venerdì 19 febbraio 2010

Presentazione di libro a Genova

Venerdì 19 Febbraio ore 17,30

Hotel Plaza – Piazza Corvetto – Genova


L’ASSOCIAZIONE CULTURALE MERITO

E EDOARDO RIXI

hanno organizzato la presentazione del libro

VERDI ROSSI NERI

“L’islamismo, il comunismo e il neonazismo,la pericolosa convergenza dei totalitarismi antioccidentali”

Sarà presente l’autore Alexandre Del Valle

partecipa: Maria Giovanna Maglie

Modera: Antonia Ronchei

***

Alexandre Del Valle è un politologo, giornalista e saggista francese. Docente di geopolitica dell’Islam all’Università europea di Roma, ricercatore associato all’Institut Choiseul, uno dei principali think tank francesi, e membro del gruppo di lavoro di Magdi Cristiano Allam al Parlamento europeo, Del Valle collabora con importanti pubblicazioni francesi e israeliane («France-Soir», «Israel Magazine» e «Politique Internationale»). Tra i suoi numerosi libri ricordiamo: Perché la Turchia non può entrare in Europa e Il totalitarismo islamista. All’assalto delle democrazie. Alexandre Del Valle è unanimemente riconosciuto come uno dei massimi esperti della geopolitica e dell’integralismo islamico.

***

Ruggero Guarini, «Il Velino», 25 novembre 2009
«Ce la farà l’Occidente a resistere e a sopravvivere alla furiosa offensiva concentrica che ormai da molti anni gli viene sferrata contro un po’ dappertutto, su quasi ogni fronte reale, immaginario e simbolico, da una coalizione internazionale di nemici esterni e interni di molti diversi e contrastanti colori, ma tutti affratellati dall’odio per la sua potenza e i suoi valori?

24 commenti:

  1. per chi è abbonato leggere l'articolo di Blondet sul sito effedieffe: "Un «sayan» incapace e sfigato"

    per farla breve: Alexandre Del Valle personaggio molto poco serio....

    RispondiElimina
  2. Vorrei una spiegazione19 febbraio 2010 11:13

    Senta,
    per me i  «sayan» sono gli alieni con la coda che compaiono nel cartone animato "Dragon balls Z".
    Non credo che si riferisca a loro.
    Grazie

    RispondiElimina
  3. ma tutti affratellati dall’odio per la sua potenza e i suoi valori?

    Quale potenza e valori? Quelli radical-massonici che ci contrassegnano ormai da un bel pezzo? In tal caso faccio il tifo per i rossi-verdi-neri...

    Comunque, anche io consiglio di leggere l'articolo di FDF, soprattutto a chi è curioso di scoprire cosa è un "Sayan". Basta legger quello per capire la professionalità giornalistica di tal del Valle...

    P.S.: preferisco di gran lunga quando Messa in Latino tratta di liturgia, cosa che tra l'altro fa tutti i giorni in maniera egregia.

    RispondiElimina
  4. Interessante anche la risposta di Cardini a l'uomo della Valle

    www.francocardini.net/.../Dossier%20polemica%20Libero,%20del%20Valle%20ecc.%20novembre%202009..doc

    RispondiElimina
  5. Andiamo bene, adesso è poco serio chi non piace a ......BLONDET?!?!? Per favore, il complottismo e la cospirazione ebraica mondiale no, già lo pensano in tanti che noi tradizionalisti siamo scemi esaltati, almeno non diamo manforte a chi gode a leggere queste cose su nostre fonti di informazione e poi sput... ehm, calunniarci su tutti i media.  Blondet è ormai uno "squalificante automatico", cioè citarlo credendo a quello che dice significa dimostrare senza bisogno di ulteriori indiagine che si è fuori di testa come lui.

    Ma davvero vogliamo andare dietro al mons. Williamson dei giornalisti?

    RispondiElimina
  6. Guardate, ragazzi, l'Islam è un pericolo mortale. Blondet, accecato dal suo comprensibile e in parte giustificato antigiudaismo, non se ne vuole capacitare. Ma chiunque abbia a che fare direttamente, e non per interposta stampa, con i musulmani (maschi e adulti) sa che la pecentuale di fanatismo è elevatissima e la soglia di tolleranza bassissima. Continuare a illudersi che non è così, è autoipnosi. Il risveglio comunque ci sarà, e sarà brusco e doloroso. A volte si ha l'impressione che la stessa Chiesa, con i suoi messaggi di accoglienza universale indiscriminata, sempre acquiescenti nei riguardi dell'islam, voglia candidare tutto l'Occidente - reo d'averle voltato le spalle - al martirio.

    RispondiElimina
  7. Redazione di Messainlatino.it19 febbraio 2010 12:51

    Ecco, ci mancava Bin Laden in persona!

    RispondiElimina
  8. Solita spazzatura neo-con. Da evitare come la peste. Prego la redazione di non cadere nella pericolosissima deriva "cristianista" di certa destra cattolica italiana.

    RispondiElimina
  9. Mah, non concosco ovviamente il contenuto dell'opera, ma un ragionamento che intende considerare unitariamente fenomeni fra loro eterogenei come l'islamismo, il comunismo ed il neonazismo, mi trasmette l'impressione di costituire un frullato ideologico "politically correct" che, come tale, ha la pretesa di affermare tutto, senza, in realtà, poter dire nulla ... 

    RispondiElimina
  10. Siamo tradizionalisti, non cristianisti!

    RispondiElimina
  11. caro quirinus...ha letto l'articolo di blondet?
    se si lei è in cattiva fede...

    RispondiElimina
  12. Non preoccupatevi. Hanno sempre perso e continueranno a perdere, nonostante l'aiuto di Santa Madre Chiesa, perché mancano loro talenti fondamentali. Sono strutturalmente condannati a non prevalere, un po' come gli ebrei.

    RispondiElimina
  13. Blondet è un uomo molto intelligente, ma sul mondo islamico manca totalmente di obiettività e, con la sua predicazione, fa, senza volerlo, danni gravissimi.

    RispondiElimina
  14. Tradizione Cattolica19 febbraio 2010 19:01

    Un'altra eccellente lettura è Spaghetticons - la deriva neoconservatrice della destra cattolica italiana, di Luigi Copertino, edizioni il Cerchio.

    In breve: cerchiamo di non lasciarci irretire dalla propaganda anticomunislam.

    Il cattolicesimo non è un banale anti-qualcosa. Il cattolicesimo non è la bandiera da utilizzare per la battaglia del momento (verde, rossa, nera o a pois).

    Ma oggi basta parlare di anticomunislam, antiradicalmassoni, antideviazionisessuali, antiquesto antiquello antitutto, e tanti sedicenti cattolici tradizionali duri e puri cascano ingenuamente nella trappola.

    RispondiElimina
  15. Tradizione Cattolica19 febbraio 2010 19:02

    "Sayan" (plurale: "sayanim") è traducibile in italiano con "utile idiota".

    Le palle del drago non c'entrano niente.

    RispondiElimina
  16. Tradizione Cattolica19 febbraio 2010 19:03

    Sicché tu giudichi il contenuto a partire dal nome del contenitore...?

    RispondiElimina
  17. Tradizione Cattolica19 febbraio 2010 19:07

    Parlare di "islam" è come parlare di "cristiani": un'etichetta generica in cui c'è dentro di tutto, ma proprio di tutto, dai cattolici adulti agli episcopaliani bambini, dai protestanti valdesi ai sedevacantisti biellesi...

    Il primo problema riguardante l'Islam è la scarsa e debole fede di larga parte del mondo cattolico.

    RispondiElimina
  18. devo aggiungere altro?...

    RispondiElimina
  19. Organista "reazionario" varaginense20 febbraio 2010 14:15

    Siete un sito serio, evitate dunque di pubblicizzare "libri" di questi personaggi!

    RispondiElimina
  20. Chi ha scritto il libro può piacere o no, ma la questione è il contenuto del libro. Che tra i tradizionalisti cattolici ci sia anche il filone del buonismo filoislamico è un fatto e si è visto benissimo anche in questo blog, dove le professioni di ammirazione verso la "serietà degli islamici" non sono mancate.

    RispondiElimina
  21. Redazione di Messainlatino.it20 febbraio 2010 23:54

    Non sono mancate tra i commentatori del blog, certo non negli articoli del blog. I maomettani sono un pericolo mortale per tutti noi.

    RispondiElimina
  22. <span>Credevo che la Redazione credesse nelle parole del Divin Maestro, dove parla di non praevalebunt, di essere felici nella persecuzione e di amare i propri nemici.</span>
    <span>Queste parole sono invece la conferma che l'adesione al Cristianesimo-Cattolicesimo-Tradizionalismo è semplicemente una scelta di squadra, un po' come quando un ragazzino aderisce ad una squadra di calcio piuttosto che ad un'altra, e sulla base di questo segue le partite, tifa, spacca la testa ai tifosi avversari e riceve bastonate quando la squadra non gioca in casa. La fede tradizionale al posto della Juventus? La fede personale al posto della Lega? Complimenti!</span>

    RispondiElimina
  23. Dimostrandosi così nient'altro che funzionali (quinte colonne, si diceva una volta) alla lotta di qualcun altro, e scaricabili appena la battaglia vera sia vinta.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.