venerdì 14 agosto 2009

Gli effetti del motu proprio nei paesi germanofoni

Incremento nel numero di SS. Messe in forma straordinaria dal luglio 2007 al dicembre 2008, in Germania, Austria e Svizzera:







Fonte: Cathcon

23 commenti:

  1. Il futuro è della Messa Romana Antica...consolatevi adepti di Bugnini.

    RispondiElimina
  2. Timidi fuochi “risorgimentali” si accendono qua e là nella penisola
    (ma pare solo nel nord-ovest) e in qualche isolata diocesi d’Europa:
    inducono essi a sperare nell’immediato futuro un’espansione decisa del Moto generale
    di risorgimento del Sacro rito VO, nella diffusa consapevolezza della sua urgente rivitalizzazione e che il desiderio espresso dai fedeli incontri favore e non più ostilità dalla maggioranza dei Vescovi ?

    Una notizia letta su papanews.it mi induce purtroppo al pessimismo:

    Motu Proprio ‘Summorum Pontificum’, non convince la prima uscita ufficiale del nuovo Segretario di ‘Ecclesia Dei’: “Sì alla Messa in latino ma compatibilmente con le necessità dei Vescovi”
    (Questa precisazione, a ben vedere, non sarà altro che un avallo
    a qualsiasi pretesto addotto dai Vescovi dietro le così denominate
    “necessità” che ricadono sotto il loro insindacabile giudizio:
    e tutto rimarrà graniticamente immobile, incatenato al potere egemone contrario al VO!)

    Il presule, uomo-chiave del Vaticano nel futuro dei negoziati con i lefebvriani, ha scritto una lettera di chiarificazione sul MP, dove, tra l’altro Mons. Pozzo afferma che
    "Il documento pontificio non prevede alcun permesso speciale del vescovo diocesano affinché un prete possa celebrare la Santa Messa nella forma straordinaria”.
    Ahimè...
    era troppo bello per essere (presto) vero!

    RispondiElimina
  3. D'accordo, Vittorio!
    La sostanza del mio lamento non cambia: da quello che ho letto
    sulla notizia citata, c'è poco
    da sperare che il benedetto "rinascimento" liturgico promosso dal Papa
    fiorisca a breve termine.
    Come interpreta lei la precisazione
    di Mons. Pozzo:
    compatibilmente con le necessità dei Vescovi”?
    Non le sembra un'acquiescenza velata a qualunque loro decisione?

    RispondiElimina
  4. e' una IPOCRISIA dei preti ........

    il solito fare e parlare da camaleonte, che non allaciano piu un dente a nessuno ..... a me meno che mai ...

    bisogna accontentare tutti , se no qualcuno fa i capricci .....
    e staremo a vedere !!!!!
    dopo 40 anni di malaffari nella chiesa posso permettermi di stare in poltrona col sigaro in bocca ad aspettare ,, anche se non fumo .

    lasciamoli agire e guardiamo .
    di piu non possiamo fare ,
    però i punti di riferimento belli solidi , GRAZIE AL BUON DIO , e ad i miei antichi sacerdoti che mi hanno inculcato la VERA FEDE CATTTOLICA , ce li ho ...

    RispondiElimina
  5. Il dietrofront è già in atto. E ormai è chiaro che durante questo pontificato non si caveranno altri ragni dal buco. Le prese di posizione nette e si spera decisive sono lasciate al prossimo. Moh! Preghiamo. Non c'è resta molto altro da fare.

    RispondiElimina
  6. gradirei sapere perche la Redazione ha cancellato la

    mia prima osservazione

    ........ grazie

    RispondiElimina
  7. A Vittorio: per eccesso di maiuscole, di a capo, di toni da invettiva e per riferimenti semipolitici (al Risorgimento) che col post nulla hanno a che fare.

    RispondiElimina
  8. per la redazione

    a dir a verità ho scritto cose peggiori nella sostanza anche se più educate nel' apparenza .

    comunque apprezzo il vostro equilibrio , al contrario

    di me ......

    RispondiElimina
  9. Mah, non vedo come si possa essere così pessimisti, davanti a questi dati... e poi, la Provvidenza ce la siamo scordata ;)?

    RispondiElimina
  10. La Provvidenza lavora. Ma per le sue vie, tra cui magari anche via Bugnini e via Gianpaolo 2.

    RispondiElimina
  11. vedrete che il prossimo papa abrogherà non solo il motu proprio ma metterà fine al cavillo secondo cui il VO non è stato mai abolito.
    E' solo un colpo di coda del tutto normale dopo 40 anni, nulla di più..

    RispondiElimina
  12. Per don Marco.
    Noto con piacere che lei già conosce i "futuri" Piani dello Spirito Santo!
    Beato lei che ha questo dono!
    Comunque, se Dio ci concederà ancora a lungo il dono della vita terrena, staremo a vedere.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  13. Caro "prof" all'università ci dicevano che molti Vescovi tirano fuori lo Spirito Santo quando non sanno che dire, sicuramente non è il suo caso, ma basta leggere un manualetto, dico un manualetto, mica un'opera omnia di storia, per capire che le faccende umane sono decisamente più prevedibili del previsto, e considerato che anche nel 1500 lo spirito santo esisteva, almeno spero, non faccio fatica a ritenere che è il caso di lasciarlo impegnato in questioni decisamente più serie ed affrontare la storia che Dio ci ha consegnato senza sfuggire da essa con scuse di ogni tipo. Sicuramente avrà lo Jedin, bene, vada a guardare come fu accolto il Concilio di trento, e siccome non ardivano invocare lo Spirito Santo, utilizzavano metodi decisamente più persuasivi per imporre gli ordini superiori. :))

    RispondiElimina
  14. Fatima admonuit16 agosto 2009 14:20

    solo un colpo di coda...

    Mi permetto di dire a don Marco
    che sotto una simile frase farebbe bene ad aggiungere
    (come fanno molti e spesso anch'io)
    "Mia opinabile opinione".
    Stando a ciò che disse la Madre di Dio (un po' meglio informata di tutti noi sugli eventi dell'intera storia umana, vero?) si stanno avverando tutti i fatti preannunciati con quelle parole:

    In nessuna parte del mondo vi è ordine e Satana regna nei più alti seggi. Egli riuscirà ad introdursi fino alle sommità della Chiesa...
    .............
    Per la Chiesa verrà il tempo delle grandi prove: Cardinali si scontreranno con Cardinali e vescovi con vescovi, Satana marcerà in mezzo alle loro file e a Roma vi saranno cambiamenti.
    Ciò che è putrido cadrà e non si rialzerà mai più. La Chiesa sarà offuscata ed il mondo avvolto dal terrore
    ...
    ---------
    Staremo a vedere se ciò che "cadrà e non si rialzerà più" saranno Fede, Dottrina e Liturgia durate 1935 anni o quelle "giovanissime", di 41 anni di età...
    (a prima vista sembrerebbe proprio che la Madonna dia ragione a don Marco...e che anche Ella sia catto-progressista, chissà...)
    Certo, chi vivrà vedrà!

    RispondiElimina
  15. Per don Marco
    Caro confratello non condivido affatto la tua sicumera... il tuo prevedere il futuro. A mio modesto avviso l'aver detto che il Vetus Ordo non è stato mai formalmente abolito è un punto di non ritorno. Il Papa benedetto ha infatti definitivamente riconosciuto che il Vetus Ordo non solo non è abolito, ma non può essere abolito perchè il papa non può disporre a piacimento del dato della tradizione come ad esempio nessun papa può permettere l'ordinazione delle donne o dire che la transustanziazione non esiste.
    Perciò anche se tu don marco dovessi diventare Papa e rimangiarti il motu Proprio saresti semplicemente un antipapa e per di più eretico.
    Ti invito caro Don marco a non scherzare con le verità Cattoliche, il purgatorio e l'inferno hanno vari reparti dedicati al clero e ne vedremo delle belle quando saremo lassù.
    un tuo confratello
    don Bernardo

    RispondiElimina
  16. lingua modernese16 agosto 2009 14:41

    via Gianpaolo 2.
    ???

    che cos'è...il nuovo indirizzo
    dove rintracciare la Casa della Provvidenza...
    o un papa "futuribile" uscito da un film di fantascienza?

    RispondiElimina
  17. Per don Marco.
    Siamo due "toscanacci" (per di più io aretino-casentinese) e quindi assai cocciuti e anche un po' fieri e testardi: non sarà facile trovare un accordo formale e sostanziale fra noi sulle questioni che stiamo dibattendo. Non lo dico per vanto, ma sono laureato in lettere classiche e in storia, quindi conosco bene manuali, saggi, etc. etc. (Tuttavia non si può conoscere tutto, quindi i consigli sono comunque sempre graditi).
    Non ho capito il senso del prof virgolettato, se me lo spiega? E :)).
    Grazie e a presto, Don Marco!

    RispondiElimina
  18. Vede, caro don Bernardo,
    a che punto è la superbia del pensiero modernista (mi sembra giusto chiamarla col suo nome),
    disprezzo verso tutto il passato della Chiesa, dall'anno 33 al 1962:
    si taglia corto affermando
    senza mezzi termini che tutta la storia della Chiesa, con il suo Magistero, da S. Pietro al 1965,
    con TUTTI I SUOI SANTI E MARTIRI
    che, formati e nutriti a quella Santa Liturgia bimillenaria, hanno versato il sangue e offerto in mille modi la loro intera vita come sacrificio vivente gradito a Dio, perchè unito alla Croce Redentrice di Nostro Signore, dalla quale
    ricevono ora gloria nella Chiesa Trionfante...
    tutto questa vita sacra del Corpo Mistico di Cristo, in cui noi viventi nella storia attuale siamo la Chiesa Militante, e partecipiamo dei meriti della Passione di Gesù insieme con la Chiesa Purgante, che ne riceve ristoro e avvicinamento alla Gloria divina...
    tutto questo è da spazzare via per sempre, secondo i preti modernisti,
    come ROBA SENZA ALCUN VALORE, ciarpame da rottamare!
    (e il Motu Proprio uno strascico di quei rifiuti!)
    In nome del Concilio, che, secondo loro, avrebbe fondato dunque una
    Chiesa nuova, che Gesù Cristo non poteva prevedere?!

    Veramente si sta facendo buio su tutta la Chiesa: come non credere alle parole della Madonna a Fatima?

    Veramente, di nuovo, il Signore deve oggi ripetere, dentro la Sua Chiesa, anche ai Suoi sacerdoti:
    Ma il figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?

    RispondiElimina
  19. Oh prof, il virgolettto un lo so nemmeno io come l'è finito li dentro.
    Un rispondo a quell'altri perchè l'ho detto una hosa e mi ha fatto parlà la Madonnina d'altro, Un commento l'apparizioni sennò le le taglia la redazione.
    Oh don Bernardo, te tu se sihuro di quel che tu dici?
    Io son sihiro di quel che diho.
    Infine, cosdeste storie su papi e antipapi son di molto cose serie, se un le si hanoscano l'è do molto meglio lasciarle stare.

    RispondiElimina
  20. Caro Areki,a Roma si dice"ma ce fai o ce sei?".Tu sostieni che un papa non puo' disporre a suo piacimento ecc.Cosa mai non stiamo facendo,da 40 anni,per rimediare al fatto che il papa,pur non potendo ecc.,ha fatto?Una volta presi uno scappellotto(avevo otto anni)da mio padre perche' feci cadere a terra una bottiglia d'olio,frantumandola,e dissi "non l'ho fatto apposta!".Pensa che lo sbraco oceanico della Chiesa e' stato fatto apposta,tu sai da Chi.Il "don" che irride alla "madonnina" ne scoprira' le delizie in questa vita e nell'Altra.Un caro saluto da Eugenio

    RispondiElimina
  21. Be' il giorno in cui metteranno la pietra tombale sulla Tradizione cattolica latina, se mai quel giorno arriverà, sarà il giorno in cui cercheremo la più vicina chiesa ortodossa...

    RispondiElimina
  22. E'SCONTATO!Noi siamo cattolici perche' crediamo nel Primato.Se falla questo..........Meglio con gli Archimandriti e le Icone che con i neocat,Chicco e Carmencita.Eugenio

    RispondiElimina
  23. Il problema vero che nessuno affronta è: Il messale confezionato dal Bugnini,noto massone e quindi scomunicato,vedasi la Bolla In eminenti di Clemente XII, è valido?
    Se poi si aggiungono formulazioni errate ed improprie nelle traduzioni come il pro multis...
    Torniamo sempre e solo al Messale Romano quello vero di Pio V!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.