martedì 4 agosto 2009

Un po' per celia, un po' per non morire.

OK, non si dovrebbe. Pubblicare immagini di abusi liturgici è un vizio diffuso dei siti tradizionalisti, e non è bene indulgervi: perché essi non rappresentano che la patologia della nuova Messa, e non la purezza del Messale riformato di Paolo VI; perché sono inutilmente denigratori e vanno contro l'intenzione del Papa, che è quella di non volere nessuna contrapposizione tra i due riti, anzi: tra le due forme dell'unico rito; infine, perché anche celebrando la Messa di San Pio V c'è chi commette abusi.

E va bene: l'intemerata ce la facciamo da soli e i principi ora esposti son giusti e sacrosanti (tranne, permettete, la "equiparazione" degli abusi tra vecchio e nuovo rito: ditemi voi se usare una preghiera del 1954 anziché del 1962 o il secondo confiteor o una pianeta plicata, equivale anche lontanamente a quanto vedrete tra poco, o anche solo a quello cui tocca assistere in molte parrocchie). Non dovremmo proprio farlo. Non è né corretto né caritatevole...

La tentazione però è troppo forte. E come diceva Oscar Wilde, a volte c'è solo un modo per liberarsi dalla tentazione: cedere. Eccovi allora un piccolo filmato che raccoglie the best dell'abuso liturgico, il culmine dell'inventiva pretesca, la pagliacciata (in senso letterale) propinata per Messa. Guardatene l'aspetto divertente, la celia appunto. Ché, se invece dovessimo considerare la cosa seriamente (come pur si dovrebbe), in che modo non morirne?




Ah: sapete l'etimologia della parola episcopus, vescovo? Da epi-scopein, guardare intorno, ossia sorvegliare (s'intende: quel che accade nella Chiesa). Certo che quando proprio servirebbe...


Da Cathcon

39 commenti:

  1. Non riesco a vedere gli abusi perchè ho un problema al pc che non mi fa più vedere video, comunque posso immaginare.
    Per il resto, che dire?
    Porre in evidenza i propri dubbi in maniera caritatevole è cosa lecita, oltre che ben più interessante che far vedere video, i quali rischiano di portare a risposte di questo tipo "il problema è di apllicazione".

    Il problema non è solo di applicazione, altrimenti non avremmo ormai, una buona bibliografia di scritti che pongono in evidenza le differenze palesi tra le "due forme" del rito romano.
    Tra questi, consigliabile, oltre che il breve esame critico anche la spiegazione della messa tridentina di Don Ivo Cisar.

    RispondiElimina
  2. allora questo ?

    http://www.youtube.com/watch?v=XCKI_cf5yrg

    RispondiElimina
  3. DANTE PASTORELLI4 agosto 2009 17:30

    Si chiama INCULTURAZIONE, ignoranti!

    RispondiElimina
  4. Questo postato da anonimo lo conoscevo.
    Potreste postare il link del video postato dalla redazione?

    RispondiElimina
  5. Preghiamo, gridando pietà, per questi "Sacerdoti" che hanno commesso questi...non so come chiamarli.

    Che rinsaviscano presto! Presto!

    RispondiElimina
  6. ..è terribile quello che si vede.

    RispondiElimina
  7. La distinzione tra il Novus Ordo in quanto tale e gli abusi che lo sfigurano deve esser tenuta presente. Ciò che mi domando è però quanto questi abusi (abusi? chiamiamoli con il loro nome: pagliacciate) siano causati,indirettamente senza dubbio, da un lato dalle maglie troppo larghe del nuovo apparato rubricale, da un'altro lato dai troppi ad libitum, e da un terzo lato ancora non dall'assenza di controllo episcopale (che già sarebbe grave) ma dal fatto che l'episcopus è spesso l'autore di tali pagliacciate o l'ispiratore o l'approvatore.

    Certo che veder certe cose(e la mentalità che vi sta dietro) un grido di dolore lo strappano al cuore.

    Non so se un giorno ci sarà una risposta a tale domanda, per ora: "risposta non c'è, oppure, chi lo sa? caduta nel vuoto sarà!

    g.nicola lentini

    RispondiElimina
  8. Sta scritto:
    "il Figlio di Dio verrà consegnato nelle mani degli uomini ed essi ne faranno ciò che vorranno".
    Nike

    RispondiElimina
  9. Non mi scandalizza per niente questo video.Ce ne sono pure altri.
    La Chiesa Cattolica farà la fine di quella Anglicana.Semplicemente per un fatto: i Papi, i vescovi ed i preti temono troppo l'opinione pubblica e non avendo una fonte di sussistenza economica autonoma saranno costretti ad adeguarsi sempre di più alle esigenze di mercato. Quindi alcuni vogliono la Messa Antica? Bene diamogliela! Altri vogliono la messa neocatecumenale' L'avranno! etc...L'importante è soddisfare tutti!! I divorziati vogliono prendere la Comunione? ( beh i divorziati ormai sono tanti) troveremo prima o poi il modo per......

    RispondiElimina
  10. DANTE PASTORELLI4 agosto 2009 19:11

    FILIPPO, ma lo Spirito Santo prima o poi potrà diventar bufera.
    Ricordi la Pentecoste manzoniana?
    "scendi bufera ai tumidi / pensier del violento;/ vi spira uno sgomento / che insegni la pietà".
    E qui la violenza non è solo nel pensiero ma negli atti e contro Dio e l'umanità.
    In diversi siti si fan nomi di vescovi, preti, parrocchie, diocesi.
    Chi avrebbe dovuto provveder per quasi 30 anni non ha provveduto.
    Chi dovrebbe provvedere, provvederà?

    RispondiElimina
  11. domande annose...incorrect4 agosto 2009 19:14

    Chi si assumerà l'onere di cacciare i mercanti dal Tempio, con le maniere forti, se necessario?
    Uno che non abbia paura di essere accusato di mancanza di carità verso i "diversamente celebranti"?
    E che osi ricordare che Gesù cacciò i mercanti con le frustate...
    anch'Egli senza carità verso quei poveri mercanti?
    E Gesù lascerebbe oggi, secondo il rinnovamento conciliare, che si espandano ad libitum le gaie performances di questi "mercanti" della Liturgia?
    (come dire: "Fate pure come se foste a casa vostra", visto poi che i gruppi NC sostengono che Egli è venuto "a portarci dalla tristezza all'allegria"?)
    ??

    RispondiElimina
  12. Quis custodiet custodes?

    RispondiElimina
  13. Senza offesa per nessuno, ci vorrebbe un papa un po' più coraggioso, nel senso che non dovrebbe aver paura di resistere ad episcopati, presbiterii e laicati ribelli; detto altrimenti, senza aver paura di fomentare uno scisma, per cui il "piccolo resto" legato alla Tradizione Apostolica potrebbe salvarsi, crescere e nel tempo surclassare la maggioranza radicaloide...
    ma Benedetto, per altre cose benemerito, non ha il "coraggio" di fare questo. Chiunque, credo, lo può comprendere.
    E comunque lo Spirito Santo a volte sceglie anche rotture forti: si sa, una sola mela marcia ha fatto marcire l'intera cassetta; non è mai capitato il contrario. Purtroppo.
    Nike

    RispondiElimina
  14. E comunque lo Spirito Santo a volte sceglie anche rotture forti

    ----------
    se non proprio una rottura, una re-azione forte c'è stata: quella di mons. Lefebvre

    RispondiElimina
  15. detto altrimenti, senza aver paura di fomentare uno scisma

    --------------
    lo scisma non c'è bisogno di fomentarlo: c'è già, anche se non è dichiarato. O no?

    RispondiElimina
  16. Viator, uno scisma non dichiarato è uno scisma a metà. ovvero tutti fanno gran sorrisi alla faccia del papa e poi di dietro gli fanno i gestacci.
    per quanto riguarda le rotture forti, ragionavo in senso storico. Lefevbre non ha consumato una rottura forte. scisma d'oriente e d'occidente, riforma luterana e concilio di trento lo sono stati.
    Nike

    RispondiElimina
  17. E se guardassimo questi filmati, "pour nous mettre un peu de baume au coeur".

    http://www.unavoce.fr/content/view/480/175/

    Messe grégorienne filmée en la Fête du Sacré-Coeur au Séminaire International Saint Curé d'Ars, à Flavigny, France, en 1999.

    http://video.google.it/videoplay?docid=830868996440594893

    http://video.google.it/videoplay?docid=1872714663680800365

    Messa a S. Nicolas du Chardonnet a Parigi

    RispondiElimina
  18. su via non vi lamentate come al solito ...

    questa è e sara' la chiesa del futuro .....

    vedremo spot pubblicitari .....

    din don dan .!!!!!!! .... per combattere gli stress della chiesa moderna aderite a .........

    in fondo l' origine di tutto cio non e' un particolare del NO che invita a '' personalizzare il rito , o giù di li .!!!!!!!

    RispondiElimina
  19. la MESSA DEL SACRO CUORE a FLAVIGNY


    l' ho già vista ed è bellissima in ogni sua parte , la musica , tutto ..............

    RispondiElimina
  20. La Readazione parla di "purezza del Messale riformato di Paolo VI".

    Sarà ma allora che cosa c`è di oscuro in quel messale per arrivare a quegli abusi, a quegli orrori che ci stringono il cuore?
    Che cosa c`è o non c`è in quel Messale che ha permesso tutte quelle creatività, quelle derive,quegli abusi?
    Perchè, prima del Concilio Vaticano II tutto non sarà stato perfetto, ma scempi come quelli che sono stati tollerati da 40 anni in qua non c`erano, non sarebbero stati tollerati e probabilmente nemmeno sarebbe venuto alla mente delle persone di perpetrarli.
    O mi sbaglio?

    RispondiElimina
  21. domande annose ......

    gli NC , dalla tristezza all' allegria .....

    e GESU' , povero SIGNORE NOSTRO , tutta una piaga , rimasto appeso tre ore , inchiodato ad un palo ...... quello no , questo è allegria per caso .......

    canaglie spudorate , senza faccia e senza vergogna ............

    RispondiElimina
  22. ma infatti una cosa tira l' altra LUISA ....... dove sta poi la purezza del MESSALE di PAOLO VI ???

    anche detta il latino manca , non regge , io la chiamo

    la MESSA DEFICIENTE , proprio perchè manca , dove sta questa purezza !?!?!?

    RispondiElimina
  23. Invece di lamentarci e di recriminare,gioiamo:piu' il tempo passa e piu',con cadenza sempre piu' frequente(legge di Galileo sul piano inclinato),si appalesano -coi fatti,belli limpidi e palesi-l'opera dell'Onnipotente e l'opera della Bestia.Fra breve,prevedo che,anche per i piu' "tignosi", non ci sara' piu' bisogno ne' di ermeneutiche di sorta ne' di siti web ne' di suppliche al Santo Padre.Eugenio

    RispondiElimina
  24. Per incidens.Ho visto cose ben peggiori-di quanto proposto dalla Redazione-all'interno della Curia Generalizia(ovviamente a Roma)di un Ordine un tempo famoso per la sua granitica,paranoica,"feroce" ortodossia....Eugenio

    RispondiElimina
  25. Paradossale, ma le messe hypertechno si estingueranno per mancanza di fedeli e di celebranti (carenza di vocazioni o fughe varie), mentre le messe tradizionali sopravviveranno e cresceranno.
    Evoluzione della Specie(eucaristica)?
    D'altra parte già oggi la "diocesi" lefebvriana forte di miseri seicentomila fedeli, gode di 250 seminaristi. provate a contare se Milano, Torino, Bologna, Firenze, grandi anche più di Econe hanno anche solo un decimo di aspiranti al sacerdozio...
    Nike (a proposito: uomo, nonostante nike in greco sia femminile)

    RispondiElimina
  26. A Nike,uomo.Tutto-lo sfacelo,i crolli,la sorella Morte,lo "sputtanamento" continuo-ha decretato la fine dell'esperienza pentecostale roncalliana.Restano qualche cronovaticanista e qualche fiction tv da lavandaia in quiescenza(tipo quella melensa su Montini andata in onda tempo fa')a tenere in piedi,si fa per dire,il danneggiatissimo pencolante malprogettato baraccone conciliare.Si fa fatica oggi pure a trovare qualche chitarrista disponibile a strimpellare in qualche "messa".E' pure passata la moda di chiamarla "pop"(te lo ricordi?sembra solo ieri).Ti sarai accorto che, da qualche tempo in qua,e' diventato di piu' raro accadimento il continuo autoreferenziarsi del"concilio vaticano secondo":il pudore detta,alfine,i suoi diritti!Gli "irriducibili"(una sorta di R.S.I.versione clericale): i frati ecumenico-sincretisti,qualche monaca ballerina e dei vecchi prelati gia' preda del parkinson.Il "moderno" e' passato di moda pure nel mondo civile,sicuramente piu' intelligente ed intellettualmente "scafato" di quegli arroganti cardinali,poi papi, di matrice rosminiana che credevano di conciliare i propri "malprotesinervi" con concezioni deistiche apprese in logge di piccola provincia,a danno della Sposa di Cristo.Figuriamoci!Poveri sciocchi e illusi! Cercavano un posto nella Storia:e l'avranno,di sicuro!Se domani la gente andasse in chiesa(in Francia e' il 4%:bel successo per Chi in quella Nazione fu Nunzio e preconizzo',poi, la "primavera"...) e ritrovasse la vecchia Messa,sono moralmente certo che la stragrande maggioranza sarebbe o contenta o indifferente ma non contraria.Col comunismo-fenomeno,diciamocelo,piu' serio,molto piu' serio della "bella pensata" di roncalli e montini-non e' avvenuta la stessa cosa?Tutti ne avevano una gran paura:c'era un'autocensura a parlarne anche da parte degli oppositori.Si adombravano scenari da Terza Guerra Mondiale.Improvvisamente e' caduto nel ridicolo(Gorbaciov)poi si e' dissolto nel nulla!E con la dicci',versione repubblican-populistica del rosminianesimo,quinta essenza anch'essa di quanto di piu' corrotto in logica e morale si possa concepire,cosa e' avvenuto?Quel po' che ne avanza,qua e la',serve solo a rammentarne l'avvenuta putrefazione.Vedrai che ogni giorno,ogni ora affrettera' il declino,e la fine, di un'avventura che non ha avuto,mai,alcuna benedizione celeste.Un caro saluto.Eugenio

    RispondiElimina
  27. P.S.Fui ripreso,da un prete conciliare,sulla pronuncia del tuo nome.Dissi niche,fui corretto naich.Sempre in tema,chiesi alle Paoline(San Giovanni,Roma)un libro sulla Neumann(noiman).La suora,di quelle con la bibbia sempre sotto braccio e con i capelli sempre impeccabili come la Ideatrice dei Focolari,mi disse:si scrive neuman,ma si pronuncia niuman.Non c'e' due senza tre:"qui sibi nomen imposuit benedicti".Lo sfascio di nota ANCHE da tutto questo.ECCOME!

    RispondiElimina
  28. Vale ribadire che i vescovi che promuovono e approvano tali abusi sono gli stessi che vietano la Messa antica (con una certa qual diabolica coerenza se non fosse disubbidienza).

    L'aspetto piu' tragico e' che - qualora interrogati da una Istituzione cui si sentissero di dover rispondere - addurrebbero anche le loro argomentazioni.

    "La liturgia deve farsi voce dello Spirito in modo da poter essere capito e celebrato dalla Comunita' in un modo da essa intelligibile e che ripecchi la sua realta' e anche i divertimenti quotidiani, perche' la liturgia e' soprattutto gioia per l'annunzio del Vangelo. La Chiesa non puo' restar chiusa nella sua torre senza dare ascolto ai segni dei tempi presenti nel popolo di Dio, ed in particolare i giovani."
    Non so se sono riuscito a ricreare il giusto spirito ma penso che queste parole vi ricordino altre gia' sentite.

    Se non sbaglio Sacrosantum Concilium 107 stabilisce la revisione dell'anno "liturgico in modo che, conservati o restituiti gli usi e gli ordinamenti tradizionali dei tempi sacri secondo le condizioni del tempo presente, venga mantenuto il loro caratterer generale per alimentare debitamente la pieta' dei fedeli nella celebrazione dei misteri della redenzione cristiana, ma soprattutto nella celebrazione del mistero pasquale'.
    FdS

    FdS

    RispondiElimina
  29. O quando è un cardinale che partecipa, legittimandole, a Messe-spettacolo :

    http://www.youtube.com/watch?v=67Lom28KSlg

    RispondiElimina
  30. E dicendo messa-spettacolo, mi modero, per evitare di essere eccessiva.
    Ê mai possibile che per contentare tutti, per non opporsi a niente e a nessuno, si possa a tal punto ferire la sacra e divina Liturgia?
    E che sia un cardinale a farlo?

    RispondiElimina
  31. Chissà se si può postare sul blog, diviso in puntate magari, il capitolo sulla liturgia dell' ultimo libro di Mons. Gherardini.
    Magari potrei anche offrirmi a copiarlo.

    RispondiElimina
  32. questo e' paganesimo! conosco anch'io preti (progressisti)..e anche arroganti!..che compiono abusi liturgici!...ma dopo aver visto questo video mi sono reso conto che in confronto son rose e fiori...povera liturgia!..e poveri anzi poveracci quei preti,vescovi,suore,fedeli laici e..simpatiche donnine in abiti liturgici che officiano e partecipano simili"riti"che credo non sia esagerato definire blasfemi!!mio DIO come siamo caduti in basso!!..ho visto inoltre nel video numerosi bambini...mi dite voi con quale idea di Messa ma anche di Sacerdozio e di Chiesa Cattolica cresceranno questi sventurati? io sono un insegnante e so benissimo che l'educazione ricevuta da piccoli rimane impressa tutta la vita!..un ultima cosa: probabilmente ne avranno gia visti tanti ma se potete segnalate questo video alla Congregazione del Culto Divino!!

    RispondiElimina
  33. Caro C.C.,

    certo saremmo bel lieti di postarlo (mandacelo per e-mail). Tuttavia, per ragioni di copy-right e anche di leggibilità più agevole da parte dei lettori del blog, sarebbe forse opportuno riportare solo le parti più salienti, segnalando con [..] le parti omesse.

    RispondiElimina
  34. Stefano,
    lei crede che la Congregazione del Culto Divino non sia a conoscenza di tutti questi abusi, che girano da anni sul web?
    Io penso di sì...
    e che possa o voglia intervenire?
    Se così fosse, non saremmo giunti a questo punto, credo!
    Quis custodiet custodes?

    Trasgressione: parola d'ordine che abbiamo ereditato dal mitico '68!
    Essere trasgressivi, come segno di libertà senza confini!

    Ed essendo ormai abituati a tutte le trasgressioni, udite e inaudite, sono in tanti ormai a NON CAPIRE PIU' LA GRAVITA' di ciò che vedono accadere davanti ai loro occhi, ormai assuefatti ad ogni scempio:
    e noi con loro,
    dovendo accettare, volenti o nolenti, di tutto e di più,
    un po' alla volta, anno dopo anno,
    siamo MITRIDATIZZATI!

    RispondiElimina
  35. usque tandem, sono pienamente daccordo con lei!..di buono c'e' che ora detta congregazione e' guidata da un ottimo prefetto come il card. Canizares!..che in materia di liturgia (ma non solo) ha dimostrato di avere le idee ben chiare!..certo, sara'una goccia nell'oceano e poi e' da poco se non erro che lui guida questo importante dicastero ma comunque speriamo sia l'inizio di una nuova era! dopo cio' che ho visto credo comunque che la cosa piu' urgente sia un piu' accurato esame dei candidati all'episcopato...sara' difficile infatti che le cose migliorino o,meglio ancora che cambino, finche' ci saranno vescovi che nelle loro diocesi permettono tutto cio'...per non parlare poi della formazione nei seminari...

    RispondiElimina
  36. Io vorrei conservare un filo di speranza, anche se siamo circondati
    da abusi a raffiche!

    A proposito di trasgressioni e abusi ai quali siamo mitridatizzati...
    provate a guardare un po' l'ultima
    novità inaudita (finora!), riferita il 3 agosto sul blog
    Cathcon :
    "Tabernacolo neocatecumenale "a due livelli:
    In fondo al muro ci sarà un Tabernacolo, progettato in due livelli: uno ha la presenza del Santissimo Sacramento, e l'altro ha la presenza della Sacra Scrittura."

    (tradotto e riportato su
    http://neocatecumenali.blogspot.com/)
    dove, tra l'altro, si mette in rilievo che
    "Questa importanza data alla Parola è tipica del popolo Ebraico ed inoltre l'uso dell'
    adorazione della Parola in luogo di quella del Santissimo, di cui non riconosce la Presenza Reale, è tipica di una certa parte del Protestantesimo."
    ! ! !
    Qualcuno mi dica che non è vero...:
    adorazione della Parola in luogo di quella del Santissimo...!

    Non riesco a credere ai miei occhi...ancora il mio stomaco questa dose di veleno non riesce ad assimilarla,
    (tra poco forse sarò costretta
    ob torto collo ad accettarla come "normale amministrazione" come tanti altri abusi già visti,
    perchè non c'è limite al peggio!
    Domani ancora e poi domani...
    questo e quanto altro dovremo vedere e accettare da un Movimento che si ritiene cattolico, il solito Cammino Neocatecumenale, punta di diamante del modernismo post-conciliare?
    In quale Chiesa stanno accadendo queste cose, veramente quella cattolica, fondata nell'anno 33 da Gesù Cristo in Persona?
    O quale?

    RispondiElimina
  37. Più che a protestantizzarci, i nc intendono trasformarci in una succursale della sinagoga (ma nel NT non si dice sinagoga di satana?). succursale, perché il cosiddetto popolo eletto si ritiene erede di Abramo (poveretti! sapessero che gli ebrei dell'epoca di Gesù sono gli attuali palestinesi... e che loro discendono perlopiù dai turchi Khazari...).
    Nike

    RispondiElimina
  38. @ Giovanna

    La diocesi di Udine il 18 gennaio celebra la festa del "Verbum Domini".
    Si sono ispirati al documento conciliare "Dei Verbum" nel quale è scritto che la Chiesa "venera la Scrittura come fa con il Corpo di Cristo" (DV 21).

    RispondiElimina
  39. A quando la festa della discesa della Torah dal cielo?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.