sabato 15 maggio 2010

Dagli Atti degli Apostati: il Farinella marsicano

Dopo aver parlato di don Elvis, inaspettatamente la nostra permanenza nella diocesi dei Marsi si protrae. Infatti di "pellegrinaggi papali a finte lenzuola sudariate" ecc., parla anche don Aldo Antonelli, parroco di Antrosano (AQ) in suo articolo, in cui tra l'altro dice:

Ricevo, dalla "Consulta nazionale della aggregazioni laicali, l'invito a "Regina Coeli" del 16 maggio in Piazza San Pietro "per testimoniare a Benedetto XVI l’affetto del popolo cristiano".... Io il 16 maggio andrò alla Marcia per la Pace ad Assisi, mi tufferò in quel popolo diverso e variopinto, plurale e aperto che è il "popolo della Pace". Mentre mi fa pena questo popolo bigotto che si chiude a riccio in difesa di un personaggio-feticcio che niente ha a che spartire con il "popolo di Dio sparso per il mondo".

Visitando il sito potrete godere di un'ampia panoramica degli articoli di don Aldo, ad esempio a proposito del Maledetto celibato! imposto da una "tradizione sessuofobica". Principali obiettivi polemici sono Berlusconi e il Papa, disobbedire ai quali è un Dovere morale (passi per Berlusconi...ma il Papa?!? ah già, secondo don Aldo il successore di Pietro è un "personaggio-feticcio"): "Ambedue ladri e ambedue assassini: uccisori di democrazia e affossatori del Concilio."
Se avete ancora stomaco, continuate a leggere qui: http://www.liquida.it/aldo-antonelli/




Di nuovo, tanti complimenti al Vescovo!

190 commenti:

  1. DANTE PASTORELLI15 maggio 2010 19:21

    Lo stomaco che la Redazione richiede io non ce l'ho. E preferisco che sia quieto perché fra un quarto d'ora m'aspetta la quotidiana cena.
    Quanto al Vescovo, i fedeli non sanno proprio protestare? Qui in ballo c'è la fede, la morale della Chiesa, l'offesa priva di giustificazione per il sin troppo mite Pontefice, colpito come uomo e come Vicario di Cristo.

    RispondiElimina
  2. Abituato in Emilia Romagna credevo di avere stomaco buono. E sono andato a vedere. Ho vomitato! Comunque di cricche di preti così ce ne sono in tutte le diocesi. Molti dicono cose di quel tipo ma di solito lo fanno fra loro, questo almeno non fa parte di una cellula dormiente. Spiattella ciò che pensa ai quattro venti.

    RispondiElimina
  3. <span>Ancora una volta sostengo che questi personaggi non hanno tutta la colpa, la responsabilità principale per i tanti farinella, de capitani & c.  ce l'hanno i rispettivi vescovi che non vigilano, non li mettono in riga e che, probabilmente, sotto-sotto sono d'accordo con costoro... 
    ricordatevi che con il vs. 8x1000 finanziate elementi di questo genere.... date le vostre offerte direttamente ai buoni sacerdoti che pure -grazie al cielo- non mancano: i buoni devono sopravvivere per il nostro bene. I parassiti crepino pure d'inedia: non sentiremo la loro mancanza.</span>

    RispondiElimina
  4. Mi chiedo cosa aspetta il vescovo a scomunicarlo.
    Apostata eretico...ed anche ateo.
    Cari lettori del blog...ora capite perché il venerabile mons. Lefebvre innalzò il vessillo della Croce di Cristo!

    RispondiElimina
  5. Non riesco ad andare sul sito, introvabile.
    Certo quel sacerdote, anzi parroco, dunque con guida e responsabilità di anime, è unito al Successore di Pietro, certo lui è cattolico, ha il suo posto in pieno diritto nella Chiesa cattolica, ama e rispetta il Papa, posso dirlo? Che schifo! Un personaggio simile  che ci fa nella Chiesa cattolica, che cosa aspetta il suo vescovo per sanzionarlo?
    Sono tutto codardi? O sono d accordo con lui? Chi tace acconsente.

    RispondiElimina
  6. Anch'io mi astengo da ulteriori approfondimenti alla notizia.
    Quanto può risultare credibile uno che giorno 15 del mese maledice Papa, Vaticano, Tradizione e tutto il resto e giorno 27, invece, se ne dimentica?
    Ma forse, oltre alla castità a costoro sta stretta anche la povertà. Dell'obbedienza non ne parliamo.

    RispondiElimina
  7. ma esiste ancora la scomunica ?
    qui ho letto che è stata abolita dopo il Concilio (a parte il caso di Lefebvre)....

    RispondiElimina
  8. Toccategli l'8x1000, poi vedrete come si rabbonisce.

    RispondiElimina
  9. ma perchè si è fatto prete allora????

    RispondiElimina
  10. Che schifo! Ma la CEI non ha una commissione...dottrinale? Ah, dimenticavo! Quella serve soltanto per sponsorizzare eventi e per scrivere
    astruse lettere ai cercatori di Dio. Forse non può occuparsi dei comuni fedeli, presupponendo in buona fede che questi abbiano già trovato Dio. E poi, diciamocelo francamente: forse pensano che il pensiero di questo don (!!!!) Antonelli vada inquadrato nella ricerca di Dio e perciò aspettano. Se di fronte ad una scomunica dovesse arrendersi e non ricercarlo più? Chi si assumerebbe la responsabilità? Io, voi, Messainlatino? Non scherziamo con le cose serie!  :'(

    RispondiElimina
  11. e Milingo! Ma quest'ultimo buffone ne ha dovute combinare di tutti i colori prima di essere scomunicato!

    RispondiElimina
  12. Sapete a chi sto pensando? Agli eroici sacerdoti di Novara che non sono più parroci perche volevano celebrare la Santa Messa di sempre, con loro sono andati a cercare il pelo nell'uovo..... mentre don Aldo è Parroco regolarmente e tranquillamente...... che vergogna....... ma la colpa è del Vescovo Mons. Santoro  e della Curia di Avezzano che permettono a questo personaggio di scrivere roba del genere.......
    Solo i preti che celebrano la Messa tridentina vengono perseguitati mentre a questi personaggi si lascia fare...... arriverà  la mano di Dio a castigare certi Vescovi indegni.....

    RispondiElimina
  13. <span>, ANATEMIZZARE OGNI ERRORE,</span>
    già...e quando lo diceva, quell'Ecc.mo vescovo <span>Radini Tedeschi <span> ? prima del Concilio, immagino...</span></span>
    quando non si usava ancora la medicina della misericordia (=medico pietoso, piaga in cancrena) bensì le Opere di Misericordia spirituale:
    1- consigliare i dubbiosi
    2- insegnare agli ignoranti
    3- ammonire i peccatori
    ma erano altri tempi, quando si insegnavano i Novissimi
    e che Dio è infinitamente Giusto e Misericordioso e la sua Giustizia è l'inscindibile qualità della sua Misericordia: perchè se fosse ingiusto o poco giusto, ne sarebbe limitata proprio la sua Misericordia; Egli è Perfetto !
    (ma noi meschini gli abbiamo,<span> per nostra comodità ideologica</span>, affibbiato il gretto buonismo, la nostra miserabile caricatura della Carità, Amore infinito ed eterno, che è Fuoco inestinguibile che brucia in eterno, di felicità o di infelicità....)

    RispondiElimina
  14. ne ho viste e sentite tante CHE  preferisco stare alla finestra e vedere .......... la marcia della pace ........ma .........  ci sta pensando GIOVE PLUVIO !!!!!!!

    RispondiElimina
  15. Dunque, il 5 maggio don Elvis riporta su Facebook la faccenda delle "finte lenzuola sudariate" ecc., il 7 maggio don Aldo effettua un mirabile copia-incolla e ribadisce l'identico concetto, parola per parola, firmandolo a suo nome. Deve piacergli, la parola "sudariate", a tutti e due.

    RispondiElimina
  16. non foss'altro che per difendere il Concilio un tizio come il Nostro sarebbe da sistemare a dovere. Ma evidentemente a chi di dovere non dispiace che il Concilio abbia simili difensori.....

    Dispiace però perchè il Concilio e il suo spirito saranno affossati propio da personaggi come questo.

    RispondiElimina
  17. DANTE PASTORELLI15 maggio 2010 21:03

    Voglia di lavora' sartemi addosso.

    RispondiElimina
  18. era uso presso gli antichi romani , tenere una pecora nera nel gregge  perche' credevano attirasse su di se i fulmini salvando così le altre pecore ......... 

    RispondiElimina
  19. si sta facendo  ripulisti ???? o  il caso  pedofilia nella CHIESA ...........  E' SOLO UN CASO A SE !?!?!?!?!?!? ..........

    RispondiElimina
  20. Chi si esprime cosi' non e' cristiano, non e' cattolico, non e' prete,ma solo un esempio da manuale di eresia, apostasia e scisma, Rendera' certamente conto delle sue parole e delle sue azioni alla Giustizia di Dio.

    RispondiElimina
  21. arriverà....ma quando ?

    RispondiElimina
  22. e meno male !!!!........

    avevo scritto su questo blog che nei seminari vi entrano cani e porci , senza contare chi teme il sudore per il proprio benessere fisico e chi invece teme i calli alle mani o allora chi vi entra lo fa su consiglio del medico ....... l

    a REDAZIONE mi ha sempre censurato ...... 

    RispondiElimina
  23. non essere cattivo ......

    è solo una povera pecorella smarrita !!!!!!!!!! ......... 

    non bisogna sempre condannare , condannare , ma capire e dialogare .........


    PAOLO VI a MONS. LEFEBVRE ..............

    RispondiElimina
  24. DANTE PASTORELLI15 maggio 2010 21:29

    Attento, a parlar così arriva qualche detentore della nuova verità ca rimandarti subito al rogo.

    RispondiElimina
  25. quale primavera15 maggio 2010 21:29

    ma QUANDO verrà fuori sulla scena ecclesiale qualcuno che si assumerà questo onorevole compito di far capire a tutti i cattolici 
    QUALE ERA ED E' effettivamente il vero "spirito del concilio" ?
    Nessuno si sente in grado di farlo ?
    neanche il Papa ?
    rimarrà nella storia allora un Concilio incompreso,  non espresso ? dallo Spirito mai rivelato, mai ben identificato e mai conosciuto dai cristiani che erano destinatari dei suoi doni, riversati in quel Concilio, e che si dovevano nutrire dei suoi benefici frutti ?
    quali erano le mitiche gemme primaverili che secondo il card. Suenens erano lì pronte a sbocciare e che
    "aspettano ancora il pieno sole per fiorire"?
    Quando e da quale segno potremo vedere che è iniziata quella primavera di cui ci diedero l'annuncio 45 anni fa, e che quelle gemme -se sono ancora lì- stanno cominciando a sbocciare, e non è solo
    un miraggio ?

    RispondiElimina
  26. sì, ma almeno Don Abbondio obbediva.....

    RispondiElimina
  27. Guardia Svizzera15 maggio 2010 21:29

    Poi dicono che il lupo marsicano sia in via d'estinzione. Ma la S. Sede che fa ? Medita una qualche "Pastorale del dito nel naso"?

    RispondiElimina
  28. quale primavera15 maggio 2010 21:31

    QUALE  sarà la generazione che si potrà giovare dei frutti che (forse) un giorno spunteranno dal quell'albero, visto che le gemme non sono ancora sbocciate, dopo due generazioni e mezzo ?
    o sono già sfiorite e nessuno se n'è accorto (in mezzo a quel buio e a quella tempesta di cui parlò Paolo VI...) ?

    RispondiElimina
  29. <span>povertà retribuita, castità saltuaria e obbedienza dialogata: ecco il Concilio. Non so se avete visto lo squallido "spettacolo" dato da alcune monache di clausura su raitre. Veramente desolante vedere delle anime consacrate parlare di obbedienza "consapevole" come se non lo fosse mai stata prima d'ora.</span>

    RispondiElimina
  30. e questi allora sono i mitici "frutti" del Concilio ?
    o c'è altra frutta da cogliere su quell'albero, che sta maturando, un po' più commestibile?
    o "siamo alla frutta" ? (o "alle"....)?

    RispondiElimina
  31. ........che vada a lavorare.......avra' meno tempo.....di dire stupidate e cretinate!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  32. l' albero del CVII ha avuto da sempre . nel proprio seme che lo ha generato ,  la rogna ....... figurarsi i frutti e che frutti !!!!!!!!!

    RispondiElimina
  33. Mah! in effetti qualcuno potrebbe dire lo stesso di Mons. lefebvre!
    Un Vescovo che va contro Pietro che dignità può poi avere?
    MD

    RispondiElimina
  34. Lefebvre si è autoscomunicato!
    MD

    RispondiElimina
  35. Lefebvre ne ha fatta una soloa... ma grossa così!
    MD

    RispondiElimina
  36. SARABAITI .......... arrivi in ritardo ...........

    RispondiElimina
  37. la solita solfa noiosa e ridicola .............. ultradigerita ...............

    RispondiElimina
  38. gente cosi , senza dignita' , ignora cosa sia la DIGNITA' del lavoro !!!!!!!

    RispondiElimina
  39. Sarabaiti lefbvriani!15 maggio 2010 21:57

    Verissimo che questo soggetto che attacca il Papa è da mettere alla berlina.
    Ma tra chi segue la tradizione chi può scagliare la prima pietra? Chi dopo il gesto di Mons. lefebvre può permettersi di fare il "cazziatone" a sto simil-prete?
    Ringraziate il vostro fondatore se adesso siete fuori dalle parrocchie, se siete fuori dalle diocesi, se siete visti come il fumo negli occhi e se non potete fare la morale a nessuno!
    Poi! Questo è da mandare a lavorare come ben dice il prof. Pastorelli!
    MD

    RispondiElimina
  40. Se fossi uno dei suoi parrocchiani mi farebbero schifo quei fedeli bigotti che, pur di andare a Messa, vanno a Messa da questo prete. :'(

    E direi loro: " basta rompere con questa questione del celibato, il problema l'avete creato voi con la vostra tradizione ( recente ) sessuolatrica".

    RispondiElimina
  41. di questi tempi essere disprezzati è solo un punto d' onore !!!!!!!! DEO GRATIAS ........ almeno così ho i miei punti di riferimento !!!!! .........

    RispondiElimina
  42. Guardia Svizzera15 maggio 2010 22:06

    Mai sentito nominare San Roberto Bellarmino?

    RispondiElimina
  43. <span>Matteo, lei sembra ossessionato in un modo quasi patologico da Mons. Lefebvre e dalla FSSPX, vede dappertutto lefebvriani, anche quando non c`entrano per niente, riporta tutto a Monsignor Lefebvre, lo va a scovare fra le righe, dietro gli angoli, insomma lo vede dappertutto. 
    Potremmo parlare che so del festival di Sanremo, che riuscirebbe a collegarlo con Monsignor Lefebvre, preoccupante, davvero.
    </span>

    RispondiElimina
  44. <span> </span>
    Idem di più sopra, una vera ossessione.

    RispondiElimina
  45. adulti sventurati (senza Madre)15 maggio 2010 22:20

    <span>sono in molti a temere che la tolleranza zero sarà usata solo per la pedofilia; pare che questi   
    gravissimi scandali provocati da discorsi blasfemi, improntati al più becero ateismo marxista rivoluzionario, non siano ritenuti dannosi per le anime, e non vedremo nessuna autorità prendere provvedimenti seri per arginare questo che ormai appare un fiume in piena dell'apostasia ! nessuno fermerà più il fiume, nessuno riporterà in gabbia la tigre, che fu scatenata 48 anni fa....  
    sono discorsi ANTICRISTICI, che per quanto obsoleti rispetto agli interessi dei giovani attuali, hanno ancora una forza dirompente sui brandelli residui della coscienza morale (non formata più da serie catechesi) e della Fede, già ridotta al lumicino, di tanti cristiani di ultima e penultima e generazione....  
    e sono preti che parlano! come si fa poi a pensare che la Madonna coi suoi avvisi dati 100 anni fa sia una favola scaturita dalla mente dei Pastorelli e di suor Lucia? ah già, ma nessuno da 50 anni vuol più sentire i profeti di sventura.....ci dà più soddisfazione sguazzarci dentro ora, alla sventura, e nuotare nuotare....  
    per raggiunger la riva chissà quando, chissà con quale "salvagente"!  
    (tanto, gli spiriti forti, illuminati e adulti di oggi, nella Chiesa, che se ne fanno dei moniti della Madonna? mica siamo bambini! poi ci dicono: quale Madonna, ci basta il Vangelo! infatti, eccolo, come lo leggono e lo praticano i preti di oggi (non tutti, se Dio vuole....)  
    Figurarsi se uno va a ricordare a questi reverendi che una volta si raccomandava ai sacerdoti la devozione alla Madonna, come baluardo contro impurità, ORGOGLIO, peccati ed eresie (che risposta sentirebbero?...); Maria modello di santità, secondo la scuola di devozione di Monfort, Maria Regina degli Apostoli, dei Confessori della Fede, dei Vergini, dei Martiri ecc....  
    beh, si sa....tutta roba "di prima del Concilio", eh....anticaglie !  
    e poi...l'anno sacerdotale: questa è la risposta al percorso di rinnovamento spirituale tracciato dal Papa, vero ?  
    Il Santo Curato d'Ars interceda presso la Misericordia Divina per questi e simili sventurati (poichè quella è la vera sventura : aver spento la lucerna e non sapere più che farsene!....nè ricordare chi sia lo Sposo....)</span>

    RispondiElimina
  46. Luis Moscardò15 maggio 2010 22:22

    Sì, occhèi, che schifo, arischifo... ma cosa c'entra questa foto? chi è? un magazziniere in pensione?

    RispondiElimina
  47. Redazione e la rissa?15 maggio 2010 22:22

    A dire il vero al rogo Qualcuno ci si è mandato da solo!
    MD

    RispondiElimina
  48. Redazione e la rissa?15 maggio 2010 22:24

    In effetti la Messa dipende da chi la fa e non dal fatto che COMUNQUE nostro Signore Gesù Cristo si presenta lo stesso!? Incredibile!
    Valga anche per quelle Messe  celebrate da "pecorelle smarrite"  nonostante Mons. lefebvre avesse dato uno schiaffo in faccia la Papa!
    MD
    PS chi semina vento raccoglie tempesta!

    RispondiElimina
  49. <span><span> sin troppo mite Pontefice, </span> 
    proprio così: e questo è il grande problema, poichè oggi più che mai c'è bisogno di fermezza, con questi branchi di lupi che sbranano le anime! la mitezza non salva il Gregge, non lo protegge dai pastori malefici, infatti non è evidente che costoro fanno la voce grossa, sicuri di non essere mai raddrizzati ?</span>

    RispondiElimina
  50. Redazione e la rissa?15 maggio 2010 22:28

    In effetti visti certi post che disprezzano il Papa da parte dei tradizionalisti è Bello e dà gioia essere disprezzati!
    MD

    RispondiElimina
  51. Un'anticipazione ... leggete il foglietto "La Domenica", il mitico foglietto della messa... http://www.stpauls.it/domenica/1034do/1034dohp.htm leggetevi la riflessione sulla giornata mondiale delle comunicazioni e il  TEOLOGO di riferimento di questo "massmediologo" e fatevi un giro anche su la preghiera dei fedeli... Stasera a messa non riuscivo a capire se si celebrava ancora l'Ascensione o se capitava così, per coincidenza! A volte certi messaggi passano anche così, pian piano... E manco ce ne accorgiamo!
    Sul caso in questione: il vescovo si deve muovere, se no è colpevole. i fedeli dormono certo! Ma al vescovo tocca vigilare!

    RispondiElimina
  52. E lei cosa semina, scusi?

    RispondiElimina
  53. <span>se le "pecorelle smarrite" non celebrano con l'intenzione della Chiesa, quella VERA, le loro messe non valgono nulla</span>

    RispondiElimina
  54. Redazione e la rissa?15 maggio 2010 22:47

    In effetti la Chiesa vera è la fraternita!
    Ma allora le Messe e le ordinazioni sono valide o no?
    MD

    RispondiElimina
  55. Redazione e la rissa?15 maggio 2010 22:48

    Pedissequamente ciò che testimonia Benedetto XVI, il Papa ... non di certo quello che dice un quaraquaqua qualsiasi!
    MD

    RispondiElimina
  56. Il Bartimeo pensiero15 maggio 2010 22:49

    Si, il Bartimeo-Dellanoce soffre di ansie da persecuzione tradizionalista lefebvriana e mostra evidenti turbe comportamentali associate a strati blasfemi in cui vuol conciliare l'inconciliabile...
    Perchè non segue il consiglio sulla camomilla magari con un bel sonnifero?

    RispondiElimina
  57. e ddè seminatori
    ce ne stanno a bizzeffe

    ma la Divina Misericordia
    e nà tempesta
    che je mostrerà
    tutti gli errori
    e l'amaro pentimento
    produrra frutti di sarvezza

    pecchè a vera sconfitta dè nemici
    e che si pentano e si convertano.........

    RispondiElimina
  58. premetto che lei parla tanto di rissa e poi è sempre lei a provocarla... ora sto replicando a sue esternazioni poco corrette oltre che false e pretestuose... Le sembra che la sua interlocutrice parli davvero solo dei neocatecumenali o non lo faccia, invece quando se ne presentano i presupposti ed i riferimenti pertinenti?

    qualche problema di misoginia sembra rivelarlo lei e mente sapendo di mentire, oltre ad essere villano, nei confronti della sua interlocutrice, che è sempre stata più che corretta, chiara ed esaustiva (senza inutili e esibizionisti o depistanti arzigogoli e contorsioni mentali condite da citazioni da tuttologo).

    Il Papa ha benedetto la pietra di un Seminario neocatecumenale? OK. Mi risulta anche che il Papa si stia adoperando per la riforma dei tutti i seminari e oso sperare che la cosa riguardi anche quelli neocatecumenali... Ma non perché c'ho la fissa, ma per il bene della Chiesa, di tante vite e di tante anime, comprese quelle dei sacerdoti!

    RispondiElimina
  59. dimenticavo..vigliacchi anche i parrocchiani che non hanno il coraggio di protestare!

    RispondiElimina
  60. Leggi la parabola della zizzania Mt. 13,24 e seguenti. E' tutto spiegato nella Parola di Dio .... "lasciate che l'una e l'altra crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura.....
    Provate a leggere questa parabola è di una IMPRESSIONANTE attualità, tra l'altro vi si spiega che la zizzania all'inizio non si confonde col buon grano, ma col passar del tempo si distingue sempre di più.......
    Sono convinto che il Signore sta per prendere in mano la situazione...... rimaniamo sereni col Rosario in mano

    RispondiElimina
  61. <span>Da una recente ricerca, commissionata dall’Associazione webmaster cattolici italiani all’Università di Perugia, si apprende che in Italia l’85,7% delle parrocchie ha uno o più computer e il 70% ha una connessione Internet. E, se la quasi totalità dei sacerdoti usa Internet soprattutto per ricercare materiale pastorale, molti (67,6%) usano la rete per svolgere attività pastorali e di catechesi.</span>
    <span><span>Tarcisio Cesarato - </span><span>massmediologo</span></span>

    <span>"Perché i sacerdoti e gli operatori della pastorale non temano di inserirsi nel mondo digitale per informare e formare al Vangelo e alla vita della Chiesa, noi ti preghiamo."</span>

    Davvero una preghiera bellissima, di quelle che sgorgano dal profondo. E, secondo i dati del massmediologo, pare che abbia funzionato pure!

    RispondiElimina
  62. <span>se esaminasse bene fatti e circostanze e si documentasse un tantino mettendo da parte la 'strana' viscerale avversione che rivela (e che lo acceca), dovrebbe concludere che Mons. Lefebvre, con molta sofferenza, si è fatto anatema per fedeltà a Cristo e per salvare altri...  
    </span>

    RispondiElimina
  63. Redazione di Messainlatino.it15 maggio 2010 23:12

    E allora perché perseveri, Vittorio?

    RispondiElimina
  64. cosè, oltre a MD anche la mosca cocchiera?

    RispondiElimina
  65. Il Papa ha tolto le scomuniche alla Fraternità, come lei la chiama e sta facendo i colloqui per il rientro appieno nella comunione ecclesiale. Gioisca di questa cosa insieme col Papa Benedetto XVI! che come lei insegna, non è un quaraquaqua qualsiasi...

    RispondiElimina
  66. Hanno dunque seguito l'esortazione di Karl Barth! La Bibbia in una mano e il giornale nell'altra! Chissà se aveva indicato anche la testata...

    RispondiElimina
  67. Sarò probabilmente un provinciale, ma il prete coi baffi mi mancava ancora dalla collezione ... 

    RispondiElimina
  68. DANTE PASTORELLI15 maggio 2010 23:26

    ai bravi.

    RispondiElimina
  69. Credo sia giunto il momento di creare un movimentoi ecclesiale tradizionalista, al pari dei vari Rinnovamento ecc. E' l'unico modo per crescere come lobby potente in grado di poter contare nella Chiesa.

    RispondiElimina
  70. è stato detto e ripetuto e lei che sa tante cose dovrebbbe sapere anche questa, che scrivo per un eventuale lettore che si affacciasse solo ora:

    <span>l'ordinazione dei vescovi è valida anche se illecita. Così come sono validamente ordinati i sacerdoti della Fraternità e conseguentemente valide le loro messe...</span>

    RispondiElimina
  71. Luis Moscardò15 maggio 2010 23:41

    ...ma, occhio, i "normali" (anche se ci definiscono straordinari) siamo noi. I fautori delle Verità immutabili di Fede devono riuscire a star senza  movimento. Facciamo un gruppo democratico di pressione incominciamo a avere tolleranza zero nei confronti dei "fratelli che sbagliano".  Non facciamoci più tanti scrupoli né peritiamoci a dire le cose come stanno: se chi vigila non lo fa, non lo vuole o non lo sa fare puntiamo i piedi.
    Con pastori come questo questo pretebialetti si va lontano... dalla Verità e dalla salvezza.

    RispondiElimina
  72. ho letto ora tutto l articolo dell aldo, da un lettura  pià tranquilla si potrebbe capire che non è lui che parla ma bensì l ateo che si convertirebbe se tutti i preti fosswro come lui...artifizio  letterario per lanciare il sasso e nascondere la mano....come..un vero vigliacco.

    RispondiElimina
  73. Luis Moscardò15 maggio 2010 23:46

    ...e mi accorgo soltanto adesso di quell'altro peracottaro con la chitarra... ma che è? la fiera campionaria degl'imbecilli? A lavorare andate, a lavorare! Ché poi certi grilli per la testa passano: a lavorare!

    RispondiElimina
  74. La ragione, semmai, potrebbe essere per aver voce, non per crescere come lobby potente. Di queste ce ne sono fin troppe!

    RispondiElimina
  75. <span>Ovviamente per "pecorelle smarrite" non intendevo i lefebvriani, ma sacerdoti come quello di cui si parla, anche perché non ci può essere alcun dubbio che l'intenzione della Fraternità sia quella della Chiesa!  E mi riferivo all'affermazione di MD che il Signore si fa comunque presente...</span>

    RispondiElimina
  76. <p><span>REPETITA IUVANT.</span><span><span> </span></span><span>
    <span>Amici miei perchè strapparsi le vesti? Sono forse colpevoli don Elvis oppure don Aldo (chiedo scusa a don Aldo, persona intelligente, per averlo associato a don Elvis!)? No. I Vescovi permettono questo pubblico spettacolo. Chi ha ordinato don Elvis? Mons. Renna (sappiamo!)! E l'attuale Vescovo di Avezzano mons. Santoro, effettivo segretario politico abruzzese del Partito Democratico, non è forse l'ostinato prodotto del sinistroide mons. Menichelli, adesso Arcivescovo di Ancona e del opportunista-modernista mons. Bruno Forte, Arcivecovo di Chieti? Tutto è chiaro! Purtroppo lo ha nominato il nostro amato Benedetto!</span></span>
    <span></span></p>

    RispondiElimina
  77. DANTE PASTORELLI15 maggio 2010 23:55

    tu, intanto, lucida l'alabarda

    RispondiElimina
  78. Chi è Mons. Menichelli? quello che voleva dare la comunione ai divorziati? C'è chi dice che è tanto bravo....mah!

    RispondiElimina
  79. ma i bravi non erano eretici...

    RispondiElimina
  80. Sunt lacrimae rerum16 maggio 2010 00:32

    Don Nicola... Mons.Menichelli, che prima o poi tornerà in Vaticano, è apertamente schierato a sinistra.
    Ha rifiutato il titolo di eccellenza ed è accettato dai fratelli maggiori e dai fratelloni ...
    però sta facendo delle omelie molto moralistiche ....
    Comunque dopo aver letto queste cose quando qualche Presule avrà il coraggio di far negare la Messa antica ( SONO TALMENTE VIGLIACCHI CHE NON LO FANNO MAI DI PERSONA O PER SCRITTO MA TRAMITE TERZE O QUARTE PERSONE ) io non si come reagirò : d'ora in poi risponderò loro ( o ai loro emissari ) a tono !
    Questi vescovi hanno ridotto la Chiesa come un .... circo...
    Sono sicuro che fra i fedeli ci saranno cdrtamente delgi zelanti sostenitori del Don : bla, bla. bla.
    Vado a letto che è meglio...

    RispondiElimina
  81. Nobis quoque peccatoribus16 maggio 2010 02:07

    A giudicare dalla foto don Aldo e' uno che sa bene di aver maturato il diritto alla pensione e di non aver nulla da temere dalle gerarchie modernste che lo hanno insediato.

    FdS

    RispondiElimina
  82. Vedi leggi di Murphy

    RispondiElimina
  83. <span><span>sono tutti compatti, schierati contro la Tradizione, nell'opposizione granitica al Papa, ben uniformi nel pensiero e nell'azione anti-cristica, populistica e pacifinta, concordi e protetti tra loro e dall'alto....   
    ma quale alto ? dai Vescovi, certo; il Papa, a quanto pare, non ritiene di dover "richiamare" pastori grandi e piccoli traviati e travianti a nessun ordine, benchè sicuramente sarà addolorato per questa marea montante di ribellione e disprezzo verso i suoi insegnamenti e verso lo sttesso Vangelo: non rivolge parole chiare e forti a stigmatizzare esplicitamente tutto quel male propagato con parole e opere palesemente anticristiane e anticattoliche, contro la Fede, a danno del gregge da loro guidato...</span>  
    <span>e allora, da quel che vediamo, si è indotti a pensare che le cose stanno bene così!</span>  
    Infatti, chi potrà spiegare al Gregge smarrito, confuso e impaurito, che il silenzio del Papa non è assenso ?  
    Se la sua voce non giunge, forte e autorevole ad ogni angolo della Chiesa,<span> a tutti e a ciascuno</span>, per dire espressamente:  
    "Seguite me e non costoro!"; ed anche: "Pastore ribelle, smetti di traviare le pecore a te affidate!", 
    come potranno i fedeli capire che devono seguire il Papa e non quelli ? seguiranno senza dubbio la voce del più forte, che s'impone con arroganza, e che sta lì vicino a loro (dicendo, con atti e parole : "Il Papa sta a Roma: che parli per Roma e ci lasci fare a modo nostro!....")</span>

    RispondiElimina
  84. <span>...ma sta per giungere il momento che il Signore stesso ci mostrerà di dover accettare la persecuzione aperta, come Croce che salva tutta la Chiesa, noi e loro! noi vorremmo schierarci, farci forti nell'unione, e alzare la voce in difesa della Verità, ma ce lo impediranno con ferocia crescente: la Madonna ha parlato chiaro, e tutto si sta compiendo. 
    Si chiama Calvario, e non sarà una passeggiata o un confronto simil-politico o semiserio, ma diventerà tragico, come vero Calvario (Gersù non si è fermato sul Tabor, come Pietro desiderava...)</span>

    RispondiElimina
  85. <span>conviene prendere atto che  
    <span><span><span> </span></span><span>«la radice del disorientamento attuale non sta tanto nella forza dell’errore,</span><span><span> </span></span><span>quanto nella debolezza di quelli che dovrebbero testimoniare la verità</span><span>».</span></span>  
    (da S. Agostino)</span>

    RispondiElimina
  86. <span>è l'affermazione estrema del collegialismo (contro l'ordine gerarchico, in cui è apparentemente inserito), tradotto in anarchia e caos pastorale</span>

    RispondiElimina
  87. <span>immagine di italo-leninista anni '60:  versione già <span>"imborghesita" </span>e in pantofole, TV e PC, del mitico Peppone, autentico leader "carismatico" per  il suo popolo, ma anche (leale)amico-nemico di prete e parrocchia, coi suoi trattori e i suoi comizi paesani, all'ombra del campanile rassicurante per cristiani ed atei (e che qui è di fatto odiato del tutto....)!</span>
    (ovvero: una volta don Camillo e Peppone avevano ruoli e figure ben distinte ed erano entrambi credibili e affidabili, ciascuno visto dal suo gregge!....non esisteva il catto-comunismo, ma tra i due c'era vero dialogo, perchè c'era il senso della propria<span> identità: </span>i preti non si travestivano da cheguevara o viceversa....)

    RispondiElimina
  88. <span><span>
    <p><span>Papa Roncalli, pochi giorni prima di morire ebbe a dire: «Ora più che mai, certo più che nei secoli passati, siamo intesi a servire l’uomo in quanto tale e non solo i cattolici; a difendere, anzitutto e dovunque, i diritti della persona umana e non solo quelli della chiesa cattolica. (...) Non è il Vangelo che cambia: siamo noi che cominciamo a comprenderlo meglio». Comprenderlo meglio era «riconoscere i segni dei tempi». Vedere nell’uomo in quanto tale il vangelo che parla alla Chiesa, e «non semplicemente il destinatario del messaggio, o il protagonista di un rifiuto, ovvero - peggio ancora - il mendicante ferito di un “senso” di cui la Chiesa sarebbe custode indenne e necessariamente arrogante» </span>
    </p><p><span>Anche Papa Benedetto, nei sui discorsi a Fatima ha ripreso questo concetto. Cioè cercare la verità nella Verità. I segni dello Spirito sono dovunque e noi dobbiamo saperci aprire agli altri per coglierli.</span>
    </p><p>Questi mesi erranti e maldestri sono una prova perché gran parte della Chiesa non pensa come il Papa: dà il primato alla libertà, alla coscienza, sul dogma.
    <span>
    <p> 
    </p></span></p></span>
    <p> 
    </p></span>
    <p> </p>

    RispondiElimina
  89. DANTE PASTORELLI16 maggio 2010 08:35

    Vivevan, comunque, sfidando l'ira divina. Rileggere la presentazione che ne fa il Manzoni. E si veda la morte del conte Attilio senza pentimento durante i bagordi. Su quella di don Rodrigo forse, molto forse, lo spiraglio della misericordia si apre con la preghiera del perseguitato.

    RispondiElimina
  90. Sunt lacrimae rerum16 maggio 2010 09:40

    Lux potresti tenere per te queste esternazioni contro la sana dottrina !
    Lasciaci in pace almeno nel giorno dell'Ascensione quando i nostri occhi, come quelli degli Apostoli, vogliono guardare solo in alto !
    PS Veramente pochi giorni prima di morire Papa Giovanni XXIII si raccomandò : " Chiudete questo Concilio ! Chiudete questo Concilio" !

    RispondiElimina
  91. <span>

    Vedere nell’uomo in quanto tale il vangelo che parla alla Chiesa, e «non semplicemente il destinatario del messaggio, o il protagonista di un rifiuto, ovvero - peggio ancora - il mendicante ferito di un “senso” di cui la Chiesa sarebbe custode indenne e necessariamente arrogante»  
    non so da dove son tratte queste parole. Della frase citata commento che, se l'uomo non è destinatario del Vangelo proprio in quanto ferito di un "senso" di cui la Chiesa Una Santa è custode indenne (perché i peccatori di cui è composta, non scalfiscono la santità e la bellezza della sposa, che tale è resa dallo Sposo Divino ed è da essa che noi attingiamo), ma ne diventa il 'luogo' di rivelazione, siamo completamente fuori strada...  "cercare la verità nella verità" è una contraddizione in termini e non ha bisogno di cercare la Verità chi non la possiede, ma la 'conosce' dalla Rivelazione Apostolica e non ha bisgono di cercare nulla, ma di custodire, approfondire e diffondere ciò che ha ricevuto.
    Nostro compito e quello della Chiesa, non è cercare la verità insieme a chi non la consoce, lasciando infiltrare così l'errore, ma custodire la verità che abbiamo ricevuto e crescere sempre di più nella sua 'conoscenza' (nel senso biblico, sponsale) rendendone partecipi tutti coloro che ci è dato raggiungere: e ciò avviene attraverso la vita di fede coerente e perseverante nella Chiesa, che trasforma la nostra vita, Opera del Signore che si irradia nel mondo e sugli altri...
    Non mi piace quell'"arrogante" riferito alla Choesa, perchè la VERA Chiesa non è mai "arrogante"; tutt'al più può essere rigorosa, il che non significa rigida o solo severa, ma fedele... se insieme alla medicina della Misericordia non si applica anche la Giustizia secondo Verità, si depotenzia la mano di Dio (come dice Romano Amerio): la Misericordia è dovuta all'errante, non all'errore... è questo il grande inganno!

    <span>Anche Papa Benedetto, nei sui discorsi a Fatima ha ripreso questo concetto. Cioè cercare la verità nella Verità. I segni dello Spirito sono dovunque e noi dobbiamo saperci aprire agli altri per coglierli.</span>
    sul cercare la verità ho appena detto: non deve cercare la verità (con la v minuscola, non esiste una verità relativa) chi già è custode e quindi HA TROVATO la Verità e parte da questo Approdo definitivo e meraviglioso.
    E' vero che i segni dello Spirito sono dovunque, ma sono dovunque anche i segni del Male, che la Verità, cioè il Signore, ci permette di riconoscere, distinguere e quindi rifutare o vincerli in Lui quando ci è chiesto. I veri segni dell Spirito (doni dello Spirito del Signore Risorto) sono nella Chiesa, perché è portatrice di una Presenza che le si è consegnata e la nutre ed alimenta e la vivifica fino alla fine dei tempi... il resto è spazzatura!

    </span>

    RispondiElimina
  92. Signori, invece di tante invettive sul web, stampate le pagine incriminate del sito (o dei siti) di questi preti fantoccio, mettete in busta chiusa e mandate tutto alle Congregazioni a Roma (dottrina della fede e clero; per i vescovi aspettate che ci sia stato il cambio del prefetto). Avrete svolto il vostro dovere di cristiani e può essere pure che il Signore ci riservi qualche sorpresa positiva. Solo quando ci sarà una vera ribellione dei laici dal basso a Roma si degneranno di muovere qualche passo per restaurare la disciplina.

    RispondiElimina
  93. <span>quello che noto sempre più è questo partire sempre dall'uomo, introdotto dal concilio, invece di partire dalla Rivelazione che viene dal Signore, da Dio e ci raggiunge e ci salva... partire dall'uomo, invece, con tutti i suoi metodi e strategie che soffocano la voce dello Spirito, e pretendono di sostituire l'Azione della Grazia Santificante (che non si nomina più, nessuno sa più cos'è!) non porta da nessuna parte 
    Antropocentrismo al posto del cristocentrismo, questo è il problema...</span>

    RispondiElimina
  94. di chi fidarsi16 maggio 2010 10:19

    perchè, le Congregazioni, a quale autorità suprema obbediscono ?
    e quale criterio di giudizio e di intervento seguono fedelmente e coerentemente ?
    che garanzie abbiamo che vengano riconosciuti i torti e siano raddrizzati, sanati e risarciti ?

    DI CHI possiamo fidarci, tra tutti gli uomini di Chiesa ? <span></span>
    <span></span>CHI. quale pastore, quale membro di congregazione è disposto a<span> tutelare il Gregge </span>di Cristo,
    secondo Gioustizia e Verità, donando la sua vita, (almeno come sacrificio spirituale) ?....

    RispondiElimina
  95. effetivamente ho anch'io avuto dei dubbi quando è stata letta la preghiera dei fedeli >:o
    Mi sono detta "vabbè sei più rimbambita di quanto credi eri convinta fosse l'ascensione :-P "

    RispondiElimina
  96. Luis Moscardò16 maggio 2010 10:24

    Sì, hai ragione, ma lasciaci un po' sfogare. Giusto comunque il consiglio di far seguire alle invettive azioni mirate e ponderate. Ripeto tolleranza zero, ma non a parole: e questo riguarda ciascuno di noi. Incominciamo a far del bene al (più) prossimo che sbaglia.

    RispondiElimina
  97. di chi fidarsi16 maggio 2010 10:34

    <span>a che servirà mai    
    questa ribellione dal basso che lei auspica, se non è servita la mobilitazione normale e ordinata in 3 anni di civili e rispettose richieste, secondo legittimo permesso su carta-MP, accordato dal Papa, che è (o dovrebbe essere) l'Autorità suprema, in modo indubitabile e indiscutibile ?    
    quante suppliche, proteste e lamentele circa<span> immani aberrazioni, abomini e scempi liturgici, dottrinali, e veri soprusi</span> pastorali, umani e civili, quante denunce di veri obbrobri contro i Sacramenti e contro la dignità umana sono  state avanzate <span>NON da ora,</span> ma da decenni in questo senso, indirizzate a Roma, e sono rimaste tutte senza risposta, o degnate solo di cortesi e indifferenti risposte dilatorie e benedicenti, senza mai por mano seriamente a correzioni severe e definitive, senza procedere a un raddrizzamento intransigente -concreto e tangibile- di storture e mostruosità spirituali e morali come questa e peggiori di questa ?    
    Quante proteste e lamentele giacciono da anni, con lacrime riarse, nei cassetti del Vaticano ?    
    Lei ne sa qualcosa da fonte diretta ?</span>

    RispondiElimina
  98. <span><span>Beh io penso che le due cose possano e debbano coesistere, informare sul web, servirci intelligentemente di questo strumento E informare le Congregazioni competenti, pur sapendo, purtroppo, che le notre testimonianze, suppliche, domande, riceveranno, forse, un garbato e prestampato "accusé de réception" per poi finire nel cestino, o nel tritacarta, o al meglio in un armadio.</span></span>
    <span><span>Siamo sicuri che le nostre lettere arrivano nelle mani dei responsabili? Le lettere al Papa sono filtrate in Segreteria di Stato, se il principio è corretto, la mano che effettua il filtraggio, perchè e come lo fa, secondo quali criteri, è sempre mossa da nobili motivazioni?</span></span>
    <span><span>Per le altre Congregazioni, idem, arrivano le lettere al Prefetto? O sono filtrate prima?</span></span>
    <span><span>Ma chissà, forse sono troppo pessimista, forse se siamo veramente in molti a mobilizzarci, chissà, forse, qualcosa si muoverà, forse... </span></span>

    RispondiElimina
  99. e chi ha detto che fino al 1962 la Chiesa con le sue migliaia di Santi e Martiri e curati e prelati e fedeli grandi e piccoli, NON AVEVA ANCORA capito il Vangelo ?
    o bella ! !
    e perchè mai lo Spirito Santo avrebbe commesso questa strana ingiustizia a danno degli uomini di circa 2 millenni ? ....di lasciarli nella semioscurità (compresi gli Apostoli della Chiesa nascente, Pentecoste anno 33: quelli poveretti, non avevano ancora compreso!....) per privilegiare le generazioni vaticansecondiste ?
    =-O

    RispondiElimina
  100. buona questa! si vede che aveva allora aperto gli occhi, poareto....nel mentre stava per chiuderli a questa vita e consegnare al Signore il suo compito svolto con tante buone intenzioni e buona volontà di migliorare la Chiesa !
    (e allora vuol dire che stava già svanendo nel suo cuore, secondo anche l'allarme di S.Padre Pio, il sogno della primavera avanzante, di fronte all'arido vero che si prospettava, come il suo successore vide poi in quel fumo, buio e tempesta: il temporale vicino alle finestre socchiuse e spalancate dal vento impetuoso....)
    :'(

    RispondiElimina
  101. La censura è roba da Unione Sovietica, basta sperare in una chiesa fatta di censure e sant'uffizio, i tempi sono altri, oggi  sta ai fedeli prendere le distanze da certe idee cotrarie al papato, alla dogmatica e alla tradizione, per la politica i preti nn dovrebbero farla, Berlusconi, nn essere però sostenitori del governo nn è un reato .

    RispondiElimina
  102. Chi ha scritto:



    <span>«Io sono preoccupato per i messaggi della Beata Vergine a Lucia di Fatima. Questo insistere di Maria riguardo ai pericoli che minacciano la Chiesa è un avvertimento divino contro l'atto suicida di alterare la Fede, nella Sua liturgia… Un giorno verrà quando il mondo civilizzato negherà il suo Dio, quando la Chiesa dubiterà come dubitò Pietro. Sarà tentata di credere che l'uomo è divenuto Dio… Nelle nostre chiese, i Cristiani cercheranno invano il lume rosso dove Dio li sta aspettando, e come Maria Maddalena in lacrime di fronte alla tomba vuota, essi chiederanno: “Dove lo hanno portato?’… Io odo tutto intorno a me gli innovatori che desiderano smantellare la Sacra Cappella, distruggere la fiamma universale della Chiesa, gettare i Suoi ornamenti e farle provare rimorso per il Suo passato storico.»</span>

    RispondiElimina
  103. <p>Queste parole furono pronunciate dall'allora Segretario di Stato del Vaticano Mons. Eugenio Pacelli, futuro Papa Pio XII, cosi come le riporta il suo biografo Mons. Roche.
    </p>

    RispondiElimina
  104. tra le macerie16 maggio 2010 13:02

    la<span> demolizione dell'ANTICO EDIFICIO prosegue</span> senza sosta, mentre rimane in piedi solo la facciata:

    <span>"Dopo quasi cent’anni [dall'avvertimento della Vergine a Fatima] costatiamo che il mondo non è certamente divenuto migliore, al contrario. La guerra di coloro che non hanno la fede continua in maniera più aspra, ma ha preso un aspetto del tutto inatteso: la demolizione prosegue in particolare grazie ad una sovversione, un’infiltrazione interna alla Chiesa.</span>
    <span> La Santa Chiesa, nostra Madre, si sta trasformando in un <span>ammasso di rovine spirituali, mentre la facciata esterna ancora si mantiene più o meno bene,</span> ingannando cosi la moltitudine sul suo stato reale. Siamo obbligati a constatare che questa sovversione ha trovato una efficacia accresciuta e insperata in occasione del Concilio Vaticano II non c´è bisogno di fare alta teologia, questo è un fatto storico.

    Quale parte di responsabilità bisogna attribuire al Concilio stesso?, È una domanda difficile, ma è evidente che questo Concilio non è restato senza effetto e le sue conseguenze sono evidentemente disastrose. </span>
    <span>A causa sua si è realizzato un accordo con il mondo.</span>
    <span> “Anche noi più di ogni altro, abbiamo il culto dell’uomo”, diceva Paolo VI, in occasione della chiusura del Concilio. </span>
    .....
    <span>Adesso, ed è questo il dramma, alla sua missione divina è sostituita una missione tutta umana. Questo è un grande mistero che lascia stupefatti. La salvezza è passata in secondo piano per non dir peggio.

    Pochi uomini, molto pochi purtroppo, comprendono che la terribile crisi della Chiesa dal Concilio Vaticano II è una punizione più terribile di tutte le altre, poiché questa volta la catastrofe è spirituale; ciò che è ferito, ciò che è ucciso senza rumore e in un’indifferenza peggiore della morte, sono le anime."</span>
    (da una lettera di Mons. Fellay, 11 ottobre 2009)
    ...............
    (tra le macerie c'è chi continua a demolire, pensando: "tanto, ormai bisognerà rifare tutto nuovo, inutile il restyling"....)

    RispondiElimina
  105. (nonostante i pochi operai di buona volontà, impegnati nei soccorsi ai feriti gravi e nel tentativo di ricostruire in diverse parti importanti l'edificio in rovina, la catastrofe spirituale continua, nel silenzio-assenso di tanti che guardano e lasciano perdere, o collaborano a demolire i ruderi, lasciando solo la facciata, per illudere gli ingenui che "tutto è a posto".....)
    (silenzio....)

    RispondiElimina
  106. Per chi volesse inviare una mail di protesta al Vescovo di Avezzano questo è l'indirizzo:

    curiamarsi@libero.it

    RispondiElimina
  107. "rimaniamo sereni col Rosario in mano"

    e sò d'accordo si sò d'accordo

    però vede er problema gliè
    che ddè anime belle che frequentano qui
    mmè arriesce difficele avvederle cò er Santo Rosario in mano

    ma me è immaggino
    poco serene davanti ar compiutero............

    cciavranno mai tempo de pregà???
    chi lo sa..........

    RispondiElimina
  108. Filippo Burighel16 maggio 2010 19:38

    Bartimeo, hai rotto le scatole con Lefebvre. Io non condivido la sua scelta estrema, ma tu stai diventando decisamente tedioso e irrispettoso verso la remissione della scomunica concessa dal Santo Padre.
    Datti una calmata e impara il rispetto. E tripparolo pure.

    RispondiElimina
  109. Filippo Burighel16 maggio 2010 19:43

    <span>Che dignità può avere un vescovo che va contro Pietro? Quella che Pietro stesso gli concede e considerando che proprio Pietro ha rimesso la scomunica direi che la dignità c'è ed è ben superiore a quella che Bartimeo riserva a Pietro quando lo chiama impropriamente in causa.</span>
    Bartimeo e Tripparolo si diano una sonora calmata. Stanno diventando noiosi.

    RispondiElimina
  110. Filippo Burighel16 maggio 2010 19:46

    Dante, non è educato parlare così! :-P

    RispondiElimina
  111. Filippo Burighel16 maggio 2010 19:58

    Se l'alternativa al governo è liberalismo radicale, socialismo e comunismo, magari non è reato, ma ti arriva la scomunica latae sententie se li voti.

    RispondiElimina
  112. DANTE PASTORELLI16 maggio 2010 20:38

    Guardia è antico e diletto amico. Anche se non ci siamo mai visti di persona. Ma lo stile e la voce sono inconfondibili.
    Tu non far le linguacce. Una volta la regina delle faccine era Caterina. In un commento ne metteva decine. Odio le faccine.

    La Redazione ha fatto proprio male ad inserirle.

    RispondiElimina
  113. DANTE PASTORELLI16 maggio 2010 20:49

    L'individuale coscienza, se non formata sulla Verità e illuminata dalla retta ragione- e la Verità è racchiusa anche nel dogma che di una Verità è una formulazione definitiva - porta alla libertà di dannarsi. L'uomo che sceglie il male, sceglie di dannarsi. quindi non è libero, ma schiavo. La libertà è vivere in Dio.

    RispondiElimina
  114. DANTE PASTORELLI16 maggio 2010 20:54

    Solo se accetti le loro ideologie negatrici di Dio. Il voto dato in buona fede a quelle forze non è peccato, se glielo dai perché condividi una parte del programma che pur non negando Dio, rafforza uin partito materialistico, può esser peccato, ma la scomunica non scatta. Il cardinale Ottaviani sull'argomento fu esplicito. La scomunica, insomma, è commminata a chi consapevolmente aderisce a quel pensiero materialista.

    RispondiElimina
  115. servono anche quelli !!!!!!!!!

    RispondiElimina
  116. Dispiace dirlo, questa ormai è autentica monomania antilefebvriana!
    da dellanoce mi aspettavo più equilibrio.

    RispondiElimina
  117. Prego che sia vero. ma prima vorrei le fonti inoppugnabili di tale frase.

    RispondiElimina
  118. Già il fatto che siamo in dubbio è una risposta negativa. Se avessimo la garanzia del diritto di credenti, non staremmo qui a lamentarci.

    RispondiElimina
  119. Filippo Burighel17 maggio 2010 01:03

    E' un post di autocritica il tuo?

    RispondiElimina
  120. Filippo Burighel17 maggio 2010 01:04

    A me invece le faccine stanno molto simpatiche e la cara Caterina che le usa pure! :-D

    RispondiElimina
  121. Filippo Burighel17 maggio 2010 01:06

    Ma Bartimeo va a periodi. A volte è tradizionalista, altre progressista (anche se negherebbe pure sulla sua stessa testa di essere l'una o l'altra cosa). Questa settimana è PROGRESSIVE MODE: ON.

    RispondiElimina
  122. Filippo Burighel17 maggio 2010 01:08

    E ancora una volta il buon Agostino si dimostra attualissimo!

    RispondiElimina
  123. Filippo Burighel17 maggio 2010 01:11

    Domanda ermetica: se solo all'epoca del Concilio abbiamo compreso il Vangelo, allora perché recuperare archeologismi liturgici della Chiesa dei primi secoli, nati quindi dalla non comprensione del Vangelo?
    Delle due l'una: o la Chiesa antica aveva ben inteso e quindi va preservata la continuità della testimonianza della Tradizione, oppure non aveva capito nulla e quanto vien da essa è erroneo.

    RispondiElimina
  124. Filippo Burighel17 maggio 2010 01:15

    Personalmente, ho trovato molo utile distinguere tra libertà e libero arbitrio (inteso come corruzione egocentrica ed egoistica della libertà).

    RispondiElimina
  125. Filippo Burighel17 maggio 2010 01:22

    Il voto è adesione consapevole. Se una persona non è consapevole di cosa vota, dovrebbe essere interdetta.

    RispondiElimina
  126. Filippo Burighel17 maggio 2010 02:26

    Bartimeo, non ti confondere cogli anglicani. Le loro ordinazioni sono invalide perché la continuità apostolica è stata interrotta dalla drastica manipolazione liturgica nel primo Prayer Book di Thomas Cranmer, il cui ordinale episcopale rispecchiava una teologia filo-protestante e quindi non rispondente all'intenzione della Chiesa. Anche se nel successivo Book of Common Prayer del 1662 l'ordinale è stato sostanzialmente ripristinato, la continuità era ormai bella che andata.
    Diverso è il discorso per la FSSPX, per i Vetero-Cattolici e gli Ortodossi, tutti in possesso di Ordini Sacri validi (tranne quelli vetero-cattolici alle donne) anche se illeciti a causa della separazione dalla Chiesa di Roma.

    RispondiElimina
  127. Filippo Burighel17 maggio 2010 02:39

    Secondo me, tutte queste "ultime parole" di Papi lasciano il tempo che trovano. Sia quelle citate da lux (ma nel suo caso, è proprio lui che lascia il tempo che trova) che quelle qui riportate.

    RispondiElimina
  128. Spero di cuore che fioriscano a centinaia anzi migliaia di Preti così per il bene della Chiesa.
    Indovinate perchè ?

    RispondiElimina
  129. Luis Moscardò17 maggio 2010 09:00

    Unire il tutto alla preghiera (quella va sempre a segno).
    Un domani magari avremo l'intima soddisfazione di aver fatto qualcosa di -forse inutile- ma giusto. L'aver esperito comunque ogni mezzo con insistenza e imperterrito zelo. Questo tornerà a maggior discapito di chi dovrebbe dare ascolto e non lo fa (o non lo vuole fare).

    RispondiElimina
  130. <p><span><span>Pellegrinaggi parrocchiali a finte madonne che appaiono sulle nuvole </span></span>
    </p><p><span><span>mentre poveri cristi scompaiono sott'acqua; </span></span>
    </p><p><span><span>pallegrinaggi papali a finte lenzuola sudariate </span></span>
    </p><p><span><span>mentre uomini e donne in carne ed ossa vengono spogliati della loro dignità; </span></span>
    </p><p><span><span>ammutinamenti da ultras attorno a personaggi feticcio, </span></span>
    </p><p><span><span>mentre monta l'onda del disprezzo e del rifiuto dello straniero; </span></span>
    </p><p><span><span>inaugurazioni di tombe da 2000 metriquadri rivestite di oro massiccio e mosaici per celebrare la "povertà" di un "umile" frate Pio, </span></span>
    </p><p><span>mentre famiglie intere vengono sbaragliate sul lastrico della disoccupazione e della povertà</span><span><span>.

    </span></span>

    </p><p><span><span>E noi cattolici che facciamo? </span></span>
    </p><p><span><span>Riempiamo il parlamento di ladri, puttani e mafiosi, li scegliamo come nostri rappresentanti e li consacriamo Portatori di "Valori Religiosi", con tanto di benedizioni papali e cardinalizie! </span></span>
    </p><p><span><span>Ripeto: ladri e mafiosi, puttani e giocolieri, guidati al Ladro-mafioso-puttaniere e spergiuro per antonomasia.</span></span>
    </p><p><span><span>Si scambiano attestati di stima e di solidarietà tra di loro. Lui, poi, il più porco che più porco non si può: solidarizza con Dell'Utri, solidarizza con Mangano, solidarizza con Previti, solidarizza con Scajola. Quest'ultimo che si serve dello stato per accumulare milioni e collazionare case ricevute in beneficenza, e che viene definito dal maestro d'orchestra "Servitore dello Stato"!</span></span>
    </p><p><span> </span>
    </p><p><span>Mi sembra che qualche cosa giusta la dica! Non estrapoliamo solo le frasi che interessano…</span>
    </p><p><span>D'altronde l’amico della chiesa di padre Pio ha detto le stesse cose riguardo alla sua tomba dorata.</span></p>

    RispondiElimina
  131. quando 98 preti su 100 si trasformeranno in "pepponi" <span>dichiarati.</span>...
                  sarà più facile riconoscere i soli 2 "don camillo" rimasti !
    :( ..... *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  132. <p><span><span>illustrissimi </span><span>ac reverendissimi</span><span> domini</span><span> </span><span><span> </span><span> </span><span> </span><span>Sunt lacrimae rerum</span><span> et Filippo Burighel</span></span></span>
    </p><p><span><span>il prof. Lux non ha certo bisogno della mia difesa, ma credo che abbia ragione, non fosse altro perché cita pari pari le parole scritte da papa Giovanni nel suo diario dell’anima. Perciò evitate di controbattere in questa maniera stupida occultando la verità, ignorando la vera storia del papa e facendo così una brutta figura di fronte a chi legge il blog.</span></span></p>

    RispondiElimina
  133. <p><span><span>illustrissimi </span><span>ac reverendissimi</span><span> domini</span><span> </span><span><span> </span><span> </span><span> </span><span>Sunt lacrimae rerum</span><span> et Filippo Burighel</span></span></span>
    </p><p><span><span>il prof. Lux non ha certo bisogno della mia difesa, ma credo che abbia ragione, non fosse altro perché cita pari pari le parole scritte da papa Giovanni nel suo diario dell’anima. Perciò evitate di controbattere in questa maniera stupida occultando la verità, ignorando la vera storia del papa e facendo così una brutta figura di fronte a chi legge il blog.</span></span></p>

    RispondiElimina
  134. e intanto
    li sori commentatori
    invece ddè arricchisse de meriti
    pregànno ppè stò prete

    se caricano a coscienza
    delli giudizi
    che tutti ponno  legge

    chissà quanti ddè loro se dicono
    a coroncina a Divina Misericordia..............

    RispondiElimina
  135. caro Burighel,
    faccia attenzione: lux non ha inventato quelle parole di Papa GXXIII, che infatti sono riprese da parecchi siti citando  la stessa fonte;
    1- La stampa
    <span> "Melloni ricorda l’ultima pagina del <span>Giornale dell’Anima di Roncalli</span>, scritta il 24 maggio ’63, pochi giorni prima di morire: «Ora più che mai, certo più che nei secoli passati, siamo intesi a servire l’uomo in quanto tale e non solo i cattolici; a difendere, anzitutto e dovunque, i diritti della persona umana e non solo quelli della chiesa cattolica. (...) Non è il Vangelo che cambia: siamo noi che cominciamo a comprenderlo meglio». Comprenderlo meglio era «riconoscere i segni dei tempi». O come dice Melloni: indagare l’oggi. "</span>
    2- http://www.urbaniana.it/news/26_11_03_b.htm
    (citate in un libro del card. Sepe)
    3- http://www.edizionimessaggero.it/ita/catalogo/scheda.asp?ISBN=978-88-250-0927-9
    dove sono citate con entusiasmo dai curatori del libro: "<span>Giovanni XXIII. Il concilio della speranza"<span>(a cura di Angelina e G.Alberigo), e lei potrà leggere le seguenti parole della recensione entusiasta del sito edizionimessaggero.it, ad elogio di Giuseppe Alberigo, studioso del Concilio, che qui riporto:</span></span>
    <span>"parole dell'addio ('Cominciamo ora a comprendere il Vangelo'). Un libro dunque che permette di conoscere direttamente il pensiero e le intenzioni di un uomo che con la sua decisione di convocare il concilio Vaticano II ha segnato una svolta fondamentale nella storia della chiesa del XX secolo. Prima o dopo il concilio non sono semplici modi di dire, entrati nel linguaggio comune, ma indicano effettivamente uno<span> spartiacque tra due epoche diverse,</span> se non addirittura contrapposte, di cui soltanto ora possiamo valutare meglio lo spirito."</span>
    --------------------------
    ...e così la citata frase pare essere autentica e riportata da tanti siti su tutto il web.

    (.....per lo più da persone illustri, e di largo seguito nella Chiesa, di cui ben si conoscono le opinioni, purtroppo....)
    :(

    RispondiElimina
  136. <span><span>Complimenti MIC per le tue belle parole “molto edificanti”. Leggiti bene “Caritas in Veritate” e poi scrivi al Santo Padre, e digli che certi concetti sono errati e magari che sono “spazzatura”…</span></span>
    <span><span>Il tuo discorso non solo è prevenuto ma è pure alquanto schizzofrenico. Penso che Lux sia stato travisato. Cercare la Verità nella Verità significa saper cogliere il segni dello Spirito che sono ovunque e non solo nella nostra chiesa cattolica. Se solo potessimo vedere e cogliere il Cristo nell'altro forse saremo più cristiani e meno razzisti.</span></span>
    <p><span><span>Si legge nel nono paragrafo di CV – “Il rischio del nostro tempo è che all’interdipendenza di fatto tra gli uomini e i popoli non corrisponda l`interazione etica delle coscienze e delle intelligenze, dalla quale possa emergere come risultato uno sviluppo veramente umano. Solo con la carità, illuminata dalla luce della ragione e della fede, è possibile conseguire obiettivi di sviluppo dotati di una valenza più umana e umanizzante”.</span></span>
    </p><p><span><span> </span></span>
    </p><p><span><span>Scrive <span>Teresa Benedetta della Croce:</span></span></span>
    </p><p><span><span>"</span><span>Non mi è mai piaciuto pensare che la misericordia di Dio si fermi ai confini della Chiesa visibile. Dio è la Verità. Chi cerca la verità cerca Dio, che lo sappia o no</span><span>". </span><span>T<span>utte le verità dipendono da questa Verità, come tutti gli amori dipendono da questo Amore</span></span><span>". </span></span>
    </p><p><span><span>"<span>La verità prima, il principio primo di tutta le verità è Dio Stesso. Ogni verità della quale possiamo impadronirci deriva da Dio</span>".</span></span>
    </p><p><span><span>La verità la dobbiamo cercare ovunque semplicemente perché è sempre quella Verità!</span></span>
    </p><p><span><span>È la Verità-Cristo che ci fa liberi!</span></span></p>

    RispondiElimina
  137. <span>pagina de La Stampa che riporta la citazione fatta da Melloni:  
    http://www.lastampa.it/cmstp/rubriche/girata.asp?ID_blog=40&ID_articolo=148&ID_sezione=55  
    articolo del 22-3-2009:  
    <span>Il silenzio che manca in Vaticano</span>  
    in cui la giornalista Barbara Spinelli lamenta  
    "...il <span>riaffiorare possente di un conservatorismo che ha seguaci e non è autistico...."</span>  
    ravvisandone la causa (aborrita) proprio nella figura e nell'indirizzo restauratore di Papa Benedetto XVI...  
    e naturalmente esalta la grandezza profetica e ottimista-progressista di quelle parole innovatrici di Papa Giovanni XXIII poco prima di morire....  </span>
    :(

    RispondiElimina
  138. <span>vedo che non hai capito nulla di quel che ho detto... sono consapevole che persino i Padri parlavano dei logòi spermatikòi, i semi di verità, presenti nelle altre religioni, come pure nella filosofia greca. Ma riconoscere quei semi di verità significa "esaminate tutto e tenete ciò che è buono" e non con la scusa del "dialogo col mondo" non  rifiutare l'errore, che purtroppo è entrato nella Chiesa... è di questo che parlavo e questo è ciò che è successo anche per effetto della svolta antropocentrica del concilio.  
     
    Mi spieghi perché NOI CRISTIANI dobbiamo CERCARE la Verità-Cristo, se è già nostra per la Rivelazione che riceviamo e non si affermi a più chiare lettere che non è la Verità che si evolve insieme a noi, ma siamo noi che cresciamo, attraverso la Fede e la Perseverenza, nella 'conoscenza' sempre più profonda e piena della Verità!  
    Riconoscere che anche altri posseggono frammenti di verità e portar giusto rispetto a tutti, non significa che dobbiamo accogliere anche l'errore e smettere di annunciare Cristo al mondo... </span>

    RispondiElimina
  139. 144 « Dio non fa preferenze di persone » (At 10,34; cfr. Rm 2,11; Gal 2,6; Ef 6,9), poiché tutti gli uomini hanno la stessa dignità di creature a Sua immagine e somiglianza.<sup>281</sup> L'Incarnazione del Figlio di Dio manifesta l'uguaglianza di tutte le persone quanto a dignità: « Non c'è più giudeo né greco; non c'è più schiavo né libero; non c'è più uomo né donna, poiché tutti voi siete uno in Cristo Gesù » (Gal 3,28; cfr. Rm 10,12; 1 Cor 12,13; Col 3,11).
    Poiché sul volto di ogni uomo risplende qualcosa della gloria di Dio, la dignità di ogni uomo davanti a Dio sta a fondamento della dignità dell'uomo davanti agli altri uomini.<sup>282</sup> Questo è, inoltre, il fondamento ultimo della radicale uguaglianza e fraternità fra gli uomini, indipendentemente dalla loro razza, Nazione, sesso, origine, cultura, classe.
    145 Solo il riconoscimento della dignità umana può rendere possibile la crescita comune e personale di tutti (cfr. Gc 2,1-9). Per favorire una simile crescita è necessario, in particolare, sostenere gli ultimi, assicurare effettivamente condizioni di pari opportunità tra uomo e donna, garantire un'obiettiva eguaglianza tra le diverse classi sociali davanti alla legge.<sup>283</sup>
    Anche nei rapporti tra popoli e Stati, condizioni di equità e di parità sono il presupposto per un autentico progresso della comunità internazionale.<sup>284</sup> Malgrado gli avanzamenti verso tale direzione, non bisogna dimenticare che esistono ancora molte disuguaglianze e forme di dipendenza.<sup>285</sup>
    A un'uguaglianza nel riconoscimento della dignità di ciascun uomo e di ciascun popolo, deve corrispondere la consapevolezza che la dignità umana potrà essere custodita e promossa soltanto in forma comunitaria, da parte dell'umanità intera. Soltanto con l'azione concorde di uomini e di popoli sinceramente interessati al bene di tutti gli altri, si può raggiungere un'autentica fratellanza universale; <sup>286</sup> viceversa, il permanere di condizioni di gravissima disparità e disuguaglianza impoverisce tutti.
    (compendio CCC)

    RispondiElimina
  140. Come direbbe il saggio quattr'occhi dei puffi: "io oooodio i movimenti!"

    RispondiElimina
  141. Ma internet lo sanno usare solo i laici?

    RispondiElimina
  142. Filippo Burighel17 maggio 2010 11:44

    Allora Giovanni XXIII aveva torto. Quella era la sua opinione personale, liberissima, ma assolutamente non vincolante essendo il diario privato di un Papa non considerabile Magistero, fallibile o infallibile che si voglia.
    Piuttosto è VERAMENTE STUPIDO e PUERILE strumentalizzare le opinioni personali dei Papi per avvalorare le proprie visioni ecclesiali e/o teologiche. Potrei citarle una decina di Papi nel corso della storia che non avevano una grande considerazione dell'ipotesi mariologica dell'Immacolata Concezione, eppure la Fede della Chiesa ha smentito le loro opinioni.

    P.S.
    Comunque, a me quella parole risultano provenire da un'altra fonte, ma vabbeh...

    RispondiElimina
  143. Filippo Burighel17 maggio 2010 12:23

    Poi sarebbe interessa anche fare la cernita su quanti di quei preti "pepponi" sono anche "papponi"...

    RispondiElimina
  144. Filippo Burighel17 maggio 2010 12:33

    Il cross posting non si dovrebbe fare, ma lo facciamo per completezza dell'informazione.
    Come ho scritto più sopra:

    <span>"Allora Giovanni XXIII aveva torto. Quella era la sua opinione personale, liberissima, ma assolutamente non vincolante essendo il diario privato di un Papa non considerabile Magistero, fallibile o infallibile che si voglia. 
    Piuttosto è VERAMENTE STUPIDO e PUERILE strumentalizzare le opinioni personali dei Papi per avvalorare le proprie visioni ecclesiali e/o teologiche. Potrei citarle una decina di Papi nel corso della storia che non avevano una grande considerazione dell'ipotesi mariologica dell'Immacolata Concezione, eppure la Fede della Chiesa ha smentito le loro opinioni."</span>
    <span></span>
    <span>Della buona fede di Roncalli non ho dubbi. Ho invece molti dubbi sulla buona fede di chi cita Roncalli.</span><span></span>

    RispondiElimina
  145. DANTE PASTORELLI17 maggio 2010 13:06

    Caterina, cara amica, ha altre virtù.

    RispondiElimina
  146. DANTE PASTORELLI17 maggio 2010 13:15

    I Padri, in realtà, s'è detto altre volte, parlavano dei semi di verità nella filosofia, ma condannavano le false religioni, dove questi semi non li trovavano.
    Teresa della Croce parla di "misericordia di Dio", la quale, come sappiamo bene, può (non deve) esser esercitata anche al di fuori della Chiesa Cattolica ove l'uomo segua la morale divino-naturale e sia disposto nell'animo ad accogliere Cristo-Verità se gli venga presentato.

    RispondiElimina
  147. DANTE PASTORELLI17 maggio 2010 13:20

    Come molto spesso ti capita, non riesci a cogliere il senso del discorso. Fo un esempio: nell'immediato dopo-guerra, ad es., i disgraziati braccianti, le tabacchine sfruttate, le coglitrici d'olive, i disoccupati  ecc. erano abbindolati dalla propaganda comunista del "pane e lavoro per tutti". Queste anime semplici non sapevano neppure cosa fosse il materialismo storico o il marxismo-leninismo o il socialismo reale.
    Il card. Ottaviani, cuatode dell'ortodossia, e che di certe cose ben s'intendeva per cultura e per il suo alto ufficio, è di parecchie spanne al di sopra di te.

    RispondiElimina
  148. Filippo Burighel Papa subito! tu si che sapresti  governare la barca di Pietro! ma smettila va

    RispondiElimina
  149. un altro papabile! ne sai più di Benedetto. Complimenti!

    RispondiElimina
  150. <span>MIC anche tu sei un altro papabile! ne sai più di Benedetto. Complimenti!</span>
    <span>e poi tu non devi cercare la Verità-Cristo; tu sei già arrivato. Sei perfetto. san Mic da non so dove... ora pronobis</span>

    RispondiElimina
  151. c'è da avre dubbi soprattutto su chi considera roncalli un bugiardo!

    RispondiElimina
  152. Apologia di Giustino17 maggio 2010 16:28

    <span>Coloro che hanno vissuto secondo il Logos sono cristiani,
    anche se sono stati considerati atei,
    come, tra i greci, Socrate ed Eraclito, ed altri simili
    e, tra i barbari, Abramo, Anania, Azaria, Misael, Elia,
    e molti altri ancora, dei quali non elenchiamo le opere e i nomi,
    sapendo che sarebbe troppo lungo.
    (Giustino, Apologia I, 46,3)</span>

    RispondiElimina
  153. perchè ironizzi sulla mia persona?
    non hai capito o non sai che uno che dice di aver trovato la Verità non è arrivato o perfetto; ma ha raggiunto l'Approdo di ogni ricerca umana e spirituale: cioè il Signore, rivelato dalla Scrittura e dalla Tradizione apostolica che sono lampade ai nostri passi, mentre Lui è la Via, la Verità, la Vita che riceviamo sempre di più: ma questo richiede la nostra continua risposta, la nostra Perseveranza... quindi io, come tutti i credenti in Cristo, non DEVO cercare Lui, se mai lo devo annunziare o 'mostrare' a chi non lo conosce. Questa è la missione della Chiesa, non di entrare in dialogo col mondo per imparare dal mondo o dall'errore, ma per vincerlo, in Cristo, con Cristo e per Cristo.
    In cosa consiste altrimenti la vera conversione, l'"opzione fondamentale" che poi deve proseguire nella fedeltà?
    Ricordi la parabola del mercante che trova la perla preziosa? Una volta che trovi la perla preziosa-Cristo-Regno di Dio cos'è che devi cercare ancora? Vendi tutto (ogni falsa convinzione, ogni suggestione del mondo, ogni falso attaccamento, ecc. ecc.) e cammini con Lui nella Sua Chiesa per crescere nel Suo Amore ed essere continuamente ri-generato e trasformato dalla Sua Grazia, attaccato, affidato alla Sua Persona, che è Presente nella Chiesa UNA SANTA fino alla fine dei tempi... 
    cos'è che devo cercare? Certo non sono 'arrivato', nel senso di aver raggiunto la perfezione, ma devo continuare a crescere con Lui e con i Suoi anche nella Comunione dei Santi, che non si limità alla comunità concreta di appartenza, ma ha orizzonti infiniti: è la Chiesa di ieri di oggi e di domani...

    RispondiElimina
  154. Filippo Burighel17 maggio 2010 16:57

    Sù sù, non accostiamo virtù e faccine. :-D

    RispondiElimina
  155. Filippo Burighel17 maggio 2010 17:03

    No grazie. Di Papa ce n'è già uno e prego resti dov'è ancora per molti anni. Non ho ambizione né di essere né di interpretare i Papi. In quello ti diletti già tu. C'è chi si diverte con poco...

    RispondiElimina
  156. bella tempra di cattolici doc!

    RispondiElimina
  157. Filippo Burighel17 maggio 2010 17:21

    E io ti ripeto che il voto è adesione consapevole. Se una persona non è consapevole di cosa vota, devrebbe essere interdetta. Di qui non si scampa.
    Se poi mi vuoi parlare per i "disgraziati" come li chiami tu di ignoranza invincibile, mi sta bene, ma OGGI (non c'è solo il passato, sai) è abbondatemente diverso. Non puoi certo dirmi che una (presunta) cattolica come Rosy Bindi che milita in un partito che considera la Rivoluzione Francese il punto più alto della storia e summa di tutti i valori dell'uomo non sia da considerarsi scomunicata.
    Poi se vuoi possiamo anche far finta di nulla.

    RispondiElimina
  158. DANTE PASTORELLI17 maggio 2010 17:30

    Mic ha la Verità che ha dato a tutti noi la Chiesa. Non se ne crea una sua o varie come fai tu, come i tuoi ispiratori protestanti settari.

    RispondiElimina
  159. DANTE PASTORELLI17 maggio 2010 17:36

    Oggi la cultura dilaga: lo vediamo  in TV quando i ragazzi delle superiori non san più fare i conti più elementari. Ed i grandi fratelli son raffinati cultori delle belle lettere e delle scienze e della filosofia e della teologia. Le veline poi, anche della drammaturgia e della piùà internazionale e dietetica  culinaria.

    Rosy Bindi è una bracciante, coglitrice di olive, serva (come si diceva allora), tabacchina? E' donna di cultura e ricade nel caso di coloro  che aderiscono ad una visione della vita, della storia, dell'uomo e della società che è condannata. Il voto degli esempi sopra rièportati non mi sembra sia altrettanto consapevole.

    RispondiElimina
  160. Filippo Burighel17 maggio 2010 17:38

    E di grazia, chi è considererebbe Roncalli un bugiardo? Spero vivamente che non ti stessi riferendo a me, perché sarebbe diffamazione. Ti diffido come è mio diritto fare a non accostare certe tue affermazioni ai miei post.

    RispondiElimina
  161. <span>multinick, forse lei dovrebbe chiarire con chi concorda: con me o con la Spinelli? 
    io ho messo in evidenza quelle affermazioni a <span>scopo negativo</span>, cioè NON concordo affatto con la giornalista e col modo in cui lei interpreta papi e pontificati nominati (e pensavo che bastasse anche l'emoticon ad esprimere il mio dissenso, sia dalla Spinelli, sia da Melloni, sia dal Card. Sepe, nel post precedente....) !</span>

    RispondiElimina
  162. <span>Uno dei problemi, Filippo, è che in certi ambienti si pretende, e lo si inculca nelle coscienze di chi segue, che a partire da Costantino la Chiesa ha "tout faux", c`è voluto il CV II  per farla uscire da quell`oscurità,  il CV II ha rifondato la Chiesa, dunque ante Costantino tutto ok, in seguito una lunga parentesi, e arriviamo al Vaticano II dove la Chiesa riparte, rinasce. 
    Conseguenza logica il sedicente ritrovamento della vera tradizione, quella delle prime comunità, degli usi in vigore in quelle  comunità,  arriviamo così ai risultati che conosciamo in certi gruppi. </span>

    RispondiElimina
  163. Giovanni XXIII non mentiva, nel senso che credeva ciò che diceva, ma questo non ne fa una verità per tutti, era una sua opinione personale, opinabile, non vincolante. Dirlo non significa dire che Giovanni XXIII era un bugiardo, chi lo pretende gioca con la parole in modo maldestro.

    RispondiElimina
  164. c'è stata una vocazione per sbaglio...

    RispondiElimina
  165. vi si spiega che la zizzania all'inizio non (???) si confonde col buon grano, ma col passar del tempo si distingue sempre di più.......

    RispondiElimina
  166. tu che lavoro fai?

    RispondiElimina
  167. Don Nicò ma allora  vuoi dire che anche il Papa sbaglia o è daccordo con questi pretacci e vescovi?

    RispondiElimina
  168. Dante, la mia verità è Cristo. purtroppo non riesco a seguirlo come vorrei e dovrei. sono troppo attratto dal male. però mi impegno a cercarLo ogni giorno, con la preghiera, l'Eucaristia e nella comunione dei Santi e dei fratelli.
    ti prego -Dante dimmi cosa devo fare per essere perfetto come te e come Mic?

    RispondiElimina
  169. di siti ce ne sono molti di più! e ci sono pure libri su libri...
    citiamoli tutti

    RispondiElimina
  170. <span>filippo e bastian provate a leggere bene le parole di un santo Papa, non travisatele o peggio non fatele dire cose che non ha detto. un po di rispetto non guasta</span>

    RispondiElimina
  171. infatti lo hanno concluso come lui desiderava

    RispondiElimina
  172. tu diffidi ed io ti sfido: querelami!

    RispondiElimina
  173. <span>certamente non concordo con gli integralisti, ne con lei ne con la spinelli. Sono stato creato libero (cfr Fides et Ratio)</span>

    RispondiElimina
  174. Redazione di Messainlatino.it17 maggio 2010 23:52

    E io invece confido che la piantiate.

    RispondiElimina
  175. ma questa è buffa! allora perchè ha dato il suo gradimento al commento di "evidenze" , che è evidentemente integralista?
    :)

    RispondiElimina
  176. per tendere alla perfezione dovresti innanzitutto
    non seguire più i falsi pastori (catto-protestanti), che ti hanno portato fuori strada, ma la Dottrina di sempre, che ti svela il vero Volto di Cristo.
    Ma siccome stai facendo una domanda per finta, piena di scherno verso chi cerca di insegnarti ciò che non sai, (perchè ti hanno nascosto o deformato la Verità...) è chiaro che sei sicuro di stare già sulla via giusta, non vuoi affatto cercare la Verità che hai perso...e allora rimani pure lì!
    Così dice Gesù ai Farisei:
     "Se foste ciechi, non avreste alcun peccato; ma siccome dite: 'noi vediamo', il vostro peccato rimane." (Gv 9, 1-41)

    RispondiElimina
  177. Ho deciso di non dare più il mio contributo per il l'Istituto Sostentamento del Clero. Questo caso, quello di don Elvis, Farinella e tanti altri mi hanno convinta di fare questa rinuncia. Mi dispiace per i sacerdoti, i Veri sacerdoti! che esercitano il loro ministero con fedeltà a Cristo, al Papa e alla Chiesa, ma io non posso rischiare.

    RispondiElimina
  178. DANTE PASTORELLI18 maggio 2010 12:04

    Veramente il concilio non si è concluso come Giovanni XXIII voleva. Solo l'ombra della Veterum sapientia, nella liturgia, ad es., la ratio studiorum nei seminari del dopo-concilio non è la sua,  altro esempio. Inoltre per lui si doveva solo trovare il modo di presentare in termini più pastorali una dottrina già acquisita e immutabile. Se il concilio ha fatto questo dove si trova la decantata rottura e la nuova Chiesa? Che Giov. XXIII dicesse una cosa e ne pensasse un'altra? A quelli come te la risposta.

    RispondiElimina
  179. DANTE PASTORELLI18 maggio 2010 12:06

    Comincia ad esser meno presuntuoso e sarcastico. Mi sembra che la tua assidua pratica religiosa sino ad ora non ha avuto effetti positivi. Vai forse alle messe nere?

    RispondiElimina
  180. DANTE PASTORELLI18 maggio 2010 12:09

    Comincia a scriver col tuo nome e cognome. Così almeno sappiamo con qual genio incompreso dobbiamo confrontarci

    RispondiElimina
  181. DANTE PASTORELLI18 maggio 2010 12:12

    Non son d'accordo. Si toglie il sostentamento anche ai sacerdoti che a Dio son votati. Semmai bisognerebbe far presenti a Roma fatti e nomi di vescovi e preti che tradiscon la fede.

    RispondiElimina
  182. E dove erano i tradizionalisti?18 maggio 2010 17:22

    Sarebbe interessante sapere dove erano i tradizionalisti nel mentre che tutto ciò succedeva!
    Mah! Mentre qualcuno combatteva la buona battaglia qualcun altro se la dava a gambe!
    La solita storia.
    Ed adesso che il Vincitore che da solo ha portato la Croce vogliono salire sul carro ... dettando loro le regole e criticando!

    RispondiElimina
  183. In effetti visto quello che posta l'ironia è autoironia!

    RispondiElimina
  184. Quali ambienti?18 maggio 2010 17:24

    Ma dai ... e ti pareva che Lei non tirava fuori il solito ritornello!

    RispondiElimina
  185. Io ho , tu hai ed agli altri? ... ciccia!

    RispondiElimina
  186. Lo so però magari posso fare la mia offerta privatamente a qualche sacerdote della mia conoscenza. Anche se qualcuno ha suggerito in questo blog di non dare l'otto per mille alla Chiesa, a questo non ho rinunciato. Scusa, Dante, ma, in questo momento, sono un po' disgustata con questi cattivi esempi di preti. Chissà, forse l'anno prossimo cambierò idea ma mi piacerebbe vedere che i preti facciano i preti. E troppo chiedere?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.