giovedì 30 settembre 2010

Latino per tutti


Corso gratuito di latino per tutti

Ogni martedì a partire dal 26 ottobre

Con scelta fra due orari:

15.00 - 15.45 / 20.15 - 21

Informazioni e iscrizioni:

don Pierangelo Rigon (3391417101)

Qualcuno potrà pensare che la proposta di un corso popolare di latino sia, già in partenza, una iniziativa destinata a ben scarso riscontro d’interesse da parte della nostra gente. O che sia una inutile "provocazione" da parte di chi si sente legato ad un passato ormai definitivamente rimosso.
Le motivazioni riportate in questo pieghevole possono aiutare a "smontare" certi pregiudizi, duri a morire, contro il latino e l’opportunità di una sua minima conoscenza.
Perché ho intitolato il corso "FILI DI EVE"?
L’espressione è una simpatica storpiatura (si dovrebbe dire "filii Evae") che si sente comunemente nelle nostre chiese quando viene cantato il "Salve Regina".
Un corso semplice e popolare si propone di far evitare ai fedeli questi piccoli errori e a capire meglio alcune espressioni che usiamo nella nostra vita comune.
Dio capisce certo il latino, l’italiano, il dialetto, anche i nostri "stramboti".
E’ però titolo di merito, per noi, comprendere e pronunciare bene le parole che ci servono per comunicare con Lui e fra di noi.
 

don Pierangelo


IL LATINO E’ LINGUA VIVA!
 
Se con ciò intendiamo dire che non è una lingua parlata comunemente in qualche parte del mondo, questo è vero.
Ed è altrettanto vero che non è una lingua che può aiutare traffici, commerci e guadagni …
A ciò provvedono altri idiomi oggi sempre più diffusi e "impostici" dalle necessità di sopravvivenza in un mondo complesso e variopinto come il nostro.
Ma il latino vive ancora in tante nostre espressioni di uso comune, è alla base della lingua italiana e di alcune altre, viene evidenziato da lapidi e iscrizioni che costellano piazze, vie, edifici delle nostre città.
E’ richiamo alla nostra storia, alla civiltà e alla cultura che il mondo intero c’invidia e che noi spesso dimentichiamo e trascuriamo.
Aggiungiamo, per convincere i più riottosi, che lo studio del latino è un ottimo esercizio mentale, un allenamento alla logica che può allontanare persino certe patologie del nostro cervello.
Questi, e molti altri, sono i vantaggi che possono derivare da un approccio alla lingua che fu di Roma ed è ancora della Civiltà Cristiana.
Più vivo ed utile di così, il latino non potrebbe davvero essere.

IL LATINO E’ LA LINGUA DELLA CHIESA
 
Anche dopo che le lingue nazionali sono progressivamente entrate nella Liturgia, gli ultimi Papi si sono più volte espressi affinché la lingua sacra della Chiesa non scompaia del tutto dalla vita di preghiera dei fedeli praticanti.
Ecco, ad es., che cosa scrive Benedetto XVI:
"Chiedo che i futuri sacerdoti, fin dal tempo del seminario, siano preparati a comprendere e a celebrare la santa Messa in latino, nonché a utilizzare testi latini e a eseguire il canto gregoriano; non si trascuri la possibilità che gli stessi fedeli siano educati a conoscere le più comuni preghiere in latino, come anche a cantare in gregoriano certe parti della liturgia."
Purtroppo questi desideri del Papa sono disattesi per vari motivi: timore di un ritorno al passato, preconcetti ideologici, immotivata paura di una lingua che si pensa astrusa e irraggiungibile ai semplici del popolo di Dio. Chi si accosta al latino troverà invece grandi soddisfazioni nell’apprezzare testi stupendi di preghiera, inni composti da Santi di straordinario ingegno. Testi che hanno nutrito la spiritualità di innumerevoli generazioni cristiane. E con il latino si potrà arrivare a gustare il canto gregoriano che è proprio del culto cattolico.
 
PERCHE’ NON PROVARCI?
- Sapete voi quante e quante formalità ci vogliono per fare un matrimonio in regola?
- Bisogna ben ch’io ne sappia qualche cosa - disse Renzo, cominciando ad alterarsi, - poiché me ne ha già rotta bastantemente la testa, questi giorni addietro. Ma ora non s’è sbrigato ogni cosa? non s’è fatto tutto ciò che s’aveva da fare?
- Tutto, tutto, pare a voi: perché, abbiate pazienza, la bestia son io, che trascuro il mio dovere, per non far penare la gente. Ma ora … basta, so quel che dico. Noi poveri curati tra l’incudine e il martello: voi impaziente; vi comparisco, povero giovane; e i superiori … basta, non si può dir tutto. E noi siam quelli che ne andiam di mezzo.
- Ma mi spieghi una volta cos’è quest’altra formalità che s’ha a fare, come dice; e sarà fatta subito fatta.
- Sapete voi quanti siano gl’impedimenti dirimenti?
- Che vuol ch’io sappia d’impedimenti?
- Error, conditio, votum, cognatio, crimen, cultus disparitas, vis, ordo, ligamen, honestas, si sis affinis, … - cominciava don Abbondio, contando sulla punta delle dita
- Si piglia gioco di me? - interruppe il giovine, - che vuol ch’io faccia del suo latinorum?
 

(da: "I Promessi Sposi", capitolo II)

INFORMAZIONI SUL CORSO DI LATINO

 Quando si svolge?
 
Abbiamo pensato di tenere il corso ogni martedì, con una doppia possibilità: dalle 15.00 alle 15.45, oppure dalle 20.15 alle 21.00. Ognuno puà scegliere l’orario più comodo.
Si comincia il martedì 26 ottobre. Eventuali cambiamenti sono sempre possibili parlandone insieme.

Dove?

Nei locali della Parrocchia di Ancignano
 
Chi insegna?
 
D. Pierangelo, anche se non è "latinista" di professione. Eventualmente chiederà aiuto a qualche consulente più preparato di lui.
 
Chi può parteciparvi?

 Chiunque, a partire dai 12 anni circa e fino a 100. Viri et mulieres (uomini e donne). Con o senza titoli di studio. Basta un pizzico d’interesse e di curiosità.
 
Quanto costa?
 

Proprio niente! Anche il materiale di studio (libri, fotocopie ecc…) sarà fornito gratuitamente.
 
MEGLIO DI COSI’ …

Chiama d. Pierangelo:

40 commenti:

  1. Homines Catholici, opto vobis felicem diem festum Sancti Hieronymi! Fortasse jam scitis de Familia Sancti Hieronymi, cujus sodales Catholici erga Ecclesiae magisterium fideles sunt, Summum Pontificem diligentes, linguam Latinam vivam colentes, et vitam spiritualem sectantes. Semel in anno convenimus ut non solum Deo preces Latine effundemur, sed etiam inter nos lingua Ecclesiae viva colloquamur. Jungamini nobis! 

    RispondiElimina
  2. Homines Catholici, opto vobis felicem diem festum Sancti Hieronymi! Fortasse jam scitis de Familia Sancti Hieronymi, cujus sodales Catholici erga Ecclesiae magisterium fideles sunt, Summum Pontificem diligentes, linguam Latinam vivam colentes, et vitam spiritualem sectantes. Semel in anno convenimus ut non solum Deo preces Latine effundamur, sed etiam inter nos lingua Ecclesiae viva colloquamur. Jungamini nobis! 

    RispondiElimina
  3. Iniziativa interessante. Peccato per i 700 km di distanza.

    RispondiElimina
  4. Mi compiaccio con Don Pierangelo per la bella iniziativa che auspico possa produrre i maggiori benefici :-D

    RispondiElimina
  5. complienti bella iniziztiva spero sara molt imitata!!!!

    RispondiElimina
  6. Di lieto giorno il sole, forse per noi spuntò! 
    Mi sembra sciocco che tanti aborrano il latino e non pensino che certamente era una lingua nota a nostro Signore Gesù Cristo e sicuramente usata da Pietro durante la sua permanenza a Roma. Il latino é la "lingua della tradizione della Chiesa" e non penso che i primi papi si esprimessero in italiano o in altra lingua volgare.

    RispondiElimina
  7. Alexander Von Trotta30 settembre 2010 18:46

    Sed quo locorum fit conventio haec, quaeso?

    RispondiElimina
  8. Lodevole iniziativa.

    Se ben ricordo qualche tempo fa qualcuno ha scherzosamente 'avvertito' di volersi accertare che i fedeli richiedenti la celebrazione della S.Messa di sempre abbiano una buona conoscenza del latino.
    Interrogandoli. Un specie di esame di ammissione. Certamente una intimidazione.

    RispondiElimina
  9. Ho visto che la riproduzione del pieghevole che ho preparato per il corso risulta qui un po' monca e quindi non è ben chiaro tutto.
    Il corso si tiene nella mia piccola parrocchia che è : SAN PANCRAZIO IN ANCIGNANO DI SANDRIGO (VI).
    In questi giorni metterò qualche locandina nelle parrocchie vicine e in varie zone del paese.
    Chissà ... speriamo che qualcuno si faccia avanti.
    Per ora due signore della parrocchia mi hanno già detto che parteciperanno e quindi, il fatto di avere qualche pecorella del mio gregge, già mi consola molto.
    Deus, in adiutorium meum intende.
    d. P.

    RispondiElimina
  10. Ave, Alexandre! Hoc anno Cenaculum (sic enim appellatur) factum est Tampae, in Florida. Anno autem futuro conveniemus Mobile, in Alabama. Nuntiusque de Cenaculo apparebit mense Januario vel Februario.

    Photogrammata praeteriti Cenaculi hic inveniuntur.

    RispondiElimina
  11. Ave, Alexandre! Hoc anno Cenaculum (sic enim appellatur) factum est Tampae, in Florida. Anno autem futuro conveniemus Mobile, in Alabama. Nuntiusque de Cenaculo apparebit mense Januario vel Februario.

    Photogrammata praeteriti Cenaculi hic inveniuntur.

    RispondiElimina
  12. Giuliano Anzolini30 settembre 2010 19:34

    Ho visto che anche Google si è convertito al Latino: ha messo il traduttore con la lingua della chiesa!!! Ecco qui la notizia :-D

    RispondiElimina
  13. <span>Chissà cosa ne pensa Bedwere a vedere il suo aulico commento tradotto così da google...</span>
    <span>Insomma... <span>questo:</span></span>
    <span></span>
    <span><span>Homines Catholici, opto vobis felicem diem festum Sancti Hieronymi! Fortasse jam scitis de <span>Familia Sancti Hieronymi</span>, cujus sodales Catholici erga Ecclesiae magisterium fideles sunt, Summum Pontificem diligentes, linguam Latinam vivam colentes, et vitam spiritualem sectantes. Semel in anno convenimus ut non solum Deo preces Latine effundamur, sed etiam inter nos lingua Ecclesiae viva colloquamur. Jungamini nobis! </span></span>
    <span><span></span></span>
    <span><span><span>diventa questo</span> :-D </span></span>
    <span></span>
    <span>I cattolici negli uomini, spero un giorno felice per voi, la festa di San Girolamo 's! </span><span>Forse abbiamo già si conosce la famiglia del di San Girolamo, di cui i membri del magistero cattolico della Chiesa verso certi, il Sommo Pontefice coloro che amano, io sono vivo: l'uso del latino servito Dio, e la vita spirituale di sporco. </span><span>Una volta all'anno, giusto che non dovrebbe solo farci versare preghiere a Dio in latino, ma anche tra di noi una lingua viva del conversare tenere Chiesa. </span><span>E unisciti a noi!</span>

    RispondiElimina
  14. Don Pierangelo....sarei corsa volentieri....peccato la distanza!
    dal mio canto farò girare questa lodevole iniziativa per internet!
    Grazie di cuore!

    RispondiElimina
  15. Se il latino è la lingua della Chiesa Cattolica. A quale Chiesa appartengono i preti che non lo sanno? Esame severo italiano-latino e latino-italiano prima della nomina a parroco!

    RispondiElimina
  16. Sarà ripreso in audio e video e condiviso su You Tube? In questo modo potremo beneficiarne in tanti...

    RispondiElimina
  17. Cara Redazione, cambiate il titolo perchè non illuda a chi inizia a leggere. Purtroppo non è una iniziativa per tutti, ma per quei pochi fortunati.

    RispondiElimina
  18. Vale, sancte sacerdos!

    RispondiElimina
  19. Cara Redazione, cambiate il titolo perchè non illuda a chi inizia a leggere. Purtroppo non è una iniziativa per tutti, ma per quei pochi fortunati.

    RispondiElimina
  20. <span><span></span></span>
    <span><span>Ho provato con la frase della Redazione ... </span></span>
    <span><span></span></span>
    <span><span>MULTA RINASCENTUR QUAE IAM CECIDERE  = </span></span><span><span>Molte cose crescere di nuovo, che ora sono caduti</span></span>
    <span><span></span></span>
    <span><span>Insomma, per chi è a digiuno  ... un pò di aiuto lo da !</span></span>
    <span><span></span></span>

    RispondiElimina
  21. Scusate, non so perchè è venuto fuori evidenziato

    RispondiElimina
  22. Ecco, è così che si fa!  Sia per il latino, sia con incontri per far conoscere la S. Messa di sempre e amarla e viverla sempre di più...
    altri 10 100 1000 Don Rigon!!!

    RispondiElimina
  23. Ah, non avevo letto questo commento ... Forse per questo il titolo?

    RispondiElimina
  24. Redazione di Messainlatino.it1 ottobre 2010 00:41

    Pro multis, sed non pro omnibus...
    Diciamo che, essendo gratis, è per tutti quelli che lo vogliono (e che, piccolo particolare, abitano nel vicentino)
    Enrico

    RispondiElimina
  25. Luis Moscardò1 ottobre 2010 01:10

    Sì, dalk latino in lingua di Tarzan...

    RispondiElimina
  26. Luis Moscardò1 ottobre 2010 01:11

    eh eh eh: traduce dal latino in lingua di Tarzan! Ora io 'ndare dormita.

    RispondiElimina
  27. google maestro di maccheronico,
             per i poveri italliani analfabeti di ritorno (sia riguardo alla lingua latina che all'italiana, figlia di quella....)   ......:-D  :-D  :-D

    RispondiElimina
  28. <span>google maestro di maccheronico,  
            ad uso dei poveri italiani analfabeti di ritorno (sia riguardo alla lingua latina che all'italiana, figlia di quella....)   ...... :-D   :-D   :-D </span>

    RispondiElimina
  29. dal poco al molto, dal possibile fino al (per ora)impensabile !  :)

    RispondiElimina
  30. se bastasse conoscere il latino per essere santi, saremmo apposto! ma purtropppo non è così...

    RispondiElimina
  31. Padre Ercole Migliavacca1 ottobre 2010 11:07

    Iniziativa davvero encomiabile!
    Purtroppo non fruibile da tutti.
    Io, purtroppo, non sono per nulla esperto di latino e non posso fare altrettanto.
    Mi si chiede: perchè nessuno  organizza un corso simile a mezzo internet?
    Grazie

    RispondiElimina
  32. Luis Moscardò1 ottobre 2010 12:10

    ...vabbè, ma serve, da' retta!

    RispondiElimina
  33. Luis Moscardò1 ottobre 2010 12:11

    ...e il titolo può essere un auspicio!

    RispondiElimina
  34. <span>Pro multis, sed non pro omnibus... (?!) Pietà per chi non ha ancora preso la 1a. lezione! :-D </span>
    <span></span>
    <span>Posso 'intuire' il significato, e appunto (come si parlava giorni fa nel fare attenzione a l''uso delle parole ...) non è che per caso c'è stata la cattiva influenza di quel 'pro multis' tradotto 'per tutti' che tante volte qui contestiamo?  </span>
    <span></span>
    <span>Perciò 'LATINO PER TUTTI I VICENTINI' sarebbe terrmine logico, a meno che non ci 'nascondete' (per ora) qualche sorpresa (come accennato da qualcuno sopra) di questa iniziativa su You Tube ;)  , ma ancora in questo caso sarebbe 'LATINO PER TUTTO IL MONDO'  </span>
    <span></span>
    <span>Scusate la mia pignoleria, ma anche la logica vuol la sua parte!</span>
    <span></span>

    RispondiElimina
  35. Magari facendo lezioni via internet attraverso una piattaforma come questa:

    http://www.oilproject.org/

    Ma servirebbe la partecipazione di più insegnanti, difficile la realizzazione.

    RispondiElimina
  36. non si potrebbero mettere su youtube le lezioni cosi da poterle rendere fruibili a tutti?

    RispondiElimina
  37. Padre Ercole Migliavacca2 ottobre 2010 08:33

    Ottima idea. Speriamo

    RispondiElimina
  38. Come da Lc 18,5 ... magari saremo esauditi a causa della nostra insistenza. :-D :-D
    Proviamo ...

    RispondiElimina
  39. I'm truly enjoying the design and layout of your blog. It's a very easy on the eyes
    which makes it much more enjoyable for me to come here and visit more often.
    Did you hire out a designer to create your theme?
    Excellent work!
    My web site ... how to make iphone apps

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.