sabato 16 gennaio 2010

Saltato il pontificale di oggi a Napoli


Avevamo dato notizia a suo tempo (vedi qui) del pontificale del card. Castrillòn Hoyos previsto per oggi nella Chiesa dell'Ascensione a Chiaja, Napoli, organizzata dalla locale Delegazione del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio.

Ci scrivono che, purtroppo, causa influenza del Cardinale la celebrazione è stata annullata.

Peccato davvero, visto in particolare per il fatto che la S. Messa si sarebbe dovuta tenere a Napoli che è zona, come larga parte del Meridione, assai povera di forma straordinaria.

37 commenti:

  1. sì, sì, notissima influenza!16 gennaio 2010 15:13

    si chiama "Crescenzia"!

    RispondiElimina
  2. Questa mattina la chiesa dell'Ascenzione era strapiena e attendeva con ansia l'arrivo del cardinale. Alla fine è stata celebrata una messa nel nuovus ordo.

    RispondiElimina
  3. Ospite
    Questa mattina la chiesa dell'Ascenzione era strapiena e attendeva con ansia l'arrivo del cardinale. Alla fine è stata celebrata una messa nel nuovus ordo.
    Today, 15.40.33
    – Flag – Like – Reply
    In quale lingua?

    RispondiElimina
  4. parte... nopea e parte italiana, no?

    RispondiElimina
  5. Baluardo del sud16 gennaio 2010 16:26

    Fortunatamente il meridione e in special modo Napoli, sono zone de-latinizzate.

    RispondiElimina
  6. Il Vesuvio mormorava.....16 gennaio 2010 16:28

    Non passa il tradizionalista.....

    RispondiElimina
  7. L''influente' si vendica per esser stato mandato via da Roma?

    RispondiElimina
  8. Antonio De Curtis16 gennaio 2010 16:59

    E da ddove è venuta sta vviolenza???? Influenza!! hanno detto influenza!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Oramai tutto è sotto la luce del sole!16 gennaio 2010 17:09

    Anche questo Cardinale sì è rivelato per quello che è! Ma cosa ci si può aspettare da un uomo come lui? Ma tutto passa anche questi figuri saranno dimenticati dalla storia! San Gennaro aiutaci tu!

    RispondiElimina
  10. <img></img>
    Profilassi antinfluenzale da seguire rigorosamente prima di ogni Messa Tradizionale: alcuni (ma non troppi) giorni prima, spargere ed affiggere diffusamente, specie nei paraggi dell'Episcopio questa immagine.
    <img></img>

    RispondiElimina
  11. Il Cardinale sta a letto con l'influenza.
    Perchè fare inutili congetture ?
    Fidiamoci dei comunicati ufficiali !

    RispondiElimina
  12. E se il cardinale fosse veramente malato? 
    Perchè non fargli piuttosto gli auguri per una pronta guarigione, piuttosto che partire in tromba con dei commenti che, mi duole dirlo, portano acqua al mulino di chi critica il blog?

    RispondiElimina
  13. Più che "de-latinizzate".......io direi de-cerebrate, almeno per quel che concerne certe tematiche. Essere succubi piscologicamente dei pretacci-pagliacci-demagoghi-protestantissanti e giudaizzanti, è una delle piaghe del Meridione.
    Se il cardinale Hoyos è malato, il pontificale è solo rimandato ( ed ho fatto pure la rima!).

    RispondiElimina
  14. Balardo del sud16 gennaio 2010 21:22

    meglio senza testa che senza cuore.
    certe "forze" al sud non attaccano e non attecchiranno mai!!!

    RispondiElimina
  15. Occorreva celebrare una Santa Messa (Tridentina) propiziatoria!
    Hanno detto una Messa NO? Di quelle con chierichette, canti e danze?
    Immagino il fuggi fuggi....

    RispondiElimina
  16. Messa rinviata a data da destinarsi?
    Fateci sapere!

    RispondiElimina
  17. Gentile Luisa, il sospetto deriva dal fatto che la messa ha avuto successivamente luogo in Rito Riformato, anziché in Vetus Ordo. Se anche il porporato fosse stato influenzato (nel qual caso, gli porgo i miei più sinceri auguri per un rapido ristabilimento), possibile che nessuno dei sacerdoti che lo avrebbero dovuto assistere nella cerimonia (e, per la qual ragione, ben dovevano conoscere il Rito Gregoriano) fosse in grado di officiare secondo il Messale di San Pio V?
    Concordo, quindi, con il primo postante: si tratta proprio di una "crescentite acuta", che è una gran brutta malattia dello spirito ...

    RispondiElimina
  18. Edificando sui vulcani acidi17 gennaio 2010 00:24

    Se si fosse trattato di ordalia, potremmo concludere che Iddio ha manifestato il suo giudizio sulla diffusione della messa antica tra le future vittime del Vesuvio.

    RispondiElimina
  19. In effetti, stando alla veridicità della notizia che l'Eminenza sta a letto con la febbre, cosa normalissima, ci saremmo aspettati di leggere che al posto del Pontificale, non essendo stato possibile reperire neppure un Vescovo che potesse officiare in tale forma, si fosse avuta almeno una Messa in terzo.
    Sembrava appurato, infatti, che i bravi Cavalieri avesso in cuore festeggiare con la forma straordinaria.
    Invece hanno dovuto capitolare accettando una semplice messa nella forma ordinaria.
    Prima o poi conosceremo cosa effettivamente è accaduto nel Regno del Card. Sepe.

    RispondiElimina
  20. centro-adriatico17 gennaio 2010 09:21

    de-latinizzate ????
    questo è ciò che può pensare o affermare un napoletano megalo-campanilista, che parla a nome di mezza Italia, ritenendo che esista solo Napoli e la Campania e le altre regioni dal centro al sud non abbiano nessuna cognizione del problema "crisi liturgica" e non cerchino con tutte le forze di favorire il ritorno della Messa VO!
    L'Italia non si identifica con Napoli!

    RispondiElimina
  21. de-latinizzati ?????

    da quando in qua Napoli si permette di parlare a nome di mezza Italia...ma quale? quella che va dalle Marche-Lazio fino alla Sicilia?
    Quando e da chi è stato deciso cha Napoli è capitale dell'Italia liturgica secondo il NO e la volontà del em.mo Sepe ?
    Gradirei essere aggiornato da questi saccenti megafoni partenopei del potere NO, che saltano a piè pari la volontà e le teste pensanti di milioni di cattolici, dalle Marche alla Sicilia!
    Si vede che dai tempi dei Borboni ritengono di essere  capitale del Regno: regno di che..di chi?

    RispondiElimina
  22. servi della tirannide17 gennaio 2010 09:39

    i vari parte-nopisti ("balardi" del sud auto-incaricati di balardare, con altri balordi loro pari...) che schiamazzano, come ai tempi del Risorgimento, rimanendo ben all'ombra del Borbone, disprezzando l'unità nazionale nascente, dovrebbero rileggere ogni tanto il Magnificat:
    "Ha rovesciato i potenti dai troni
    ha innalzato gli umilli..."
    se potessero aprire gli occhi (molto difficile, quando si è abituati a dominazioni tiranniche decennali e secolari, che coltivano e innaffiano nei sudditi l'IGNORANZA,  utilissima al potere del piede tirannico che li schiaccia...)
    se potessero vedere di che stoffa sono quei "potenti sui troni" episcopali che soffocano le voci dei cattolici desiderosi di seguire il Papa!

    RispondiElimina
  23. servi della tirannide17 gennaio 2010 09:41

    <span>i vari parte-nopisti ("balardi" del sud auto-incaricati di balardare, con altri balordi loro pari...) che schiamazzano, come ai tempi del Risorgimento, rimanendo ben all'ombra del Borbone, disprezzando l'unità liturgica (VO) ri-nascente, per volontà del Papa e di Dio, dovrebbero rileggere ogni tanto il Magnificat: 
    "Ha rovesciato i potenti dai troni 
    ha innalzato gli umilli..." 
    ma solo se potessero aprire gli occhi (molto difficile, quando si è abituati a dominazioni tiranniche decennali e secolari, che coltivano e innaffiano nei sudditi l'IGNORANZA,  utilissima al potere del piede tirannico che li schiaccia...) 
    solo se potessero vedere di che stoffa sono quei "potenti sui troni" episcopali che soffocano le voci dei cattolici desiderosi di seguire il Papa!</span>

    RispondiElimina
  24. Complimenti! Con il suo commento è riuscito a confermare il risultato dell'analisi antropologica sul fenotipo napoletano condotta dalla fazione più estremistica della Lega! Grazie a lei una confutazione di questa opinione si rivelerebbe un'impresa disperata!

    RispondiElimina
  25. Baluardo del sud17 gennaio 2010 12:20

    Essere uno stereotipo "estremamente distante"  (e magari pure odiato) dalla lega e dai leghisti, è fonte di massimo orgoglio e massimo onore per un napoletano!!!

    RispondiElimina
  26. Civitella del Tronto17 gennaio 2010 13:01

    Storicamente le Marche non sono mai appartenute al Regno delle Due Sicilie.
    L'ultima, gloriosa, roccaforte più a nord del Regno Borbonico, è stata Civitella del Tronto che nell'attuale conformazione territoriale appartiene alla provincia di Teramo, ma in sostanza si poteva dire più legata territorio di Ascoli Piceno.
    L'amico che si è firmato " Regime" forse non lo sapeva.
    Le Marche sono state sempre papaline !

    RispondiElimina
  27. non per questo non sottostanno all'attuale regime: questo è il dramma, che neanch'esse riescono a tornare col Papa e a liberarsi dal tiranno che okkupa mezza Italia (e anche più...)

    RispondiElimina
  28. Civitella del Tronto per Picenum17 gennaio 2010 13:29

    Certamente ha ragione Picenum : da quando sono state istituite le Conferenze Episcopali l'unico " hobby " praticato è quello di andar contro le indicazioni del Papa, specie di questo Papa, e contro coloro che seguono, in piena comunione con Roma, la Tradizione.
    Se ne accorgeranno quando saranno proprio i fedeli della Tradizione a correre in soccorso dei Porporati quando le forse contrarie alla Chiesa le attaccheranno ancor di più per ogni motivo !

    RispondiElimina
  29. Odiato? No,no, disprezzato o, al più, considerato con pietosa condiscendenza. Per fortuna, il reale fenotipo partenopeo è ben distante dall'analisi del leghismo più estremizzato;è poi un vero peccato peccato che le sparate di qualche napoletano (ma sarà poi tale?) su questo blog abbiano fatto ogni sforzo per confermare l'aberranza di tali tesi. 

    RispondiElimina
  30. Baluardo del sud17 gennaio 2010 16:57

    Il loro disprezzo forma la corona d'allorio della nostra imperitura gloria!!!

    RispondiElimina
  31. Baluardo del sud17 gennaio 2010 17:01

    Milioni ????????????????????????????



    4 miao miao miao miao

    :-P



    RispondiElimina
  32. Baluardo del sud17 gennaio 2010 17:02

    Servi???????????????????????????????
    Napoli non è (fortunatamente) bergamo o verona....

    RispondiElimina
  33. Antonio Meucci17 gennaio 2010 17:07

    L'infuenza colpisce alle 11.00, non c'è neppure un sacerdote nel raggio di 100 Km che sa celebrare la Messa di sempre e la chiesa trabocca di fedeli...   Devo proprio tornare a lavorare a quell'invenzione del 1871.

    RispondiElimina
  34. la grande paura17 gennaio 2010 18:07

    <span>eh... caro Meucci, 
    <span> la chiesa trabocca di fedeli... </span> 
    già...: proprio questo è il "guaio"!</span>

    RispondiElimina
  35. Meucci Antonio17 gennaio 2010 18:27

    Ma traboccava come quella di Mandas?

    RispondiElimina
  36. @baluardo "... corona d'alloro..."

    Quel che di piccol cosa
    grande importanza ostenta,
    è l'opera del Bartoli:
    "La Povertà Contenta" ...

    (Baluardo del sud, o leghista travestito da partenopeo per screditare irrimediabilmente la figura degli abitanti della nobile città di Napoli?)

    un cavaliere costantiniano

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.