lunedì 22 giugno 2009

Intemerata papale senza precedenti.

Dall'omelia di ieri del Papa a S. Giovanni Rotondo:

“Tutto questo, carissimi, Padre Pio ripropone oggi alla nostra attenzione. I rischi dell’attivismo e della secolarizzazione sono sempre presenti; perciò la mia visita ha anche lo scopo di confermarvi nella fedeltà alla missione ereditata dal vostro amatissimo Padre. Molti di voi [non "noi", né alla terza persona "molti sono": perciò non è genericamente rivolto al popolo ma solo ai religiosi e laici che si occupano dell'assistenza dei pellegrini e malati a S. Giovanni Rotondo], religiosi, religiose e laici, siete talmente presi dalle mille incombenze richieste dal servizio ai pellegrini, oppure ai malati nell’ospedale, da correre il rischio di trascurare la cosa veramente necessaria: ascoltare Cristo per compiere la volontà di Dio.”

Sulla gestione del Santuario di Padre Pio, scrive oggi parole caustiche Francesco Colafemmina su Fides et forma

6 commenti:

  1. Grande Benedetto!
    Dio ti conservi a lungo!

    RispondiElimina
  2. Dio benedica il nostro papa!

    RispondiElimina
  3. Dominus conservet eum, et vivificet eum, et beatum faciat eum in terra, et non tradat eum in animam inimicorum eius.
    Luigi C

    RispondiElimina
  4. Ho seguito tutta la diretta^__^
    direi che ci sarebbe stata bene anche una affermazione del tipo:
    "sapete anche quanto padre Pio ci tenesse alla Santa Messa, e quanto piaceva il suo modo di celebrarla, perchè non lo imitate in quello stile?..."
    ma sarebbe stato chiedere troppo ^__^

    Grazie santo Padre, fra le righe hai detto molte cose che sarà meglio porre nel cuore di san Pio perchè non cadano nel vuoto...

    RispondiElimina
  5. Deo gratias!
    Comunque anche se il "voi" si riferiva chiaramente a S. Giovanni Rotondo, spero che chi ha orecchie per intendere abbia inteso anche altrove.
    FdS

    RispondiElimina
  6. La sorpresa che si leggeva sul volto del Santo Padre quando lo hanno fermato mentre si dirigeva verso l`uscita per mettergli in mano l`aspersorio, era palese.
    I frati e il vescovo hanno mentito durante mesi sapendo di mentire, hanno assicurato che le spoglie di Padre Pio non sarebbero state spostate, mentre mentivano hanno commissionato quella targa che avrebbero fatto benedire dal Papa mettendo così tutti a tacere.
    È una vergogna!
    Per non parlare di quella "chiesa" senza inginocchiatoi, dedicata a Padre Pio e senza possibilità per i fedeli di inginocchiarsi, con un oggetto orrendo, un groviglio di ferro che rifiuto di chiamare croce, il Tabernacolo posto su una stele nera, una vetrata dalla simbolica che vi invito a scoprire sul sito Fides et forma.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.