martedì 7 settembre 2010

Senilità

Don Luigi Verzé, classe 1920, fondatore dell'Ospedale S. Raffaele di Milano, sospeso a divinis nel 1973, condannato dal Tribunale di Milano per truffa aggravata e per tentata corruzione, ha fatto pubblicare dal Corriere del 3 settembre un lungo articolo con le sue riflessioni su quel che farebbe se fosse papa. Potete leggere l'intero articolo a questo link... se proprio ritenete che ne valga la pena. Il programma ponficale pauperistico del possidente ex socio d'affari di Berlusconi ha ben poco interesse, e si può riassumere nel distico di Cecco Angiolieri: "s'io fosse papa allor sare' giocondo / ché tutt'i cristiani imbrigarei", ossia caccerei nei guai. Noi qui riportiamo un piccolo estratto dell'articolo, che ci ha colpito (d'orrore) sia perché bene esprime il sentimento antiliturgico di molti fulminati sulla via del concilio, sia perché è un capolavoro di illogicità caratteristico di questi tipi umani: la liturgia clappy clappy è il meglio - il suo risultato è l'abbandono dei fedeli e la dispersione in un rivolo di sette - evviva dunque il pluralismo religioso.
Enrico

[..] Un giorno del 1978 mi trovavo a Belem, in Brasile. Quale strano esotico, fui invitato ad una festa nella grande piazza antistante la Cattedrale. Caldo intenso, moltissima gente multicolore, bambini, giovanotti, fanciulle ed anziani. In mezzo a loro due Arcivescovi scamiciati e saltellanti a braccia alzate in un coro, più o meno, all’unisono, pregavano e ballavano tutti insieme. Stupito ed
infervorato mi dissi: «Questa è la vera piazza San Pietro». Da allora la Chiesa cattolica in Brasile si è frantumata in molte fedi sempre cristiane: Assemblea del regno di Dio; Chiesa Battista; Chiesa del settimo giorno; Chiesa quadrangolare, ecc. Ora la Chiesa di Gesù si sente costretta a riconoscersi in un ecumenismo più cristianamente realistico. In altre parole, oggi in Brasile con il Conic (Concilio nazionale delle Chiese Cristiane del Brasile) Cattolici, Anglicani, Presbiteriani, Luterani, Ortodossi ecc., nel rispetto delle singole concezioni ecclesiastiche, si riconoscono tutti convocati da Cristo nell’unità dell’intento di trasformare la realtà sociale nello spirito del Vangelo.

57 commenti:

  1. Luigi Verzè, se fosse Papa, nominerebbe Berlusconi Segretario di Stato....pensate che meraviglia di Chiesa!

    RispondiElimina
  2. Penso che lo nominerebbe suo sucessore.

    RispondiElimina
  3. Ma gli mettete una ciabatta in bocca all'orrendo vegliardo?

    RispondiElimina
  4. perchè dare ancora spazo al signor Verzè? Lasciamolo dove sta, insieme ai suoi immorali protettori politici.. Parlare di lui, fargli pubblicità.. è un regalo che non merita

    RispondiElimina
  5. Se la morte è separazione dell'anima dal corpo corruttibile e la corruzione del corpo è la scomposizione nelle sue parti: domanda che cosa ha visto il Verzè in Brasile? 

    RispondiElimina
  6. invece di '' SENILITA' ,, ....... avrei titolato '' DIARREA CELEBRALE ,, ..............

    ........ '' dimmi con chi vai e ti diro' chi sei ,, !!!!!!!  ................

    RispondiElimina
  7. <span>Se la morte è separazione dell'anima dal corpo corruttibile e la corruzione del corpo è la scomposizione nelle sue parti, domanda: che cosa ha visto il Verzè in Brasile? </span>

    RispondiElimina
  8. Il Brasile era una roccaforte di cattolicesimo, milioni di fratelli cattolici sono passati in pochi decenni alle sette evangeliche o a movimenti sincretisti che usano regolarmente la superstizione e la magia o ai protestanti, nelle loro innumerevoli denominazioni latinoamericane. Tutto questo lo sapete grazie a chi?
     Grazie ai presbiteri ''Fidei Donum'', preti occidentali  neomodernisti che, stanchi delle nostre parrocchie, vanno a distruggere quelle degli altri, grazie ai missionari di ogni denominazione, alle loro pazzie liturgiche e teologiche. Per decenni in Brasile sono andati i più schizoidi progressisti ecco il loro risultato missionario: il Brasile è diventato protestante. Don Verzè, il pauperista miliardario, amico del nostro dittatore Berlusconi, forse si auspica la stessa fine per l'Italia.

    RispondiElimina
  9. don verzè è tutt'ora sospeso a divinis?

    RispondiElimina
  10. E le parole di Gesù sulla Chiesa fondata su Pietro, quelle di San Paolo sul Corpo Mistico, quelle del Credo sulla Chiesa Una? Ma non si rendono conto che la divisione tra cristiani, che gli scismi, non sono una cosa bella, ma un dramma, che grida vendetta al cielo, in quanto laceranti il Corpo Mistico di Cristo?
    Quanto ai Fidei Donum, chissà Pio XII e Monsignor Lefebvre che capriole avranno fatto, in questi anni, nelle loro tombe!!

    RispondiElimina
  11. ...insomma, una bellissima descrizione della Torre di Babele....
    manca la parolina finale al racconto di don verzè: E VISSERO TUTTI FELICI E CONTENTI....e per dirla con i Testimoni di Geova ( è poco ecumenico che essi siano stati esclusi dall'elenco di don Verzè.... ), TUTTI INSIEME NEL PARADISO TERRESTRE RICORSTRUITO DA DIO....IL VERO REGNO DI CRISTO.... - esclusi ovviamente i 144mila prescelti per stare invece fra le nuvole... -

    qui siamo perfino al di là del sincretismo religioso...

    Si, don Verzè venne sospeso a divinis.... ma tacitamente ricevette sempre un appoggio "esterno" da Martini e faccio notare il modo diverso di esprimere tale amicizia fra, per esempio Hung e l'allora Ratzinger il quale non gli ha mai taciuto in pubblico e in privato le reprimende per i suoi errori dottrinali, al contrario dell'amicizia fra Martini e Verzè che fanno a gara per sostenersi vicendevolmente in una agonizzante e finissima apostasia.... naturalmente con il silenzio della Curia... e questa volta non si dia la colpa a Roma per favore... ;)

    RispondiElimina
  12. P.S.
    per Enrico della Redazione che scrive: ....sia perché è un capolavoro di illogicità .......

    e no! non ci siamo.... :-D  essere "illogici" può essere una scusante, qui siamo invece alla caparbietà dell'ecumenismo vomitato negli anni '70..... e non v'è alcuna giustificazione a cotanta apostasia... il Siracide dice: "TI SARA' DATO CIO' CHE AVRAI SCELTO" mi pare che don Verzè non nasconda innocentemente o illogicamente una apostasia chiara e aberrante.... questo era il vero progetto dei catto-progressisti....e lo è ancora...
    La Redazione, conoscendo la mia pignoleria, vorrà perdonarmi questa sottolineatura... per evitare che qualcuno possa pensare alla "buona fede" di don Verzè a causa delle sue opere meritorie a favore dei malati....non sono pochi i cattolici pronti a perdonare ogni eresia pur di salvaguardare LE OPERE BUONE... ;)

    RispondiElimina
  13. ...quello che vide Cantalamessa in un incontro ecumenico pentecostale, ubriacato al punto giusto, da farsi IMPORRE LE MANI DA UN ERETICO PENTECOSTALE CHE RIGETTA MARIA....e accusa la Chiesa di ingannare i fedeli perchè la invoca quale MADRE DI DIO....
    e Cantalamessa non è sospeso a divinis, ma è il Teologo della Casa Pontificia eh! mica pizza e fichi! qui si è colpa di Roma!

    Insomma per padre Cantalamessa lo Spirito Santo OBBEDISCE ALLE RICHIESTE DI UN PASTORE CHE RINNEGA LA VERGINITA' DI MARIA...e rinnega la Chiesa Cattolica....lo Spirito Santo si pone CONTRO IL PAPA....
    *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  14. Rutilio Namaziano7 settembre 2010 18:19

    <span><span>Come non leggere nelle parole del vecchio presbitero sospeso a divinis (chiedo venia, ma per una volta consentitemi di preferire il termine “presbitero” a quello di sacerdote!) un messianismo da apprendista Anticristo? Ricordo a tutti le parole, davvero profetiche, di Vladimir Sergeevic Solov’ëv, nel suo splendido e terribile “Breve racconto sull’Anticristo”, che tutti nella Chiesa dovrebbero leggere e meditare? «L’inganno più pericoloso dell’Anticristo è nel far credere che sia lui il vero Messia, il salvatore, venuto a perfezionare anzi a correggere l’opera di Cristo. Il profeta della Galilea ha complicato la vita, l’ha resa dura, violenta, impraticabile; egli, al contrario, la rende facile e piacevole perché elimina le divisioni e le contraddizioni. E nella società odierna dei cosiddetti consumi facili, di una certa messianicità alla portata di tutti, noi siamo sedotti e tentati di seguire il richiamo di questo Anticristo, piuttosto che il vero messaggio evangelico» (p. Ferdinando Castelli s.j., critico letterario de La Civiltà Cattolica)</span></span>

    RispondiElimina
  15. esatto...non sapevo che fosse sospeso...lo chiaman tutti "don"...ora lo so...ma lo è ancora?

    RispondiElimina
  16. Rutilio Namaziano7 settembre 2010 18:22

    <span><span>Come non leggere nelle parole del vecchio presbitero sospeso a divinis (chiedo venia, ma per una volta consentitemi di preferire il termine “presbitero” a quello di sacerdote!) un messianismo da apprendista Anticristo? Ricordo a tutti le parole, davvero profetiche, di Vladimir Sergeevic Solov’ëv, nel suo splendido e terribile “Breve racconto sull’Anticristo”, che tutti nella Chiesa dovrebbero leggere e meditare? «L’inganno più pericoloso dell’Anticristo è nel far credere che sia lui il vero Messia, il salvatore, venuto a perfezionare anzi a correggere l’opera di Cristo. Il profeta della Galilea ha complicato la vita, l’ha resa dura, violenta, impraticabile; egli, al contrario, la rende facile e piacevole perché elimina le divisioni e le contraddizioni. E nella società odierna dei cosiddetti consumi facili, di una certa messianicità alla portata di tutti, noi siamo sedotti e tentati di seguire il richiamo di questo Anticristo, piuttosto che il vero messaggio evangelico» (p. Ferdinando Castelli s.j., critico letterario de "La Civiltà Cattolica")
    </span></span>

    RispondiElimina
  17. su wikipedia c'è una foto che pare recente dove sembra stia celebrando messa...

    RispondiElimina
  18. Rutilio Namaziano7 settembre 2010 18:26

    <span><span>che tutti nella Chiesa dovrebbero leggere e meditare?«L’inganno più pericoloso dell’Anticristo è nel far credere che sia lui il vero Messia, il salvatore, venuto a perfezionare anzi a correggere l’opera di Cristo. Il profeta della Galilea ha complicato la vita, l’ha resa dura, violenta, impraticabile; egli, al contrario, la rende facile e piacevole perché elimina le divisioni e le contraddizioni. E nella società odierna dei cosiddetti consumi facili, di una certa messianicità alla portata di tutti, noi siamo sedotti e tentati di seguire il richiamo di questo Anticristo, piuttosto che il vero messaggio evangelico» (p. Ferdinando Castelli s.j., critico letterario de "La Civiltà Cattolica")</span></span>

    RispondiElimina
  19. Rutilio Namaziano7 settembre 2010 18:41

    Come non leggere nelle parole del vecchio presbitero sospeso a divinis (chiedo venia, ma per una volta consentitemi di preferire il termine "presbitero" a quello di sacerdote!) un messianismo da apprendista Anticristo? Ricordo a tutti le parole, davvero profetiche, di Vladimir Sergeevic Solov'ev, nel suo splendido e terribile "Breve racconto sull'Anticristo", che tutti nella Chiesa di oggi dovrebbero leggere e meditare?
    "L'inganno più pericoloso dell'Anticristo è nel far credere che sia luiil vero Messia, il salvatore, venuto a perfezionare anzi a correggere l'opera di Cristo. Il profeta della Galilea ha complicato la vita, l'ha resa dura, violenta, impraticabile; egli, al contrario, la rende facile e piacevole perché elimina le divisioni e le contraddizioni. E nella società odierna dei cosiddetti consumi facili, di una certa messianicità a portata di tutti, noi siamo sedotti e tentati di seguire il richiamo di questo Anticristo, piuttosto che il vero messaggio evangelico" (p. Ferdinando Castelli s.j., critico letterario de "La Civiltà Cattolica").

    RispondiElimina
  20. concordo con la redazione  il verze dovrebbe mettersi a riposo

    RispondiElimina
  21. beh... potrebbe essere una trovata non poi così negativa... abbiamo avuto Sodano, non credo che Berlusconi potrebbe essere molto peggio...

    RispondiElimina
  22. è unmiserabile che ha scambiato la chiesa cattolica per una grande ong per far soldi.noi qui nel veronese lo conosciamo bene(viene soprannominato don schei,) nonostante i suoi anni è perfettamente sano di mente ,qui dicono diabolicamente sano.

    RispondiElimina
  23. Benigno Dacunto7 settembre 2010 19:49

    Purtroppo, per l'età che ha. hoimé, la validità del suo sacerdozio è fuori discussione. Il che rende ancora più grave ciò che dice. Speriamo, per lui, che sia solo sclerotico. Avrà meno colpa.

    RispondiElimina
  24. Benigno Dacunto7 settembre 2010 20:11

    Ma non ha celebrato al funerale di Vianello?

    RispondiElimina
  25. Ma bianca o nera?

    RispondiElimina
  26. Ma non trascendiamo con gli insulti.

    RispondiElimina
  27. DANTE PASTORELLI7 settembre 2010 20:40

    E chi è che non ha messo a posto (e cioè deposto e privato della porpora) Martini?

    RispondiElimina
  28. DANTE PASTORELLI7 settembre 2010 20:42

    Non ha più tempo per far l'apprendista e non ha la stoffa per esser l'anticristo. E' una tragica macchietta.

    RispondiElimina
  29. DANTE PASTORELLI7 settembre 2010 20:44

    In altri tempi sarebbe stato mandato al rogo, altro che insulti! E' lui che insulta Dio e la Chiesa.

    RispondiElimina
  30. a proposito di roghi....
                    avete sentito l'ultima notizia dei tg serali <span>?</span>
    scontro di religione all'ombra di GROUND-ZERO .
    Un pastore evangelico in USA, il rev. Jones , nella infausta ricorrenza dell'11 settembre, vuole bruciare il Corano !
    per difendere l'anima dell'America cristiana, ricordando che
    "Anche Gesù rovesciò i banchi dei mercanti nel tempio" !

    e vorrebbe anche che fosse istituito il
    giorno internazionale del rogo del corano.
    (tg2 ore 20.50)

    RispondiElimina
  31. <span>a proposito di roghi....  
                    avete sentito l'ultima notizia dei tg serali <span>?</span>  
    scontro di religione all'ombra di GROUND-ZERO .  
    Un pastore evangelico in USA, il rev. Jones , nella infausta ricorrenza dell'11 settembre, vuole bruciare il Corano, per difendere -dice- l'anima dell'America cristiana, ricordando che  
    "Anche Gesù rovesciò i banchi dei mercanti nel tempio" !  
     .....e vorrebbe anche che fosse istituito il  
    giorno internazionale del rogo del corano.  
    (tg2 ore 20.50)</span>

    RispondiElimina
  32. IL PROBLEMA NON E' TANTO QUELLO CHE VERZE' SCRIVE, IL DRAMMA E' CHE IL CORRIERE DELLA SERA GLI HA DEDICATO UNA PAGINA INTERA! LO STESSO QUOTIDIANO LA PAGINA DOPO METTEVA HAWKING CHE DICE "NON FU DIO A CREARE L'UNIVERSO" E - SEMPRE NELLO STESSO NUMERO - NELLE PAGINE DELLA CULTURA IL LANCIO DI UN LIBRO DI SEVERINO CHE E' TUTTO UN PROGRAMMA A BASE DI GNOSI.
    DOVREMMO STRACCIARCI LE VESTI SOPRATUTTO PER QUESTO. CHIEDERCI CHI E COME CONTINUA INESORABILMENTE A LAVORARE PER L'ANTICRISTO.

    RispondiElimina
  33. No. I funerali di Vianello sono stati officiati da monsignor Carlo Faccendini.

    RispondiElimina
  34. Cominciare a smettere di finanziare queste marionette sarebbe già un ottimo passo. Personalmente l'ho fatto da tempo. Mettete da parte quello che dareste a Corriere e Repubblica e donatelo alla missione che prediligete. Non so se Dio ne renderà merito, ma certamente è un modo migliore per utilizzare il proprio denaro.

    RispondiElimina
  35. DANTE PASTORELLI7 settembre 2010 23:17

    Che mi significan tutti questi commenti in maiuscolo?  Pensate forse ai miei occhi? Vi ringrazio, ma fatene pure a meno.

    RispondiElimina
  36. dissento totalmente con chi afferma che il Brasile è diventato protestante.
     Ci vado spesso e posso assicurarti che non è così. L'ultimo viaggio l'ho fatto per l'ordinazione di due giovani sacerdoti aiutati nello studio dalla mia parrocchia. Prossimamante, esattamente il 3 ottobre 5 ragazze brasiliane riceveranno in san Pietro pronunceranno i voti solenni e il velo della consacrazione al Signore. La mia parrocchia ha 4 missioni laggiù ben solide e cattoliche. Certo mi rtendo conto che sono solo dei piccoli esempi i miei ma credo bastino per sfatare tale gratuita affermazione.

    RispondiElimina
  37. prima era Don ora è Dan (no)

    RispondiElimina
  38. e come la mettiamo con "Tu es sacerdos in aeternum"?
    Quando uno è sospeso non è pià in aeternum?
    che confusione

    RispondiElimina
  39. <span>e come la mettiamo con "Tu es sacerdos in aeternum"? 
    Quando uno è sospeso non è più in aeternum? 
    che confusione</span>

    RispondiElimina
  40. nuove crociate ci vogliono!

    RispondiElimina
  41. DANTE PASTORELLI7 settembre 2010 23:47

    Soprattutto crociate di preghiera per la conversione di tanti preti.

    RispondiElimina
  42. DANTE PASTORELLI7 settembre 2010 23:50

    Resta sacerdote, eccome! Ma continua a far più danni della grandine islamica.

    RispondiElimina
  43. Marcinkus fu soprannominato il "banchiere di Dio": che ne dite di (don) Verzé il "mercante di Dio" (con tutti i doppi sensi possibili) ;)

    RispondiElimina
  44. Quos vult perdere, Deus dementat...

    RispondiElimina
  45. Nobis quoque peccatoribus8 settembre 2010 02:23

    Quando si perde la Fede non rimangono che il potere e gli affari e vuote parole.

    OT. Ho letto del bellissimo restauro della Chiesa di S. Maurizio a Milano. Sarebbe una bella occasione per un pontificale solenne in Rito ambrosiano. Giustamente e' stato messo in luce come i guai per la Chiesa e l'annesso convento di suore benedettine cominciarono nel lontano 1798 con l'invasione napoleonica.

    FdS

    RispondiElimina
  46. DANTE PASTORELLI8 settembre 2010 12:07

    Ma anche din. suono onomatopeico delle monete nella cassetta

    RispondiElimina
  47. In un "famoso" forum cattolico ebbi modo di dire che le parole di don Verzè mi fanno l'effetto delle Verze (ma senza accento); fui punito per questo, e minacciato di telematica scomunica.

    RispondiElimina
  48. Forse è quello stesso blog dove una sera di giugno, preso da acidità, ho detto tutto quello che pensavo sul Motu Proprio a Milano (citando anche pareri di monsignori uditi colle mie orecchie), e ho dato dei "conformisti" (in modo molto più colorito) agli amministratori, e sono stato bannato con una solerzia notevole? (tipo 5 secondi, e il mio messaggio eliminato)

    RispondiElimina
  49. A S. Maurizio mi pare che officino in rito orientale, non so bene quale però.
    Chiesa splendida, per fortuna che essendoci gli orientali non vien in mente a nessuno di rifare l'altare: perchè quando c'è da fare un adeguamento liturgico non c'è sovrintendenza che tenga.
    Il rito ambrosiano antico purtroppo è ancora un miraggio per noi poveri ambrosiani; odiato e detestato, relegato in due chiese sperdute, celebrato da preti che nella migliore delle ipotesi non hanno troppa voglia di farlo, imposizione del lezionario del nuovo rito, minacce ai preti tradizionalisti e via così... il lato positivo è che si può solo migliorare, peggio di così non si può.

    RispondiElimina
  50. come prete e attento lettore di questo bellissimo blog,  sono un ammiratore di caterina63, i suoi interventi sono sempre intelligenti e profondi, ispirati da fede sincera , competenza e pacatezza, un esempio per le donne e le suore starnazzanti sul ruolo della donna nella chiesa..... non voglio fare paragoni inopportuni, ma credo che interpreti bene il nome che porta e ovviamente deve avere una potente ispiratrice in cielo.
    ciao caterina e grazie
    invito tutti a leggerti con attenzione

    RispondiElimina
  51. non vorrei perdere tempo a parlare del Sign. Verzè come del Prof Martini del mullà tettamanzi e compagnia a briscola .
    Cari miei , è proprio vero che Berlusconi nonostante sia un capace imprenditore forse anche politico, abbia delle gran brutte compagnie, personalmente dopo gli articoli di panorama , lo schifo di gheddafi, verzè ecc , mi sa che voterò la lega

    RispondiElimina
  52. <span>come prete...,  sono un ammiratore di caterina63</span>
    <span>fatela perpetua ehehehe ma tieni presente che è sposata.</span>

    RispondiElimina
  53. DANTE PASTORELLI8 settembre 2010 21:09

    E il dio Po.

    RispondiElimina
  54. Se Cantalamessa era ubriaco in quel momento allora si può capire...

    RispondiElimina
  55. il sacerdozio riamne in eterno, però si pedred las  licenza di esrcitarlo

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.