giovedì 24 dicembre 2009

Lo spillo. L'aiuto "silenzioso" agli ebrei di Papa Pacelli, Venerabile e "Giusto tra le Nazioni".

Prendendo spunto dal buon articolo di Arrigo Levi, apparso sul quotidiano La Stampa di ieri, scriviamo con pacatezza una lettera aperta ai nostri 'Fratelli Maggiori', con indicazioni di eventi e toccanti testimonianze di ebrei contemporanei di Pio XII, che la stampa, i mass media e gli organi culturali dell'ultimo trentennio hanno però colpevolmente taciuto, contribuendo così ad alimentare quella infondata polemica che crebbe per poi diventare la spettrale condanna destinata a pesare su Pio XII: il suo silenzio. Da qualche tempo però si nota una positiva controtendenza, per cui rinasce un'obiettiva e documentata attenzione ai fatti storici che rendono giustizia al Pastor Angelicus e alla sua opera di aiuto per gli Ebrei durante lo sterminio.
.
Se tanto si è dovuto attendere per la dichiarazione di "Venerabile" di un grande Pontefice, bisogna dire "grazie", tra gli altri, agli Ebrei. Ma anche a
i Vescovi e Cardinali dissidenti potrebbero essere mosse critiche, dato che hanno voce in capitolo. Ma perchè gli Ebrei dei nostri giorni tanto ce l'hanno col povero Pio XII? Perchè sembrano voler dimenticare o confutare le testimonianze dei loro padri, che quel terribile tempo di persecuzione (e quindi, anche dell'attività del Papa) hanno conosciuto e vissuto in prima persona?
.
Regnante Pio XII, infatti, molte ed eminenti furono le manifestazioni di riconoscenza e di gratitudine rivoltegli per il suo aiuto in difesa degli Ebrei. Dal 1944 e ben oltre la fine del conflitto mondiale, copiosi e spontanei furono gli attestati ufficiali di riconoscimento dell'opera della Chiesa e del Papa per salvare quanti più Ebrei possibile. Ne diamo un parzialissimo resoconto.

I RICONOSCIMENTI PUBBLICI DEL MERITO DI PIO XII

(durante e terminata la II Guerra Mondiale)

a. "Risulta sempre più chiaro che gli Ebrei son stati salvati dentro le mura del Vaticano durante l'occupazione di Roma." (Jewish News di Detroit, 7.07.1944).

b. "La Santa Sede aveva fornito ai rifugiati ebrei anche cibo kosher." (Congress Weekly, 14.07.1944).

c. "Il Vaticano ha sempre aiutato gli Ebrei e gli Ebrei son grati alla carità del Vaticano, fatta e distribuita senza distinzione di razza." (American Hebrew di New York, 14.07.1944).

d. "Salvati dalla Chiesa, atti eroici di cattolici italiani. - In migliaia salvati dai cardinali ai curati di campagna. Sebbene messi pericolo per il fatto di soccorrere Ebrei, cattolici italiani aiutarono migliaia di nostri fratelli. Lo stesso Papa Pio XII ha dato asilo, entro le mura vaticane a centinaia di Ebrei senza tetto." (R. R. Resnik, sul Palestine Post del 22.01.1946).

e. I rabbini dell'esercito statunitense mandarono dettagliai rapporti sull'azione della Chiesa in favore degli ebrei italiani (Bollettino Jewish Brigade Group, giugno 1944 - Commitee on Army and Navy Religious Activity of the National Jewish Welfare Board, 21 luglio 1944).

f. Giuseppe Nathan, commissario dell'Unione delle Comunità israelitiche rese grazie, il 7.09.1945, "al Sovrano Pontefice e ai religiosi che non hanno visto nei perseguitati nient'altro che fratelli da salvare, secondo le indicazioni del Santo Padre" (L’ Osservatore Romano, 8-9-1945).

g. Il 21 settembre 1945 il dott. Leo Kubowitski, Segretario del Congresso Ebraico Mondiale, fu ricevuto dal Papa Pio XII per presentargli i suoi ringraziamenti per l'opera effettuata dalla Chiesa Cattolica in tutta Europa in difesa del popolo ebraico (L’ Osservatore Romano, 23-9-1945).

h. Il mese dopo, l'11 ottobre 1945, lo stesso Congresso Ebraico Mondiale offrì 20.000 dollari alla Santa Sede come segno di riconoscenza degli sforzi profusi dalla Santa Chiesa Cattolica Romana nel salvataggio degli Ebrei perseguitati dal nazismo (New York Times, 11 octobre 1945).

i. Il 29 novembre 1945 80 ebrei delegati dai rifugiati nei campi di concentramento tedeschi, vennero ricevuti dal Papa Pio XII per potergli riferire : "siamo onoratissimi di poter ringraziare personalmente il Santo Padre per la generosità che Egli ci ha mostrato durante il terribile periodo nazista."

l. Il 9 marzo 1946, 82 sopravvissuti di Auschwitz e Dachau ringraziarono personalmente il Papa per averli aiutati a scappare, salvandoli.

m. Dieci anni dopo, in occasione delle commemorazioni della fine del conflitto mondiale, il 26 maggio 1955, l'orchestra Filarmonica d'Israele (composta da 94 professori ebrei, diretti dal Maestro Paul Kletzki), suonarono sotto le finestre del Palazzo Apostolico come segno "di riconoscenza della grandiosa opera umanitaria compiuta dal Papa per salvare un gran numero di ebrei, durante la II Guerra Mondiale" .

.

Come si vede, i contemporanei del Papa, che avevano conosciuto o sperimentato la sua salvifica attività verso migliaia di ebrei, gli avevano espresso la loro sincera e spontanea riconoscenza al termine del conflitto.


IL CORDOGLIO DEGLI EBREI PER LA MORTE DI PIO XII


Nell'immediatezza della sua morte, inoltre, furono molti i sensi di cordoglio che giunsero dalle comunità ebraiche di allora, alcune delle quali espresse addirittura da autorevoli colonne di importanti quotidiani (nazionali e non). Se ne riportano alcuni a scopo di esempio.

1. L'allora Ministro degli Esteri di Israele, Golda Meir, ad esempio, appresa che ebbe la morte di Pio XII, inviò alla S. Sede un accorato telegramma: "Partecipiamo al dolore dell'umanità per la morte di S. Santità Pio XII. In periodo turbato da guerre e da discordie, egli ha mantenuto alti gli ideali più belli di pace e di carità. Quanto il martirio più spaventoso ha colpito il nostro popolo, durante i dieci anni di terrore nazista, la voce del Pontefice si è levata a favore delle vittime."

2. Il Gran Rabbino di Gerusalemme di quel tempo (la più alta autorità religiosa ebraica) Isaac Herzog inviò telegramma, la mattina del 9 ottobre 1958 col seguente messaggio: "La morte di Pio XII è una grave perdita per tutto il mondo libero. I cattolici non sono i soli a deplorarne il decesso".

3. Dagli Stati Uniti, il Rabbino Jacob Philip Rudin, presidente della Central Conference of American Rabbies così commentò la morte del Papa: "La Conferenza centrale dei Rabbini americani si unisce con profonda commozione ai milioni di membri della Chiesa Cattolica romana, per la morte di Pio XII. [...]. Possa il suo ricordo essere una benedizione per la vita della Chiesa cattolica Romana e per il Mondo." (L'Osservatore Romano, 10.10.1058).

4. Il Rabbino capo di Londra, Brodie, in un messaggio inviato all'Arcivescovo di Westminster, così si doleva: "Noi della Comunità ebraica abbiamo ragioni perticolari per dolerci della morte di una personalità la quale, in ogni circostanza, ha dimostrato coraggiosa e concreta preoccupazione per le vittime della sofferenza e della persecuzione." (L'Osservatore Romano, 11.10.1958).

5. Il Presidente d'Israele, Itzhak Ben-Zvi per tramite dell'Ambasciatore israeliano a Roma, trasmise il seguente messaggio di sincero cordoglio al Cardinal Tisserant (decano del S. Collegio): "... facendomi portavoce dei numerosi rifugiati ebrei, salvati dalla morte e dalle torture, per l'intercessione di Pio XII." (Christian News from Israel, vol IX, nn. 3-4-, dicembre 1958).

6. William Zunkermann, direttore di "Jewish Newsletter" (rivista ebraica americana) il 10 ottobre 1958 invitò tutti gli Ebrei d'America "a rendere omaggio e a esprimere il loro compianto perché probabilmente nessuno statista di quella generazione aveva dato agli Ebrei più poderoso aiuto nell'ora della più grande tragedia. [...] Quello che il Vaticano ha fatto è stata una delle più grandi manifestazione di 'umanitarismo' del secolo XX e ha costituito un nuovo ed efficace metodo di combattere l'antisemitismo. [...] Qualunque ebreo toccasse il Vaticano, era salvo." (The Commonweal, 7.11.1958).

7. Messaggi di cordoglio e tributi di stima furono rivolti al Papa da poco defunto anche da Leonard Bernistein (che impose un minuto di silenzio prima di iniziare un concerto dell'Orchestra Filarmonica di New York), dal Rabbino Israel Goldstein e dai membri del Comitato esecutivo sionista.

E ancora.

8. Il Rabbino Capo di Roma il 10 ottobre 1958 rendeva così omaggio a Pio XII: "Più di chiunque altri noi abbiamo abbiamo avuto modo di beneficiare della grande e caritatevole bontà e della magnanimità del rimpanto Pontefice, durante gli anni della persecuzione e del terrore, quanto ogni speranza sembrava per noi essere morta" (parole riportate dai quotidiani italiani e internazionali dell'11 ottobre 1958). Egli solennemente affermò ciò che i suoi successori sembrano aver oggi dimenticato: "Gli Ebrei si ricorderanno sempre di quello che la Chiesa Cattolica ha fatto per loro su ordine del Papa al momento della persecuzione razziale. (Le Monde 10.10.1958). (peccato che la Storia gli abbia dato torto, almeno finora, e molti ambienti della Comunità Ebraica se ne siano scordati)

9. Il Console israeliano a Milano, M. Pinchas Lapide, ebbe ad ammetere, riferendosi a Pio XII: "Non c'è Papa nella storia degli ebrei che sia mai stato ringraziato tanto calorosamente per l'aiuto e la salvezza ai loro fratelli nei momenti di grave pericolo." Anni dopo, dalle colonne dell'autorevole Le Monde il console consegnò alla Storia la conferma dell'impegno silenzioso della Chiesa. Chiaro ed inequivocabile il suo pensiero di "testimone" referenziato e attendibile (in quanto diplomatico attivo con la S. Sede): "Io posso affermare che il Papa, La Santa Sede i Nunzi e tutta la Chiesa Cattolica hanno salvato dai 150.000 ai 400.000 ebrei da una morte certa. La Chiesa Cattolica ha salvato più vite ebree da sola, che tutte le altre chiese, istituzioni religiose e organizzazioni messe insieme." (Le Monde 13.12.1963).

10. Gli ufficiali statunitensi ebrei della brigata entrata a Roma per la liberazione riferirono: "... i superstiti ebrei ci dissero con voce piena di gratitudine e di rispetto: 'Se siamo vivi bisogna ringraziare Pio XII. E' nel Vaticano, nelle chiese, nei monasteri, nelle case private che ebrei son stati tenuti nascosti per suo ordine personale. Persino sulla sinagoga vicino al Tevere aveva fatto imprimere il suo sigillo pontificio e anche i nazisti l'hanno rispettato" (Davar, 10 ottobre 1959).

L'AIUTO CONCRETO E PERSONALE DI PIO XII

Come si nota, appena morto il Papa, egli non fu criticato per quello che non aveva detto (e che avrebbe dovuto dire), ma venne ringraziato dagli stessi Ebrei per tutto ciò che aveva fatto, salvando migliaia di vite di ebrei. All'epoca nessuna polemica era sorta sui meriti indiscussi di Pio XII, e molti furono, come si è visto, i messaggi di riconoscenza delle comunità ebraiche verso di lui. Solo a Roma il Papa aveva nascosto migliaia di ebrei nei conventi, nelle chiese (ad es. S. Callisto, S. Maria in Trastevere); nei seminari (ad es. 400 presso il Seminario Romano Maggiore), li aveva protetti con lo scudo dell'extraterritorialità dello Stato della Città del Vaticano (ad es. nella Canonica di San Pietro, nel Palazzo di San Giovanni al Laterano, in S. Paolo, a Castel Gandolfo), tra le file della neutrale Guardia Palatina (con un incremento di arruolati ebrei del 1000%); o dietro i sigilli della S. Sede e dietro ai passaporti diplomatici. E altrettanto aveva fatto, dando disposizioni al clero cattolico in Italia ed in Europa. Ebbe anche a contribuire, con 15 chili d'oro, al pagamento del riscatto imposto da Kappler per impedire una deportazione che poi, proditoriamente, i nazisti effettuarono comunque.

Roma è ricca delle lapidi o targhe che furono poste ad imperitura (?) memoria della sua opera e della riconoscenza degli ebrei (lapide nel museo della Liberazione di via Tasso a Roma: "A S. S. Pio XII, gli Ebrei."; lapide sul palazzo della Curia generalizia degli Agostiniani, di fronte al colonnato di S. Pietro, ove furono salvati alcuni ebrei, "sotto l'egida caritatevole di Sua Santità Pio XII", come recita la lapide; lapide sulla facciata dell'Abbazia delle Tre Fontane, in via Laurentina, sotto arco di Carlo Magno, ecc.).

TUTTO SCORDATO?

Basterebbero queste testimonianze e i documenti citati (e i numerosi non citati) per constatare l'opera di Pio XII e il suo ordine per salvare quanti più Ebrei in Italia e in Europa, attraverso i Nunzi e gli ordini religiosi. Sarebbe bastato ricordare tutto ciò, per impedire che la memoria di un grande Papa, e della sua fatica, potessero essere così ingiuriosamente trascinate nel fango da fittizie polemiche ideologiche e meschine, note a tutti, e così difficili da sconfessare.

Tutta l'opera di Pio XII e la gratitudine dei superstiti o dei rifugiati di allora, ad un certo punto della Storia, sembrano essere state dimenticate. Cancellate. O più codardemente, ignorate, messe da un lato, derise.

E non c'è assolutamente alcuno motivo di dubitare della veridicità delle coeve testimonianze di riconoscenza per Papa Pacelli, data la loro genuinità, e spontaneità, fresca com'era la memoria della sua attività e stante la gratituine delle persone che erano vive grazie a lui.

Ulteriore conferma ne sia la mirabile conversione del Gran Rabbino di Roma, Israele Zolli (1881-1956) che il 13 febbraio 1945 fu battezzato a S. Maria degli Angeli con tutta la famiglia, scegliendo come nome di battesimo proprio Eugenio Pio, in omaggio a Papa Pio XII, al secolo Eugenio Pacelli. La domenica successiva egli ricevette la Prima Comunione e la S. Cresima.
.

Le testimonianze del tempo, devono essere considerate più attendibili delle successive critiche e delle infondate accuse infamanti, sul tanto disprezzato "silenzio" di Pio XII. Accuse, si sa, ingiuriose, pilotate ed ideologiche.

Il cambiamento di giudizio sul Papa e sul suo operato a difesa degli ebrei, avvenuto nella seconda metà del secolo scorso, è tristemente noto a tutti. Se ne conoscono anche i motivi, e i provocatori che dietro ad opere teatrali, culturali e sociali spingevano per una ignobile, improvvisa e inspiegabile condanna di Papa Pacelli, e con lui, di tutta la Chiesa (forse vero obiettivo delle polemiche).

FORSE LA SVOLTA?

Ma da qualche anno, finalmente, le cose stanno cambiando. I documenti e le testimonianze del tempo stanno prevalendo sulle infamie e sugli attacchi ideologici e religiosi. Ecco alcuni fatti che fanno ben sperare in una piena e meritata rivalutazione del Venerabile Pio XII.

I. Di recente, il 16 febbraio 2001, il Gran Rabbino di New York David Dalin, ha dichiarato che Pio XII è stato ingiustamente attaccato dal momento che egli può essere considerato un "Giusto" agli occhi degli Ebrei. "Egli fu un grande amico degli Ebrei, e merita di essere proclamato "Giusto tra le Nazioni", giacchè egli salvò moltisismi dei miei correligionari, molti più di Schindler. Stando a certi conti, almeno 800.000." Omaggiando Antonio Gaspari (per l'opera Gli ebrei salvati da Pio XII) il Gran Rabbino ha ricordato che "nei mesi in cui Roma era stata occupata dai Nazisti, Pio XII aveva dato istruzioni al clero di salvare gli ebrei in tutti i modi". Nel momento in cui veniva consegnata la medaglia dei "Giusti" al Cardinal Palazzini per aver salvato molti Ebrei, egli affermò. "Il merito va interamente a Pio XII". Il Gran Rabbino Dalin così concludeva il suo commento: "Mai un Papa è stato così omaggiato e ringraziato dagli Ebrei". Anche il Dott. Dalin, ha riconosciuto che subito dopo la II Guerra Mondiale e durante gli anni successivi ci furono molte manifestazione di stima verso Pio XII che gli vennero rivolte dalle più alte autorità d'Israele, dal Ministro Golda Meir, al Gran Rabbino di Gerusalemme fino al Gran Rabbino di Roma, Elio Toaff . (Intervista al Weekly Standard).

II. In tempi ancor più recenti si ha avuto finalmente un'altra conferma di correzione di rotta, rispetto alla infondata critica e monotona polemica sul preteso "silenzio" di Pio XII. Il 13 ottobre 2008, infatti, molti ebrei hanno testimoniato davanti alle telecamere di essere stati salvati dal clero cattolico, con il sostegno di Pio XII durante le persecuzioni nazziste. Tra coloro, Emanuele Pacifici, figlio di Riccardo Pacifici, Rabbino di Genova ai tempi della guerra.

III. In un bell'articolo di Arrigo Levi su Pio XII del 27.10.2008 egli ha sintetizzato quanto fin ora detto: "la Santa Sede compì ripetuti passi diplomatici, fidandosi, a torto, dell’ambasciatore tedesco, minacciando una protesta pubblica del Papa se la deportazione fosse continuata. [..] non solo a Roma ma in tutta Italia l’apertura dei conventi e l'organizzazione del salvataggio degli Ebrei e di altri perseguitati da parte del clero ebbe dimensioni tali da rendere certo, anche per molte testimonianze, che il Papa avesse dato il proprio assenso (anche se non per iscritto: sarebbe stato follia) a questa azione corale. Posso aggiungere che nei primi tempi dopo la fine della guerra le espressioni di gratitudine di Ebrei alla Chiesa e al Papa furono numerosissime. (E perchè oggi di quelle espressioni ci si è quasi dimenticati o non si dà più il giusto peso?) [...] al Laterano: dove si rifugiarono, protetti dalla extraterritorialità della sede del vescovo di Roma, non solo ebrei ma l’intero CLN centrale, con Nenni, Saragat, Ivanoe Bonomi, De Gasperi, Meuccio Ruini e altri ancora: gli ospiti del Laterano furono in totale più di 40 mila). Certo che il Papa sapeva! Tacque sulla Shoah, per prudenza, nel timore del peggio. [...] Come ebreo, mi associo a Toaff nella lode della 'grande compassionevole bontà del Papa durante gli infelici anni della persecuzione', e giustifico il suo silenzio, senza il quale molte altre migliaia di ebrei sarebbero finiti nei forni crematori"(quale fonte autorevole e obiettiva!)

III: Su Sat2000, il 23 maggio 2009 è andata in onda una obiettiva inchiesta che finalmente rende giustizia a Pio XII. "In essa sono contenute anche altre nuove testimonianze e documenti inediti che chiariscono ancora di più come la rete di salvataggio per i perseguitati, costituita da conventi, istituti religiosi e nunziature - non solo a Roma, ma anche in Italia e nel mondo - facesse capo a precise disposizioni di Pio XII" (Arrigo Levi, La Stampa del 22.05.2009)

IV Quest'anno addirittura, il 3 luglio 2009, la Fondazione Pave the way (PTWF) ha annunciato la sua intenzione di proporre al Museo della Memoria Yad Vashem, a Gerusalemme il riconoscimento del titolo di "Giusto tra le Nazioni" a Eugenio Pacelli, Papa XII (http://www.zenit.it/)

V. Padre Lombardi, Direttore della Sala Stampa della Santa Sede, in una nota di ieri indirizzata alla Comunita Ebraica per rassicurarli (ma si è mai visto la Chiesa che deve render conto o giustificarsi circa i propri Santi?) ha ricordato che: "L’attenzione e la preoccupazione di Pio XII per la sorte degli ebrei, cosa che certamente è rilevante per la valutazione delle sue virtù, sono largamente testimoniate e riconosciute da molti ebrei" [...] le sue scelte sono stata compiute con la pura intenzione di svolgere al meglio il servizio di altissima e drammatica responsabilità di pontefice"

La Verità Storica sta trionfando e i giusti riconoscimenti per i meriti di Pio XII stanno schiacciando la Calunnia.

PERCHE'?

Tutto ciò premesso, non si riescono a ben comprendere alcuni aspetti delle recenti vicende. Quali son le ragioni di tanta ostilità contro la beatificazione di Papa Pio XII? Perchè strumentalizzare alcuni episodi storici, distorcerli, alterarli, interpretarli a proprio comodo, per utilizzarli a scopo politico-religioso? Perchè sconfessare o ignorare le originarie posizioni ebraiche e i positivi sentimenti verso Pio XII provenienti dalla Comnunità Ebraiche di allora? Perchè tanta polemica, da dover costringere la Santa Sede a rassicurare benignamente gli Ebrei per un atto interno alla fede cattolica e che, quindi, non può e non deve riguardarli? Perchè tanta ostinazione a voler trovare a tutti i costi una colpa da addossare a quel Papa che, come si sta riscoprendo in questi ultimi anni, tanto si adoperò per salvare migliaia di vite ebree, come pochi altri fecero?

Un confronto con gli altri grandi Statisti del Mondo sarebbe meschino e squallido. Non ci può essere competizioni di tal sorta. Ma l'accanimento contro Pio XII potrebbe far ricorrere anche a questo strumento estremo in sua difesa: perchè gli Ebrei non polemizzano anche coi Capi di Stato o Capi Spirituali di altre confessioni religiose che ben si guardarono di dire quel poco che Pio XII disse? Non dimentichiamo, infatti, che comunque il Papa, se pur in manire generica, condannò le deportazioni per motivi di razza (Radiomessaggio del 24 dicembre 1942 "Questo voto l'umanità lo deve alle centinaia di migliaia di persone, le quali, senza veruna colpa propria, talora solo per ragione di nazionalità o di stirpe, sono destinate alla morte o ad un progressivo deperimento"). Le conseguenze di una sua più epliscita condanna non si possono sapere, ma facilmente immaginare. E non sarebbe stato opportuno correre il rischio. La condanna gli avrebbe legato le mani, e gli avrebbe impedito di agire nel silenzio. E non avrebbe risparmiato altre vite (sia di ebrei sia di cattolici).


Quali sono allora le preoccupazioni degli Ebrei circa la Canonizzazione di Pio XII? Perchè si dimenticano quelle limpide e toccanti testimonianze dei loro padri, a tal punto da sentirsi in diritto di ingerirsi sempre e indebitamente negli affarei interni della Chiesa?

.
UN INVITO

Per concludere. Un cordiale e benevolo, ma pressante, invito rivolto agli Ebrei contemporanei. Rileggete le cronache dei giornali del tempo, i discorsi dei Vostri grati confratelli di allora, le loro accorate testimonianze, e le commosse parole dei Vostri onesti Rabbini di quegli anni terribili. Essi dissero che Papa Pio XII volle salvare e salvò quasi 800.000 ebrei (e il 90% di quelli a Roma). Essi gli tributarono la loro riconoscenza. Perchè non creder loro?

Dalle testimonianze poc'anzi riportate, è di tutta evidenza che essi gli assicurarono la loro gratitudine e la loro stima. Un fondamento di verità ci dev'essere pur essere, quindi, nel dire che Pio XII salvò degli ebrei. O no? Siate onesti anche Voi col defunto Pio XII così come essi lo furono con lui, da vivo. Orsù smettete di lamentare il "silenzio" del Papa, e riconoscetegli in maniera esplicita e incondizionata il merito di aver agito, salvando molte vite ebree. Ammettete che il suo aiuto concreto riscatte (e giustifica) un silenzio che, come ha dichiarato anche Arrigo Levi, si rese necessario per non provocare l'ira dello scellerato Führer e impedire l'aiuto concreto. Forse, se il Papa avesse parlato, molti di Voi, ora, non sareste qui a criticarlo. Molto probabilmente la reazione di Hitler per una condanna esplicita del nazismo e delle deportazioni da parte del Papa, avrebbe provocato una terribile rappresaglia, con effetti ancor più terrificanti dei tragici noti eventi: è tristemente documentato che in Olanda, dove vi furono esplicite condanne della chiesa locale, si salvarono solo il 20 degli ebrei e furono rastrellati perfino i conventi, deportandone i rifugiati e pure le suore di origine ebraica come Santa Edith Stein. A Roma il Papa, con la sua attività silenziosa e il suo silenzio operoso, riuscì invece a salvare ben il 90% degli Ebrei.
.
Ciò che è ad oggi certo e riconosciuto è l'opera pur silenziosa del Papa. Sulla bilancia del Vostro (pre?)giudizio verso Pio XII pesa forse di più l'omissione di un'accusa esplicita ma rischiosa, anzi rovinosa, o la concreta opera umanitaria condotta dal Papa in silenzio, con immani sforzi e tra grandissimi rischi?

Il Papa non scappò da Roma, nè quando seppe del piano di Hitler di farlo rapire (insieme coi Cardinali) nè durante l'occupazione tedesca. Il Papa non smise di nascondere ebrei nei Sacri Palazzi quando gli riferirono che Hitler lo aveva saputo. Il Papa continuò a salvare ebrei pur mettendo in pericolo la propria vita e quella di altri preti, vescovi e fedeli.

E' un fatto storico che Papa Pio XII esercitò eroicamente le virtù dell'amore per i fratelli. Della generosità verso i bisognosi. Dell'accoglienza del perseguitato. Il Papa PIO XII è Venerabile! E, preghiamo, sarà, presto Beato e Santo.
.
Preferite perseverate nei Vostri convincimenti e nella Vostra miopia storica? Nessun fatto storico, nessuna testimonianza dei Vostri padri, nessun argomentazione può farVi cambiare idea (o meglio, dissuaderVi dal perseverare in questa che è ormai diventata una questione politico-religiosa, nascosta dietro questioni storiche?). Ma almeno non ingeriteVi negli affari interni di casa nostra (dai nostri Santi alle nostre preghiere, come quella del Venerdì Santo). Così come noi, d'altronde, non lo facciamo con i Vostri: tollerereste un'ingerenza della S. Sede sulla nomina dei Vostri Gran Rabbini di Gerusalemme? Tollerereste giudizi di merito sulle Vostre preghiere del Sabato o sulla foggia dei peòt? O su altre questioni della Vostra Religione?

E ricordate: le altrui scelte religiose (se lecite, legittime ed inoffensive, beninteso!) non possono sempre essere prese avendo quale unico criterio di opportunità, unicamente la Vostra facile suscettibilità e il Vostro continuo risentimento che, in questo caso, è del tutto fuori luogo.

Con cordialità

41 commenti:

  1. DANTE PASTORELLI24 dicembre 2009 07:06

    Brava Redazione.
    Forse sarebbe stato neessario un commento alle ultimissime dichiarazioni di p. Lombardi, che, formulate come sono, sembran docilmente piegarsi alle pretese ebraiche con con la rassicurazione: Giov. Paolo II presto beato, Pio XII chissà se e quando...

    Buon Natale a tutti.

    RispondiElimina
  2. ah quanto sarebbe utile se tutte queste testimonianze pro Pio XII venissero stampate in un opuscolo e diffuse da qualche quotidiano di grande tirstura, in Italia e all'estero.
    Avvenire, per esempio perché non lo fa?
    Forse perché come la Cei e la stessa Santa Sede è impegnato a prosstrarsi davanti alle critiche ebraiche odierne?

    Altri quotidiani non ce ne sono?
    Altre istituzioni?
    Nessuno?
    Solo gli Ebrei odierni devono diffondere le attuali loro grida? Nessuno che voglia oggi roferire ciò che gli stessi Ebrei dissero 60 anni fa?


    La Redazione perché non prepara un file contenente queste testimonianze ebraiche e poi ognuno di noi potrebbe stamparne qualche copia e diffonderla?

    Non potrebbe essere una bella idea?
    Ognuno di noi, nel suo piccolo, potrebbe contribuire a difendere il grande Pio XII.

    Antonello

    RispondiElimina
  3. Molti ebrei sono ostili a Pio XII perché sono ostili al cattolicesimo. Non c'è argomento che possa fare ragionare quelli tra loro il cui disprezzo nei nostri riguardi è radicato nel pregiudizio. Bene ha fatto perciò il Papa Benedetto ha tirare dritto senza guardare in faccia né pecoroni né pastorelli. Benedetto XVI è un profeta. Anche se il muco ideologico impedisce a parecchi cerebri di rendersene conto.

    Sullo

    RispondiElimina
  4. Guardia Svizzera24 dicembre 2009 09:44

    Ottimo articolo. Anch'io in un mio post inviato in chissa ' quale blog avevo evidenziato come tanto grande fosse stata la gratitudine di quegli Ebrei che la Shoa' vissero in prima persona quanto l'odio che invece gli odierni correligionarii ( sopratutto d'Israele pero') mostrano verso questo gigante di Santita'.
    E'cio' un mistero da psichiatria o sempre agente perfidia.
    Penso infine, su un piano crudamente politico, ai senatori potentissimi ebrei di NY o Londra , loro' si' colpevolmente e machiavellicamente silenziosi, che volessero portare sul tavolo ( autoptico ) della Societa' delle Nazioni i cadeveri di 6 milioni di Ebrei per poi portare all'incasso la cambiale necessaria alla fondazione dello Stato D'Israele.

    RispondiElimina
  5. Se i Fratelli Maggiori Israele possono"continuare a ricattarci" è semplicemente perchè i cattocomunisati o cattolici adulti attuali alla Melloni non hanno fatto altro che buttazre fango sulla Chiesa e sui Pontefici pre-Concilio vaticano II.Di conseguenza hanno alimentato quella leggenda nera che trova poca fondamento.
    Purtroppo, i catto progressisti hanno anche inventato che la Chioesa è "rinata2 con la forza dello spirito santo solo con Giovanni XXIII e che papa bendetto XVi la sta ricacciando nel buio medioevo. Tali affermazioni della scuola di Bologna ogni tanto colpivano anche lo stesso Wojtila, che solo alla morte melloni e altri hanno definito un Santo.
    Questa è la grande scuola cattolica italiana..... se non ti allinei nelle Curie e nelle Parrocchie sei destinato all'esilioe alla persecuzione.

    Bisogna scegliere o con papa bendetto o con le direttive dei vescovi italiani.

    Poichè io soffro di strasbismo ( vocabolo coniato da Mons. G. D'Ercole) quando non vedo unità tra il il mio parroco (che difende Lutero), il mio vescovo e il papa,e di conseguenza quella comunione cum Petro e sub Petro ho fatto la mia scelta impopolare: sto sempre con il Papa.

    RispondiElimina
  6. Ma.... questo Padre Lombardi.....
    Non si capisce se reppresenti il Papa o qualcun altro... Più volte ha fatto dichiarazioni strane che non sembravano proprio in linea col pensiero del Papa (si veda polemica delle scomuniche alla Fraternità, accuse al Card. Castrillon etc.). Verrebbe quasi da pensare che le "veline" vengano piuttosto da una certa Segreteria.....che non dalle Sacre Stanze.

    RispondiElimina
  7. L'accusa, o meglio la calunnia del "silenzio" è semplicemente grottesca, anche se ha se non altro il merito di mostrare che nemmeno i nemici più accaniti riescono a raccattare uno straccio di prova o di sospetto di atti ostili concreti da parte del papa verso gli ebrei. Di "silenzio" si potrebbe parlare sensatamente se i fatti si svolgessero oggi e in una società dove ci sia libertà di espressione: nel 1943-45 questa libertà non c'era, ogni parola andava pesata sul bilancino da farmacista perché poteva esporre a catastrofiche ritorsioni. D'altronde una condanna al megafono sarebbe stata inutile e non avrebbe scalfito la volontà perversa di Hitler. C'è da chiedersi poi cosa direbbero i detrattori di Pio XII se il papa avesse scatenato persecuzioni ancora più massicce con un attacco frontale ai nazisti. Non credo proprio che lo loderebbero.

    RispondiElimina
  8. Da "popolo Eletto, popolo di Sua conquista" stanno facendo di tutto per allantonare il volto di Dio da Loro. Cerchino umilmente di comprendere quando la mano di Dio attraverso la Storia infligge loro inaudite sofferenze che hanno suerato il segno. DIO è in primo luogo Giudice poi sovviene con la Sua Misericordia. Mentre la giustizia può stare senza la Misericordia quest'ultima non può essere senza la Giustizia.

    RispondiElimina
  9. "Popolo eletto, popolo di Sua conquista" non lo sono più dal tempo in cui rifiutarono Cristo.

    RispondiElimina
  10. Il problema non è quello di "giustificare" la scelta della Chiesa con prove per loro sempre insufficienti, ma la pretesa che ogni decisione di rilevanza mondiale, come quella in questione, passi prima sotto le forche caudine del loro insindacabile giudizio, quali vittime per antonomasia di tutti i mali assoluti. Ancora una volta, forse per la forza che gli deriva dalla occupazione dei Luoghi Santi, ci dobbiamo piegare. La prossima volta, chiederemo a loro chi santificare o meno. Sicuramente non si sentiranno in imbarazzo e, con naturalezza, ci daranno o rifiuteranno il loro benestare.

    RispondiElimina
  11. SEMPLICEMENTE MAGNIFICO! per la disarmante aderenza ai fatti e per la garbata pacatezza dell'esposizione!!! COMPLIMENTI!!

    RispondiElimina
  12. Gli ebrei, o meglio questa o quella organizzazione ebraica, sono liberi di dire quello che vogliono, è diritto loro come di tutti (salvo diffamazione, ma quando si parla di episodi storici diventa difficile invocarla). Nel caso di cui si tratta basta dimostrare che certe affermazioni sono insensate e calunniose. Poi giudicherà la storia. C'è chi oggi si trova sotto accusa per pretesi "silenzi", domani magari qualcuno si troverà addebitati blateramenti a vanvera.

    RispondiElimina
  13. "Fratelli Maggiori" potevate risparmiarcelo.

    Saluti

    RispondiElimina
  14. Papa Lombardi è un gesuita. E in curia ne girano ancora troppi!
    il problema della dichiarazione sta nel negare una appartenenza storica alle Virtù eroiche. Come dire che il cristiano è una fede privata che non incide nel pubblico....Altro giro altra crocefissione per il povero Benedetto XVI!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  15. La Storia ha già dato ragione a Pio XII e ora ne dà conferma.
    La libertà degli ebrei di esprimere opinioni è sacrosanta. Ci mancherebbe! ma non altrettanto la loro pretesa di porsi sempre sempre sempre sempre a mezzo!! di dire sempre la loro!! di farsi metro di giudizio per tutti i fatti interni della Chiesa!! Basta!! no!!
    Penso che "fratelli maggiori" sia una comprensibile forma di stile, di captatio benevolentiae, al fine di conservare un tono pacato all'articolo e di non suscitare gli irascibili ebrei. Si sa che il tema è delicato e la Redazione lo trattato con decisione, fermezza ma anche con la necessaria prudenza e obiettività. ha fatto bene, secondo me, a usare toni corretti, e pacati. Altrimenti avrebbe dato il fianco a facili critiche di "razzismo", che avrebbero così distolto l'attenzione alle importantissime notizie e testimonianze (che io ignoravo per lo più) che elencava.
    Se sbaglio la Redazione mi corregga.

    RispondiElimina
  16. Bellissimo articolot! Grazie.
    TUtte cose che non sapevo! ora le userò per divulgarle e per difendere Pio XII quando sentirò ripetere a vanvera le stesse facile, infondate, e polemiche accuse contro di lui. Eh!!
    E belle le domande finali!!! ehehe vorrei proprio sapere cosa risponderebbero gli ebrei!! Son proprio curioso!
    Grazie ancora, Redazione, che anche sotto le feste (e forse durante le Vostre ferie) ci date questi bellissimi e documentatissimi post!! Grazie.
    e Buona natale. A voi e a tutti i lettori.

    RispondiElimina
  17. Per rimanere nell'argomento di questo Blog, perchè non chiediamo ai Fratelli Maggiori di dirci la loro sulla nostra Liturgia? Potremmo addirittura chiedergli di ridisegnarla secondo i loro gusti e le loro sensibilità. Vi immaginate che bellezza?

    RispondiElimina
  18. Alessandro Gnocchi e Mario Palmaro lo hanno scritto in un articolo sul Foglio di martedì 22 dicembre 2009: "Gli attacchi a Pio XII nascono nella Chiesa":
    ...Il film sulla leggenda nera di Pio XII continuerà ad andare in onda perché frutto di un’antica partita interna al mondo cattolico. Lo ha spiegato il rabbino americano David G. Dalin
    in appendice al volume di Burkhart Schneider, “Pio XII”.
    “Quasi nessuno degli ultimi libri su Pio XII e sull’Olocausto” spiega “parla di Pio XII e dell’Olocausto. Il vero tema di questi libri risulta essere una discussione interna al cattolicesimo circa il senso della chiesa oggi, dove l’Olocausto diviene semplicemente il bastone più grosso di cui i cattolici progressisti possono disporre come arma contro i tradizionalisti”.

    RispondiElimina
  19. ha ragione l'anonimo delle 12,14, sarebbe bello introdurre il precdente per il quale per qualsiasi scelta occorre il previo nulla osta dei fratelli maggiori. Peccato che essere un buon cristiano non dipende dal sottomettersi passivamente al dramma degli ebrei uccisi durante la seconda guerra, peraltro uccisi insieme ad altri milioni di esseri umani

    RispondiElimina
  20. DANTE PASTORELLI24 dicembre 2009 12:49

    Gli ebrei, o almeno tanta parte d'essi, fanno il loro gioco. La S. Sede deve fare la volontà di Dio.

    RispondiElimina
  21. Il Foglio non ha molto da insegnare sui fratelli maggiori, che tende acriticamente ad appoggiare in ogni loro sortita. Non fatevi ingannare: non è e non sarà mai un giornale dalla parte dei cattolici, malgrado non disdegni di blandirli spesso e volentieri.

    RispondiElimina
  22. Personalmente sono convinto e da molto tempo che gli attacchi, le calunnie, una forte avversione e antipatia verso Pio XII provengano dalla Chiesa e in tanti, cultori del dialogo interreligioso postconciliare, ne sono rappresentanti.
    Benedetto XVI "amico" degli Ebrei..., il Papa ci tiene alla Sua amicizia con gli Ebrei...: lo leggiamo a iosa sui giornali italiani. Noto tanta paura ad essere serenamente CRISTIANI CATTOLICI, noto tanta prudenza nel dire la VERITA'. Con quali Ebrei si vuole dialogare? Con quale settore? Con i più moderati? E cosa significa essere dei "moderati"?
    Perchè tanta ingerenza per ciò che opera o fa o dice il Vicario di Cristo?
    Non c'è da stupirci, tale ingerenza è praticata in primo luogo dagli uomini di Chiesa, dalla gerarchia stessa che ha messo sotto i piedi l'obbedienza al Vicario di Cristo.

    Mi addolora infinitamente vedere pestato come uno straccio Pio XII. E padre Lombardi non mi ha per nulla convinto con la dichiarazione ultima: forse suggerita da Kasper?

    Raccolgo le testimonianze dei più anziani, quì in Sicilia, che ancora ricordano Pio XII e per il quale hanno una speciale devozione, dicono: fu il Papa della nostra Messa!

    Mi pare di capire che tanto accanimento crudele e ingiustificabile verso il Pastor Angelicus rivela una avversione verso tutto ciò che tale grande Pontefice ha rappresentato per la Chiesa. Quella Chiesa che oggi si vuole rinnegare per preferire la nuova Chiesa uscita dal Vat.II

    A mio parere occorre urgentemente che si metta in chiaro la vera interpretazione del Vat II, prima che i suoi "difensori" che in realtà non l'hanno capito, prevalgano per avvelenare la vita nostra e quella della secolare tradizione della Chiesa.

    Un attacco a Pio XII che indirettamente è un attacco a Benedetto XVI.

    Per cortesia, andiamoci piano con la definizione di "fratelli maggiori", loro, gli Ebrei, mai si azzarderebbero a definirci "fratelli minori".

    A ciascuno il suo....
    Noi, appunto, abbiamo Gesù, il Figlio di Dio.

    Buon Natale Redazione.
    Roberto

    RispondiElimina
  23. DANTE PASTORELLI24 dicembre 2009 13:27

    E' Natale.
    Noi abbiamo una certezza: la Luce vince le tenebre.
    Pio XII è stato un grande, santo Pontefice. Né ebrei né papi né cardinali né portavoce potranno scalfire un raggio di questa luce. Io mi son sempre a Lui affidato.

    RispondiElimina
  24. La mia città ASSISI è stata da esempio per come ha agito nel silenzio al riguardo ....

    il PODESTA' FORTINI ... IL VESCOVO NICOLINI .. IL COLONNELLO MULLER dell' esercito tedesco SAPEVANO ED AGIVANO reciprocamente e collaborando ignorandosi tacitamente .....
    ASSISI NON E' NEW YORK !!!!!!!!!!
    tutte le clausure erano piene di ebrei ....... per entrare in clausura occorre un permesso ....
    ........ il VATICANO NON SAPEVA !?!?!?!'

    RispondiElimina
  25. Molto schiettamente tra ebraismo e cattolicesimo vi e' una competizione storica-religiosa.
    Questa competizione e' giocata ad armi impari, e una delle due parti usa spesso l'arma del ricatto morale (Shoa), della menzogna e della irriconoscenza.

    Senza fare alcun sforzo per vedere se i loro comportamenti sono OGGI GIUSTI.
    Vedi l'agonia di Gaza, il dolore innocente di molti senza acqua, cibo e assistenza. Come si puo' parlare sempre dell'olocausto e produrre nuovi olocausti..? Non avere un minimo di pieta'?

    Tutto questo e' pura ipocrisia e merita risposte adulte, pacate, da uomini coraggiosi e liberi.

    Vedo in queste dinamiche la perenne sfida tra verita' e menzogna.

    Una cosa e' certa, i cattolici hanno tradito il magistero perenne nei confronti del popolo ebraico. E questo lungi da far del bene agli ebrei, ne stimola solo i loro lati narcisistici.

    Il tempo della Alleanza tra il Dio Eterno e il popolo ebraico si consumo' il venerdi' Santo, visivamente anche co lo squarcio del velo del Tempio.

    Anche loro sono chiamati a superare se' stessi, le loro tragedie interne.....(innumerevoli) ed ad approdare ai lidi di una Verita' che li fara' liberi e fratelli di altri.

    Haime' il loro progetto ancora oggi e' un altro......

    RispondiElimina
  26. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  27. chi è questo don MercenarIo?
    Ah......nomen omen!

    RispondiElimina
  28. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  29. scolaretto basito24 dicembre 2009 15:51

    Aspetto che d.Mercenaro ci spieghi quali e quanti martiri noti e meno noti della storia della Chiesa dovranno essere de-santificati perchè sono morti martiri della...fede "dogmatica" !?!
    cominciamo da Santo Stefano ??!!

    (quanto c'è da imparare oggi per il cristiano cattolico e quanto da disimparare, ascoltando simili cattedre?
    multi-strabismo incombe su tutto il Gregge...)

    RispondiElimina
  30. ...alla vigilia di Natale, c'è da supplicare Gesù Bambino che guardi con occhi di Misericordia i "cattolici" (?) che effondono sproloqui carichi di veleno al limite della blasfemia come quello dell'anonimo 15.50!

    RispondiElimina
  31. potremmo addirittura chiedergli di ridisegnarla secondo i loro gusti e le loro sensibilità.

    ma...caro anonimo, che ora e giorno segna il suo orologio?
    non s'è accorto che nella Chiesa c'è già chi sta realizzando questo, cioè il CNC, da oltre 40 anni? si aggiorni, la prego....

    RispondiElimina
  32. Per l'anoninimo delle 9 e 50

    C'è di che sospettare che Padre Lombardi sia l'altoparlante più della Segreteria di Stato che non del Papa. Succede sempre così.
    Anche per il cambiamento della preghiera per la conversione degli Ebrei, la cosa fu chiesta dalla Segreteria.....
    Fu Bertone ad annunciarlo con largo anticipo......e si dice che fu sempre la Segreteria a chiedere che il nuovo messale '62 edito ora dalla Vaticana cambiasse il titolo della preghiera, eliminando "conversione"....(la cosa non è avvenuta grazie ad un'autorevole resistenza)
    Perchè non lasciano lavorare il Santo Padre! Il problema è interno!

    RispondiElimina
  33. Pio XII, ho per fortuna tra le mani alcuni giornali del 1958 riguardanti la sua morte, rileggendo i lunghissimi articoli, come si usava a quel tempo, non ho trovato che parole di venerazione e di stima per Pacelli. Si riportarono anche le opinioni internazionali tutte unanimi nel cordoglio per la sua morte. L'ombra su di lui venne molti anni più tardi e fu causata da stupidi libri di fanta politica che lo dipinsero per quello che non fu,mai.Egli fu un grande papa serio.

    RispondiElimina
  34. Gli Ebrei vivono in fondo un dramma. Il rifiuto della Verita', ancora oggi.
    Gli attori di questo dramma sono loro stessi.
    La vita e' seria x tutti. E lo e' anche per loro. Impugnare sempre e comunque, ostinatamente la Verita', pensare di essere sempre al centro del mondo, con le proprie tragedie, o con le proprie ragioni, esprime anche dal punto di vista psicologico una certa "difficolta'".

    A noi sta' il compito, di non assecondarli in questa deriva e ossessiva richiesta di attenzioni e ragioni. Sarebbe puerile .

    L'autore di "Arcipelago Gulag" il grande russo da pochi anni defunto, ha scritto un bel libro (600 pagine) sulla convivenza tra popolo russo ed ebreo. Convivenza difficile.....

    Li' l'autore parla di una ecatombe di 60 milioni di morti nel 900.

    La pieta' umana deve essere per tutti, e' inconcepibile e incondivisibile assecondare una unicita' nel dramma.

    Pio XII ancora oggi e' vituperato perche' ha avuto il coraggio di parole ferme, su comunismo, nazismo, dittature. Ha proclamato i diritti di Dio dai quali deriva la dignita' e il futuro dell'uomo.
    Ha specificato bene i termini del valore della democrazia. Che non puo' essere un assoluto. Ha cacciato dalle universita' cattoliche professori eterodossi, che furono premiati dopo il Concilio.. Da qui anche l'opposizione interna.


    Ancora oggi non gli si perdonano queste cose.

    Ha lavorato per la gloria di Dio, mentre altri ieri come oggi, lavoravano solo per la gloria delle loro misere e banalissime idee umane.

    Ma l'uomo lasciato solo ha se stesso e' un pericolo per se' e per gli altri. Anche un ateo onesto lo capirebbe nella esperienza quotidiana della vita.

    Nella vigilia di Natale mi piace ricordare che il cognome di Pacelli veniva tradotto in latino (pace nei cieli). Forse era scritto anche nel suo stemma di famiglia o di Papa. Un uomo di Pace perche' un uomo di Dio, e quindi un uomo di Verita'.

    Nei desideri che tengo nel mio cuore, c'e' quello di vedere un giorno un Pontefice salire sul Trono con il nome di Pio XIII°, raccogliendo cosi' tutta la sua eredita'.

    Il futuro del cattolicesimo sta' in una assoluta chiarezza dottrinale. Per questo Egli e' certamente piu' attuale oggi di altri pur nobili Pontefici del 900.

    RispondiElimina
  35. ebrei a difesa di Pio XII25 dicembre 2009 08:16

    Ora sono gli ebrei a salvare Pio XII
    (così A. Tornielli, art. su Il Giornale del 14-09-2008)

    Importante quest’articolo
    ebrei di oggi a difesa di Pio XII ma evidentemente non ascoltati da tanti loro compatrioti, ogni volta che si riparla di beatificazione imminente di Papa Pacelli!
    --------------

    «Sono cresciuto pensando che Pio XII fosse stato un collaboratore dei nazisti, un Papa antisemita. Sono rimasto scioccato nell’apprendere, dai documenti e dalla viva voce dei sopravvissuti, che la realtà è completamente e radicalmente diversa...». Gary L. Krupp è un ebreo americano, presidente di «Pave the Way»
    ..................
    Krupp contesta l’immagine del «Papa del silenzio», impaurito di fronte a Hitler perché ossessionato dal comunismo o perché intenzionato a salvare soltanto i cattolici. «Il Papa - ricorda - fece tutto dietro le quinte, in silenzio.
    ............
    «Come ebreo - ribadisce Gary L. Krupp - posso dire che nell’opera concreta di salvataggio degli ebrei perseguitati, Pio XII fece concretamente molto più di tutti i leader politici e religiosi del suo tempo messi insieme. Dobbiamo riconoscerlo, perché se è vero che chi salva una vita salva il mondo intero, a Papa Pacelli, che di vite ne ha salvate tante aprendo le porte dei conventi romani, va attribuito il titolo di Giusto tra le nazioni».

    RispondiElimina
  36. DANTE PASTORELLI25 dicembre 2009 11:46

    Pinchas Lapide, in Roma e gli Ebrei, scritto mezzo secolo fa, calcola tra gli 800 e i 900 mila gli ebrei salvati da Pio XII.

    RispondiElimina
  37. Sulla questione emersa dopo la dichiarazione delle virtù eroiche di Pio XII, da leggere
    efficace analisi di Don Nicola Bux
    che risponde a un'intervista di Francesco Colafemmina

    RispondiElimina
  38. Il vostro regalo di Natale è stata una censura. ditemi allora cosa c'è di offensivo nella distinzione tra fede dogmatica e fede incarnata e ditemi pure se non è il momento di volgere l'attenzione ai semplici testimoni della Parola incarnata nelle sofferenze dei diseredati, e alle moltitudini dei martiri delle strutture oppressive capitalistiche.

    RispondiElimina
  39. DANTE PASTORELLI25 dicembre 2009 20:53

    L'augurio aL SIG. O ALLA SIG.RA Mercenaro sarebbe completo se la redazione togliesse anche l'ultima castroneria che ci ammannisce.

    RispondiElimina
  40. Veramente, Mercenaro, noi non abbiamo cancellato nessun commento. Non imputate a noi vostre errate manovre informatiche.

    RispondiElimina
  41. L'ingerenza di taluni nei processi di beatificazione e canonizzazione già si manifestò in tutta la sua inopportunità quando fu elevata agli onori degli altari Santa Teresa Benedetta della Croce, durante il pontificato del Venerabile Giovanni Paolo II.
    La prudentissima formulazione del post è d'obbligo perchè criticare certi ambienti significa essere sottoposti immediatamente ad accuse infamanti. Per chi volesse approfondire mi permetto di segnalare un libro: Ariel S. Levi di Gualdo, "Erbe Amare", Bonanno Editore, Acireale - Roma, 2007. Essendo l'autore ebreo d.o.c. ha potuto permettersi di raccontare molte verità senza che i suoi correligionari lo abbiano accusato di neonazismo o razzismo.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.