Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

giovedì 23 aprile 2009

Nominato il nuovo Arcivescovo di St. Louis

Il nuovo Arcivescovo Carlson si reca a salutare i seminaristi di St. Louis

L'Arcidiocesi di Saint Louis, nel profondo Sud degli Stati Uniti, è una delle più antiche (risale al 1826) di quella giovane nazione ed è considerata la "Roma del West", per il suo carattere cattolico e per essere stata la madre di molte diocesi del midwest. E' stata retta fino all'anno scorso dall'Arcivescovo Raymond Burke, ora a Roma come Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica e, come noto ai nostri lettori, grande estimatore del rito tradizionale della Chiesa: ha ordinato in forma straordinaria alcuni frati francescani dell'Immacolata (vedi qui); ha celebrato in quel rito a Palazzo Massimo alle Colonne (v. qui); ed aveva anche accettato l'invito della Latin Mass Society di Inghilterra e Galles a pontificare col Messale di S. Pio V a Westminster, se l'ex Arcivescovo londinese Murphy o'Connor non gliel'avesse impedito (leggi qui).

E' stato finalmente nominato in questi giorni il successore di Burke alla cattedra di St. Louis: si tratta di mons. Robert Carlson, ora vescovo di Saginaw e prima ancora di Sioux Falls.

Il nuovo metropolita di St. Louis appare essere un pastore di grande ortodossia e capacità e, soprattutto, un grande suscitatore di vocazioni (è riuscito a rianimare miracolosamente l'asfittico seminario di Saginaw, sede prima retta da un vescovo progressista). Per quanto concerne le sue idee liturgiche, Messainlatino.it apprende con soddisfazione che egli, nel suo incarico a Sioux Falls, aveva concesso una Messa dell'indulto addirittura nella sua Cattedrale.

Speriamo quindi che il nuovo Arcivescovo sappia eguagliare (e i presupposti sembrano esserci tutti) i successi pastorali del suo predecessore Burke.

2 commenti:

  1. Mi dicono che la nomina sia "autorevole" e me ne compiaccio. Ovviamente poi bisogna prestare attenzione all'opera pastorale.
    Mons. Burke ha lasciato un magnifico ricordo - me lo attestano sacerdoti americani o che svolgono la loro missione in Usa - e mi sembra che stia dando ottima prova della sua dignità, della sua serietà e della sua lealtà in Curia.
    In quella diocesi vi sono sacerdoti dell'Istituto di Cristo Re di Gricigliano a cui Burke ha affidato chiese e fedeli.
    Preghiamo affinché il nuovo arcivescovo continui la buona battaglia del predecessore.

    RispondiElimina
  2. A proposito di nomine oggi finalmente è stato nominato il successore di Nogaro a Caserta.
    Che tipo è il sostituto,mons. Farina?

    Antonio

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione