martedì 19 gennaio 2010

Confraternite

Le Confraternite, fatte sparire come d'incanto dopo il Concilio Vaticano II, spesso per incamerarne i beni, sono da considerarsi giuridicamente estinte 100 anni dopo la morte dell'ultimo confratello.
Quanti beni dovrebbero essere restituiti alle ancora vive e vegete confraternite, sorte a lode di Dio e per donare a tutti carità ed assistenza ?
Abbiamo ricevuto questa informazione e ne diamo notizia molto volentieri:

Coordinamento regionale delle Confraternite e Sodalizi delle Marche
Sede pro tempore: via Moro, n. 1
60010 Ostra Vetere (An)
Tel. 071-965399 fax e segreteria telefonica: 071-964066 C.F.92016580422 - http://www.confraternite.altervista.org/ - web.tiscali.it/confraternite.marche.htm - confraternite.marche@tiscali.

E’ STATO ANNULLATO IL PROVVEDIMENTO DI ESTINZIONE DELLA VENERABILE CONFRATERNITA DEL SANTISSIMO SACRAMENTO E GONFALONE

Dal Delegato Nazionale delle Confraternite Trinitarie, di Stazzano (AL), Dott. Gian Paolo Vigo, riceviamo l’attesissimo provvedimento del Ministero dell’Interno che sana la situazione di fatto creatasi nel 2005 a seguito di un precedente decreto di soppressione. Il Coordinamento Regionale delle Confraternite e Sodalizi delle Marche esprime grande soddisfazione per il primo caso assoluto di ricostituzione della personalità giuridica, dopo tanti e troppi provvedimenti soppressori:
Annullamento del provvedimento di estinzione della Confraternita del SS. Sacramento e Gonfalone nella Chiesa della SS. Trinita', in Osimo. (09A15596) (Gazzetta Ufficiale n. 3 del 5-1-2010)

Con decreto del Ministro dell'interno in data 20 novembre 2009, e' disposta la cancellazione dal registro delle persone giuridiche del decreto ministeriale in data 6 maggio 2005, con la quale e' stata dichiarata estinta la Confraternita del SS Sacramento e Gonfalone nella Chiesa della SS. Trinita', con sede in Osimo (Ancona).

3 commenti:

  1. anche con la nostra a piacenza, negli anni del postconcilio, ci provarono. facevano gola i beni ad un vescovo superindebitato(ovviamente a fin di bene...). attuammo la politica del materasso.. piu' picchiavano e piu' incassavamo senza smuoverci.. alla fine il vescovo fu promosso a bologna e mori' poco tempo dopo l'insediamento senza riuscire a diventare cardinale.. la confraternita esiste tuttora e viene celebrata ogni domenica la messa tridentina.

    RispondiElimina
  2. Eh sì, si tratta di quello stesso vescovo che, nella sua precedente sede prepositurale di Varese (ovviamente, sempre a fine di bene ...), aveva svenduto agli antiquari, olte ai ritratti dei suoi predecessori ed altri quadri a soggetto sacro, numerosissime suppellettili liturgiche, non più consone ai Riti riformati del NO ... 

    RispondiElimina
  3. sarebbe bello che ovunque risirgessero le confraternite che un tempo esistevano in tutte le parrocchie e si pretendesse la ricostituzione anche del patrimonio la chesa modernista fradicia sta crollando su se stessa presto i sessantottini saranno tutti morti il fituro è della tradizione stringiamo i denti e andiamo avanti con coraggio

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.