martedì 30 marzo 2010

Un offertorio che non lascia indifferenti...

Sempre dal Religious Education Congress di Los Angeles del marzo 2010:


79 commenti:

  1. DANTE PASTORELLI30 marzo 2010 07:42

     Rito tra magico-orientaleggiante, festa del vino, circo. Se avssero portato una damigianina si sarebbero sbrigati prima. E' andata bene: avrebbero potuto anche portar una torta con dentro una pin-up, o, a seconda dei gusti del vescovo, un bel maschietto.

    RispondiElimina
  2. naturalmente per queste pagliacciate Roma non dice nulla. Parla solo per dare torto a dei fedeli che vogliono restare cattolici e per dare ragione ad un vescovo che vuole distruggere la fede cattolica.

    Credo che sia ora di aprire gli occhi e di fare qualcosa.

    RispondiElimina
  3. padre Cristoforo...30 marzo 2010 08:20

    orripilante... è dir poco! Alcune curiosità:

    1. l'uso dei già menzionati pitali per l'ncenso
    2. il servizio della lista nozze della zia in cristallo
    3. il Vescovo ha due anelli. uno per mano... quello episcopale e quello nuziale????
    4. il modo composto con cui il Vescovo fa la presentazione dei doni (si chiama così per le rubriche del MR!!!), gli occhi alzati al cielo... il raccoglimento... è commovente ed esemplare...
    5. tutte ste papocchie che vanno e vengono all'altare... partecipatio????

    .... mi fermo... potrei cadere nel volgare...

    Qualcuno vada a vedere certi sacerdoti a Torino come celebrano... altro che video!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Card. Lotharius30 marzo 2010 08:21

    Che sagra era?

    RispondiElimina
  5. Mastro Preciso30 marzo 2010 08:56

    Ma ha consacrato tutto quel vino? E chi lo ha assunto? E quel tondo in mezzo cos'è, una torta o una forma di parmigiano reggiano? Che orrore!

    RispondiElimina
  6. David de Arbizuola30 marzo 2010 08:56

    Beh, che dire: e' un insulto alla Sacrosanctum Concilium ed ai Principi e Norme del Messale Romano di Paolo VI.
    Tutto e' ridotto a scenografia e teatralita', altro che rito e celebrazione. Che pena! E pensare che ci sono certi liturgisti, per altro molto ascoltati, che lodano queste scempiaggini, attribuendo ad esse il titolo di Conciliari. Io piuttosto le definerei conciliabolari. Ma si sa al cattivo gusto ed al peggio non c'e' mai fine.

    RispondiElimina
  7.  <span><span>padre Cristoforo e tu come celebri? spero seguendo le rubriche. Allora l'importante è fare bene il proprio compito e lasciare la critica di quello che fanno gli altri.</span></span>
    <span><span>Come dice Ospite, Roma non dice nulla (evidentmeente lui lavora nella Curia romana per saperlo)... chissà perchè non dice nulla...</span></span>
    <span><span>Spuntarsi la lingua qualche volta no?</span></span>

    RispondiElimina
  8. Sunt lacrimae rerum30 marzo 2010 09:11

    Penso che il video si commenti da solo : non si tratta di una liturgia cattolica.
    Ho anche  molti dubbi sull'effettiva consacrazione di tutto quel pane e soprattutto di tutto quel vino...
    Il problema è un altro.
    Roma tace e Roma sta a guardare, ormai da troppi decenni.
    Quando qualcuno, come nel caso mio, per il bene superiore delle anime denuncia qualcosa all'Autorità questa, stracciandosi le vesti, replica dicendo che noi creiamo divisioni e che sia integralisti.
    Sarebbe come se uno va a denunciare alla polizia un reato, di cui è vittima, ma i poliziotti ti accusano dicendo che sei un sobillatore...
    Verrebbe la voglia di dire : arrangiatevi voi, noi ce ne andiamo per i monti a fare i partigiani in attesa di poter scendere , quando sarà l'ora, per riconsacrare i templi disonorati e dissacrati dalla vostra nuova religione che non è la fede cattolica.
    Vediamo come andrà a finire, lo scadere dei tre anni per la relazione sul MP, l'istruzione attuativa del MP, ma soprattutto il prossimo Conclave, il più tardi possibile...
    Noi, armati solo del breviario e del Santo Rosario, cene andremo a fare la guerra di liberazione fra i monti.
    Io, pur non frequentando la Fraternità San Pio X, mi auguro che questa fetta sana della Chiesa rimanga preservata nella fede, tramite l'isolamento, da questi figuri che ancora si fingono "preti o vescovi" cattolici ma nella realtà non lo sono.
    Hanno già ricevuto la loro ricompensa.

    RispondiElimina
  9. <span>La domanda che mi sorge spontanea è: in quella celebrazione o rappresentazione circense come qualcuno l'ha definita, quel pane è diventato vero Corpo di Cristo e quel vino è diventato il Suo Preziosissimo Sangue? Perché, se non vi è stata la transustanzazione allora è davvero una celebrazione da condannare, ma se invece Gesù si è fatto presente in Corpo anima e divinità, beh allora, circo o non circo, sagra o non sagra, mi riesce difficile bacciarla…, almeno fintanto che non ci sarà una nuova “regola-tiratina d’orecchie”… Chi mi da una risposta?</span>

    RispondiElimina
  10. Luis Moscardò30 marzo 2010 10:01

    Tìngila di giallo e
    mèttitela al collo.

    Torno a dire che il Venerabile Rito di sempre non avrebbe potuto bubire un tale stravolgimento sacrilego; invece il messaletto paolino/bugniniano presta il fianco agli abusi che sospinti dall'avellare soffio dello spirito del concilio porta alla "messa" dei pitali fumanti. Bella roba, davvero!
    E chissà quante prove avranno fatto, quanto avranno pagato il regista...

    RispondiElimina
  11. Luis Moscardò30 marzo 2010 10:02

    "bubire" sta per subire...

    RispondiElimina
  12. Ma ti cheti!!!!!

    RispondiElimina
  13. non ho visto ne questo ne l' altro filmato e credo che non lo faro' ......

     l' abominio di LITZ mi è bastato !!!!!! ..............

    RispondiElimina
  14. Ma quel vescovo è forse un salesiano ?

    RispondiElimina
  15. Luis Moscardò30 marzo 2010 10:21

    Che c'entra la Taylor? :-D
    Guarda che -se non sei particolarmente depresso- ci sono degli spunti esilaranti: quando arriva Pancho Villa col cestone delle caciotte, e poi uno con una talare a 3/4 sganciata che fa la danza del pitale fumante... Roba da etilometro. Sì, lo so, se uno poi ragiona ci sta male; ma c'è l'antidoto: vatti a vedere sul blog le foto delle ordinazioni dei Francescani dell'Immacolata.

    RispondiElimina
  16. Nel caso Gesù fosse realmente presente, la profanazione sarebbe ancora più NEFANDA
    Mi auguro che il NO in generale, e queste ..... in particolare, non abbiano efficacia/validità sacramentale.

    RispondiElimina
  17. ..."bubire" ci sta benissimo, dato il contesto di babbei e babbuini...

    RispondiElimina
  18. parroco di campagna30 marzo 2010 11:26

    ripeto mancano solo Marini Piero e Giovanni Paolo secondo.che tristezza

    RispondiElimina
  19. Simone da Varagine30 marzo 2010 11:26

    Lasciando perdere tutto il contorno abominevole per un attimo, mi ha colpito un particolare. Una cosa da nulla,molto personale direi. Il Vescovo e tutti i celebranti hanno il microfonino orientabile tipo grande fratello. Notate? bene, mi ricordo del mio anziano canonico. Sacerdote esemplare Mons. Natale. Ancora oggi i forestieri lo cercano ricordandosi di quel santo sacerdote che stava in chiesa a pregare sempre in talare. Bene...negli ultimi tempi celebrava con un filino di voce...MA MAI E POI MAI AVREBBE RINUNCIATO AD INTONARE KYRIE E GLORIA CON O SENZA MICROFONO O A DISERTARE UN VESPRO! Si spremeva, e si notava, i polmoni per poter lodare il Signore. Questi individui, invece, neanche fanno la fatica di alzare un filino la voce...preferiscono girare come attori o gorilla da film americano...o soubrettine da "non è la rai" per la serie: "Pronto? Gianni Boncopagni? vado bene così o devo alzare ancora le gambe?"

    RispondiElimina
  20. Vorrei dire tante cose. Ma forse meglio tacere..

    RispondiElimina
  21. Caro Dante....non so se hai visto il resto...i video 8/9 e 10....le BROCCHE DI VINO CONSACRATO portate in giro dentro dei bicchieroni e che non veniva dato con l'intizione dell'Ostia, ma bevendo attaccati....ed alla fine della presunta comunione, portati via ancora pieni CHISSA' DOVE....ne è avanzato parecchio da come si vede e non oso pensare dove sia stato messo quel Vino Consacrato...

    Confesso che davvero non esiste mai il peggio, quando ci lamentiamo di casa nostra....Siamo nella Settimana Santa, sostiamo ai piedi del Crocefisso e supplichiamo da Lui queste conversioni....

    RispondiElimina
  22. Per multinick: non si può dire con certezza. Però un vescovo, come un prete, di qualunque bassezza sia, qualunque nefandezza abbia commesso, ha sempre e comunque quel potere. Quindi credo che vi sia stata transustanzazione. Se fosse così, allora davvero, sagra o non sagra, circo o non circo, lì c'è Dio! Come in qualunque altra Messa.

    RispondiElimina
  23. messe invalide! chiaro, chiarissimo. L'unica cosa che profanano è il loro cervello e Roma sta a guardare.... fino a quando?

    RispondiElimina
  24. 1) i pitali fumanti gridano vendetta a Dio.
    2) la druidessa che gira le pagine del messale ha un camice da dacerdote (che orrore)
    3) manca il corporale
    4) sul servizio di cristallo dell'ikea stendiamo un velo pietoso
    5) s'i fossi papa, allor sarei giocondo, 
    che il vescovo di Los Angeles deporrei. 
    A far da campanaro poi l' manderei
    in un sperduto angolo del mondo.    (libera interpretazione di Cecco Angiolieri)

    RispondiElimina
  25. pure questo è il novus ordo.

    RispondiElimina
  26. DANTE PASTORELLI30 marzo 2010 12:07

    Dinnanzi a certi scempi si dovrebbero sciogliere milioni di lingue!

    RispondiElimina
  27. DANTE PASTORELLI30 marzo 2010 12:11

    Dio c'era anche, nel Verbo incarnato che subì flagellazione, battiture, sputi, derisioni e crocifissione

    RispondiElimina
  28. DANTE PASTORELLI30 marzo 2010 12:13

    Non ho visto il seguito. Non ho stomaco sufficientemente sano.

    RispondiElimina
  29. Redazione di Messainlatino.it30 marzo 2010 12:36

    Non ti ricordi la fine che fa Pinocchio quando va a denunciare il gatto e la volpe che lo hanno truffato delle monete d'oro? Forse è il caso di riportarlo per intero:

    Pinocchio “Preso allora dalla disperazione, tornò di corsa in città e andò difilato in tribunale, per denunziare al giudice i due malandrini, che lo avevano derubato.
    Il giudice era uno scimmione della razza dei Gorilla: un vecchio scimmione rispettabile per la sua grave età, per la sua barba bianca e specialmente per i suoi occhiali d’oro, senza vetri, che era costretto a portare continuamente, a motivo d’una flussione d’occhi, che lo tormentava da parecchi anni.  
    Pinocchio, alla presenza del giudice, raccontò per filo e per segno l’iniqua frode, di cui era stato vittima; dètte il nome, il cognome e i connotati dei malandrini, e finí chiedendo giustizia.  
    Il giudice lo ascoltò con molta benignità; prese vivissima parte al racconto: s’intenerí, si commosse: e quando il burattino non ebbe piú nulla da dire, allungò la mano e sonò il campanello.
    A quella scampanellata comparvero subito due can mastini vestiti da giandarmi.
    Allora il giudice, accennando Pinocchio ai giandarmi, disse loro:
    — Quel povero diavolo è stato derubato di quattro monete d’oro: pigliatelo dunque, e mettetelo subito in prigione. —  
    Il burattino, sentendosi dare questa sentenza fra capo e collo, rimase di princisbecco e voleva protestare: ma i giandarmi, a scanso di perditempi inutili, gli tapparono la bocca e lo condussero in gattabuia.
    E lí v’ebbe a rimanere quattro mesi: quattro lunghissimi mesi: e vi sarebbe rimasto anche di piú se non si fosse dato un caso fortunatissimo. Perché bisogna sapere che il giovane Imperatore che regnava nella città di Acchiappa-citrulli, avendo riportato una bella vittoria contro i suoi nemici, ordinò grandi feste pubbliche, luminarie, fuochi artificiali, corse di barberi e di velocipedi, e in segno di maggiore esultanza, volle che fossero aperte anche le carceri e mandati fuori tutti i malandrini.
    — Se escono di prigione gli altri, voglio uscire anch’io — disse Pinocchio al carceriere.
    — Voi no, — rispose il carceriere — perché voi non siete del bel numero…
    — Domando scusa; — replicò Pinocchio — sono un malandrino anch’io.
    — In questo caso avete mille ragioni — disse il carceriere; e levandosi il berretto rispettosamente e salutandolo, gli aprí le porte della prigione e lo lasciò scappare.”

    RispondiElimina
  30. Redazione di Messainlatino.it30 marzo 2010 12:38

    Il Corpo e il Sangue di Cristo vi è anche nelle Messe nere, se è solo per quello.

    RispondiElimina
  31. mi compiaccio, bravissimo, un po' di veemenza non guasta.
    Ma... non ero io quello "volgare" per aver detto molto meno? 

    RispondiElimina
  32. David de Arbizuola30 marzo 2010 13:24

    Eh gia' Simone, noi ne abbiamo conosciuti Sacerdoti che andavano (e qualcuno va ancora) in giro con la loro veste nera, logora ma pulita, con l'aria dimessa di chi non ha da pretendere ma solo da offrirsi. Gli stessi che tenendo tra le mani l'Ostia Magna mentre dicevano: "Questo E' Il Mio Corpo", sentivi la loro voce tremare per il rispetto e per il santo timore di cio' che stavano facendo e soprattutto di Cio' che avevano tra le dita. Gli stessi che vedevi commuoversi alle lacrime, quando a piedi scalzi il Venerdi' santo si prostravano all'Adorazione della croce, mentre il coro cantava il Pange Lingua (Crux Fidelis). Gli stessi che a qualunque ora del giorno e della notte tu li chiamassi per una confessione, per un olio santo, per un viatico si mettevano la talare sul pigiama e correvano "che debbo arrivare che sia ancora vivo!". Altro che quelli che.... "Eh ma adesso non posso devo far fare i cartelloni per la messa...". Non facevano tante sceneggiate durante la Messa, ma il loro confessionale aveva sempre la fila lunga davanti. Che il Signore ce ne conceda ancora di quei Sacerdoti!

    RispondiElimina
  33. Le lingue si sciolgono, caro Dante, non ancora millioni, ma tante! Sono ascoltate? Sembra proprio di no!
    Quante lettere sono giunte in Vaticano, quante testimonianze, hanno avuto un seguito? No. 
    Fino a quando a detenere le corde del potere saranno coloro che hanno taciuto, legittimato, incoraggiato, tutte le storture, fino a quando chi ha il potere di fermare, filtrare, gettare, ignorare, le informazioni, sarà dalla parte di chi  ha stravolto la Liturgia e la dottrina cattoliche, nutro ben poca fiducia su cambiamenti sostanziali.
    Per fortuna ogni tanto si fanno sentire le voci di pastori che non fanno parte di quel "gregge" che va nella direzione opposta a quella del Successore di Pietro, seminando confusione e divisione.

    RispondiElimina
  34. errore!!!!!!!!  ..... chiedo scusa ......... LINZ e' ovvio !!!!!!! c ' e' bisogno di replicare ???

    RispondiElimina
  35. ero presente a firenze .......

    RispondiElimina
  36. er tripparolo30 marzo 2010 13:53

    aò ammazza'aò
    io ciò no stomaco forte
    mma de quelli forti davvero!
    epperò a leggere stì commenti
    mmè viè meno pure a me a carità

    aridateve na carmata
    stamo in Settimana Santa
    come è indecente er video
    siete indecenti pure voi

    RispondiElimina
  37. Meglio che non commento altrimenti mi faccio il sangue marcio. Ma io sono una tradizionalista fondamentalista per molti ...

    RispondiElimina
  38. er tripparolo30 marzo 2010 13:58

    in urtimo
    vogli addì
    che ppe li errori delli artri se prega
    pecchè chi se addiverte su quelli delli artri
    ci saranno gli artri che se addiverteranno su li loro

    er famoso
    "rimetti a nnoi li nostri debiti.......      "

    RispondiElimina
  39. fatti e parole30 marzo 2010 14:01

    sig. multinick,
    lei ha mai sentito dire che Nostro Signore in Persona si è lamentato con S. Padre Pio (prima del 1968) dicendo che ormai la Sua Santa Messa era già trasformata in spettacolo...e che dicendolo piangeva ?  le  suscita qualche minimo interesse sapere che Nostro Signore soffre per i nostri peccati e ne è colpito al Cuore, che sanguina per le nostre offese e ingratitudini, o ciò la lascia del tutto indifferente?
    Ma naturalmente per lei queste sono favole ! lei non crede che Nostro signore, LUNGO I SECOLI  si è lamentato coi Santi degli oltraggi che riceve nella SS.ma Eucaristia, e che il 20.mo e il 21.mo secolo sono arrivati al culmine di tali oltraggi ?
    Oppure forse nelle catechesi che le hanno propinato le hanno ben inculcato la convinzione che noi  coi nostri peccati "non offendiamo in nessun modo Dio stesso", nelle sue 3 Persone, ma in particolare e frequentye nel Figlio che si rende Presente nelle Sacre Specie ?
    Ha mai sentito parlare di anime mistiche che si sono offerte come vittime per la riparazione di tali abominii ?
    (ma si può immaginare che per lei tali santi e mistici sono dei grandi idioti, forse....)
    ma poi: le sue catechesi di "formazione" o "iniziazione" le hanno mai dato una definizione di "peccato" o le hanno detto <span>se il peccato esiste davvero o è un'invenzione della Chiesa "tra Costantino e il 1962", invenzione ormai superata ?....</span>

    RispondiElimina
  40. fatti e parole30 marzo 2010 14:02

    <span>sig. multinick,  
    lei ha mai sentito dire che Nostro Signore in Persona si è lamentato con S. Padre Pio (prima del 1968) dicendo che ormai la Sua Santa Messa era già trasformata in spettacolo...e che dicendolo piangeva ?  le  suscita qualche minimo interesse sapere che Nostro Signore soffre per i nostri peccati e ne è colpito al Cuore, che sanguina per le nostre offese e ingratitudini, o ciò la lascia del tutto indifferente?  
    Ma naturalmente per lei queste sono favole ! lei non crede che Nostro signore, LUNGO I SECOLI  si è lamentato coi Santi degli oltraggi che riceve nella SS.ma Eucaristia, e che il 20.mo e il 21.mo secolo sono arrivati al culmine di tali oltraggi ?  
    Oppure forse nelle catechesi che le hanno propinato le hanno ben inculcato la convinzione che noi  coi nostri peccati "non offendiamo in nessun modo Dio stesso", nelle sue 3 Persone, ma in modo particolare e frequente nel Figlio che si rende Presente nelle Sacre Specie ?  
    Ha mai sentito parlare di anime mistiche che si sono offerte come vittime per la riparazione di tali abominii ?  
    (ma si può immaginare che per lei tali santi e mistici sono dei grandi idioti, forse....)  
    ma poi: le sue catechesi di "formazione" o "iniziazione" le hanno mai dato una definizione di "peccato" o le hanno detto <span>se il peccato esiste davvero o è un'invenzione della Chiesa "tra Costantino e il 1962", invenzione ormai superata ?....</span></span>

    RispondiElimina
  41. fatti e parole30 marzo 2010 14:04

    <span>lei ha mai sentito dire che Nostro Signore in Persona si è lamentato con S. Padre Pio (prima del 1968) dicendo che ormai la Sua Santa Messa era già trasformata in spettacolo...e che dicendolo piangeva ?  le  suscita qualche minimo interesse sapere che Nostro Signore soffre per i nostri peccati e ne è colpito al Cuore, che sanguina per le nostre offese e ingratitudini, o ciò la lascia del tutto indifferente?    
    Ma naturalmente per lei queste sono favole !...</span>
    <span>può riuscire lei a credere che Nostro Signore, LUNGO I SECOLI  si è lamentato coi Santi degli oltraggi che riceve nella SS.ma Eucaristia, e che il 20.mo e il 21.mo secolo sono arrivati al culmine di tali oltraggi ?    
    Oppure forse nelle catechesi che le hanno propinato le hanno ben inculcato la convinzione che noi  coi nostri peccati "non offendiamo in nessun modo Dio stesso", nelle sue 3 Persone, ma in modo particolare e frequente nel Figlio che si rende Presente nelle Sacre Specie ?    
    Ha mai sentito parlare di anime mistiche che si sono offerte come vittime per la riparazione di tali abominii ?    
    (ma si può immaginare che per lei tali santi e mistici sono dei grandi idioti, forse....)    
    ma poi: le sue catechesi di "formazione" o "iniziazione" le hanno mai dato una definizione di "peccato" o le hanno detto <span>se il peccato esiste davvero o è un'invenzione della Chiesa "tra Costantino e il 1962", invenzione ormai superata ?....</span></span>

    RispondiElimina
  42. ...forse!... Credi che quella gente, non certo cattolica, abbia l'intenzione di fare ciò che fa la Chiesa???

    RispondiElimina
  43. ...ma erqano tutti d'accordo? Neanche uno dei vescovi presenti con un po' di buon senso ha gridato: ma cosa c.zzzzzzzz............combinate???

    RispondiElimina
  44. fatti e parole30 marzo 2010 14:26

    sig. multinick,
    <span><span>lei ha mai sentito dire che Nostro Signore in Persona si è lamentato con S. Padre Pio (prima del 1968) dicendo che ormai la Sua Santa Messa era già trasformata in spettacolo...e che dicendolo piangeva ?  le  suscita qualche minimo interesse sapere che Nostro Signore soffre per i nostri peccati e ne è colpito al Cuore, che sanguina per le nostre offese e ingratitudini, o ciò la lascia del tutto indifferente?      
    Ma naturalmente per lei queste sono favole !...</span>  
    <span>può riuscire lei a credere che Nostro Signore, LUNGO I SECOLI  si è lamentato coi Santi degli oltraggi che riceve nella SS.ma Eucaristia, e che il 20.mo e il 21.mo secolo sono arrivati al culmine di tali oltraggi ?      
    Oppure forse nelle catechesi che le hanno propinato le hanno ben inculcato la convinzione che noi  coi nostri peccati "non offendiamo in nessun modo Dio stesso", nelle sue 3 Persone, ma in modo particolare e frequente nel Figlio che si rende Presente nelle Sacre Specie ?      
    Ha mai sentito parlare di anime mistiche che si sono offerte come vittime per la riparazione di tali abominii ?      
    (ma si può immaginare che per lei tali santi e mistici sono dei grandi idioti, forse....)      
    ma poi: le sue catechesi di "formazione" o "iniziazione" le hanno mai dato una definizione di "peccato" o le hanno detto <span>se il peccato esiste davvero o è un'invenzione della Chiesa "tra Costantino e il 1962", ormai superata dal Concilio e dalla "Nuova Chiesa" che avanza (con le magnifiche Messe "progressive"?....</span></span></span>

    RispondiElimina
  45. fatti e parole30 marzo 2010 14:26

    <span>ig. multinick,  
    <span><span>lei ha mai sentito dire che Nostro Signore in Persona si è lamentato con S. Padre Pio (prima del 1968) dicendo che ormai la Sua Santa Messa era già trasformata in spettacolo...e che dicendolo piangeva ?  le  suscita qualche minimo interesse sapere che Nostro Signore soffre per i nostri peccati e ne è colpito al Cuore, che sanguina per le nostre offese e ingratitudini, o ciò la lascia del tutto indifferente?        
    Ma naturalmente per lei queste sono favole !...</span>    
    <span>può riuscire lei a credere che Nostro Signore, LUNGO I SECOLI  si è lamentato coi Santi degli oltraggi che riceve nella SS.ma Eucaristia, e che il 20.mo e il 21.mo secolo sono arrivati al culmine di tali oltraggi ?        
    Oppure forse nelle catechesi che le hanno propinato le hanno ben inculcato la convinzione che noi  coi nostri peccati "non offendiamo in nessun modo Dio stesso", nelle sue 3 Persone, ma in modo particolare e frequente nel Figlio che si rende Presente nelle Sacre Specie ?        
    Ha mai sentito parlare di anime mistiche che si sono offerte come vittime per la riparazione di tali abominii ?        
    (ma si può immaginare che per lei tali santi e mistici sono dei grandi idioti, forse....)        
    ma poi: le sue catechesi di "formazione" o "iniziazione" le hanno mai dato una definizione di "peccato" o le hanno detto <span>se il peccato esiste davvero o è un'invenzione della Chiesa "tra Costantino e il 1962", ormai superata dal Concilio e dalla "Nuova Chiesa" che avanza (con le sue magnifiche Messe "progressive"?....)</span></span></span></span>

    RispondiElimina
  46. Gente che legge, gente che beve, gente che filma... una specie di Notte di Valpurga. Che cosa avrebbe a che fare questa roba, non dico con una messa cattolica, ma con il Cristianesimo?

    RispondiElimina
  47. fatti e parole30 marzo 2010 14:37

    <span>"Roma tace e Roma sta a guardare, ormai da troppi decenni.  
    Quando qualcuno, come nel caso mio, per il bene superiore delle anime denuncia qualcosa all'Autorità questa, stracciandosi le vesti, replica dicendo che noi creiamo divisioni e che sia integralisti.  
    Sarebbe come se uno andasse a denunciare alla polizia un reato, di cui è vittima, ma i poliziotti ti accusassero dicendo che sei un sobillatore... "</span>
    ------------------
    sottoscrivo, solidale per esperienza! e ti dicono per giunta:
    "chi ti credi di essere", "tu semini divisione"!
    infatti per loro (come per certe mosche cocchiere del potere modernista-sacrilego) l'unità e la carità equivalgono a dire:
    "lasciamo dire, lasciamo fare, lasciamo stare...
    siccome siamo tutti peccatori, GUAI a chi si permette di indignarsi o scandalizzarsi per ciò che accade!
    chiudete gli occhi ! fate finta che tutto va bene! ...e soprattutto, state zitti, eh....state boni....c'è sicuramente chi dall'alto vigila su tutto e provvede a tutto, non temete !)
    PS (quello che il blogger ha detto come ipotesi -essere accusati quando si va a denunciare un reato- è già accaduto, segnalato un fatto simile da un tg la scorsa settimana ! come quando si accusa il termometro dl fatto che la temperatura sale o scende...)
    :(

    RispondiElimina
  48. fatti e parole30 marzo 2010 14:38

    <span><span>"Roma tace e Roma sta a guardare, ormai da troppi decenni.    
    Quando qualcuno, come nel caso mio, per il bene superiore delle anime denuncia qualcosa all'Autorità questa, stracciandosi le vesti, replica dicendo che noi creiamo divisioni e che sia integralisti.    
    Sarebbe come se uno andasse a denunciare alla polizia un reato, di cui è vittima, ma i poliziotti ti accusassero dicendo che sei un sobillatore... "</span>  
    ------------------  
    sottoscrivo, solidale per esperienza! e ti dicono per giunta:  
    "chi ti credi di essere", "tu semini divisione"!  
    infatti per loro (come per certe mosche cocchiere del potere modernista-sacrilego) l'unità e la carità equivalgono a dire:  
    "lasciamo dire, lasciamo fare, lasciamo stare...  
    siccome siamo tutti peccatori, GUAI a chi si permette di indignarsi o scandalizzarsi per ciò che accade!  
    chiudete gli occhi ! fate finta che tutto va bene! ...e soprattutto, state zitti, eh....state boni....c'è sicuramente chi dall'alto vigila su tutto e provvede a tutto, non temete !)  
    PS (quello che il blogger ha detto come ipotesi -essere accusati quando si va a denunciare un reato- è già accaduto, segnalato un fatto simile da un tg la scorsa settimana ! come quando si accusa il termometro del fatto che la temperatura sale o scende...)  
    :( </span>

    RispondiElimina
  49. Per questo qualcuno qui sopra invitava a vedere... come si celebra a Torino...
    Questi sono pazzi, consacrano le specie per poi esporle al dileggio, e una marmaglia di beoti gli va dietro senza rendersene conto.

    RispondiElimina
  50. fatti e parole30 marzo 2010 14:47

    certi moralisti improvvisati, poi, fanno finta di non capire che qui il peccato NON E' privato, e non lo abbiamo scoperto noi, ma <span>è pubblico, è gravissimo, è oltraggio sommo al SS.mo Sacramento e diffonde a sua volta l'esempio di blasfemia e sacrilegio</span>, COME SE FOSSE COSA NORMALISSIMA,  e non invece fomite di scandalo che si moltiplica e si amplifica fino ai confini della terra, gridando vendetta al Cielo.
    Questi pseudo-devoti, pronti a zittire lo sdegno dovuto di fronte agli scempi del sacro, dimenticano paciosamente che Nostro Signore ha detto:
    <span>"E' inevitabile che avvengano scandali, ma guai a colui per colpa del quale avvengono", </span>
    e anche: "Continuamente il mio Nome è bestemmiato. Ma<span> guai a colui per colpa del quale il nome del Signore é bestemmiato ."</span>

    RispondiElimina
  51. E' FIGLIA  DEL MESSALE DI PAOLO VI , .........  BUGNINI AUTORE .......

       ....... LA STECCA VIENE DAL CEPPO !!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  52. Sunt lacrimae rerum30 marzo 2010 15:12

    Mi hanno colpito alcun interventi.
    P.Perplesso ha giustamente messo in risalto, in una forma breve ma chiarissima, le co-respomsabilità dei Vescovi e dei Sacerdoti concelebranti.
    Anche essi sono responsabili del sacrilegio che è stato perpetrato contro la Divina Maestà e contro la Comunità Ecclesiale convenuta, che , almeno dal filmato, mi pare composta e sgomenta.
    Enrico è convinto che, nonostante la "qualità" della celebrazione le Specie siano state consacrate validamente, in virtù del potere sacerdotale del Vescovo " presidente" e dei concelebranti.
    Questa convinzione potrebbe essere esatta.
    Due studiosi della materia, consultati riguardo la questione della consacrazione, nelle Messe dei Neocatecumenali, di tanti boccali di vino hanno espresso i loro dubbi poichè l'Istituzione dell'Eucaristia parla espressamente del calice del vino al singolare.
    Lo spuntar fuori, soprattutto nelle liturgie neocatecumenali, di tanti boccali ricolmi di vino potrebbe essere almeno fonte di ragionevole dubbio.
    Comunque, quando la Provvidenza vorrà, occorrerà metter mano dal punto di vista teologico sul rito della concelebrazione così frettolosamente imposto nel Concilio Vaticano II.
    Sia la Redazione che altri lettori, fra cui " fatti e parole" hanno giustamente sottolineato la corresponsabilità della Curia Romana che, nel momento in cui è stata resa edotta del tipo di celebrazione, come anche quelle che si susseguono a Linz o in altre parti del globo cattolico, dovrebbe prendere dei seri provvedimenti canonici a rispetto delle normative liturgiche e della sacralità della Santa Messa.
    Anche il mio parroco celebra in maniera abituaria con il Novus Ordo.
    Tuttavia il mio parroco lo fa seguendo l'antica norma " digne,attente ad devote" con raccoglimento personale che cerca di trasmettere ai fedeli.
    Nel caso della sventurata Diocesi americana pare, senza ombra di dubbio, che la celebrazione che è stata filmata non sia aderente con lo spirito della Chiesa.
    Manca dell'intenzione di fare ciò che la Chiesa comanda.
    Si tratta di un'altra religione.
    Il diacono che balla anche quando si trova in prossimità della "sede" ( sarebbe stato "opportuno", dopo quelllo che aveva fatto durante la processione introitale, che si fosse per un istante raccolto in un momento di riflessione orante...) mi ha colpito più che mai.
    Malgrado le vesti siano quelle cattoliche ho avuto proprio la "proiezione" che si trattava di un altra religione.
    Non vorrei stare nei panni del prossimo Arcivescovo di Los Angeles.
    La stessa Cattedrale di quella metropoli non ispira alcuna devozione o alcun modo di "fare quello che la Chiesa comanda".
    C'è da ricominciare tutto da capo !

    RispondiElimina
  53. DANTE PASTORELLI30 marzo 2010 15:23

    Dipende dalle cicostanze, o, come suol dirsi, dal contesto.

    RispondiElimina
  54. Luis Moscardò30 marzo 2010 16:02

    Stavo solo scherzando! :-D  buon per te ch'eri a Firenze!

    RispondiElimina
  55. Bingo!! Quel falso vescovo ha stabilito il nuovo record mondiale di profanazione e ha vinto il 'diavoletto d'oro' 2010. Avanti ! All'inferno c'e' ancora molto posto!!

    RispondiElimina
  56. :-D
    eppure... io non ce l'ho con il "falso vescovo", ma con quelle brave massaie 40/60enni, magari onorate (?) madri di famiglia in menopausa, che si prestano a prostituire in modo tanto ridicolo la propria dignità di donne con simili pagliacciate.... non ne hanno abbastanza di farlo a casa propria di apparecchiare e sparecchiare la tavola? O forse appartengono a quel genere di femmine che queste mansioni -a casa- le delega al povero marito?
    E poi ce l'ho con i loro mariti imbelli: se io vedessi la mia ragazza fare scemenze del genere a Messa (che sia una di quelle Vere o di quelle rese finte per i tanti abusi poco importa...) prima la prendo a sberle e poi la mollo!
    I vescovi e i preti possono essersi sciroppati il cervello, ma non vedo perché dei laici di buon senso dovrebbero dar corda alle loro fantasie perverse...  

    RispondiElimina
  57. Nobis quoque peccatoribus30 marzo 2010 17:20

    Non sono riuscito a vedere il video sino alla fine. Mi sono fermato a quello che dovrebbe essere il "Suscipe Sancte Pater" del Rito Tridentino. Per un commento esauriente e sintetico ci vorrebbe la penna dell'omonimo conterraneo del Prof. Pastorelli, ma qualche squarcio nel poema si trova.
    Quanto al mio concittadino tripparolo, famo a capisse.
    T'indigni pe li commenti e mai pe lli sacrileggi. Ma mi sa' ch' a' carita' sta da 'nartra parte. Ma e' Pasqua de' Risurrezzione e ppo' cciai pure raggione!
    Tutto quel volteggiare di donzelle, le offerte portate quasi solo da fanciulle o attempati giovinotti. L'incombere sullo sfondo del seggio presidenziale. Se a Linz c'era la focaccia qui mi pare che si proponga la tortilla.
    Ma in realta' si tratta solo di un'esagerazione di quanto a volte si vede in comuni parrocchie. Come una solennne liturgia in una basilica romana era un tempo l'esaltazione di quanto si poteva vedere ad una Santa Messa solenne nella parrocchia sotto casa.
    Anticamente il celebrante si recava al S. Sacrificio con in mano il calice velato. Ora un laico brandisce la Parola. Segno che qualcosa e' Realmente cambiato.

    Quanto alle proteste, mi ricordano la storia di quel tale che ando a denunziare un complotto illecito della nota setta ad un magistrato che disgaziatamente era affiliato alla medesima. Provate ad immaginare i tristi seguiti.

    FdS

    RispondiElimina
  58. Ah no!, questo non glielo faccio vedere alla nonna, insiste ancora con il primo che non è la chiesa!
    La capisco, ma troppo complesso per spiegarglielo! 

    RispondiElimina
  59. fedele indegno30 marzo 2010 19:06

    Chi ha reso possibile tutto questo ne risponderà davanti a Dio.

    RispondiElimina
  60. '' Tanto piu' si e' posti in alto tanto piu' si deve sottostare alle regole ,, ....... CONFUCIO 

     .........  tanto saranno gravi le colpe di cui giustificarsi davanti il GIUDICE SUPREMO !!!!!!! ........ non vorrei stare nei loro panni ......... 

    RispondiElimina
  61. DANTE PASTORELLI30 marzo 2010 19:34

    Esagerato!

    RispondiElimina
  62. Se penso che l'Abbé Michel di Evreux ha perso il ricorso contro il suo "Vescovo" e poi vedo queste porcherie, che nessuno contesta, mi vengono propositi omicidi....

    RispondiElimina
  63. DANTE PASTORELLI30 marzo 2010 20:47

    Curarsi!

    RispondiElimina
  64. Su you tube ci sono anche i pezzi successivi. Se giustamente vi siete inorriditi per l'offertorio, guardatevi la Comunione !Il peggio non e' mai morto.

    RispondiElimina
  65. Come vedete ormai ci sono due chiese ben distinte e diametralmente opposte l'una all'altra. Questi due tronconi hanno preso strade diverse e divergenti e lo scisma è ormai in atto.  Una prende ispirazione dal circo, dallo spettacolo, l'altra  un pò più contenuta piano piano scivolerà verso la prima.Ormai a rappresentare la chiesa cattolica rimane soltanto la FSSPX e speriamo che il papa riesca in breve tempo a riabilitare completamente i suoi vescovi e sacerdoti . Da qesto piccolo nucleo, con in testa il Sommo Pastore ripartirà l'ascesa del cattolicesimo. Non speriamo che vi siano sanzioni o sconfessioni perchè con la collegialità come dogma conciliare  i vescovi hanno preso il sopravvento e solo un miracolo potrà far cambiare le cose.

    RispondiElimina
  66. Non capisco perchè vi stracciate, tutti, le vesti. Come se queste cose fossero una novità. E' una liturgia  modulata  secondo il principio dell'inculturazione , in questo caso, interetnica. l'Inculturazione è VOLUTA da Roma. Se questi vescovi hanno sbagliato verranno ripresi, altrimenti sono nel giusto. Se non erro, lo stesso vescovo "tradizionalista" mons. Rifan ha partecipato ad una cerimonia similare.

    RispondiElimina
  67. <span>Non capisco perchè vi stracciate, tutti, le vesti. Come se queste cose fossero una novità. E' una liturgia  modulata  secondo il principio dell'inculturazione , in questo caso, interetnica. l'Inculturazione è VOLUTA da Roma. Se questi vescovi hanno sbagliato verranno ripresi, altrimenti sono nel giusto. Se non erro, lo stesso vescovo "tradizionalista" mons. Rifan ha partecipato ad una cerimonia simile.</span>

    RispondiElimina
  68. <span><span>Great earthquakes coming to Los Angles and New York...
        Jesus says: 
    "There will be pestilence anew. There will be earthquakes in many places. The present ones have been nothing compared to what will happen next. There will be a great earthquake in the Los Angeles area, and also New York. I told you this before, My children and My child, but I must repeat to you: Many prayers are needed now, for the balance is most uneasy." (6-17-89)</span></span>

    RispondiElimina
  69. portace  n' antro litro che noi se lo bevemo e poi j' arisponnemo embè embè che c'è.....
    ORRIBILE !!!
    Andrebbero solo presi a calci e basta !!!

    RispondiElimina
  70. <p><span><span><span>1/2</span></span></span>
    </p><p><span><span><span>Carissimo <span>fatti e parole<span>che scrivi:</span></span></span></span></span>
    </p><p><span><span><span>“ig. multinick, lei ha mai sentito dire che Nostro Signore in Persona si è lamentato con S. Padre Pio (prima del 1968) dicendo che ormai la Sua Santa Messa era già trasformata in spettacolo...e che dicendolo piangeva? le suscita qualche minimo interesse… ecc, ecc.”</span></span></span>
    </p><p><span><span><span>Rispondo così: Con tutto il rispetto per San Pio, la Rivelazione è conclusa e compiuta con Gesù Cristo! Tutto quello che dovevamo sapere è stato detto. Null’altro c’è da aggiungere; neppure le “rivelazioni private” possono aggiungere qualcosa. Questa è la fede che insegna la Chiesa Cattolica! Tutto </span></span><span>è stato raggiunto nella piena e definitiva rivelazione di Cristo, Parola vivente di Dio, il quale comunicò agli uomini tutto ciò che aveva udito dal Padre (cf Giovanni 15:15).</span></span>
    </p><p><span><span>Dice Papa Benedetto XVI: <span> </span></span><span>[...] L'insegnamento della Chiesa distingue fra la “rivelazione pubblica” e le “rivelazioni private”. Fra le due realtà vi è una differenza non solo di grado ma di essenza.</span></span></p>

    RispondiElimina
  71. <p><span><span>2/2</span></span>
    </p><p><span><span>S. Giovanni della Croce afferma: “Dal momento in cui ci ha donato il Figlio suo, che è la sua unica e definitiva parola, ci ha detto tutto in una sola volta in questa sola Parola... Infatti quello che un giorno diceva parzialmente ai profeti, l'ha detto tutto nel suo Figlio... Perciò chi volesse ancora interrogare il Signore e chiedergli visioni o rivelazioni, non solo commetterebbe una stoltezza, ma offenderebbe Dio, perché non fissa il suo sguardo unicamente in Cristo e va cercando cose diverse e novità” (cfr. CCC 65, S. Giovanni della Croce, Salita al Monte Carmelo, II, 22).</span></span>
    </p><p><span><span>Ancora il CCC: “Lungo i secoli ci sono state delle rivelazioni chiamate ‘private’, alcune delle quali sono state riconosciute dall'autorità della Chiesa... Il loro ruolo non è quello... di ‘completare’ la Rivelazione definitiva di Cristo, ma di aiutare a viverla più pienamente in una determinata epoca storica” (n. 67). </span></span>
    </p><p><span><span>Papa Benedetto XIV, dice al riguardo nel suo trattato classico, divenuto poi normativo sulle beatificazioni e canonizzazioni: “Un assentimento di fede cattolica non è dovuto a rivelazioni approvate in tal modo (rivelazioni private); non è neppure possibile”. </span></span>
    </p><p><span><span>(Cfr.</span><span> “Congregazione per la dottrina della fede: Il messaggio di Fatima – Commento teologico”, 13 maggio 2000<span>  </span>di Joseph Ratzinger).</span></span>
    </p><p><span>Perciò, per credere, non c’è bisogno di scomodare i santi! </span>
    </p><p><span>Alla luce di quanto sopra, le altre sue illazioni al mio indirizzo, mi permetta di non prenderle neppure in considerazione.</span>
    </p><p><span>La saluto cordialmente</span></p>

    RispondiElimina
  72. <span><span>Ultima Cena, istituzione della SS. Eucaristia, Gesù: </span></span>
    <span><span>"....questo è un miracolo che, per la sua forma, durata e natura, per gli estremi di esso e i limiti che tocca, più forte non ce ne può essere. Io ve lo dico: tanto è potente, soprannaturale, inconcepibile all'uomo superbo, che ben pochi lo comprenderanno come va compreso, e molti lo negheranno. Che dirò allora? Condanna per loro? No. Dirò: pietà!"</span></span>
    <span><span></span></span>
    [dal vol. 9° de L'Evangelo come mi è stato rivelato di Maria Valtorta]

    RispondiElimina
  73. un altro che aggiunge...

    RispondiElimina
  74. DANTE PASTORELLI31 marzo 2010 20:58

    Le rivelazioni private, benché approvate dalla Chiesa, non son vincolanti: esse non possono sostituirsi né correggere la Rivelazione che si è conclusa con la morte dell'ultimo Apostolo. Neppure la Chiesa, il Papa o un concilio posson niente più rivelare, posson solo intepretare e approfondire la verità già rivelata. Le rivelazioni private aiutano, eventualmente, a comprendere la Rivelazione. 
    Tuttavia non è da minimizzere l'importanza dei Santi per la nostra fede. Per la santità della loro vita, l'eroicità delle loro virtù, per il loro amore che spesso li ha portati al martirio, la Chiesa ce li propone come modelli da seguire, nei vari "carismi" idonei ad indicar la strada a noi più congeniale.

    Una precisazione si impone: il citato trattato sulle canonizzazioni non è di Benedetto XIV ma del card. Lambertini che poi sarebbe divenuto Benedetto XIV. Non è distinzione da poco! Non è il Papa che parla ed in qualche modo impegna la sua autorità aposotolica.

    RispondiElimina
  75. Bravo Dante per la precisdazione, anche io avevo capito. non mi sono azzardato a correggere il Papa attualmente regnante che così ha scritto.
    tuttavia va bene lo stesso, resta fermo il fatto che alla Rivelazione non si aggiunge nulla. Per cui le varie apparizioni a santi o beati o a semplici veggenti nonveggenti sono obbliganti. Posso crederci o non crederci. Possono aiutarmi, questo sì, a far crescere la mia fede, ma nulla più.

    RispondiElimina
  76. Errata corrige: "nonveggenti sono obbliganti" leggasi : non sono obbliganti o vincolanti!

    RispondiElimina
  77. I could not resist commenting. Very well written!
    Here is my webpage ... homes for sale in weslaco tx

    RispondiElimina
  78. http://www.micropromocodes.com Best Place for Upto 80% Off Free Coupon Codes,
    Promotion Codes, Discount Deals and Promo Offers For Online Shopping,Upto 80% Off Promo Coupon Codes.

    Save on Online Shopping Always. Use Coupons.
    Exclusive Coupons · Genuine Offers · Updated Daily · Best Coupons
    · Free Coupons · Best Offers,
    Types: Coupon Codes, Discount Coupons, Offers & Deals,Save Upto 80% Off on Microsoft
    Store Promo Code,

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.