lunedì 28 dicembre 2009

Messa tridentina a San Remo


Ecco un video fotografico della S. Messa di Ognissanti realizzata dai maghi informatici di Maranathà



Prossimo appuntamento:
Domenica 3 gennaio 2010 ore 17.00
Santuario Madonna della Costa - San Remo
Ss.mo Nome di Gesù.
Messa Te Deum laudamus di L. Perosi

eseguita dal Coro "Amici della Musica - Città di Taggia"
diretti dal Mo. Federico Brezzo

18 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Ho notato c he il Sacerdote officiante non usa il manipolo che è richiesto dalle rubriche del Messale 1962 e quindi non è facoltativo come nel NO. Questo fa deporre per una certa sciatteria del celebraNTE.

    RispondiElimina
  3. anche il S. Evangelo dall'ambone mi lascia perplesso. Avranno officiato il rito del 65???

    RispondiElimina
  4. beh, a dire il vero le rubriche del Missale 1962 non nominano più il manipulo - che però NON vuol dire che sia stato abolito ;)

    Ma non è nominato più

    RispondiElimina
  5. Non è solo il cattolicesimo belga che è in fae di estinzione, ma anche le anticaglie cerimoniali di un rito giustamente sostituito dalla chiesa del Concilio.

    RispondiElimina
  6. Ci estinguiamo tutti insomma, Celestino... Ma andate avanti voi!

    RispondiElimina
  7. Cari Amici volevo comunicare per la gioia di tutti che nella festa di Santo Stefano ho celebrato la Santa Messa tridentina nella mia Parrocchia e oggi pomeriggio in un'altra piccola parrocchia dove è stata la prima volta dopo 40 anni. Più vado avanti e più mi convinco della preziosità del rito tradizionale e del bene che fa a me sacerdote e ai fedeli. La sacralità, il senso di Dio, la bellezza della lingua latina che ti porta in un'altra dimensione, fuori dalla piattezza del quotidiano, sono beni enormi....
    Grazie Papa Benedetto.
    E dopo la Messa provo sempre una grande felicità e una forza, un senso di onnipotenza.... è Gesù che vive in me....
    Grazie Gesù....
    don Bernardo

    RispondiElimina
  8. Olttre ai gatti, quanti eravate?
    Ah, dimenticavo, la messa ideale per voi è quella sine populo.

    RispondiElimina
  9. No, caro Celestino V. la messa ideale per noi tradizionali non è quella sine populo ma quella senza cretini.

    Celestino sesto

    RispondiElimina
  10. è quella sine populo solo se tra i fedeli ci sono persone come te Celestino. (scherzo!)

    RispondiElimina
  11. da uno sguardo veloce delle foto posso notare:

    1) l'aspersione dell'acqua benedetta fatta con la pianeta anziché col piviale non è prevista;

    2) in assenza di diacono e suddiacono la messa è detta in forma "cantata" e pertanto l'epistola deve cantarla il sacerdote all'altare (e invece mi pare sia stata letta o cantata da un inserviente); similmente il sacerdote non avrebbe dovuto sedersi.

    3) il Vangelo è letto o cantato non all'altare, come le rubriche prevedono, ma al leggio.

    Insomma, forse è necessaria una maggiore attenzione alle rubriche per evitare di crearne di nuove in maniera estemporanea.


    Antonello

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  14. Nicolas Gomez Davila28 dicembre 2009 22:54

    Ogni esegesi del Vangelo ci convince della ragione dell'esegeta opposto.

    RispondiElimina
  15. Inopportuno, guarda che ti stai scoprendo troppo: se continui con argomenti così strampalati si accorgeranno tutti che sei uno dei nostri che vuole prendere per il "cerimoniale" gli amanti delle piermarinate

    RispondiElimina
  16. Il post di Inopportuno è stato cancellato per una frase irrispettosa verso il celebrante. Lo riportiamo, depurato (ma non dagli errori di ortografia, ai quali egli ama viziosamente indulgere) qui di seguito:

    Io credo che no dovrebbero essere fatte sproporzioni, da voi, nelle terminologie. Come si fa a definire semplicemente un "inserviente", un che agisce un ministero liturgico, uno che proclama il Dei Verbum?
    Questo è fare autogol, come quando dite 'amministrare i sacramenti' e no dite, come sarebbe giusto che dire, 'celebrare i sacramenti'.
    Jo no dico che Kiko ha 100% ragione a far portare il Lezionario in processione col velo omerale, ma almeno questo è rispetto cerimoniale per il Dei Verbum, mentre no è rispetto dire Epistola e Vangelo in silenzio e volti alla parete.
    Visto che ci sono, perchè no dite a don Pastorelli che tutti esegeti viventi, anche di Lefebvre, danno ragione all'Anonimo e torto a lui e Jacopo?

    Pace e bene

    RispondiElimina
  17. Veritatis splendor29 dicembre 2009 07:40

    portare il lezionario col il velo omerale significa considerare la Scrittura alla STESSA stregua della Sacre Specie, il che sta solo a significare che vi si considera lo stesso 'modo' di Presenza del Signore, non considerando che nella Scrittura la Presenza è sempre mediata dal testo, mentre nelle Sacre Specie è Reale e non simbolica ed inoltre è duratura e non si limita alla calebrazione, come viene erroneamente insegnato nel contesto di inopportuno

    RispondiElimina
  18. Coro Amici della Musica - Città di Taggia4 gennaio 2010 14:55

    Abbiamo cantato con molto piacere alla S.Messa del 3 gennaio; siamo senz'altro disponibili per future collaborazioni. Cogliamo l'occasione per ringraziare dell'ospitalità a nome di tutti i coristi e del nostro direttore, M° FABRIZIO BREZZO (e non Federico, come stato erroneamente indicato). Grazie ancora e buon lavoro!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.