venerdì 7 agosto 2009

Il vescovo di Copenaghen celebra in forma straordinaria

Dal blog New Liturgical Movement apprendiamo questa bella notizia:



Domenica scorsa 2 agosto, S.E. Rev.ma mons. Czeslaw Kozon, vescovo di Copenhagen, in Danimarca, ha celebrato la Messa secondo l'usus antiquior, nella chiesa del Sacro Cuore a Copenaghen. Come riferisce il Sankt Karl Borromæus Gruppen, l'associazione di laici che promuove la Messa in forma straordinaria a Copenaghen, quando essi hanno avuto difficoltà a trovare un sacerdote che officiasse nei mesi estivi, lo stesso vescovo Kozon si è generosamente offerto per celebrare questa domenica. Allo stesso tempo, non essendo possibile trovare i ministri necessari ad una Messa pontificale, si è scelto di fare una Messa cantata; col tempo si spera di poter celebrare una vera e propria Messa pontificale. In ogni caso, questa è stata presumibilmente la prima celebrazione pubblica della Messa secondo l' usus antiquior da parte di un vescovo dei Paesi nordici dal tempo della riforma liturgica. Ecco il video:



NLM prosegue riportando che, per comprensibili ragioni logistiche, non si è potuto osservare tutto quanto il Messale prevede in presenza di un vescovo, ma ciò non deve certo offuscare la gioia per una tale celebrazione e la gratitudine verso Mons. Kozon.

22 commenti:

  1. ottima notizia!

    domandina un po' interessata: vi sono celebrazioni secondo il VO a Berlino?

    (sarò là fra un mesetto...)

    grazie

    LuigiM

    RispondiElimina
  2. aggiungo un'altra domandina interessata: vi sono celebrazioni secondo l'usus antiquior in quel di Bruxelles? (lavorerò in questa città per qualche annetto...)

    grazie

    Osvaldo.

    RispondiElimina
  3. In entrambi i casi: risposta affermativa (a Berlino ha pure sede un istituto Ecclesia Dei...). Però fate lo sforzo di consultare il sito http://honneurs.free.fr/Wikini/wakka.php?wiki=PagePrincipale
    (ossia la lista più completa ed aggiornata delle celebrazioni a livello mondiale) e di appuntarvi chiese, indirizzi ed orari
    A.C.

    RispondiElimina
  4. Per Luigi che andrà a Berlino.

    Puoi anche consultare: www.institut-philipp-neri.de

    Ci sono arrivato partendo da
    www.unavox.it
    che rimanda a siti internazionali.

    Guido

    RispondiElimina
  5. qualcuno sa se finora un vescovo diocesano italiano ha celebrato la messa VO?
    Nike

    RispondiElimina
  6. A.C. ci ha preceduto.

    Ma in genere, per tutte le ricerche di messe a livello internazionale, consultate WIKKIMISSA, all'indirizzo http://honneurs.free.fr/

    Non a caso abbiamo indicato quel sito nella nostra pagina con l'elenco delle Messe in Italia.

    RispondiElimina
  7. grazie mille a tutti!!

    LuigiM

    RispondiElimina
  8. per Nike:

    in Italia, dall'uscita del mp, la messa in forma straordinaria è stata personalmente celebrata dagli ordinari diocesani di:
    - Trieste
    - Gubbio (ora emerito)
    - Ferrara
    - Albenga-Imperia. Quest'ultimo più volte, anche in forma pontificale.

    RispondiElimina
  9. finalmente un vescovo coraggioso e..gentile!! speriamo che altri suoi confratelli lo imitino!

    RispondiElimina
  10. vorrei segnalare che per conto dell' ENTE QUINTANA nella città di FOLIGNO , nel presentare per la prima volta al mondo culturale la MESSA '' LAUDATO SEMPRE SIA ,, di ETTORE TESORIERI , si è celebrata per la prima volta dal vecchio vescovo della città col '' vecchio rito ,,


    è stata però una cosa penosa , assistito da un solo diacono , con ripetuti sbagli, la comunione data in piedi , sembrava si vergognasse . questa è stata la mia impressione , tantè , che col mio caratterino , volevo dirglielo e farglielo pesare .... ma ho preferito lasciar perdere .

    ho capito invece ben altre cose ...

    vi erano presenti diverse autorita ed il custode del sacro convento ....

    RispondiElimina
  11. tutto questo l' anno scorso ......

    RispondiElimina
  12. Un plauso al vescovo di Copenaghen. C'è una ragione per cui non ha indossato il manipolo?

    Massimo

    RispondiElimina
  13. Errata corrige: grazie a Vittorio mi sono accorto di aver confuso Gubbio con Foligno nel mio precedente messaggio. Si trattava infatti di mons. Arduino Bertoldo, ora emerito, ma ancora in carica quando ha celebrato more antiquo.

    RispondiElimina
  14. A Vittorio. Hai fatto benissimo a tacere. Se c'è una cosa da evitare, è togliere ogni voglia (che già... non sovrabbonda) a chi si cimenta col vecchio rito.

    Meglio parole di incoraggiamento che rampogne e rimproveri per mancanze e abusi. Nessuno nasce imparato, come dicono a Napoli. E anche se l'errore è voluto (perché non vogliono 'spingersi troppo in là') portiamo pazienza: è dura superare (anche e soprattutto nella propria testa) 40 anni di pregiudizi.

    RispondiElimina
  15. ha detto bene la redazione di messa in latino

    40 anni di pregiudizi e ......

    superstizione aggiungo io .....

    RispondiElimina
  16. Da un lato un Vescovo che si presta in prima persona a celebrare Messa Tridentina perche' non si trova un sacerdote disponibile, dall'altro un Vescovo-conte che disobbedisce al Papa, perseguitando i fedeli e sacerdoti, vietando "pericolosissimi" assembramenti... Mons.Mani impari da questo Vescovo e lasci da parte le sue dottrine sessantottine cattocomuniste!!

    RispondiElimina
  17. Ok, mi avete censurato e passi.
    Ma no ditemi che il commento delle 13.56 no esprime un'enfasi rubricista veramente inopportuna ...

    RispondiElimina
  18. Invece mi risulta che a fine 2007 anche mons. Mario Ceccobelli, vescovo di Gubbio dal 2005, abbia celebrato in rito antico, sebbene poi nella sua diocesi sia ancora tutto fermo.
    All'elenco si dovrebbe aggiungere forse anche mons. Giovannetti, vescovo di Fiesole, abituée del rito antico, sempre officiato a Gricigliano, tuttavia.
    A.C.

    RispondiElimina
  19. No Inopportuno, nessuna censura, il tuo commento era andato perso per colpa della riprogrammazione oraria del post.

    Comunque, ecco recuperati dagli archivi gli ipsissima verba di Inopportuno:

    "Quella postilla dimostra quanta mentalità rubricista dimori in voi.
    Benedetti voi, ma "godetevi lo spettacolo" e non guastatelo con sciocche e ossessive rimasticature da Trimeloni e Baldeschi!
    Finchè avrà da durare ..."

    RispondiElimina
  20. e inopportuno

    ha fatto tanto baccano per un commento de genere !!! .....

    da mettere in cornice

    RispondiElimina
  21. inopportuno e' "turbato" dalla bellezza del Rito di S. Pio V.
    E ricorda che ogni piu' piccola prescrizione ha un preciso significato simbolico e dogmatico.


    FdS

    RispondiElimina
  22. Si certo, bisogna essere contenti per un Vescovo che celebra una messa in Rito Romano. Tuttavia penso che se uno deve celebrare una messa, procurarsi un manipolo ( che non è facoltativo nel Rito di sempre)non costi molto.E' possibile che gli organizzatori non abbiano trovato un manipolo, nemmeno vecchio di cent'anni, in tutta Copenaghen???? A tal punto si è ridotta la Chiesa di Copenaghen? Che cosa ci hanno fatto coi manipoli? E non potevano farselo fare da un qualunque sarto? Non credo ci voglia molto per confezionarlo.Il Manipolo è uno dei paramenti sacri prescritti. Non me ne frega niente se sono rubricista. Queste sono regole di base , non stiamo parlando del tricorno o delle scarpe con la fibbia.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.