorta di bavetta....

    RispondiElimina
  103. Medea di Euripide22 ottobre 2010 10:06

    ahahahah..ah....grande Eufrasia!!

    RispondiElimina
  104. Lei ride Medea!
    La rev. Madre ha già ottenuto l'assenso dalla M. Generale e, almeno telefonicamente, anche la S. Penitenzieria Apostolica e il Supremo Tribunale della Segnatura hanno accordato che ci dobbiamo rimettere la cuffia sotto il velo e il modestino, addirittura inamidato! dobbiamo pure allungare la gonna di un palmo sotto il ginocchio....! e ci hanno ingiunto le calze, pure d'estate!
    Roba da matti!
    Quasi quasi mi faccio Figlia di Maria Ausiliatrice.....

    RispondiElimina
  105. Medea di Euripide22 ottobre 2010 17:02

    suvvìa...e che sarà mai sorella Eufrasia un abbigliamento un piccinin più claustrale, cuffia e velo poi son tornate di tendenza sa?! Son passata da DeRitis ultimamente e in vetrina ce n'era uno davvero fanatico!! Tutto di un tessuot frou frou!? E la gonna sotto il ginocchio poi fa tanto glamour, basterà spostare la lampo: anzichè sul fianco spostarla a tergo, rende il lato B davvero irresistibile.....sul modestino gessato ehh, il modestino... è vero, suvvìa ha proprio ragione, cospita, costipa, spiaccica tutto è un vero cilicio... oh Gesù d'amore acceso..!!!. 
    Anche le figlie di Maria Ausiliatrice...eh! Non s'illuda, il tempo delle gonne scostumate, dei berretti da monelle sopra quei velini cridicoli che lasciavano fuoriscire bizzarre frangette dai colori improbabili è passato...eh..altro che, anche per loro è arrivato il castigamatti sa! Tempi duri per le consacrate... 

    RispondiElimina
  106. Medea di Euripide22 ottobre 2010 17:57

    <p><span><span>suvvia...e che sarà mai sorella Eufrasia un abbigliamento un piccinin più claustrale, cuffia e velo poi son tornate di tendenza sa?! Son passata da DeRitis ultimamente [conosce DeRitis, simpatica boutique] e in vetrina ce n'era uno tutto di un tessuto frou frou davvero fanatico. E la gonna sotto il ginocchio poi fa tanto glamour, basterà spostare la lampo: anzichè sul fianco metterla a tergo, rende il lato "B" un tantino più accettabile.....sul modestino gessato ehh, il modestino... è vero, suvvia ha proprio ragione, costipa assai, costipa, cospita, spiaccica tutto...un vero cilicio... oh Gesù d'amore acceso non tavessi mai offeso..!!!.   </span></span><span>
    <span>Anche le figlie di Maria Ausiliatrice però eh...eh! Non s'illuda, il tempo delle gonne scostumate, dei berretti da monelle sopra quei velini ridicoli che lasciavano fuoriuscire bizzarre frangette dai colori improbabili è passato...eh…mia cara, altro che, anche per loro è arrivato il castigamatti sa! Tempi duri per le consacrate</span></span></p>

    RispondiElimina
  107. Chi sarebbe questo castigamatti? io le vedo al mio paese le FMA e non mi pare che ci sia un segno di resipiscenza.
    Almeno le nostre uno straccio di abito lo portano; l'anno scorso fui in Svizzera per un concerto ed erano vestite da laiche! Cioè svestite.
    Solo se mons. Favella venisse eletto Rettor Maggiore qualche cosa si muoverebbe, ma prima ci sono i salesiani.
    Forse, però, fin quando si debba rieleggere saranno tutti impiegati in VaTicano!?!

    RispondiElimina
  108. Medea di Euripide22 ottobre 2010 21:42

    ..ma il general Bertone no!!??? Quello non scherza mica sa! Quel mastino li, quando si mette in testa una cosa  eh...la fa... eh...lo abbiam visto all'opera recentemente: voleva il volalite alla sistina, ha cominciato a far capricci, a battere i piedi, ha minacciato di chiamare il mago Sales e far scomparire tutti i musicisti che si trovavano nel raggio d'azione ed ecco fatto?! ...ehh eppoi... lui e la tradizione sono come due fave in un baccello...mangia pane e tradizione lui ehhh...E dunque, egregio Brindisi un salesiano di quella portata, vuole che non rispolveri dal vecchio baule il modello di Madre Mazzarello? Quello con la bella ampia giorgiere super super inamidata e poi lA gonna, bella, nera, a piegoni con bretelloni incrociati sul di dietro maxi large e maxi longe con copricapo a fronte coperta che fa tanto arietta da gufetta triste assolutamente deliziosa???
     Ora il guardaroba delle suorine è pieno di cosine frou froue colorate, con tuniche alla Vierge di tonalità grigio chiaro, beige, e persino blu, figuriamoci poi nell'emancipata Svizzera...non oso immaginare lo sconcio!!  Avrebbero voluto archiviare la tunica nera, "ormai passata di moda"..ma egregio Brindisi...si dovranno rassegnare..sicché!!!

    RispondiElimina
  109. Si si medea.
    Dio conservi il Papa altri 100 anni, ma se Bertone dovesse ascendere al soglio di Pietro, ne vedremmo delle belle....
    Avete visto le sue foto ufficiali: in un corridoio di qualche istituto salesiano con le tristi piante innaffiate (poco) dal povero coadiutore di turno e le misere tendine moderne tanto in voga nelle case salesiane degli ultimi 20 anni.
    tutto miserino miserino. I soldi ci sono per le attività pastorali giovanili.....
    Sulle FMA e SDB avrei tante cose da farvi sentire, ma adesso non mi vengono....!
    Comunque, circa il tradizionalismo di Palombella, sull'altro post un lettore ha dato la notizia che mercoledì il volatile ha festeggiato la nomina con Frisina.
    Tanto per stare in tema di Tradizione .......

    RispondiElimina
  110. Lunedi 25 presentazione ufficiale alla Sistina del nuovo maestro con accanto bertone e marini........
    mai accaduto prima ...........liberto pronto con il biglietto per la silicia e pavan con il bigletto per il brasile!!!!
    buon lavoro maestro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  111. non merita una replica chi non si firma..........e poi della sua durezza non so che farmene ... Dio avrà pietà delle sue sciocchezza!!!!

    RispondiElimina
  112. Medea di Euripide23 ottobre 2010 12:03

    e della sua codardia e dellA SUA ignaviA: dannati sono coloro che durante la loro vita non agirono mai né nel bene né nel male, senza mai osare avere una idea propria, ma limitandosi ad adeguarsi sempre, a qualunque vento.E TANTO SONO ODIOSI AGLI OCCHI DI DIO CHE IL GRANDE DANTE COSì SI PRONUNCIO'

    " E io ch'avea d'error la testa cinta,
    dissi: "Maestro, che è quel ch'i' odo?
    e che gent'è che par nel duol sì vinta?".

    Ed elli a me: "Questo misero modo
    tengon l'anime triste di coloro
    che visser sanza 'nfamia e sanza lodo.

    Mischiate sono a quel cattivo coro
    de li angeli che non furon ribelli
    né fur fedeli a Dio, ma per sé fuoro.

    Caccianli i ciel per non esser men belli,
    né lo profondo inferno li riceve,
    ch'alcuna gloria i rei avrebber d'elli".

    E io: "Maestro, che è tanto greve
    a lor che lamentar li fa sì forte?".
    Rispuose: "Dicerolti molto breve.

    Questi non hanno speranza di morte,
    e la lor cieca vita è tanto bassa,
    che 'nvidïosi son d'ogne altra sorte.

    Fama di loro il mondo esser non lassa;
    misericordia e giustizia li sdegna:

    non ragioniam di lor, ma guarda e passa".

    mi associo in toto e faccio mie le sue parole...GUARDO E PASSO...BEN LUNGI DA LEI, e da persone come lei

    RispondiElimina
  113. Medea di Euripide23 ottobre 2010 12:17

    e lei invece si firma? Quel "b" sta per bertuccia!!???

    RispondiElimina
  114. Medea di Euripide23 ottobre 2010 12:25

    <span>La sua vista è talmente corta, a quanto pare che non riesce a vedere oltre il suo naso, né a leggere tra le roghe. Ma nonmi stupisco!</span>
    <span></span>
    <span>Forse il buon Dio perdonerò le nostre ilarità, MA NON LA SUA CODARDIA, E LA SUA OGNAVIA:</span>
    <span></span>
    <span>dannati sono coloro che durante la loro vita non agirono mai né nel bene né nel male, senza mai osare avere una idea propria, ma limitandosi ad adeguarsi sempre, a qualunque vento.E TANTO SONO ODIOSI AGLI OCCHI DI DIO CHE IL GRANDE DANTE COSì SI PRONUNCIO'  
     
    " E io ch'avea d'error la testa cinta,  
    dissi: "Maestro, che è quel ch'i' odo?  
    e che gent'è che par nel duol sì vinta?".  
     
    Ed elli a me: "Questo misero modo  
    tengon l'anime triste di coloro  
    che visser sanza 'nfamia e sanza lodo.  
     
    Mischiate sono a quel cattivo coro  
    de li angeli che non furon ribelli  
    né fur fedeli a Dio, ma per sé fuoro.  
     
    Caccianli i ciel per non esser men belli,  
    né lo profondo inferno li riceve,  
    ch'alcuna gloria i rei avrebber d'elli".  
     
    E io: "Maestro, che è tanto greve  
    a lor che lamentar li fa sì forte?".  
    Rispuose: "Dicerolti molto breve.  
     
    Questi non hanno speranza di morte,  
    e la lor cieca vita è tanto bassa,  
    che 'nvidïosi son d'ogne altra sorte.  
     
    Fama di loro il mondo esser non lassa;  
    misericordia e giustizia li sdegna:  
     
    non ragioniam di lor, ma guarda e passa".  
     
    mi associo in toto e faccio mie le sue parole...GUARDO E PASSO...BEN LUNGI DA LEI, e da persone come lei....</span>

    RispondiElimina
  115. Medea di Euripide23 ottobre 2010 12:28

    <span></span>
    <span><span>La sua vista è talmente corta, a quanto pare, che non riesce a vedere oltre il suo naso, né a leggere tra le righe. Per lei tutto è sciocchezza...Ma non mi stupisco!</span>  
    <span></span> 
    <span>Forse il buon Dio perdonerò il nostro humor, MA NON LA SUA CODARDIA, E LA SUA OGNAVIA:</span>  
    <span>dannati sono coloro che durante la loro vita non agirono mai né nel bene né nel male, senza mai osare avere una idea propria, ma limitandosi ad adeguarsi sempre, a qualunque vento.E TANTO SONO ODIOSI AGLI OCCHI DI DIO CHE IL GRANDE DANTE COSì SI PRONUNCIO'    
       
    " E io ch'avea d'error la testa cinta,    
    dissi: "Maestro, che è quel ch'i' odo?    
    e che gent'è che par nel duol sì vinta?".    
       
    Ed elli a me: "Questo misero modo    
    tengon l'anime triste di coloro    
    che visser sanza 'nfamia e sanza lodo.    
       
    Mischiate sono a quel cattivo coro    
    de li angeli che non furon ribelli    
    né fur fedeli a Dio, ma per sé fuoro.    
       
    Caccianli i ciel per non esser men belli,    
    né lo profondo inferno li riceve,    
    ch'alcuna gloria i rei avrebber d'elli".    
       
    E io: "Maestro, che è tanto greve    
    a lor che lamentar li fa sì forte?".    
    Rispuose: "Dicerolti molto breve.    
       
    Questi non hanno speranza di morte,    
    e la lor cieca vita è tanto bassa,    
    che 'nvidïosi son d'ogne altra sorte.    
       
    Fama di loro il mondo esser non lassa;    
    misericordia e giustizia li sdegna:    
       
    non ragioniam di lor, ma guarda e passa".    
       
    mi associo in toto e faccio mie le sue parole..."GUARDO E PASSO"...BEN LUNGI DA LEI, e da persone come lei....</span></span>

    RispondiElimina
  116. Medea di Euripide23 ottobre 2010 12:31

    <span><span>La sua vista è talmente corta, a quanto pare, che non riesce a vedere oltre il suo naso, né a leggere tra le righe. Per lei tutto è sciocchezza...Ma non mi stupisco!</span>    
    <span></span>   </span>
    <span>Dio perdonerà</span><span><span> il nostro humor, qualora costituisse offesa, MA CERTAMENTE NON LA SUA CODARDIA, E LA SUA OGNAVIA:</span>    
    <span>dannati sono coloro che durante la loro vita non agirono mai né nel bene né nel male, senza mai osare avere una idea propria, ma limitandosi ad adeguarsi sempre, a qualunque vento.E TANTO SONO ODIOSI AGLI OCCHI DI DIO CHE IL GRANDE DANTE COSì SI PRONUNCIO'      
         
    " E io ch'avea d'error la testa cinta,      
    dissi: "Maestro, che è quel ch'i' odo?      
    e che gent'è che par nel duol sì vinta?".      
         
    Ed elli a me: "Questo misero modo      
    tengon l'anime triste di coloro      
    che visser sanza 'nfamia e sanza lodo.      
         
    Mischiate sono a quel cattivo coro      
    de li angeli che non furon ribelli      
    né fur fedeli a Dio, ma per sé fuoro.      
         
    Caccianli i ciel per non esser men belli,      
    né lo profondo inferno li riceve,      
    ch'alcuna gloria i rei avrebber d'elli".      
         
    E io: "Maestro, che è tanto greve      
    a lor che lamentar li fa sì forte?".      
    Rispuose: "Dicerolti molto breve.      
         
    Questi non hanno speranza di morte,      
    e la lor cieca vita è tanto bassa,      
    che 'nvidïosi son d'ogne altra sorte.      
         
    Fama di loro il mondo esser non lassa;      
    misericordia e giustizia li sdegna:      
         
    non ragioniam di lor, ma guarda e passa".      
         
    mi associo in toto e faccio mie le sue parole..."GUARDO E PASSO"...BEN LUNGI DA LEI, e da persone come lei....</span></span>

    RispondiElimina
  117. Medea di Euripide23 ottobre 2010 12:42

    <span><span><span>La sua vista è talmente corta, a quanto pare, che non riesce a vedere oltre il suo naso, né a leggere tra le righe. Per lei tutto è sciocchezza...Ma non mi stupisco!</span>      
    <span></span>   </span>  
    <span>Dio perdonerà</span><span><span> il nostro humor, qualora costituisse offesa, MA CERTAMENTE NON LA SUA CODARDIA, E LA SUA IGNAVIA:</span>      
    <span>dannati sono coloro che durante la loro vita non agirono mai né nel bene né nel male, senza mai osare avere una idea propria, ma limitandosi ad adeguarsi sempre, a qualunque vento.E TANTO SONO ODIOSI AGLI OCCHI DI DIO CHE IL GRANDE DANTE COSì SI PRONUNCIO' NEL CANTO III DELL'INFERNO    
           
    " E io ch'avea d'error la testa cinta,        
    dissi: "Maestro, che è quel ch'i' odo?        
    e che gent'è che par nel duol sì vinta?".        
           
    Ed elli a me: "Questo misero modo        
    tengon l'anime triste di coloro        
    che visser sanza 'nfamia e sanza lodo.        
           
    Mischiate sono a quel cattivo coro        
    de li angeli che non furon ribelli        
    né fur fedeli a Dio, ma per sé fuoro.        
           
    Caccianli i ciel per non esser men belli,        
    né lo profondo inferno li riceve,        
    ch'alcuna gloria i rei avrebber d'elli".        
           
    E io: "Maestro, che è tanto greve        
    a lor che lamentar li fa sì forte?".        
    Rispuose: "Dicerolti molto breve.        
           
    Questi non hanno speranza di morte,        
    e la lor cieca vita è tanto bassa,        
    che 'nvidïosi son d'ogne altra sorte.        
           
    Fama di loro il mondo esser non lassa;        
    misericordia e giustizia li sdegna:        
           
    non ragioniam di lor, ma guarda e passa".        
           
    mi associo in toto e faccio mie le sue parole..."GUARDO E PASSO"...BEN LUNGI DA LEI, e da persone come lei....</span></span></span>

    RispondiElimina
  118. Medea di Euripide23 ottobre 2010 13:14

    <span>E lei invece si firma signora Laura? Quel "b" sta per "bambola"o"befana"? </span>
    <span>Cero, dipende dai gusti ....in questo blog lei non è che un nome tra tanti, anonimo, che si perde tra le decine di altri nomi anonimi...sicchè..da quale pulpito!</span>

    RispondiElimina
  119. Medea di Euripide23 ottobre 2010 13:17

    <span><span>E lei invece si firma signora Laura? Quel "b" sta per "bambola"o"befana"? </span> 
    <span>Certo, dipende dai gusti ....in questo blog lei non è che un nome tra tanti, anonimo e insignificante, che si perde tra le decine di altri nomi anonimi...sicchè...già, risponderle è per me un grandissimo sacrificio! Ma....</span></span>

    RispondiElimina
  120. Oddio il 25 è vicino!!!
    Quell'attentato che volevano preparare Unochelasalunga, Pietrorm, Dl Palazzo Apostolico e tutti gli altri, si può organizzare per lunedì?
    Io lo dico alle mie consorelle.
    Anzi, vado a chiamare il meccanico per rimettere in moto il Wolfagen così in 10 o 11 dovremmo starci.
    Suor Bertilla poi si porta suor Giacomina col sidecar....

    RispondiElimina
  121. Dimenticavo: le munizioni, le munizioni....

    RispondiElimina
  122. Ex oriente lux23 ottobre 2010 16:18

    "Lunedi 25 presentazione ufficiale ... con accanto bertone e marini... mai accaduto prima".

    E questo la dice lunga. Evidentemente il Pennuto avrebbe disperatamente bisogno del sostegno di Bertone e di G Marini. Se l'essere affiancati del Card. Secr. di Stato e del Gran Cerimoniere avviene per la prima volta, cio' e' un chiaro segno di quanto il neo-direttore ne abbia bisogno! NON CE LA FA SENZA. Musicalmente poi, e' risaputo, si e' sempre appoggiato ad altri musicisti piu' valenti, ma meno ambiziosi (leggi carrieristi, incoscienti), di lui.

    RispondiElimina
  123. Io scommetto che Palombella si farà cacciare presto... uno psicologicamente instabile, presuntuoso ed incapace come lui non ci metterà molto ad inimicarsi pressochè tutti!
    E se Pavan va in Brasile, chi lo sostituirà? Se ne sa qcosa?
    Ah, visto che Liberto torna a Monreale, magari riprenderà a scrivere le cose carine e fruibili che scriveva al tempo in cui fu notato dal fu Marini Sr....

    RispondiElimina
  124. Felice è un Cantore Sistino.... di quelli del pennuto!!!

    RispondiElimina
  125. .dalla porta di sant'anna23 ottobre 2010 23:34

    i bambini della sistina non cantano.........al posto di pavan la coninuità con la vocalità degli adulti e inoltre che squilli di trombe!!!!
    ascoltere......ascolterete...........
    ....miserachs fuori dal pontificio e al suo posto una sorpresa nel segno del nuovo!!!

    RispondiElimina
  126. a dirla proprio tutta...23 ottobre 2010 23:38

    Questa poi....!
    Faranno un attacco al PIMS?
    E cosa sarà questo segno.... del nuovo?
    Forse Frisina? Parisi?
    Un bel segno... del nuovo: IL SEGNO DELLA FINE!

    RispondiElimina
  127. Baronetto delle Rime23 ottobre 2010 23:45

    Toh... scartabellando qua e la ho trovato una ma "rimetta" al tempo della lite tra il cardinale di Vienna e Sodano (fine giugno 2010)... mi venne proprio bene e ve la ripropongo:


    Invero non fu scaltro il Cardinal Viennese
    scendere a tenzon con l'Angelo Albanese. (1)
    Ahimé.. vedrem, la mossa d'azione  sì meschina
    gli costerà domani la Cattedra Petrina.
    Minaccia ben più grave: 
    vicina è la procella,
    Sistina: via Liberto...
    arriva Palombella!


    (1) riferimento ad Albano Laziale, la diocesi suburbicaria il cui titolo di Cardinale Vescovo compete ad Angelo SOdano.


    e a conti fatti.... NON AVEVO TORTO....!

    RispondiElimina
  128. Oddio Frisina o Parisi al PIMS!!?!? ma scherziamo???
    Sarebbe più esperta di musica liturgica la mia consorella suor Cunegonda che si limita a far suonare la campanella dell'asilo quando devono uscire i bimbi per il pranzo!
    Quei due non saprebbero nemmeno suonare il campanello al punto giusto servendo una Messa! Nè nuova, nè antica, intendiamoci....

    RispondiElimina
  129. Vabbè, allora ditelo!!!!! la distruzione è vicina! A quando un documento che finalmente abroghi i precedenti e finalmente dica che la musica di qualità non è gradita alla Chiesa? no, dico, così mi metto l'anima in pace... poi, certo, nel mio piccolo continuerò a fare le cose che ho sempre fatto, tanto s'è visto: ad andare contro il Magistero ci si guadagna... ergo...

    RispondiElimina
  130. Si si: tutti quelli che hanno pubblicato in barba al Magistero hanno guadagnato parecchio; in tutti i sensi.
    Suor Domitilla prima di morire pubblicò "Inni per la Novena a S. Reparata" e Proprio della Messa votiva a S. Reparata, ma ne vendemmo solo 7 copie.
    Quando viene il Vescovo per la festa nella vicina Parrocchia si porta sempre i giovanotti del Coperlim e la frittata è fatta; ma non con le uova delle galline di suor Adalgisa, perchè basta che sentano qualche accordo di Parisi che le povere bestie vengono prese da una .... paresi

    RispondiElimina
  131. Tenebrae factae sunt25 ottobre 2010 15:48

    Concordo pienamente.

    RispondiElimina
  132. Tenebrae factae sunt25 ottobre 2010 15:52

    Con i bambini Marcos Pavan ha sempre fatto un ottimo lavoro. E ora fa quello che può, visto che di voci se ne trovano sempre di meno, sempre meno belle e che mutano sempre prima.

    RispondiElimina
  133. anche il povero goettsche organista di san pietro verrà sostituito con uno piu' vicino al nuovo maestro della sistina...insomma amici del blog....aria nuova........in tutti i sensi!!!!!...............

    RispondiElimina
  134. mi intrometto...27 ottobre 2010 12:53

    pavan è fuori dal gioco, non piace a palombella..... in Sistina si cercherà di tornare  ala scuola romana in tutti i sensi ...il botto
    ???? il 29 giugno 2011..........vedrete o meglio sentirete!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  135. Beh sì, per la festa di S. Pietro si sparano i fuochi artificali.
    D'altronde i cerimonieri, nelle basiliche romane, di solito invitavano i capitolari, prima delle Messe, con "I ministri si parino" ora, che siamo in tale aria di smantellamento,  bisogna dire a molti di loro "I ministri si sparino...." in tutti i sensi!
    E, di grazia, chi sostituirà Pavan? Un salesiano? Artemide Zatti?

    RispondiElimina
  136. Suor Terzianilla dice che l'organista sarà Libertucci, suo compagno di scuola dai Fratelli delle Scuole Cristiane.....

    RispondiElimina
  137. a dirla proprio tutta...27 ottobre 2010 18:39

    Sicura? Mi sa invece che... povero Gianluca... chissà se vedrà tale alba felice
    A suo tempo di vociferava che Palombella portasse Paradell Solè da Santa Maria Maggiore...: e così due pugnalate a Miserachs!

    RispondiElimina
  138. a dirla proprio tutta...27 ottobre 2010 18:40

    beh... si sapeva!
    E si sapeva pure che i suoi lecchini carrieristi avrebbero avuto un bel posto in Sistina.
    e due l'hanno già avuto.
    I primi due "guai" sono già venuti.
    Ne manca un terzo...

    RispondiElimina
  139. a dirla proprio tutta...27 ottobre 2010 18:42

    No no... niente salesiani....
    A sui tempo per sostituire Renzo Cilia (dopo il 97) ci vollero 4 persone.
    Ora per sostituire una delle 4 sostituite, (Pavan), ce ne vogliono due....
    andando avanti così... chissà che crollo.... e non solo di stile, ma pure finanziario!

    RispondiElimina
  140. Cosa odono le mie orecchie! Informerò suor Terzianilla....

    RispondiElimina
  141. Oddio! è la moltiplicazione dei pani o quella dei pesci?

    RispondiElimina
  142. Niente paura! alle finanze della rinascente Cappella Sistina, piccoli e grandi, ci penser<span>à</span> l'economa generale del nostro Istituto, Madre ALENIA. Non vogliamo mica pesare sullo Stato del Vaticano!

    RispondiElimina
  143. Vedo che la Madre economa di Bombarda è molto munifica.
    Al contrario della nostra: suor Sparagna, infatti, già l'anno scorso emanò una circolare per tutte le case dell'ordine, in base alla quale le econome dovevano sotituire nella spesa, la mortadella al prosciutto di Parma, le cicerchie al caviale, e le sarde sotto sale al salmone. Ed infine dimezzare le quantità!
    La povera suor Giacomina cominciò ad andare a trovare le cugine a Montecompatri con una certa frequenza......

    RispondiElimina
  144. mi intrometto...28 ottobre 2010 10:22

    si porterà Paradell e butterà fuori anche Libertucci....dopo Liberto anche Libertucci e poi i libertini..........
    ora è il suo momento!!!!!

    RispondiElimina
  145. da Roma portese28 ottobre 2010 10:26

    una voce mi diche che al posto di Pavan andrà un certo luciano luciani *DONT_KNOW* .....

    RispondiElimina
  146. .....dal palazzo ..............28 ottobre 2010 10:28

    :-P .........una rivoluzione anche nella scuola pueororum.........

    RispondiElimina
  147. il M°Libertucci non ha speranze..........

    RispondiElimina
  148. Cara Bombarda, hai ragione. Con Madre Alenia il pennuto volera' a mete mai ragguinte....forse lasciando tutta la Sistina a terra.

    RispondiElimina
  149. Suor Terzianilla è molto dispiaciuta per Libertucci.
    Ma questo Paradell è proprio un para......
    Beh, lasciamo perdere!

    RispondiElimina
  150. a dirla proprio tutta...28 ottobre 2010 17:00

    C'è già andato... ha già iniziato...

    RispondiElimina
  151. a dirla proprio tutta...28 ottobre 2010 17:03

    ahahahahaah....
    mi pare di sentire già la risata di una persona cui voglio bene e CHE STIMO MOLTISSIMO... quando leggerà del para....

    RispondiElimina
  152. Volevo dire un paracadutista, eh... visto che come cade, cade bene.
    Suor Sofonisba diceva un paragnosta...
    La Madre avrebbe detto un paranormale...
    La povera suor Clodomira, la cui barba ormai raggiunge dimensioni preoccupanti, ha detto innocentemente un parafulmine.
    Suor Maria Egiziaca, che è napoletana, ha detto un para.....
    Insomma, lo avete capito!

    RispondiElimina
  153. Tenebrae factae sunt29 ottobre 2010 17:29

    Rivoluzione? Un requiem... Questi sono tutti matti.

    RispondiElimina
  154. Tenebrae factae sunt29 ottobre 2010 17:32

    Normale non può essere chi rimette le prove il giorno in cui le faceva Bartolucci. Normale non può essere chi fa le prove in San Pietro prima della celebrazione. Normale non può essere chi mette due persone che insegnano ai ragazzi, quando non hanno la minima esperienza in campo. Viva Pavan!!!!!

    RispondiElimina
  155. a dirla proprio tutta...30 ottobre 2010 00:33

    Beh..., visto che tutto ritorna alla tradizione.... perché Palombella non ritorna al tempo di Domenico Mustafà? Potrebbe pure castrarsi... per esempio... No?

    RispondiElimina
  156. Oddio, che orrore!
    Ma non esageriamo...!
    Senza arrivare a Mustafà, la buonanima di suor Isolina, che aveva studiato con il m. Dobici, diceva che Perosi ebbe ricorrenti crisi di nervi.....

    RispondiElimina
  157. DAL SOGLIO PETRINO30 ottobre 2010 16:29

    Ah... il maestro Dobici... buon'anima!!!
    Beh... sicuramene Palombella somiglierà molto a Perosi, non per le capacità musicali, quanto per le crisi di nervi: il passato del nuovo Maestro della Sistina non è così sconosciuto... e si sa che ebbe frequenti "esaurimenti nervosi" fino a far esaurire anche le comunità di cui fece parte. Insomma... oltre che dilettante... è anche ISTERICO :-D

    RispondiElimina
  158. piu' che tradizionalista lo definirei borioso, pallone gonfiato e soprattutto uno senza scrupoli!!!!
    mi è bastato sentirlo in una delirante conferenza a genova nella sua prima uscita dopo la nomina!!!!!!
    ..........dovrebbe ricordarsi l'umiltà ...dote molto importante e soprattutto prudenza ...........

    RispondiElimina
  159. Ex oriente lux30 ottobre 2010 21:35

    L'umilt<span>à, ahim</span><span>è, non </span><span>è nel DNA del Pennuto. Al massimo sar</span><span>à </span><span>nel suo lessico, per poterla sciorinare e dispensare assieme ad altri lemmi come professionalit</span><span>à, competenza... Di tali conferenze d'ora in poi, potremmo aspettarci una valanga. Serviranno soltanto come piattaforma per l'autoincensazione.</span>

    Intanto sento nominare il grande maestro e didatta Dobici, grande Cesare! Peccato che a me il Volatile fa venire in mente un altro Cesare, conosciuto pi<span>ù per la sua efferatezza: Cesare Borgia!</span>

    RispondiElimina
  160. Bah! e che diancine!
    Suor Isolina aveva conosciuto anche la moglie del m.o Dobici: un donnone che lo comandava a bacchetta quel santuomo.
    A Genova comunque don Palombella poteva pur delirare: Marinie Bertone da lì stesso sono passati ...

    RispondiElimina
  161. PECCATO CHE DA GENOVA NON E' PASSATO MA SI E' FORMATO UNO COME IL CARD.PIACENZA.....QUINDI NON OFFENDIAMO GENOVA!!!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.