Post in evidenza

Un parroco in Diocesi di Fidenza coraggioso sulla S. Comunione in bocca

L'arciprete di Castelvetro e Croce S. Spirito (PC), in Diocesi di Fidenza ma alle porte di Cremona, spiega perchè darà la S. Comu...

martedì 6 aprile 2010

Scelto il prossimo arcivescovo di Los Angeles!


Il cardinale Mahony, arcivescovo della popolosissima arcidiocesi di Los Angeles, fautore delle più astruse liturgie creative (come ricorderete, dai filmati del Religious Education Congress che abbiamo pubblicato la settimana scorsa) ha raggiunto i 74 anni. Il suo regno è uno dei più lunghi: vescovo dal 1975, è titolare della sede californiana dal 1985, su indicazione del famigerato nunzio Jadot che fu, lui pure, uno dei più virulenti modernisti (per dirvi: ha recentemente dichiarato di non rimpiangere affatto le nomine da lui promosse di pur chiaccherati vescovi progressisti, come il ben noto Weakland - quello che, dopo aver distrutto la liturgia romana negli USA come capoccia di una commissione liturgica della conferenza episcopale, ha depauperato le casse della diocesi di Milwaukee per tacitare il suo ex amante).

Al buon Mahony abbiamo dedicato a suo tempo un post che potete leggere qui. Ma la notizia del giorno è che gli è stato nominato un vescovo coadiutore, e la nomina, che attendevamo, è uscita tre minuti fa sul bollettino della sala stampa vaticana. Il vescovo coadiutore è, sostanzialmente, un ausiliario con diritto di successione. E' stato richiesto dallo stesso Mahony: mossa intelligente, perché in questo modo il titolare ancora in carica ha un peso specifico maggiore per influenzare la scelta e, secondo quanto riferisce Whispers in the loggia, la terna sottoposta al Papa avrebbe avuto il previo placet del Mahony.

Come anticipato da Rorate caeli, la scelta è caduta sull'attuale arcivescovo di San Antonio, mons. José Gomez, che la foto ci mostra mentre celebra presso la chiesa anglo-cattolica di Our Lady of Atonement (una parrocchia di ex anglicani tornati in comunione con Roma già ai tempi di Giovanni Paolo II).


Il vescovo Gomez, di origini messicane e appartenente all'Opus Dei, è molto apprezzato dall'Associazione Una Voce della sua diocesi, per avere concesso la Messa di sempre nonostante una massiccia ondata di critiche del suo clero.

36 commenti:

  1. ...le piccole ma sostanziose "carezze" del Signore a quanti non disperano, ma fiduciosi attendono un raggio di Sole anche in mezzo alle più fitte tenebre...
    :)

    RispondiElimina
  2. Card. Lotharius6 aprile 2010 12:51

    Speriamo bene...

    RispondiElimina
  3. Non capisco. Cosa vuol dire vescovo coadiutore? Insomma, se ne va o no? In che modo continua ad avere influenza?

    RispondiElimina
  4. Un'altra importante pedina verso la restaurazione cattolica dopo la nomina di Leonard ad arcivescovo di Bruxelles. Noto con piacere che GB Re ha cambiato la sua strategia nelle nomine episcopali e si è convertito ad un sano rigore.
    Rimane il dubbio sul motivo per il quale quel poveraccio di Mahony abbia optato per un successore così diverso da lui.
    Comunque gioiamo nel cuore anche se la strada è davvero ancora molto lunga.

    RispondiElimina
  5. Bene! Se continua così tra cinquant'anni avremo un papa tradizionalista!

    RispondiElimina
  6. GBRE sarebbe il primo da rottamare, di danni alla chiesa ne ha fatti, ne sta facendo ancora ed è il primo ad augurarsi una repentina e provvidenziale dipartita di Benedetto XVI.
    Questa razza di demoni pensa di vivere in eterno e poichè mancano della virtù di religione non temono nemmeno il tribunale divino

    RispondiElimina
  7. Jadot non può averlo dichiarato recentemente perchè è deceduto il 21 gennaio 2009. Per il resto concordo con quanto ha scritto la redazione

    RispondiElimina
  8. vescovo coadiutore significa vescovo con diritto di successione (salvo che il Vaticano non cambi nel frattempo idea come fece nel 1965 a Torino dove il coadiutore Tinivella non succedette al card. Fossati). Al 99% Mahoney sarà emerito fra 1 anno.

    RispondiElimina
  9. per il momento l'Augusto Pontefice regnante va benissimo e speriamo rimanga a lungo a capo della Chiesa!

    RispondiElimina
  10. Povero vescovo, non saprà da dove iniziare a mettere mano per riparare! 

    RispondiElimina
  11. In questo caso Vescovo coadiutore significa Vescovo che prende il posto prima dell'attuale prima della scadenza dell'attuale ... pazienza! Ci vuole solo pazienza!
    Matteo

    RispondiElimina
  12. Pazienza e tanta tanta preghiera!

    RispondiElimina
  13. Ho capito! Sarebbe a dire ... 'Vengo un pò prima, ti do una mano a pulire LA CASA  prima della consegna'   :)

    RispondiElimina
  14. Nonostante ciò che si legge, il nostro B16 è ben presente e governa.
    Ad multos annos!
    E non dimentichiamoci: oremus pro Pontifice nostro Benedicto..., tutti i giorni!

    RispondiElimina
  15. Redazione di Messainlatino.it6 aprile 2010 16:47

    Recentemente nel senso: dopo che le magagne di Weakland sono apparse alla luce del sole.

    RispondiElimina
  16. Mastro Preciso6 aprile 2010 17:11

    Ormai non ci caschiamo più: è sicuramente anche questo un pesce d'aprile infra l'ottava.

    RispondiElimina
  17. anche perchè gli "ossi duri" saranno ancora per lungo tempo...qui in Italia !
    :)

    RispondiElimina
  18. Rutilio Namaziano6 aprile 2010 17:37

    Ah "preciso", è già ufficiale!

    RispondiElimina
  19. ottima scelta!

    RispondiElimina
  20. Sunt lacrimae rerum6 aprile 2010 18:37

    Il titolo di "poveraccio" dovrà essere dato a Mons. Gomez... non vorrei stare nei suoi panni...
    Ricordate che durante il Pontificato di Giovanni Paolo II un Vescovo, proveniente dall'Opus Dei, non fu fatto entrare nella Cattedrale, durante la cerimonia di insediamento, perchè diveesi "fedeli", che lo giudicavano troppo conservatore si stesero lunghi davanti la porta della chiesa per impedigli di transitare ?
    Questo coadiutore, con diritto di successione, si affianca agli altri vescovi ausiliari che abbiamo visto nei tristi filmati postati qua negli scorsi giorni?
    Speriamo bene ...
    Quando le Diocesi italiane avranno un simile trattamento ?

    RispondiElimina
  21. Quando la Chiesa universale avrà un simile trattamento?

    RispondiElimina
  22. quando ?
    ............

    RispondiElimina
  23. Guardate che per trovare le messe show non bisogna andare in California.

    Il giorno della S.Pasqua mi trovavo in Costiera Amalfitana (Diocesi Amalfi-Cava de'Tirreni) ed ho avuto la sfortuna di andare alla S.Messa (?) del mattino nella chiesa di Maria Ausiliatrice dei Salesiani di Vietri sul Mare.
    A prescindere dalle musiche con chitarre e congas e dalla confusione generale, vi segnalo (e purtroppo non ho un cellulare che faccia le riprese...):

    1) S. Comunione con l'Ostia intinta nel vino (e fin qui, mi crea disagio, ma forse non è sacrilegio, spero.)
    2) Una signora che si è portato il cane in chiesa, e non solo. Se lo è portato in braccio a fare la Comunione. E il prete gliela  ha data. Altro che piattino!
    3) Padre Nostro con ingiunzione esplicita di tenersi per mano. Ho detto alla povera vecchina alla mia sinistra che ero abituato a pregare a mani giunte. Ha risposto riconoscente "Anche io"
    4)Show finale con giovani "veline" salesiane con jeans belli aderenti e alcune anche a vita bassa davanti all'altare con palloncini a forma di cuore.
    5) Scoppio finale dei palloncini mediante spilli.
    6) Applausi ripetuti durante la celebrazione. Al primo ho detto a voce alta ai miei figli piuttosto spaesati "Non applaudite. Questa dovrebbe essere una messa non una festa di carnevale".

    Finita la messa, se così si può dire, non avendo fatto la Comunione e volendo farla "una volta all'anno almeno a Pasqua" come diceva il catechismo di S.Pio X, ho deciso di andare di nuovo a messa alla vespertina in Duomo, dove c'erano comunque le due "Specie" obbligatorie (evidentemente è una direttiva del Vescovo), ma almeno ho ritrovato un po' di serenità.
    Chissà se tutti Cardinali Salesiani che occupano posizioni di potere in Vaticano sono al corrente di cosa fanno i loro confratelli?

    RispondiElimina
  24. Veramente... non ti invidio!  :'(

    RispondiElimina
  25. <span>si è portato il cane in chiesa,.... Se lo è portato in braccio a fare la Comunione. E il prete gliela  ha data. </span>
    ............
    <span> Scoppio finale dei palloncini mediante spilli. ....</span>
    .....
    chiesa di Salesiani ?
    ...........
    =-O .......... =-O ........ >:o

    RispondiElimina
  26. <span><span><span><span>
    <p>quando verrà il Signore a cacciare tutti i mercanti dal suo Tempio ?
    </p><p>o forse aspetterà che tutte le chiese vengano trasformate in fiere, mercati e circhi ?
    </p></span></span></span>
    <p> 

    </p></span>

    RispondiElimina
  27. <p>quando verrà il Signore a cacciare tutti i mercanti dal suo Tempio ?
    </p><p>o forse aspetterà che tutte le chiese siano trasformate in fiere, mercati e circhi ?
    </p>

    RispondiElimina
  28. Cos'avete contro la comunione sotto le due specie per intinzione?

    RispondiElimina
  29. Bisogna distinguere: un conto e` l'intinzione che compie il sacerdote prima di deporre la particola sulla  lingua del comunicando, un conto e` l'intenzione fai da te. La prima e` la maniera migliore per distribuire le due specie, la seconda e` un abuso detestabile.

    RispondiElimina
  30. Bisogna distinguere: un conto e` l'intinzione che compie il sacerdote prima di deporre la particola sulla  lingua del comunicando, un conto e` l'intinzione fai da te. La prima e` la maniera migliore per distribuire le due specie, la seconda e` un abuso detestabile.

    RispondiElimina
  31. Sunt lacrimae rerum7 aprile 2010 06:57

    Caro Andrea, ha scritto bene Bedwere : la comunione per intinzione deve essere data dal Sacerdote sulla bocca del comunicando.
    Non è permesso , dalle rubriche e dalla devozione, fare diversamente.
    Sinceramente non capisco perchè si debba obbligare i fedeli a ricevere la comunione per intinzione.
    Quanto alla distruzione di quel che rimaneva della grande devozione del glorioso sud Italia dobbiamo "ringraziare" i soliti ignoti : spavaldi liturgisti che hanno per anni manomesso il concetto di sacralità nella Liturgia per favorire una specie di "festa popolare"  : un misto fra populismo, marxismo e illuminismo.
    Ovvio che il popolo, nel nome della devozionalità personale, ha abboccato...

    RispondiElimina
  32. Ah, allora sono pienamente d'accordo con voi: certo non sembrava questo il caso descritto.

    RispondiElimina
  33. Purtroppo non è soltanto alla Costiera malfitana, ma anche qui a Torino c'è una parrocchia salesiana che celebra le messe nello stesso modo.  Che pena!

    RispondiElimina
  34. Card. Lotharius7 aprile 2010 17:40

    La Comunione sotto le due specie è una forma tanto cara ai protestanti se non sbaglio.

    RispondiElimina
  35. beh non avete visto quel che han trasmesso su rete4 la domenica delle Palme? Io non sono tradizionalista, ma quando è troppo è troppo, una messa con un coro gospel mentre la gente basita guardava. Meno male che subito dopo c'era il papa sulla rai :))

    RispondiElimina
  36. Sì, con le oscenità di Marco Frisina... Ho vomitato dall'inizio alla fine (non per il papa, intendiamoci)

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.