mercoledì 14 ottobre 2009

Ingrao (Panorama): il potere di Bertone in Vaticano.

Eravamo incerti se riprendere questo articolo di Ingrao apparso su Panorama on line. In particolare, sia il riferimento ad un 'leggero ictus' del Papa, sia il finale 'giudiziario', ci lasciano molto perplessi. Ma i lettori di Messainlatino.it sono dei 'cattolici adulti' (perdonateci l'espressione volutamente ironica) e sanno sceverare criticamente; ed un merito dell'articolo che riproduciamo è quanto meno il gran numero di rinvii ipertesto che ne documentano molti passaggi.



Le prime tre stagioni sono state in salita. Ma dopo la campagna acquisti estiva la squadra del segretario di Stato è pronta a guidare il campionato. Tarcisio Bertone, salesiano, tifoso juventino e commentatore di partite di calcio, si prepara a dare una svolta al governo della Chiesa.
Tra luglio e settembre ha completato il suo “dream team” con tre uomini di fiducia: lo statunitense Peter Brian Wells nel ruolo di assessore, gli italiani Luciano Suriani ed Ettore Balestrero rispettivamente delegato per le nunziature e sottosegretario per i rapporti con gli stati.

In più Bertone è riuscito nell’operazione fallita al suo pur potente predecessore, Angelo Sodano: sostituire il presidente dello Ior, la banca vaticana. Con un anno e mezzo di anticipo sulla scadenza del mandato, Angelo Caloia, amico di Giovanni Bazoli e di tutto il gotha della finanza lombarda, ha dovuto cedere il posto a Ettore Gotti Tedeschi. Così anche le chiavi della cassaforte sono ora al sicuro nelle mani del segretario di Stato. Tre anni fa Bertone era arrivato da Genova, guardato con diffidenza dai diplomatici di carriera della curia vaticana.Sabato 3 ottobre, invece, il personale della segreteria di Stato al completo rendeva omaggio al porporato che prendeva possesso del titolo della chiesa di Frascati. Una cerimonia semplice ma dal messaggio simbolico: Bertone ormai è saldamente al comando della macchina vaticana.

Si apre così la seconda fase del pontificato di Benedetto XVI. Il Papa si dedica all’essenziale: il magistero e l’annuncio di Dio. Il segretario di Stato si occupa del governo quotidiano della Chiesa universale. Basta dare un’occhiata all’agenda di Joseph Ratzinger per rendersi conto della trasformazione. Abolite o quasi le udienze pomeridiane, Benedetto XVI resta nel suo studio a terminare il secondo volume su Gesù di Nazareth. Uscita prevista la prossima primavera.Nel frattempo, d’intesa con il Papa, Bertone ha deciso che non sarà più la Rizzoli bensì la Libreria editrice vaticana a stamparlo, con un utile stimato di 12 milioni di euro per le casse vaticane.Mentre Ratzinger scrive nel suo studio, poco più in là, nella terza loggia, Bertone è con il sostituto, Fernando Filoni: passano in rassegna gli appuntamenti di Benedetto XVI, fanno il punto sui lavori del sinodo dei vescovi, preparano i viaggi papali (il prossimo sarà a Brescia, l’8 novembre).

La svolta bertoniana è maturata l’estate scorsa, anche a seguito della caduta del Papa il 17 luglio a Les Combes, con la frattura del polso. Quel piccolo incidente è stato un campanello d’allarme per l’entourage di Ratzinger che nel 1992 a Bressanone aveva avuto una caduta simile, causata forse da un leggero ictus che due giorni dopo l’incidente di Les Combes: nonostante la frattura e l’intervento chirurgico, Benedetto XVI ha voluto recarsi nel paese natale di Bertone, Romano Canavese, per recitare l’Angelus e pranzare con i suoi familiari.

Ma da buon sportivo e abile conoscitore della curia, il porporato si è accontentato di vincere senza stravincere. Perciò ha offerto un armistizio ai più stretti collaboratori di Ratzinger con i quali, nei mesi precedenti, c’erano stati malintesi e dissapori: il segretario personale del Papa, Georg Gaenswein, e il sostituto Filoni.

Pace suggellata da due nomine decise di comune accordo: il sottosegretario Balestrero che, oltre a essere uno fra i più promettenti diplomatici della Santa sede, è anche tra gli amici più cari di Gaenswein; e l’assessore Wells, indicato dallo stesso Filoni.La pax bertoniana coinvolge pure i movimenti ecclesiali che hanno ottenuto una sorta di ripartizione delle sfere di influenza: accanto al Papa ci sono le Memores Domini, laiche consacrate di Comunione e liberazione alle quali è stata affidata la cura dell’appartamento pontificio; la segretaria personale di Bertone, Eurosia Bertolassi, detta Rosy, appartiene invece al Movimento dei focolari.

Filoni, infine, è legato al cammino neocatecumenale. Il prossimo 2 dicembre Bertone compirà 75 anni e sarà costretto a presentare le dimissioni, ma il Papa gli chiederà di restare. Eppure, c’è qualcosa che turba i sonni del segretario di Stato: il 18 gennaio il gup di Genova Franca Borzone dovrà decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio di Giuseppe Profiti, presidente dell’ospedale Bambino Gesù, di proprietà del Vaticano. Braccio destro di Bertone, Profiti è accusato di turbativa d’asta nell’ambito dell’inchiesta sugli appalti truccati per le mense del capoluogo ligure.All’epoca dei fatti Profiti era vicepresidente dell’Ospedale Galliera, di proprietà della curia genovese, e Bertone era arcivescovo.

Sia il segretario di Stato sia l’attuale arcivescovo di Genova e presidente della Cei, Angelo Bagnasco, vengono nominati almeno una quarantina di volte nelle intercettazioni telefoniche sulla “mensopoli” genovese che ha travolto politici e amministratori locali. Ma la procura di Genova, almeno finora, non ha interrogato gli ecclesiastici. Finito agli arresti domiciliari, Profiti ha presentato le dimissioni dal Bambino Gesù, respinte da Bertone che gli ha pubblicamente rinnovato stima e fiducia.La decisione del gup di Genova arriva alla vigilia del rinnovo del consiglio di amministrazione del Bambino Gesù. La leadership bertoniana è in mano ai magistrati di Genova.

6 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Ingrao è uno dei vaticanisti più in malafede che "conosca", supera perfino, in malignità, Politi, il che è tutto dire.
    Comunque conferma ciò che oramai quasi tutti sanno e cioè che uno degli uomini più potenti della Curia è legato al cammino neocat.
    Come stupirsi allora che i responsabili di questo movimento abbiano potuto disobbedire al Papa sulla Liturgia e continuino a farlo sui loro testi catechetici che,lo ricordo, dopo 16 mesi dalla consegna dello statuto (che fa in continuità riferimento a quei testi) Non sono ancora pubblicati, malgrado sia la volontà di Benedetto XVI.
    Solo un protettore potente e influente può spiegare queste anomalie.
    Dal momento che la parola neocatecumenale rinvia al sito del cnc, mi permetto di mettere i link seguenti al fine di avere un`informazione più equilibrata e ...completa!

    http://www.internetica.it/neocatecumenali/

    http://neocatecumenali.blogspot.com/

    RispondiElimina
  3. E' CHIARO CHE LA cHIESA CATTOLICA ASSOMIGLIA PIù AD UNA HOLDING FINANZIARIA SI CHE SI POTREBBE CHIAMARE cHIESA CATTOLICA S.p.A.(SOCIETà PER AZIONI) CHE A CIO'CHE ISTITUI' NSGC.E NEL MONDO DEGLI AFFARI TUTTO E'LECITO COMPRESO L'APPOGGIO A MOVIMENTI NON PERFETTAMENTE ORTODOSSI MA CHE SONO STATI FATTI PASSARE COME TALI. MA QUELLO CHE PIU' MI DISTURBA E'CHE C'E'ANCORA CHI MERAVIGLIA !! TEMPORA BONA VENIANT? PETER

    RispondiElimina
  4. Cerrto che è strano. Io non capisco dove sia il problema.
    Cristo mica si occupava delle cose del mondo. Anzi dice a Marta guarda che Maria si è scelta la parte migliore.
    Quindi il Papa detta le linee attraverso la sua presenza catechetica e gli altri eseguono ( cosa c'entra parlare di Holding!? solito ragionamento da ateo che non capisce le differenze tra gestire e guidare!).
    Per quanto rigurada Mons. Filoni, non so che dire. I neocat hanno sicuramente bisogno di una raddrizzata, ma ciò non significa che tutti siano dei "kiko"!
    In sintesi questo articolo non fa che dare la giusta descrizione di come è organizzata la Chiesa. C'è chi si occupa di educare ( il Papa) e chi di portare l'educazione Nel mondo ( Card. Bertone e curia in generale). Poi se fin nel Vangelo si parla di Giuda volete che non se ne trovi uno anche nella Chiesa di oggi? ( domanda pleonastica ovviamente).
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  5. Caalma, Luisa... Benedetto XVI vuole che si pubblichino e adottino testi catechetici CATTOLICI... e il problm sta proprio lì!

    Guido

    RispondiElimina
  6. Cara "una voce", quei testi corretti esistono e sono quelli che il Papa vuole siano pubblicati, hanno costato tanto tempo ad una commissione costituita ad hoc per correggere i testi originali delle catechesi neocat...il problema è che Kiko Arguello quei testi corretti non li vuole, vuole continuare a diffondere i suoi testi, quelli non corretti, e ciò succede nell`indifferenza generale.
    Ma quando si hanno certi appoggi tutto diventa possibile, anche continuare a disobbedire alla volontà chiaramente espressa del Papa.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.