mercoledì 16 giugno 2010

Thompson: vescovi italiani dietro alla campagna denigratoria del card. Pell.


Scrivo questo con una certa urgenza. La settimana scorsa, fonti cattoliche hanno insistito che il Cardinale George Pell, Arcivescovo di Sydney, non riceverà la nomina a prefetto della Congregazione per i vescovi. Due motivazioni vengono addotte – una collegata al suo stato di salute, l'altra alle accuse assolutamente false di abuso sessuale che ha dovuto affrontare anni fa.

Ora ho ragione di credere che il Cardinale Pell – un uomo di presenza e intelletto imponenti, assolutamente fedele alla visione di Papa Benedetto per rinnovare la Chiesa – sia vittima di una campagna denigratoria appoggiata da alcuni vescovi, specialmente italiani, che sono disperati di impedire che Pell ripulisca ciò che sono, in effetti, i "borghi putridi" delle loro diocesi [riferimento ai 'rotten boroughs' della storia britannica: prima del Reform Act, menzionato anche più avanti nell'articolo, il sistema elettorale della Camera dei Comuni era basato su collegi uninominali del tutto irrazionali: paesini con pochi abitanti - i borghi putridi - avevano diritto ad eleggere lo stesso numero, se non più, di candidati di città molto popolose. Ovviamente in quei piccoli collegi il signorotto locale controllava le elezioni e la nomina era, per il prescelto, una sinecura. Thompson riferisce la similitudine alle diocesi italiane, dove i potentati ecclesiastici si scelgono e si cooptano senza controllo né criterio]. Dobbiamo pregare che il Santo Padre ignori la campagna.

Motivo numero uno: Pell è "in cattivo stato di salute". Vero, egli ha un pacemaker. Per il resto, egli hè ragionevolmente in buona forma – certo a sufficienza per assumere il suo incarico. E' più sano rispetto a molti dei suoi critici più anziani, seduti nelle loro diocesi a non fare assolutamente nulla che potrebbe disturbare il loro stile di vita addormentato.

Motivo numero due: il Cardinale Pell è toccato da accuse di abuso sessuale. Si tratta di immondizia. Il giornale The Age in Australia riporta questa relazione molto rivelatrice:
Il Cardinale George Pell, la cui promozione per un incarico di vertice del Vaticano era prevista questo mese, è stato eliminato dalla gara a causa di vecchie accuse contro di lui di abuso, dicono fonti informate a Roma.

Il Cardinale Pell si dimise da arcivescovo di Sydney nel 2002 dopo che fu accusato di aver abusato di un adolescente in un campeggio parrocchiale negli anni ' 60, ma un'indagine indipendente svolta da un giudice in pensione, non cattolico, lo ha scagionato.

Osservatori Vaticani ora dicono che importanti funzionari hanno lavorato per minare il Cardinale Pell come prossimo capo della Congregazione dei Vescovi, in parte per preoccupazioni per la pubblicità negativa circa le accuse di abuso e in parte per ragioni politiche interne, tra cui il desiderio che un italiano prenda il posto.
Ma questi funzionari non sono veramente preoccupati per la "pubblicità negativa" su accuse che si sono rivelato essere bugie: essi stanno sfruttando le bugie per proteggere se stessi. La mia domanda: perché dovrebbe riuscire questa campagna di propaganda diffamatoria? Dall'elezione di Benedetto XVI nessuna nomina ha così inorridito il tronfio, pigro establishment liberale in Vaticano e nelle diocesi. Questo perché il Cardinale Pell ha una dettagliata conoscenza della situazione non solo in Italia, dove molti vescovi fanno tanto per guadagnare le loro posizioni, quanto facevano i membri del Parlamento inglese prima del Reform Act del 1832, ma anche in America latina e in Asia.

Il messaggio del Cardinale Pell per i vescovi sarebbe: "spiacente, Signori, ma questo non è un incarico vitalizio. Dovete mostrare dinamismo evangelico e obbedienza al Santo Padre – altrimenti, ci sono santi sacerdoti pronti a prendere il vostro posto." Ecco il perché di questa turpe campagna.

Fonte: Holy Smoke

62 commenti:

  1. Sono senza carità, ma il mio primo pensiero è questo: brucino all'inferno (tanto non ci credono), stanno rovinando la Chiesa, sono la manu longa del diavolo, potere potere potere è solo questo il loro scopo, valgono per loro le parole dei profeti sui falsi pastori d'Israele, per fortuna siamo nelle mani di Dio!!!

    Gesù ci ha messo in guardia: tra di voi non sia così, ma chi vuol essere il primo sia il servo di tutti!!! ma sai com'è è la lettura della comunità primitiva dell'esperienza dell'autorità alla luce dell'esperienza della risurrezione, della kenosi, il kerigma, etc etc etc cioè un modo come un altro per negare la parola di Dio, Gesù ha detto così ma in realtà voleva dire colì!!!! Dio abbia pietà di noi!!!!

    RispondiElimina
  2. Fuori i nomi.......... naturalmente molti di queti vescovi vivacchiano e dispongon  tutto a loro piacimento specialmente nel sud d'Italia.
    Sento già un latrare di cani....se Benedetto XVi cade in questa trappola addio pulizia dentro la Chiesa.
    Speriamo che venga fuori la nomina di qualche buon sacerdote , tutto preghiera e obbedienza a Gesù e al papa.

    RispondiElimina
  3. Mi spiace dirlo ma le illazioni del Thompson, sebbene  frutto di comprensibile orgoglio anglofono, denunciano una visione non del tutto consapevole della dimensione universale dela chiesa.

    RispondiElimina
  4. Vedrete che la lobby modernista che attualmente governa la Chiesa la spunterà anche questa volta come per il recente caso del santo curato d'Ars. Il buon Benedetto, messo alle strette dagli avvoltoi che lo attorniano, cederà e addio Pell! Al suo posto qualcuno dei soliti rapaci liberals che bazzicano in Vaticano, magari della cerchia di Filoni, come Sandri, tanto si è capito che ormai è Filoni che comanda in Vaticano: la LONGA MANUS dei neocatecumenali nei sacri palazzi, la frangia ebraico-massonico-protestante del cattolicesimo. Il Sommo Pontefice si dimostra sempre più un fantoccio nelle mani dei curiali e non si preoccupa neanche più di nasconderlo. Povera Barca di Pietro, povera Sposa di Cristo, in quali mani sei caduta!

    RispondiElimina
  5. il vescovo della diocesi dove hanno la casa delle vacanze i miei suoceri è arrivato un paio di anni fa e dal primo giorno s'è messo a ristrutturare il palazzo episcopale il quale, negli interni era certamente molto spartano, oserei dire monastico, ma era in perfetto stato e avrebbe potuto durare così per altri cento anni.
     Invece sono stati sostituiti i pavimenti poveri con pavimenti di lusso, le porte povere con porte di lusso, tutti gli ambienti sono stati trasformati; l'ingresso ora sembra la hall di un albergo 5 stelle lusso, con tanto di lampadario (gigantesco) antico in metallo  dorato!
    La spesa? Alta.....altissima..........
    Con quei soldi si sarebbe costruita una villetta!

    E poi dovremmo pure tacere di fronte a questi scandali!
    Per carità, un vescovo non ha fatto voto di povertà, però.....però.... che si spendano tanti soldi inutilmente solo per abbellirsi la casa!
    Fossero almeno suoi i soldi non ci sarebbe stato nulla da dire, ma sono i soldi della Chiesa.
    Sostenere il clero è un obbligo dei battezzati, ma non è un obbligo pagargli le spese inutili e superflue.  E tantomeno è obbligatorio pagargli le ristrutturazioni lussuose.

    Abbiamo una classe dirigente che, come minimo, e salvo poche eccezioni, meriterebbe di esser cacciata via a pedate.

    In altre epoche antiche  questo avveniva, oggi non più........purtroppo

    RispondiElimina
  6. qualcuno (magari quei progressisti che in massa vengono qui di nascosto a spiare il "nemico") potrebbe scandalizzarsi perché io voglio dare pedate ad un ministro di Dio.
    Parafrasando il cardinale Siri dico: un sacerdote e un vescovo sono consacrati nelle mani e nella fronte e io le pedate gliele darei nel didietro, il quale non è consacrato!

    RispondiElimina
  7. Caro Antonello, apprezzo la tua denuncia ma sarà anche ora che si comincino a fare nomi e cognomi in questo blog! Possibile che tanti denuncino abusi di vario tipo da parte del clero e quasi nessuno abbia il buon senso di fare i nomi o di indicare le località precise? Diamine, di che avete paura, di beccarvi qualche querela? Suvvia, un pò di coraggio! 

    RispondiElimina
  8. DANTE PASTORELLI16 giugno 2010 18:47

    Anche questa è un'illazione. E non capisco perché un prefetto anglofono non possa rappresentare l'universalità della Chiesa. Se Pell per qualche motivo non potrà essere un (ottimo) prefetto dei vescovi, perché non richiamare a Roma Ranjith, ad es.? Rappresenterebbe l'Asia? E Scola, rappresenterebbe l'Italia? e Burke o George rappresenerebbero Obama?

    RispondiElimina
  9. lo so che mi censurerete e fate bene, lo odio anch'io il turpiloquio, però lasciatemi dire la prima cosa che mi è venuta in mente: BASTARDI.

    RispondiElimina
  10. La chiesa modernista è irriformabile con i soli mezzi umani, inutile auspicare interventi di polso dal Papa. Ormai è tutto nelle mani di Dio in cui dobbiamo confidare perché questa fase putrescente duri il meno possibile (e 50 anni di fetore modernista sono già troppi... non se ne può più).

    Lacrimosa dies illa,
    qua resurget ex favilla,
    judicandus homo reus,
    huic ergo parce, Deus.

    RispondiElimina
  11. Non resta che pregare per il Papa, affinchè scelga al meglio e lo faccia al più presto, per evitare che questa stagnazione continui, con tutte le gravi sofferenze per centinai (o migliaia) di diocesi

    RispondiElimina
  12. ma insomma, io non capisco.... volete una morale liberale, una teologia modernista, una messa che non sia degna di questo nome? volete la distruzione del sacerdozio, della gerarchia, della tradizione?  MA ANDATEVENE FUORI DAGLI ZEBEDEI E FATEVI UNA "CHIESA" TUTTA VOSTRAvediamo poi quanto dura...

    RispondiElimina
  13. Da quando nel vocabolario di un tradizionalista, alla voce Papa si può accostare la parola "fantoccio"?
    Credete davvero di fare il bene della Chiesa di Cristo con queste espressioni?

    RispondiElimina
  14. bha! Sarà il caldo!

    RispondiElimina
  15. <span>
    <span>Avrei messo un "mi piace" al suo commento Francesco, se non ci fosse quel "fantoccio" riferito al Papa.  
    No, il Santo Padre non è un fantoccio,  è probabilmente un ostaggio, è impedito, è ostacolato, non riesce ad imporre la sua volontà, e deve soffrirne parecchio, a noi non resta che pregare con ancora maggior forza per lui.  
    Sono disgustata dai lupi, dai giuda, che gli sono vicini .  
    Filoni e amici, sono potenti, hanno il potere di vanificare i documenti del Papa, vedi Summorum Pontificum, hanno il potere di imporre alla Chiesa un rito sincretista, di nuovo disobbedendo al Papa, hanno il potere di fare in sorta che l`approvazione del Papa per la proclamazione del Santo Curato d`Ars si perda per strada.  
    Certo vorrei tanto che il Santo Padre prendesse una scopa e facesse le pulizie a fondo  di primavera, ma so, o temo, che non lo farà, non è nel suo carattere, anche altri lo sanno e ne approffittano. </span></span>
    <span><span>Che si vergognino, ma per questo dovrebbero avere una coscienza e dubito che ne abbiano una.  
    Obbediscono ad altri padroni.  </span></span>

    RispondiElimina
  16. dici per me?? ahahahha!!

    RispondiElimina
  17. facile dirlo questo, a mo' di sfogo....
    ma dal 1965 quelli hanno detto: "Hic manebimus optime!"
    *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  18. DANTE PASTORELLI16 giugno 2010 19:56

    E ottimamente ci son rimasti e saliti alle più alte cariche.

    RispondiElimina
  19. <span>eccerto, perchè nella loro superbia mentre pedicano il rispetto, il dialogo, il valore della pluralità vorrebbero che tutti fossero come loro... e in questo proposito si adoperano anima e corpo. (sempre che ce l'abbiano ancora, un'anima..)
    </span>

    RispondiElimina
  20. Sulla nomina di Pell si gioca il futuro stesso di Benedetto XVI. O dimostra di avere forza e coraggio per portare avanti scelte coerenti, o lo mangeranno definitivamente. Ma se lo mangeranno spero abbia la consapevolezza di ripensare  al  rapporto  tra vescovi e papa, che oggi a me sembra scoppiato. 
    Ci sono segnali brutti, uno e' la vicenda della mancata proclamazione di San Giovanni Vianney a patrono dei preti.
    Ora aspetto questo passo per capire meglio.
    Una parte del clero e' furibonda contro Benedetto  XVI, sono disposti perfino ad un po' di latino nei canti  pur di dire le loro eresie domenicali.
    Rimane poi tutto il discorso nn solo sulla interpretazione dei testi conciliari, ma anche dell'analisi dei testi.
    Ma  in che vicolo cieco hanno messo la Chiesa?????

    Cmq nn sara' Benedetto XVI il papa della restaurazione come ho sempre pensato.

    RispondiElimina
  21. Di questo passo qualcuno consegnerà la Chiesa agli ebre-massoni.

    RispondiElimina
  22. Antonello delle 0re 18,18
    aspetrtiamo di conoscere la Diocesi, perché è giusto che si sappia.

    RispondiElimina
  23. Antonello delle 0re 18,18
    aspetrtiamo di conoscere la Diocesi, perché è giusto che si sappia.

    RispondiElimina
  24. Ma come si può pensare che il il numero 2 della Segreteria di Stato, Mons. Filoni, possa comandare così largamente, al punto di fare e disfare qualsiasi cosa.
    Se effettivamente ha questo grande potere, questo è pericoloso e non giova alla Chiesa.

    RispondiElimina
  25. rispondendo a CAJETAN AG in un recentissimo commento mi ero espresso sul CARDINAlE PELL che se fosse vera la sua candidatura , avrebe fatto bene a rinunciare ad abitare i SACRI PALAZZI APOSTOLICI  , NIDO DI SERPI E CORTE DI EUNUCHI .......

     Vedo che a  conti fatti il CARDINALE la pensa come me ............... ANCHE SI E' ESPRESSO  CON UN LINGUAGGIO BEN PIU' ELEVATO !!!!!!........ 

    LA REDAZIONE mi ha censurato ......... forse ha fatto bene !!!!!!! ........ qualche volta per me , riguardo certi argomenti e soggetti , parlare basso come l' erba E' FONTE DI PIACERE !!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  26. no, il Papa non è un fantoccio, ma sa che l'autorità papale ha ceduto terreno nei confronti della collegialità, e non si può imporre come 50 anni fa, quindi "propone" i suoi indirizzi pastorali e il suo magistero, sperando che i Vescovi abbiano almeno un residuo di venerazione per l'autorità morale del Pontefice, che una volta non si metteva in discussione.....

    RispondiElimina
  27. Non è la sola diocesi e non è il solo vescovo. Anche queste differenze, si fanno tra chiese e chiese. C'è dove vengono effettuate anche spese superflue con l'otto per mille e ci sono purtroppo chiese, opere di ingengo che in nome i una riforma per mancanza di preti stanno cadendo a pezzi , volutamente.

    Diamo queste chiese ai musulmani e vedrete che belle moschee faranno.

    Meglio di essere presi per i fondelli da vescovi e uomini di curia.

    RispondiElimina
  28. Bah, dove sono adesso quelli che nel post sul Rinnovamento si lamentavano della nostra mancanza di fraternità? perché non gridano ora per quello che stanno facendo i superiori? ma certo, anche nella Chiesa i deboli vanno presi a calci, i forti vanno presi a sorrisi!

    RispondiElimina
  29. Antonello insegna anche in un seminario interdiocesano e quindi modernista e il pretame e vescovame modernista lo conosce molto bene ed ha imparato alla perfezione i metodi dei modernisti e li usa con loro. Antonello non ha intenzione di farsi licenziare in tronco.
    Dico solo che il mio "lavorare" con discrezione ha permesso ad almeno tre preti di poter conoscere prima e celebrare poi (anche se in forma catacombale) la messa antica; a questi preti ho pure fatto aprire gli occhi sulla catastrofica situazione teologica e pastorale che ignoravano totamente.


    Nella Chiesa c'è bisogno di parlare chiaro e apertis verbis ma serve anche agire silenziosamente e senza farlo vedere, dall'interno.

    In parole povere: serve usare gli stessi metodi modernisti per minare il neomodernismo.

    RispondiElimina
  30. Speriamo che il Signore illumini la mente del Santo Padre e gli faccia trovare un degno sostituto al Card. Pell.
    Vi immaginate Mons. Burke  come prefetto dei vescovi? sarebbe bello, ma totalmente impossibile.

    RispondiElimina
  31. Redazione di Messainlatino.it16 giugno 2010 22:10

    Se la memoria non mi inganna, neanche l'originale fu un granché gradito. Quindi vediamo di non ribadirlo.

    RispondiElimina
  32. Nell'elenco della trahison des clercs, forse potreste aggiungere Marx (quello vivo e vegeto).Eufemia

    RispondiElimina
  33. Complimenti ad  Antonello.  Fin che potrai fallo, ma temo verra' il giorno che dovrai anche scegliere.  Spero di no ..... ma in genere ai bivii si arriva prima o poi

    RispondiElimina
  34. capito al volo ........

    ...........CHI E' POSTO IN ALTO ........... DEVE !!!!! ....... DEVE AVERE la consapevolezza delle proprie scelte e decisioni anche se diverse dalla propria formazione culturale  , estrazione sociale , sensibilita' , carattere e chi piu' ne ha piu' ne metta ......... 

    ........  credetemi SEMPRE con la piu' grande ammirazione per VOI !!!!!!!!! ........

    RispondiElimina
  35. capito al volo ........

    ...........CHI E' POSTO IN ALTO ........... DEVE !!!!! ....... DEVE AVERE la consapevolezza delle proprie scelte e decisioni anche se diverse dalla propria formazione culturale  , estrazione sociale , sensibilita' , carattere e chi piu' ne ha piu' ne metta ......... 

    ........  credetemi SEMPRE con la piu' grande ammirazione per VOI !!!!!!!!! ........

    RispondiElimina
  36. Guardia Svizzera16 giugno 2010 22:36

    Ribadisco , se fosse vera la ridda di voci  citata dall'editoriale del Telegraph, la mia piu' totale delusione verso il cardinale Pell . Egli dapprima e' parso aver riunciato alla nomina ,  ora sembra che invece essa abbia subito un veto. Possibile che i modernisti sgomitino con successo  per un posto in Curia mentre i "nostri" siano un "pappata di mozzarelle" bravi soltanto a farsi goffamente sgambettare?

    RispondiElimina
  37. Guardia Svizzera16 giugno 2010 22:36

    Ribadisco , se fosse vera la ridda di voci  citata dall'editoriale del Telegraph, la mia piu' totale delusione verso il cardinale Pell . Egli dapprima e' parso aver riunciato alla nomina ,  ora sembra che invece essa abbia subito un veto. Possibile che i modernisti sgomitino con successo  per un posto in Curia mentre i "nostri" siano un "pappata di mozzarelle" bravi soltanto a farsi goffamente sgambettare?

    RispondiElimina
  38. Redazione di Messainlatino.it16 giugno 2010 22:55

    Capisco la rabbia, ma devo richiamarti. Non ti censuro, per stavolta... ma la prossima, conta fino a 10 e argomenta.

    RispondiElimina
  39. Il "Papa della Restaurazione" non ci sarà mai.

    RispondiElimina
  40. non ho mai sperato in una RESTAURAZIONE della CHIESA fino ieri ..... 

    mi rendo conto invece che si stanno attraversando tempi di una gravita' senza precedenti ......... 

    RispondiElimina
  41. Eppure... il motu proprio e la levata della scomunica hanno rivelato i pensieri di molti cuori, nel collegio episcopale e in quello presbiterale. almeno adesso è chiaro a tutti noi il perché non volessero la messa di sempre: per spirito diabolico e massonico. la lotta sarà dura, ma almeno il nemico ha perso la sua maschera.

    RispondiElimina
  42. non certo la restaurazione di una MONARCHIA anteriore al 1870 ..........

    nella RESTAURAZIONE DELLA DOTTRINA SI !!!! .....  eccome !!!!!! ......

    SE ANCORA SI VUOL DEFINIRE LA CHIESA , UNA , SANTA , CATTOLICA APOSTOLICA .....

    ..... ma non mi meravigleirei piu' di tanto ....... SE .......  IN UN FUTURO dovessero non dico cambiare ma abolire il CREDO !!!!!!!! ...... il che mi lascerebbe nell'

    indifferenza la PIU' ASSOLUTA !!!!!!!!  ..........

    RispondiElimina
  43. Uuuh, Vittorio.. senza precedenti?..
    Io direi invece che a precedenti ben più gravi ci aveva abituato GPII. Requiescat..
    Sono grato al Signore di esser stato bambino e adolescente sotto GPII e ragazzo con Benedetto XVI: credo sarei letteralmente impazzito ad assistere ad Assisi '86, o al bacio del corano, o ai mille balletti d'offertorio (per tacere delle messe polinesian style, di quelle mexican style, di quelle native-american style ecc ecc..)..

    RispondiElimina
  44. Beh, ormai sappiamo che Messali e Lezionari si adottano, modificano o abrogano SEMPRE previo benestare della comunità ebraica.
    Quanto ai massoni.. non  serve "consegnarla". I massoni della Chiesa non se ne fanno nulla.. loro hanno già il loro credo. Al massimo la demolirebbero: ma vuoi mettere il piacere farlo da soli! Poi di fronte alle macerie esclamare soddisfatti come fece il Card. Daneels dopo aver smantellato la Chiesa in Belgio: "quello che la Chiesa ha perduto in quantità, ha guadagnato in qualità!".. uno così lo licenzierebbero pure alla Coop!..

    RispondiElimina
  45. Forse il ragazzo voleva dire che comportandosi costoro come figli spurii e infidi, possono essere definiti "bastardi". Sicuramente, invece, non intendeva alludere alla loro capacità di portar basti, perché di basti non hanno alcuna intenzione di portarne, ma al massimo, come certi figuri di evangelica memoria, sanno imporne di immani al prossimo.

    RispondiElimina
  46. Nobis quoque peccatoribus17 giugno 2010 02:11

    E' difficile congetturare sulla posizione di un Papa. Nessuno sa cosa veramente pensi Benedetto XVI, e se esistono quali siano gli "assi" nella manica modernista.
    Quando si parla di "restaurazione" si tocca ovviamente un tema molto delicato. Se veramente un Papa volesse scrollare dalla Chiesa l'offuscamente modernista non dovrebbe far altro che agire. Spesso si temono persecuzioni sanguinose a se' e ad altri e scismi. Ma Il Cristo Signore non ci ha mai promesso vita tranquilla per professare la fede. Cio' implica accettare scientemente il proprio e altrui martirio senza infingimenti. So tuttavia che e' poi assai difficile scontrarsi con la realta'......
    FdS

    RispondiElimina
  47. Filippo Burighel17 giugno 2010 03:19

    Scola rappresenterebbe CL. E ai porporati italiani sta sui "ministri dell'interno" per questo, perché visto in qualche modo di parte (anche se il ragionamento è pari a impedire a un domenicano di essere alla guida della congregazione dei religiosi perché non rappresenterebbe anche i francescani...) e perché apertamente "benedettiano", quindi l'opposto del loro progressismo cazzolico.

    RispondiElimina
  48. Filippo Burighel17 giugno 2010 03:30

    Spirito diabolico, concordo. Ma non capisco perché chiamar in causa la massoneria così "ad minchiam". Le posso direi con assoluta certezza che la maggior parte dei massoni, semplicemente, della Chiesa se ne frega, tanto nel bene quanto nel male. Poi c'è una massoneria che disprezza la Chiesa e vuole distruggerla, ma rappresenta una parte di un fenomeno molto più vasto. Cerchiamo di non sparare nel mucchio, tanto per fare.

    RispondiElimina
  49. Secondo Andrea Tornielli, che è in generale molto bene informato, sarà il cardinale canadese OUELLET a succedere a Rè.

    RispondiElimina
  50. mi risulta che è molto favorevole ai neocat. Ma tanto, ormai, pullulano anche i vescovi ammaliati o conniventi o chissà....

    RispondiElimina
  51. Come "Sono senza carità"? Parli di te stesso o è una accusa? Evitiamo di giudicare i cuori, direi. No?

    RispondiElimina
  52. Li ha accolti a Montreal, dove hanno aperto che cosa?...Un seminario internazionale!
    La situazione della Chiesa canadese è disastrata, i seminari sono vuoti, si sa che il vuoto attira e che i neocat vanno dove c`è il vuoto  e lo riempiono, purtroppo lo riempiono con le loro prassi distorte e non conformi.
    Ma che importa?  Si fa con quel che si ha...Correggere? Ma non pensarci nemmeno, tanto non accetteranno le correzioni. Il cnc o l`acccetti in blocco, senza cambiare una virgola,  o se ne va.
    È una cosa drammatica assistere impotenti al `non agire di questi vescovi e cardinali che  aprono le braccia al cammino nc, senza conoscere i testi, senza dire un parola su  quella "liturgia" sincretista, anzi celebrandola.
    Lo stesso Ouellet ha avuto delle parole stupende sulla  divina Liturgia, sull`Eucaristia, come può nel contempo lodare chi quella  Liturgia l`ha stravolta è un mistero...o forse no.

    RispondiElimina
  53. Attenzione a quanto scrive oggi Rodari citando un articolo del Corriere della Sera "
    Ma, a ben guardare tra le righe dell’articolo, una notizia c’è. Ed è il lancio della candidatura del sostituto Filoni alla guida di Propaganda Fide. Tutto l’articolo sembra essere finalizzato ad avanzare l’ipotesi di questo “promoveatur ut amoveatur”. Filoni è sostituto dal 2007 (solo da 3 anni). I suoi predecessori sono stati Sandri (7 anni), Re (11 anni), Benelli (10 anni), Dell’Acqua (15 anni). Gli unici sostituti che sono rimasti in carica per poco tempo sono stati Caprio (3 anni) e Cassidy (1 anno). Anche loro furono promossi in altri lidi perché non convincevano.
    Se Filoni andrà a Propagnada Fide, Bertone cercherà un suo secondo di fiducia. Chi potrebbe essere? C’è chi dice che il migliore sarebbe Bertello."

    RispondiElimina
  54. <span>Ma a loro basta qualcuno che riempia il vuoto. In che modo, non importa: basta che non diano troppi fastidi. Quindi i tradizionalisti sono esclusi a priori, nonostante il loro successo vocazionale. A chi vengono aperte le porte? Ai movimenti, la cui strategia di reclutamento vocazionale ricorda paurosamente il modo con cui fanno proseliti le sette protestanti radicali; e agli stranieri dell'Africa e dell'Asia, non solo - s'intente - a coloro che hanno una vocazione autentica, ma anche a chi abbraccia lo stato ecclesiastico per togliersi da una situazione di miseria e degrado. Delle poche vocazioni occidentali, quelle buone vengono o ostacolate o fatte appassire a causa di un insegnamento deviato e inconsistente.  
     
    Si chiede da dove dovrebbe cominciare una riforma seria della Chiesa? Guardiamo all'esempio del Tridentino: dai seminari, dai luoghi di formazione. Finché essi saranno in mano dei progressisti o, nel migliore dei casi, di una categoria intellettuale cattolica completamente succube del pensiero moderno, non aspettiamoci grandi cambiamenti. La decadenza è venuta dal clero, la rinascita verrà pure dal clero. È nella natura delle cose, poiché la Chiesa ha una struttura gerarchicamente ordinata e il gregge non può rimettersi completamente in sesto se i pastori non tornano a fare il loro dovere. Noi laici possiamo dare una mano, certo. Anzi, il nostro compito, in questa fase, è imprescindibile. Tuttavia non dobbiamo farci illusioni: la tendenza si invertirà in modo decisivo solo quando si cesserà di aprire le porte dei seminari a morti e feriti e si tornerà ad impartire nei luoghi di formazioni un insegnamento solido, serio, tradizionale, fondato sul pensiero di S. Tommaso d'Aquino e non, come prescrive il Concilio Vaticano II, sul "patrimonio filosofico perennemente valido", cioè su una serie sconnessa di verità presenti in ogni tipo di pensiero (anche agnostico o anticattolico), non ordinate in un sistema di giudizi validi e quindi non costituenti una filosofia vera e propria.</span>

    RispondiElimina
  55. <span>
    <span>Spero che sia la solita notizia infondata, non che non mi rallegrerei dell`allontanamento di Mons. Filoni, ma il suo arrivo a Propaganda Fide, frutto di un possibile se non probabile "marchandage", stile "me ne vado, ma allora mi date  la Propaganda Fide", significherebbe che non ci sarà più nessun limite al potere e alla diffusione del cammino neocat, grazie al potere del papa rosso.  
    Leggete la Pastor Bonus, a partire dall`art.85. </span></span>

    RispondiElimina
  56. DANTE PASTORELLI17 giugno 2010 13:23

    De propaganda haeresi

    RispondiElimina
  57. DANTE PASTORELLI17 giugno 2010 13:25

    Devono esser mooooolto interni.

    RispondiElimina
  58. Il problema è il seminario, cioè la formazione; e da decenni c'è una de-formazione.
    Daniele, a ragione, dice che oggi sono in mano ai prigressisti.
    Ma i progressisti ci sono arrivati da soli a (de)formare il clero?
    E qui il discorso s'allarga. Il problema sono i vescovi progresisti che mettono progressisti ovunque e schiacciano quei pochi "conservatori".

    Cambierà qualcosa quando ci saranno vescovi antimodernisti e antirahneriani.

    RispondiElimina
  59. ho assistito a quel momento storico ......... quello che piu' mi ha colpito è stato il costume del DALAI LAMA con draghi in broccato d' oro ricamato su oro ......per  il resto un' aria di fiera da paese .......... c' erano dei LEFREVIANI a fare del volantinaggio , visti con ostilita' se non ignorati ... profetici , riconosco che hanno le palle !!!!!! ...... 

    io invece sono nato sotto il pontificato di PIO XII ........ ed ho vissuto sulla pelle la rivoluzione francese del 1968 ....... ho assistito da ragazzo , come sotto il TERRORE  , ad una MESSA CLANDESTINA in una casa di campagna con le imposte chiuse detta da monaci irlandesi  ,  so ancora individuarne il luogo ...............
    anni di persecuzione segnati al dito .....
    che faccia tosta !!!!!!!  hai voglia a dire che il MESSALE DI SPIOV non è stato mai abolito .... semplicemente perche' NESSUNO MAI potra' farlo .......... in compenso e' stato  soffocato , questi si ,   questo è stato fatto .. ne sono testimone -

    RispondiElimina
  60. Andrea Carradori17 giugno 2010 17:28

    Che ce ne facciamo di una Chiesa fatta di carrierismo, di manovre ( che ci sono sempre state ) e di fin troppo umani veti da manuale Cencelli...
    Il momento è tale che ad ognuno è rivolta la domanda del Divin Redentore " mi ami tu " ?
    Tu ami Cristo e la Sua unica Chiesa oppure ami Mammona che in questi tempi ( pre-apocalittici ?) sta centuplicando le sue astute battaglie contro il Papa e contro la Chiesa Cattolica.

    RispondiElimina
  61. la massoneria se ne frega oggi della CHIESA ..........
        ....... è vero !!! .
    obbiettivo raggiunto !!!!!!!!! .... 

    RispondiElimina
  62. Tanti cardinali e moltissimi Vescovi sarebbero da riportare allo stato Laicale,poichè sono idegni nell'ufficio che reggono, sono degni  figli di Giuda Iscariota pensano più alla borsa che al bene delle anime e alla chiesa rendono un cattivo servizio.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.