martedì 26 ottobre 2010

Messa alla Badia di Vaiano

Il miracolo del Crocifisso di Beirut, affersco

Domenica 7 novembre 2010

Festa di San Salvatore

S. Messa in Rito Romano antico

ore 11:00

Dopo la positiva accoglienza degli anni scorsi, torna anche quest’anno in occasione della festa titolare di San Salvatore, festa patronale dell’antica abbazia benedettina-vallombrosana, la S. Messa in Rito Romano antico in latino, cosiddetto Rito Gregoriano, la cui celebrazione si è mantenuta sostanzialmente intatta dall’epoca apostolica, attraverso l’opera di riordino del papa Gregorio magno (sec. VI) e del Concilio di Trento (1543-1565), fino ad oggi. Domenica prossima dunque 7 novembre alle ore 11:00 nella chiesa dell’antica abbazia di San Salvatore si potrà assistere ad un rito suggestivo e solenne: nuovamente si sentiranno risuonare le parole del sacerdote in latino che celebra la Messa rivolto verso Oriente da dove viene “il sole che sorge”, simbolo di Cristo stesso, secondo il rito bimillenario della Chiesa Cattolica rivisto dal “papa buono” Giovanni XXIII nel 1962 all’apertura del Concilio Vaticano II. Ed anche i fedeli potranno partecipare attivamente alla celebrazione con la preghiera, con i canti della famosa Messa degli Angeli (Kyrie, Gloria, Credo, Sanctus-Benedictus, Agnus Dei) e con le risposte al sacerdote: a questo scopo saranno messi a disposizione appositi foglietti e libretti con la traduzione in Italiano [bravi!]. Alla fine della Messa, come già gli anni passati, sarà possibile venerare la reliquia del crocifisso miracoloso conservata per secoli dai monaci vallombrosani di Vaiano.

Quest'anno la celebrazione si arricchisce della partecipazione della Società Corale Corte Bardi di Vernio, diretta da Elisabetta Ciani, un coro di recente formazione, ma attento alla promozione dell'antica e autentica musica sacra. Oltre i canti dell'Ordinario (Kyrie, Gloria, Credo, Sanctus-Benedictus, Agnus Dei) tratti dall'antica Missa de Angelis, una volta ben conosciuti da tutti i fedeli, i coristi eseguiranno anche l'antifona gregoriana Asperges al rito di aspersione che precede la Messa cantata, l'antifona gregoriana Nos autem in forma solistica, all'Offertorio l'Angele Dei (musica di Ennio Morricone, arrangiamento per coro a quattro voci di Paul Rowlands), alla Comunione il Panis Angelicus (di César. Franck per solista e coro a quattro voci), Ave Maria gregoriana al termine della celebrazione.

Ciò avviene perché il papa attuale Benedetto XVI con un atto giuridico chiamato “motu proprio” del 7 luglio 2007, ed entrato in vigore il 14 settembre dello stesso anno, ha reso libera anche nella chiese parrocchiali la celebrazione della Messa latina secondo l’antico rito romano, considerando che “la liturgia celebrata secondo l’uso romano arricchì non solo la fede e la pietà, ma anche la cultura di molte popolazioni” e per tale motivo “ciò che per le generazioni anteriori era sacro, anche per noi resta sacro e grande”. L’esigenza è nata anche dal fatto che - come scrive il papa - “anche giovani persone scoprono questa forma liturgica, si sentono attirate da essa e vi trovano una forma, particolarmente appropriata per loro”.

Per la celebrazione di quest’anno, in pieno accordo con il Proposto di Vaiano, è stato invitato un sacerdote pratese don Enrico Bini, bibliotecario della Biblioteca Roncioniana e storico della chiesa, autore di numerose pubblicazioni. L’occasione per questa celebrazione è data dalla festa di San Salvatore, titolare dell’antica abbazia benedettina e vallombrosana, che per secoli è stata celebrata dai monaci di Vaiano: la data del 9 novembre era una delle scadenze dell’anno in cui i contadini che coltivavano terre del monastero dovevano consegnare come canone di affitto una parte del raccolto ed avevano diritto in quel giorno ad una merenda dai monaci consistente in pane e pecorino e un bicchiere di vino. Questa festa, secondo gli studi pubblicati da Adriano Rigoli, rimanda all’antichissima devozione del Crocifisso di Beirut che è legata alla fondazione stessa del monastero in epoca altomedievale fra la fine dell’VIII-inizio del IX secolo, operata da una schiatta gentilizia longobarda ricondotta all’ortodossia calcedonese da missionari provenienti dal Medioriente, molto probabilmente dal Libano, che portarono le loro devozioni come quella del Salvatore di Beirut e della storia agiografica ad esso legata. Nel chiostro della Badia di Vaiano, in occasione dei recenti restauri, è venuto alla luce un affresco cinquecentesco che rappresenta proprio l’evento miracoloso di Beirut e ancora oggi si ricorda, proprio per questo motivo, la visita a Vaiano nel 2004 del vicario maronita della diocesi di Beirut mons. Toubia Abi Aad. Sappiamo che di questo evento miracoloso si discusse al II concilio di Nicea convocato nel 787, con il consenso anche del Pontefice Adriano I e la partecipazione di trecentodieci vescovi, nel quale fu fissata la dottrina tradizionale riguardo alla venerazione delle immagini sacre: ancora oggi nelle Chiese orientali a ricordo di questo concilio e per la venerazione delle icone viene celebrata una grande festa la prima domenica di Quaresima, detta appunto la “Festa dell’Ortodossia”.

(testo di Adriano Rigoli)


Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.